Appunti di linguistica generale

Appunti di linguistica generale

 

 

Appunti di linguistica generale

Appunti di Linguistica Generale

 

Introduzione

  • Linguistica è giovane (Saussure 1916)
  • Linguistica non è impartita a scuola
  • Linguistica nell’ambito delle discipline umanistiche ha un posto a parte: è tecnica, ma è anche una forma mentis

 

Il corso sarà

 

    • Una lista minimale di nozioni
    • Un inquadramento storico
    • Comparazione di lingue indoeuropee e loro ricostruzione
    • Fonologia e fonetica
    • Morfologia
    • Sintassi
    • Acustica e studio della voce come bene culturale

 

 

 

Nozione di segno

 

      • Intenzionalità
      • Pertinenza e categorialità
      • Tipi di segni

 

        • Indici: motivati per natura e non intenzionali (nuvole nere ®tempo cattivo)
        • Segnali: motivati per natura e intenzionali (vela ®nave)
        • Icone: motivati per natura e intenzionali (cartina geografica)
        • Simboli: motivati per cultura e intenzionali (semaforo)
        • Segni: non motivati e intenzionali

 

Linguaggi e lingua

 

Caratteristiche che differenziano le lingue dagli altri codici comunicativi:

 

  • biplanarità
  • arbitrarietà
  • articolabilità
  • produttività
  • onniformatività
  • linearità
  • discretezza

  • trasponibilità di mezzo

 

Biplanarità

 

Lingua = espressione + contenuto

 

Arbitrarietà

 

Lingua = sistema di segni arbitrario

Es. ted. kalt ‘freddo’ – it. caldo ‘caldo’, freddo ‘freddo’ ted. brot ‘pane’ – it. brodo ‘brodo’, pane ‘pane’

 

 

 

Articolabilità

 

Lingua = sistema di segni articolati

Es. it. casa = cas (abitazione) + a (sing., femm.) bovino + maschile = toro

bovino + femminile = mucca

 

esiste anche un secondo livello di articolazione:

casa = [k + a + s + a]: [a] = vocale, orale, bassa, centrale, non arrotondata, breve,

 

 

 

Produttività

 

A partire da un numero finito di elementi si possono produrre combinazioni (potenzialmente) infinite: cas + in/ett/on/at/acci/upol/ + a

 

 

 

Onniformatività

 

Ogni contenuto (codice) è esprimibile con le lingue, mentre il contrario non è vero

Cf.   anche   plurifunzionalità   (schema   funzioni   di   Jakobson):   cf.   anche       riflessività (metalinguistica)

 

 

 

Linearità

 

Successione temporale/spaziale del significante linguistico

 

 

 

Discretezza


Categorialità e pertinenza del significante e del significato: il significato non varia proporzionalmente al significante, come nei fenomeni critici della fisica.  Es. passo……/…..basso

 

 

 

Trasponibilità di mezzo

 

Es. aria (fonico): parlato Luce (visivo): scritto

 

 

 

Principi di analisi

 

  • Sincronia/diacronia: la conoscenza diacronica facilita l’apprendimento sincronico. Es. 1: la declinazione dei temi in –s in latino (es. mus, muris; genus, generis) diviene più chiara se si spiega la legge fonetica per cui ogni –s intervocalico latino passa in –r- (rotacismo): mur-is e gener-is stanno per *mus-is e *genes-is. Es. 2: la spiegazione dei plurali francesi di tipo: cheval, pl. chevaux si chiarisce in base alla legge fonetica francese per cui /l/+C ® /u/ (es. ALBA > aube; ALTERUM > autre; FALCONEM > faucon): CABALLOS > cabal(l)s > chevals > chevaux (CAPILLOS > cheveux ; BELLOS > beaux ; AVICELLOS > oiseaux).
  • langue/parole o forma/sostanza o sistema/uso o competenza/esecuzione: lingua = codice = sistema di regole per organizzare il significante ed il significato e per associarli.
  • paradigmatico/sintagmatico: es. cas-a, port-a (paradigma); ved-o, ved-ere, ved- iamo (altro paradigma definito anche da diverse regole sintagmatiche). Altro esempio: la sigaretta tolta dal suo pacchetto.
  • livelli di analisi: fonologico, morfologico, sintattico, semantico

 

 

 

Componente fonologico

Fonetica articolatoria

 

Organi articolatori fissi e mobili Classificazione vocoidi Classificazione contoidi Elementi di trascrizione IPA Distribuzione

Commutazione Fono

Fonema Allofono

Tratto (fonetico, distintivo, ridondante) Neutralizzazione e arcifonema


Assimilazione e dissimilazione

Delimitazione sintagmatica dei fonemi (affricate)

 

 

 

Fonetica acustica

 

Suono puro

Suono complesso periodico Rumore

Risuonatori e filtri Armonica Formante Transizioni

Teoria dei loci

Indici acustici della classificazione di vocoidi e contoidi

 

 

 

Componente morfologico

Analisi distribuzionale applicata alla morfologia Prima e seconda articolazione

Morfema

Morfo: esponente del significante

Allomorfo: variante del morfema con diverso morfo o esponente (ven-, venn-, veng-, verr-)   (-

abil-, -ibil-, -ubil-)([-s],[-z],[-Iz])

 

Classificazione funzionale dei morfemi:

 

Lessicale/grammaticale (derivazionali/flessivi): classe aperta/classe chiusa (derivano parole senza modificare il paradigma di appartenenza, agiscono prima e sono più vicini alla radice, non sono obbligatori/derivano parole modificando il paradigma di appartenenza, agiscono dopo, sono obbligatori). Esempi: nella parola sociale: {soci}- è lessicale, -{al}- è derivazionale, -{e} è flessivo. Altri esempi {form}-{os}-{a}, {di}-{fform}-{it}-{à}. Problema:  la classificazione delle “parole funzionali” (es. articoli, preposizioni, pronomi, che formano classi chiuse, ma non servono né a derivare, né a flettere). In questo caso si adotta la classificazione: morfemi liberi/staccati es. {boy}/ -{s}, -{ing}. In questa classificazione le parole funzionali saranno morfemi semiliberi.

 

Classificazione posizionale dei morfemi:

 

morfema lessicale o radice o testa / affissi (prefissi, infissi, suffissi): es. {in}-{util}-{e},

{cambi}-{ament}-{o}

 

Altri casi:

 

morfema sostitutivo: es. all’interno della radice foot[fu:t] “piede”/feet[fi:t] “piedi”


morfema discontinuo: ted. Buch [bux] “libro” / Bucher [byxe{] “libri” morfema o morfo zero: ingl. sheep “pecora”/sheep “pecore”

morfema reduplicativo: es. gr. ant. {pheug}- “fuggire”/ {pe}-{pheuga} “sono fuggito” =

compiutezza

morfema cumulativo: lat. {lup}-{os}: {os}= 2 decl.,+acc.+masch.+plur. morfema amalgamato: es. al = {a} + {il}

 

Esempi di scomposizione morfologica:

 

{nazion}-{al}-{izz}-{abil}-{ità}-{0}: radice+rel.agg. denom.+rel.vb.deagg.+pot.+astr.+num.

 

Prefissoidi e suffissoidi: {socio}-logia/-linguistica è un prefissoide: posizionalmente è un prefisso, ma funzionalmente non è un affisso ma una radice (sta per società). Così pure -{log- (i)-(a)} è un  suffissoide: ha un significato lessicale, ma ha la posizione di un suffisso (cf.  anche termo-{metro}).

 

Suffissi derivazionali: -{zion}- (spedi-zione), -{ment}- (spegni-mento), -{ier}- (barb-iere), -

{a(r)i}-  (not-aionot-aroforn-aio),  -{tor}-  (gioca-tore),  -{ità}-  (abil-ità),  -{abil}- (calcol-

abile), -{os}- (muscol-oso), -{al}- (form-ale), -{an}- (mont-ano), -{evol}- (ag-evole), -{es}- (cont-essa), -{ic}- (bas-ico), -{ist}- (bar-ista), -{izz}- (verbal-izzare), -{mente} (agevol- mente).

 

Suffissi  alterativi  (diminutivi, accrescitivi, peggiorativi): -{in}- (gatt-ino), -{ell}-     (finestr-

ella), -{ucci}- (affar-uccio), -{ett}- (gall-etto), -{ott}- (pennell-otto), -{ol}- (raggi-olo);  -{on}-

(libr-one); -{azz}- (amor-azzo), -{acci}- (amor-accio), -{astr}- (gatt-astro).

 

Prefissi derivazionali: {in}- (il-legale, im-morale), {s}- (s-legare), {dis}- (dis-dire), {ad}- (ad-durre), {con}- (con-durre), {a}- (a-morale), {ri}- (ri-petere), {anti}- (anti-gelo).

 

 

Composti: nazional-socialismo, porta-cenere, apri-porta, lava-vetro, porta-finestra, asciuga- mano, alto-piano, cassa-forte, pasta-asciutta, capo-stazione, pomo-doro. La testa del composto è la parte che subisce la flessione: capi-stazione, ma porte-finestre, casse-forti; quando il composto è costituito da una radice nominale e da una verbale, allora è la parte verbale a essere testa e quindi non si ha flessione nominale: porta-cenere, apri-porta, lava- vetro, ma asciuga-mani; quando il composto è costituito da una radice nominale ed un modificatore, allora la testa è la parte nominale: nazional-socialismi, alto-piani, ma pasta- asciutte; infine, certe parole che sono nate come composti, oggi sono percepite come parole semplici: in questo caso, la flessione si colloca alla fine della parola, come in pomodori, invece della forma pomi-doro.

 

 

 

Esercizio sulla lingua del Bongo-Bongo


Componente sintattico

Definizione di frase: predicazione è obbligatoria, ma cf. frase nominale.

 

Grammaticalità e significatività: la capacità di produrre frasi grammaticali è innata, la significatività no.

 

Struttura profonda (: organizzazione strutturale astratta, langue) e superficiale (parole): una stessa struttura superficiale può essere generata da due diverse strutture profonde: es. i figli e i pazienti del medico; altro es. frase attiva e passiva.

 

Analisi distribuzionale applicata alla sintassi.

 

Analisi in costituenti immediati e commutazione: il cane dorme, mio padre mangia il pane.

 

Sintagma: minima combinazione di parole (almeno una) che ha una funzione nella struttura della frase.

 

Rappresentazioni: caselle, diagrammi ad albero o indicatori sintagmatici (a valore  gerarchico).

 

Testa del sintagma: elemento obbligatorio per costituire la funzione del sintagma.

 

Categorie: F=frase (SV), SN=sintagma nominale(N o Pro), SV=sintagma verbale(V), SPrep=sintagma preposizionale(Prep), Det=determinante (articoli, aggettivi, ecc.), Aus= ausiliare, PP=participio passato.

 

Soggetto grammaticale= SN direttamente dominato da F (= Ø in frasi come Piove), Oggetto grammaticale = SN dominato direttamente da SV.

 

Ruolo della posizione gerarchica: es. SPrep in Mario ha venduto la sua casa in Spagna, oppure

un libro di favole di Marco (by o of ).

 

Principio generale dei modificatori: stanno a destra dell’elemento modificato sotto lo stesso nodo (SN-SV, V-SN, Aus-PP, Art-SN, N-SPrep, N-Agg, ecc.)

 

Funzioni della struttura sintattica: sintattiche, semantiche, comunicative.

 

Funzioni sintattiche: Soggetto, Predicato verbale, Oggetto diretto e indiretto, Circostanziali.

 

La definizione tradizionale è ambigua (es. soggetto è ‘chi fa l’azione’: in piove ?, in frasi passive ?).

 

Verbo = insieme di posizioni sintattiche implicate dalla struttura stessa del verbo (valenze o argomenti): es.correre è monovalente, lodare è bivalente, dare è trivalente. Così il soggetto è il primo argomento di ogni verbo, l’oggetto diretto la seconda, l’oggetto indiretto la terza (compl. termine), i tradizionali complementi sono i circostanziali.


Funzioni (o ruoli) semantiche: Agente, Paziente, Sperimentatore (o Esperiente), Beneficiario, Strumentale, Destinazione, ecc. Es. di Paziente la TV in Mario ha acceso la TV, La TV si è accesa, Il fulmine ha acceso la TV; Mario = Agente, il fulmine = strumentale.

 

Funzioni informative o comunicative: Tema/rema, dato/nuovo, topic/comment. Tema: parte dell’informazione che costituisce il dominio per cui vale la predicazione, si trova nella prima posizione della frase (il gatto insegue il topo); Rema: parte dell’informazione che costituisce la predicazione, ciò che viene detto del tema, si trova alla fine della frase (il gatto insegue il topo). Dato: l’informazione che il parlante giudica recuperabile da parte dell’ascoltatore o contestualmente o per conoscenze condivise (<il gatto insegue il topo>. Un uomo li guarda); Nuovo: l’informazione che il parlante giudica non recuperabile da parte dell’ascoltatore né contestualmente né per conoscenze condivise (<il gatto insegue il topo>. Un uomo li guarda). Topic: il tema che è anche dato; Comment: il rema che è anche nuovo.

 

Alterazioni della struttura informativa: Dislocazioni, Focus, Frasi scisse. Dislocazione a sinistra: inversione della posizione tema/rema (es. la mela l’ha mangiata Gianni [comment]). Focus intonativo: normalmente marca la posizione del rema, però mediante lo strumento della frase scissa può essere spostato in posizione di tema (es. Gianni ha mangiato la   mela

® È Gianni che ha mangiato la mela).

 

Riassunto

 

Gianni corre: Gianni = SN + Soggetto + Agente + Tema

corre  = SV + Pred. Verb. + Azione + Rema

 

 

 

Componente semantico

Distinzioni.

Concezione referenziale: significato = concetto, immagine mentale (triangolo semiotico) Concezione operazionale: significato = regola d’uso dei segni (contesti di impiego) Significato denotativo (significato, bedeutung): E = non è un segno.

Significato connotativo (senso, sinn): E = un segno.

Significato lessicale: insieme di proprietà che costituisce una classe aperta. Significato grammaticale: insieme di proprietà che costituisce una classe chiusa.

Significato estensionale: insieme di individui designati da un certo termine (es. un nome proprio).

Significato intensionale: insieme di proprietà che definiscono una entità linguistica.

Lessema: combinazione di semi

Sema: unità minima di significato

Omonimìa: lessemi con identico significante (grafico o fonico) e significati diversi e non connessi (es. riso, pianta)

Polisemìa: un lessema unico con un solo significante e significati diversi e connessi (es.

corno, testa)

Sinonimìa: lessemi diversi con stesso significato (es. uccidere/ammazzare, ) Iponimìa/Iperonimìa: inclusione semantica (es. gatto/felino, mela/frutto) Antonimìa: lessemi contrari es. alto/basso.


Complementarità: lessemi contraddittori es. maschio/femmina

Inversione: es. comprare/vendere, marito/moglie

Campo semantico: insieme di lessemi coipònimi diretti di uno stesso iperònimo (es. termini culinari, di colore, di parentela)

Famiglia semantica: insieme di lessemi derivati da medesima radice, quindi imparentati nel significante e nel significato (es. socio, socievole, società, consociare, dissociare, associare, sociologia, sociale, ecc.)

 

 

 

Semantica componenziale: semi = tratti binari, tra di loro in rapporti di implicazione.

 

 

 

 

 

/UMANO/

/ADULTO/

/MASCHIO/

“uomo”

+

+

+

“donna”

+

+

-

“bambino”

+

-

+

“bambina”

+

-

-

 

 

 

/+UMANO/ ® /+ANIMALE/ ® /+ANIMATO/ ® (/+ENUMERABILE/ & /+CONCRETO/)

 

 

 

Es. di verbi: partire (X parte da A)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Semantica prototipica: prototipo = modello ideale di una classe relativamente alla valutazione di un certo gruppo culturale e linguistico. Es. il prototipo della classe pesce è il tonno più dello squalo o del polipo. Ma talvolta può essere anche un animale che zoologicamente pesce non è (es. delfino o balena).

 

 

 

Semantica della frase: atti linguistici (dimensione interpersonale del linguaggio):


atti linguistici: enunciati che modificano il sistema di presupposizioni ed il modo di agire degli interlocutori:

atto locutivo: es. mangia la pasta ?

atto allocutivo: intenzione del parlante: es. richiesta o provocazione o minaccia

atto perlocutivo: effetto sul destinatario: es. esecuzione o immobilizzazione o obbedienza

 

Lo strumento sono i verbi performativi (cioè quei verbi che rappresentano un atto allocutivo nel loro stesso contenuto locativo: es. promettere, battezzare, ecc.) e la variazione intonativa.

 

 

 

Tipologia linguistica

Tipologia Morfologica

Lingua   Isolante:  parola  =  morfema  (vietnamita,  cinese,  tailandese,…);    lingua

analitica

Lingua Agglutinante: morfemi hanno un solo contenuto e sono separabili (turco, ungherese, basco, giapponese,..); lingua sintetica

Lingua Flessiva: morfemi hanno più contenuti e non sono separabili (latino, greco, italiano, …); lingua intermedia tra analitica e sintetica

Lingua Polisintetica o incorporante: parola = frase (lingue amerindiane, ..); lingua

sintetica

 

 

 

Tipologia Sintattica

 

Ordine non marcato dei costituenti sintattici:

SOV: turco, giapponese, coreano, …

SVO: lingue romanze, lingue germaniche, lingue slave, …e….Bongo-bongo

VSO: arabo, ebraico, ..

VOS: lingue dell’America Centrale

 

 

 

Parametro dell’ergatività:

 

Lingue ergative (o meglio assolutivo-ergative): il Soggetto sintattico e il ruolo tematico dell’Agente sono dotati di una marca specifica (CASO ERGATIVO) quando coincidono (verbi transitivi), mentre il Soggetto sintattico che non coincide con il ruolo tematico di Agente (verbi intransitivi) è marcato con lo stesso caso dell’Oggetto sintattico (CASO ASSOLUTIVO): basco, lingue caucasiche, lingue polinesiane, ..

 

Es.     “la nave affonda” ® “la nave” è Soggetto e Paziente marcato dal caso assolutivo “il comandante affonda la nave” ® “il comandante” è Soggetto e Agente

marcato dal caso ergativo; “la nave” è Oggetto e Paziente marcato dal caso assolutivo


Lingue nominativo-accusative: il Soggetto sintattico è dotato di un’unica marca casuale (NOMINATIVO) sia che coincida col ruolo di Agente (verbi transitivi), sia che coincida col ruolo di Paziente (verbi intransitivi) e l’Oggetto sintattico è dotato di un’unica marca casuale (ACCUSATIVO): latino, italiano,…

 

Es.     Puer puellamamat Puer currit

 

Parametro della marcatura delle funzioni informative della frase

 

Lingue ‘subject-prominent’: la frase è strutturata in base alla struttura sintattica (SOV, SVO,..): lingue indoeuropee

Lingue ‘topic-prominent’: la frase è strutturata isolando il topic in posizione iniziale, come accade solo di rado in italiano (quanto al gatto, il topo l’ha fatto fesso): cinese Lingue ‘subject-topic-prominent’: la frase è strutturata sia in base alla distinzione Soggetto-Oggetto, sia in base a quella Topic-Comment: dipende dal sistema di particelle posposte adottato (ga per il nominativo, o per l’accusativo, ni locativo, ecc.; oppure wa per il topic): giapponese

 

 

 

Storia della linguistica

Grammatici Indiani

 

PANINI:         - per la fonetica: classificazione articolatoria dei suoni

- per la morfologia: distinzione tra radicale e suffisso

 

Mondo greco

 

PLATONE: Cratilo: analizza il rapporto tra le cose e le parole: νόµω  (norma umana)/ φύσει

(natura).

I due protagonisti sono Cratilo, Ermogene e Socrate. Ermogene sostiene che i nomi rappresentano l’oggetto solo per convenzione umana; Cratilo, invece, seguace di Eraclito, sostiene che vi sia una rispondenza tra nome e cosa; Socrate critica sia l’uno che l’altro: il linguaggio è convenzione ma non è arbitrio. Questo dialogo è spesso citato come testo di riferimento della teoria del simbolismo fonetico: Cratilo afferma per esempio che i esprime  cose piccole e sottili.

 

 

 

ARISTOTELE: la lingua è φωνή (suono articolato), ma il suo contenuto non appartiene a questa φωνή, bensì al λόγος, al pensiero. Quest’ultimo è φύσει. Per cui i segni sono arbitrari, la lingua è strumento del pensiero, la linguistica è branca della logica.

Così ad Aristotele risale la concezione dell’ Ô noma come SOGGETTO e del ·Áma come PREDICATO, mentre le altre parti del discorso sono σύνδεσµοι, cioè elementi di collegamento senza valore logico.


STOICI: all’opposizione φύσις VS. νόµος sostituiscono quella tra φύσις e θέσις, cioè tra ‘natura’ e ‘arbitrio soggettivo’. Su questa opposizione si impernia quella tra analogia (¢nalog… a) e anomalia (¢nomal… a), tra regola e eccezione. Gli stoici sono i creatori della terminologia grammaticale tradizionale: Aristarco di Samotracia (II sec. a.C.): otto parti del discorso; Dionisio Trace (II sec. a.C.): fondatore della morfologia; Apollonio Discolo (II sec. a.C.): creatore della sintassi.

 

 

 

GRAMMATICI LATINI: imitano i modelli greci e spesso errano nelle traduzioni. Es. la traduzione  dei nomi dei casi grammaticali (πτώσεις ® CASUS da CADO, calco su πτώσις da πίπτω): il secondo caso greco che Dionisio Trace denomina γενική, κτητική, πατρική, diventa in latino il PATRICUS CASUS (Varrone) o il GENETIVUS (Diomede, Prisciano). La traduzione latina interpreta il greco γένος (da cui γενική) nella sua accezione di ‘POSSESSIVUS ET PATERNUS’ (Prisciano) e non in quella di “specie, genere”. Un altro esempio è il quarto caso greco denominato a„tiatik» da Dionisio Trace: in latino è tradotto ACCUSATIVUS (Varrone), come se derivasse da a„tiaomai ‘accusare’ e non da kat'a„t… an.

 

 

Medioevo: DANTE De Vulgari Eloquentia, inizio XIV sec. scopre affinità tra italiano, francese, provenzale, catalano. Introduce il criterio della classificazione genealogica. Idioma tripharium: oc, oil, si.

 

 

 

Umanesimo: primi tentativi di raggruppamento delle lingue europee.

 

 

 

XVI-XVII: scoperta del nuovo mondo ® missionari ® traduzioni di catechismi, preghiere, prediche, vocabolari plurilingui.

 

 

 

‘700-‘800: le origini della linguistica moderna. La conoscenza del Sanscrito in Europa e il movimento della scuola romantica in Germania furono all’origine dello sviluppo della linguistica come scienza autonoma. Sanscrito e Vedico sono due lingue arie indiane della prima metà del II millennio a.C.: il Sanscrito è lingua letteraria (da samskrta- ‘ben fatto’), mentre il Vedico è lingua liturgica, di inni (Rig Veda = Veda dei canti). L’affinità tra Sanscrito, Latino e Greco è scoperta dall’inglese W. JONES, e dall’italiano FILIPPO SASSETTI.

 

I romantici tedeschi tentano lo studio del Sanscrito (FRIEDRICH SCHLEGEL 1808: tenta una classificazione su base morfologica e ne deduce la presenza di una relazione di parentela tra Sanscrito, Persiano, Greco, Latino, Germanico).

 

AUGUST SCHLEICHER (1821-1868): seguace della teoria di Darwin, paragona i concetti di ‘famiglia’, ‘gruppo linguistico’ con le ‘specie’ e le ‘sottospecie’ dei naturalisti. L’evoluzione applicata al campo linguistico conduce a stabilire dei rapporti genetici tra le lingue: alcune


madri, altre figlie. In particolare, il modello di evoluzione di SCHLEICHER è correlato ad un modello di tipologia linguistica (stadio isolante, stadio agglutinante, stadio flessivo).

 

FRANZ BOPP: nel 1816 pubblica il primo saggio di ‘grammatica comparata’ dedicato al confronto delle coniugazioni verbali di Sanscrito, Greco, Latino, Persiano e Gotico. La novità del lavoro consiste nel fatto che la comparazione non è più basata sul lessico, ma sulla grammatica (la flessione verbale). Per BOPP il Sanscrito rappresenta una lingua che presenta forme antiche e conservative, ma NON è la lingua madre.

 

RASMUS KRISTIAN RASK: stabilisce la posizione delle lingue nordiche (specialmente l’Islandese) rispetto a quelle che oggi chiamiamo ‘lingue germaniche’ e che lui chiama ‘gotiche’. Trova assenza di parentela con le lingue celtiche e affinità con le lingue baltiche e slave.

 

JAKOB GRIMM: Deutsche Grammatik 1819. Conia i concetti di Umlaut e Ablaut. Formula la legge della Lautverschiebung o rotazione consonantica germanica (V-II sec. a.C.):

 

  • ie. *p, *t, *k, *kw ® germ. f, q, x/h, xw.

es. ie. *penkwe ‘cinque’ ® lat. quinque, gr. πέντε, got. fimf.

ai. pitár ‘padre’ ® gr. πατήρ, lat. pater, got. fadar, ingl. father, aat. fater, ted. Vater. ai. tráyas ‘tre’ ® gr. τρεĩς, lat. tres, got. þ[q]reis, ingl. three.

gr. ˜ katÒ n ‘cento’, lat. centum, got. hund, ted. hundert, ingl. hundred.

 

 

 

  • ie. *b, *d, *g, *gw ® germ. p, t, k, kw.

es. ie. *dekm8 ‘dieci’ ® lat. decem, gr. dέκα, got. taihun, ingl. ten, ted. zehn (ts < t). gr. δείκνυµι ‘dico’, lat. d"#co, ted. mod. zeihen‘accusare’ (z < t).

ie. *dheub- ‘fondo’® ingl. deep, ted. tief (f < p per la 2^ rotazione).

 

 

 

  • ie. *bh, *dh, *gh, *ghw ® germ. b, d, g, gw.

es. ie. *bher- ‘portare’ ® lat. fero, gr. φέρω, got. bairan.

ai. bhra#ta# ‘fratello’ ® gr. φράτωρ, lat. frater, got. broþ[q]ar, ingl. brother, ted. Bruder. gr. θυγάτηρ ‘figlia’, got. daúhtar, ingl. daughter, ted. Tochter (t < d).

ie. *ghostis ‘straniero’, lat. hostis, got. gasts, ted. Gast.

 

 

 

Seconda rotazione. Si aggiunge poi e differenzia l’Alto Tedesco (meridionale) dal Basso Tedesco:

 

  • germ. p, t, k ® pf, ts <z>, h <ch> / #_ oppure C_ got. taíhun ‘dieci’, ingl. ten, ma ted. zehn.

ingl. pipe, ted. Pfeife ‘fischio’ o ‘pipa’.


  • germ. p, t, k ® ff, zz (> ss), hh <ch> / V_V

got. itan ‘mangiare’, ingl. eat, ma aat. ezzen, ted. mod. essen. ingl. street, ted. Straße.

 

 

 

I NEOGRAMMATICI: indirizzo affermatosi alla fine dell’800 presso l’Università di Lipsia (HERMANN PAUL). Si tratta di una scuola che attribuisce alle cosiddette ‘leggi fonetiche’ un valore meccanico e assoluto. Le eccezioni sono spiegate non come un problema da risolvere, ma come l’effetto della SOGGETTIVITÀ: il parlante le produrrebbe per ANALOGIA (contrario di ANOMALIA in senso antico, ma produttrice di anomalia in senso moderno). La novità dell’approccio consiste nell’ammissione di un coefficiente psicologico, mentre nella concezione ottocentesca positivistica (e poi strutturalista) il linguaggio è visto come un organismo a sé stante.

Per i neogrammatici l’analogia non è più un errore, un arbitrio, ma un prodotto dello “spirito”, dell’azione psicologica. Così ad es., in italiano abbiamo la regola di dittongazione in sillaba tonica e aperta:

 

Ĕ > ε > jε

 

Ŏ > ç > wç

 

Perciò abbiamo forme rizotoniche con dittongo (siedo, siedi, muoio, muori) e forme rizoatone senza dittongo (sediamo, sedete, moriamo, morite). Però abbiamo dei verbi rizoatoni con dittongo: mietiamo, mietete, suoniamo, suonate. Si possono descrivere come risultati derivati per ANALOGIA con le forme regolari.

Non sempre l’analogia si estende dalle forme “regolari” su quelle “irregolari”. A volte accade il contrario: es. in italiano il dittongo scompare dalle forme rizotoniche per analogia delle rizoatone: es. io nego, tu neghi, ecc. e non *io niego (arcaico).

 

 

Dialettologia, Geografia linguistica, Atlanti

 

PIERRE ROUSSELOT, LOUIS GAUCHAT con studi su uno stesso villaggio dimostrarono la NON UNITARIETÀ del parlato neppure in piccole comunità. Altri studi in ambito germanico riguardarono il fenomeno della 2^ rotazione consonantica germanica: ogni singola parola aveva un trattamento a sé, nessuna isofona era tracciabile.

Atlanti

Si propone un questionario fatto di un certo numero di domande (es. il nome di un oggetto). Ogni risposta al questionario costituisce una carta. JULES GILLIÉRON è l’iniziatore di queste ricerche. Si diffondono anche nozioni nuove: al posto della semplice analogia (dei neogrammatici) la spiegazione del cambiamento linguistico è affidata a OMOFONIA e ETIMOLOGIA POPOLARE. Es. di omofonia:

  • il termine serrà ‘segare’ < SERRARE è diffuso in Francia meridionale e in altre zone francesi periferiche. Invece altrove (zone centrali) si trova résega < RÉSECARE, resegá < RESECÁRE, seitá < SECTARE. Mentre SERRARE si continua come fermer ‘chiudere’. In sostanza si può concludere che la perdita di serrà < SERRARE in Francia centrale è causata dalla omofonia con fermer  < SERRARE.
  • la tendenza all’omofonia con conseguente conflitto e perdita di un termine è accentuata nel caso di monosillabi: in francese antico il conflitto tra i due esiti  omofoni

del latino PECTUS > pis ‘petto’ e PEIUS > pis ‘peggio’ determina la perdita di pis ‘petto’ e  la sua sostituzione con *PECTORINA > poitrine ‘pettorale’.

  • altro esempio è l’omofonia tra BELLUM > bello ‘guerra’ e BELLUS > bello (sostituto di PULCHER) che determina la perdita panromanza di bello ‘guerra’ e la sua sostituzione con gli adattamenti del germanico *werra (cfr. ingl. war): it. guerra, franc. guerre, sp. e port. guerra.

Es. di etimologia popolare:

  • in francese antico sono attestate le continuazioni del latino APIS > ef, APES > es, e. Tuttavia il plurale es, e non si continua in francese moderno perché sostituito da  essaim (corrispondente all’italiano sciame < EXAMEN). La spiegazione di Gilliéron è che si tratta di un caso di etimologia popolare: il termine essaim è stato reinterpretato come collettivo di es < APES.
  • il francese femier ‘letamaio’ < *FIMARIUM diventa fumier per connessione etimologica popolare con fumée ‘fumo’.

 

Altri autori di atlanti sono MATTEO BARTOLI, TERRACINI e BOTTIGLIONI. Proprio a BARTOLI si deve un’ulteriore teorizzazione del ruolo dei fattori geografici nella ricostruzione linguistica. La NEOLINGUISTICA di BARTOLI è una teoria dei rapporti tra aree di irradiazione di innovazioni linguistiche e cronologia tra le fasi linguistiche: 5 norme areali:

  • area più isolata = fase anteriore es. Sardegna: equa (ebba)

Toscana: caballa (cavalla)

  • area laterale = fase anteriore es. Iberia: equa

Dacia: equa

  • area maggiore = fase anteriore es.        Iberia, Gallia, Italia: aperire

Dacia: dicludere

Iberia, Dacia, Italia: caput

Gallia: testa

  • area seriore = fase anteriore es. Iberia: comedere

Italia: manducare Gallia: avunculus Italia: thius

  • forma sopraffatta = fase anteriore es. AUGERE/CRESCERE

EQUUS/CABALLUS JECUR/FICATUM

 

Criteri di classificazione genealogica delle lingue

Affini sono due o più lingue (X) che sono la continuazione di un’altra Y, conosciuta o  postulata. Ciò avviene in due casi:

  • se la lingua X possiede un buon numero di caratteristiche proprie ed esclusive del gruppo Y.
  • se X, insieme a X1, X2, X3, …. possiede una somma di caratteristiche che non si trovano negli altri gruppi, all’infuori di Y.

Gli elementi utili sono non quelli lessicali, ma quelli morfologici e fonologici. Infatti, il lessico è soggetto a mutamenti culturali (es. il lessico dell’inglese è ricco di elementi latini e   neolatini).


In genere, molto conservativi e quindi utili per la comparazione sono i pronomi personali e i numerali.

In genere, ai fini comparativi, gli elementi morfologici più utili sono quelli anomali, piuttosto che i normali. Inoltre, la comparazione deve riguardare non corrispondenze saltuarie, ma un nucleo fonico che, pur sviluppandosi diversamente in ciascuna lingua, presenta una regolarità di sviluppo. Es. it. latte, fr. lait, sp. leche, rum. lapte < lat. LACTEM: se ne deduce che lat. CT  >

it. –tt-, fr. –it-, sp. -t-, rum. –pt-. La conferma è data dai dati: OCTO > it. otto, fr. huit, sp. ocho, rum. opt; NOCTE > it. notte, fr. nuit, sp. noche, rum. noapte; FACTU > it. fatto, fr. fait,  sp. hecho, rum. fapt.

Occorre anche evitare i miraggi comparativi: es. l’ipotesi it. vizio < lat. VITIUM è un errore

perché VITIUM > vezzo: vizio è un termine di tradizione interrotta. Altro es. è l’ipotesi derivativa ted. Garten > fr. jardin e it. giardino, ma poiché GA- latino o germanico rimane intatto in italiano, mentre in francese e in provenzale diventa ja (es. jambe-gamba), allora ted.   Garten

> fr. jardin > it. giardino.

Altri elementi che possono essere comuni a diverse lingue, senza derivare da un’unità storica preesistente sono:

  • le onomatopee: es. cucù, scricchiolare
  • le voci di babytalk: es. mamma, babbo, tata
  • le evoluzioni parallele convergenti:

es. i calchi, sovrapposizioni semantiche di due lingue per cui una parola di una lingua acquista un altro significato per influsso di un’altra lingua nella quale la parola corrispondente ha i due significati: es. finn. Käsittää ‘comprendere’ deriva da Käsi ‘mano’ come calco sullo svedese begripa ‘afferrare (con la mente)’ (cfr. ted. begreifen).

Es. dal greco ‛ύπνος βαθύς ‘sonno profondo’ per calco si generano: lat. somnus profundus, it. sonno profondo, franc. profond sommeil, ted. tiefer Schlaf, ingl. deep sleep, sved. djup sömn.

Es. lat. dominus ‘padrone’ nel lat. ecclesiastico prende il significato di ‘Signore, Dio’ sulla base del greco κύριος ‘Signore, padrone’, ma anche ‘Dio’; anche in greco κύριος nel senso di ‘Dio’ è un’invenzione derivata dalla traduzione e adattamento dell’ebraico יAđônây ‘Dio’ che sostituisce il nome tabù Yaweh.

Es. terminologia scientifica it. cavolfiore ® ted. Blumenkohl; fr. point de vue   ®

it. punto di vista.

 

Fonte: http://www.unitus.it/dedominicis/lezioni/Appunti%20di%20Linguistica%20Generale.pdf

Sito web da visitare: http://www.unitus.it/

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Appunti di linguistica generale

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Appunti di linguistica generale

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Appunti di linguistica generale