Appunti geografia

Appunti geografia

 

 

Appunti geografia

Carta Geografica:   rappresentazione grafica dell’intera superficie terrestre, o di parte di essa, ridotta, approssimata e simbolica.

Classificazione in base alla scala di riduzione

  • Piante/Mappe                             da 1:10  a  1: 10.000
  • Carte Topografiche                    da 1: 10.000  a  100.000
  • Carte Corografiche                     da 1:100.000 a  1:1.000.000
  • Carte Geografiche Generali       da 1.1.000.000  a 1:30.000.000 

 

I planisferi e i mappamondi hanno scale superiori a 1:50.000.000             

Classificazione in base al tipo di proiezione

  • Carte equidistanti:   viene mantenuto inalterato il rapporto tra le lunghezze reali e quelle sulla carta;
  • Carte equivalenti:   viene mantenuta la proporzione tra le aree rappresentate rispetto alle reali;
  • Carte isogone:   vengono mantenuti i rapporti tra gli angoli  reali e quelli sulla carta.

Classificazione in base al contenuto

  • Carte generali:  sono le carte fisiche e politiche;
  • Carte speciali:   realizzate per uno scopo preciso (nautiche, aeronautiche);
  • Carte tematiche:  realizzare per mostrare distribuzione di fenomeni.

Indicatori Demografici
Usati per studiare la popolazione

  • Distribuzione della popolazione o densità di popolazione: è il numero di abitanti per km2 di territorio;
  • Saldo naturale: rappresenta il numero degli abitanti di un territorio, in valore assoluto, e si ottiene facendo la somma algebrica tra il numero dei nati e il numero dei morti nel territorio considerato nell’anno di riferimento;
  • Saldo migratorio: rappresenta, in valore assoluto, la somma algebrica tra il numero degli immigrati e il numero degli emigrati nel territorio considerato nell’anno di riferimento;
  • Saldo demografico: rappresenta la variazione della popolazione di un territorio e si ottiene dalla somma algebrica tra saldo naturale e saldo migratorio;
  • Tasso di natalità: rappresenta il numero di nati ogni cento abitanti in un anno;
  • Tasso di mortalità: rappresenta il numero di morti ogni cento abitanti in un anno;

Nota bene
Per trovare gli ultimi due tassi basta dividere il numero di nati (o di morti) nell’anno considerato per il totale della popolazione dello stesso anno).

  • Composizione della popolazione per genere ed età (piramide delle età): Per capire come si distribuisce la popolazione per fasce di età;

 

  • Ritmo di crescita della popolazione: Tasso di natalità – tasso mortalità (sono percentuali quindi otterrò un risultato che è la differenza tra percentuali; es. 3% indica una popolazione in forte crescita = paese povero dove il tasso di natalità è elevato);
  • Tasso di fecondità: Rappresenta il numero medio di figli partoriti da ogni donna in età feconda (15-5 anni). Se il tasso è:

>2  incremento demografico;
= 2  popolazione stabile, crescita zero;
< 2  calo demografico.

  • Mortalità infantile: neonati nati vivi e morti entro il primo anno di vita (si ottiene dividendo il numero dei bambini morti entro il primo anno di vita con il numero dei bambini nati vivi nello stesso anno e moltiplicando il risultato per mille);
  • Speranza di vita alla nascita: numero medio di anni che un neonato può aspettarsi di vivere alla nascita.
  • Incremento naturale: rapporto tra la differenza fra le nascite e le morti in un determinato periodo e la popolazione media del periodo stesso, generalmente moltiplicato per 100 o per 1000.

i.n.: saldo naturale/popolazione * 100 (o 1000)

Indicatori economici
Forniscono informazioni sullo sviluppo raggiunto

  • Tasso di incremento annuo del PIL: differenza tra PIL di un anno e PIL dell’anno precedente (tasso = %);
  • PIL pro capite: PIL diviso il numero di abitanti di uno stato (quanto dovrebbe essere il reddito di ogni cittadino se il PIL fosse diviso in modo uguale tra tutta la popolazione);
  • PIL pro capite a PPA: PIL pro capite a parità di potere di acquisto (ciò che effettivamente posso acquistare nel mio paese con il mio reddito);
  • Tasso di occupazione: rapporto tra gli occupati e la popolazione di riferimento;
  • Tasso di disoccupazione: rapporto tra le persone in cerca di lavoro e la forza lavoro;
  • Forza lavoro: persone occupate e quelle in cerca di occupazione;
  • Popolazione attiva: insieme delle persone tra i 15 e i 65 anni che risultano occupate, disoccupate, momentaneamente impedite o alla ricerca di una prima occupazione (gli studenti, sebbene compresi nella fascia di età, non vengono considerati).

 

ISU

Introdotto dall’ONU, l’Indice di Sviluppo Umano è l’indicatore migliore per valutare lo sviluppo socio-economico di un paese.

E’ composto da quattro indicatori:

  • PIL pro capite a PPA;
  • Speranza di vita alla nascita;
  • Livello di istruzione;
  • Livello di alfabetizzazione.

Il massimo valore per l’ISU è 1; un paese con elevata qualità della vita ha generalmente valori superi a 0,9.

 

Fonte: http://www.istitutoboselli.it/programmazione/Programma%20svolto/Programma%20svolto%202014%20-%202015/Geografia/Appunti%20Piccolo%20sospesi%20Geografia/Basi_Geo1.docx

Sito web da visitare: http://www.istitutoboselli.it/

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Appunti geografia

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Appunti geografia

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Appunti geografia