Appunti sulla clonazione

Appunti sulla clonazione

 

 

Appunti sulla clonazione

Appunti sulla clonazione
Il termine clonazione ha assunto, nel pensiero e nella prassi sperimentale, diversi significati che suppongono, a loro volta, procedimenti diversi dal punto di vista tecnico nonché finalità differenti.
Il temine di per sé significa riproduzione di una entità biologica identica geneticamente a quella originante. Il termine greco klón fa pensare al ramoscello di una pianta che inserito nel terreno adatto può riprodurre la pianta da cui è stato tratto.
1) Dal punto di vista delle modalità tecniche di realizzazione
Si registra l'impiego del termine per indicare:
a) la riproduzione di una linea cellulare a partire da una singola cellula: le cellule originate sono istologicamente identiche a quelle originanti. Ugualmente si parla di clonazione per la riproduzione di frammenti di DNA a partire da un singolo frammento di DNA;
b) la riproduzione di embrioni per disaggregazione o suddivisione di un embrione (Embryo - splitting = scissione embrionale) nelle prime fasi di sviluppo, quando le cellule sono totipotenti o pluripotenti, in grado cioè di generare un intero organismo. Gli embrioni ottenuti vengono, poi, trasferiti in utero;
c) la riproduzione di individui geneticamente identici mediante il (trasferimento del nucleo clonazione con nucleo-transfer) di una cellula somatica di embrioni, feti o di individuo adulto in un oocita denucleato. Gli embrioni ottenuti vengono, poi, trasferiti in utero. L'operazione può essere ripetuta con più nuclei prelevati dalle cellule somatiche dello stesso individuo e inseriti in ovuli denucleati;
d) il trasferimento del nucleo di un oocita nel citoplasma di un secondo oocita denucleato, come forma di "prevenzione" delle malattie mitocondriali: non si tratta, però, di clonazione in senso stretto. L'oocita modificato viene, poi, fecondato in vitro e trasferito in utero.
2) Dal punto di vista delle finalità
Sono state evidenziate in letteratura le seguenti finalità:
a) La finalità "riproduttiva": per ottenere individui con patrimonio genetico identico a quello del donatore del nucleo;
b) La finalità "terapeutica": per ottenere, con la clonazione mediante nucleo- transfer o con il trasferimento di nucleo da un oocita ad un altro oocita e successiva fecondazione, un embrione immune da malattie mitocondriali o da cromosomopatie;
c) La finalità "produttiva": per ottenere organi, tessuti e linee cellulari prescelte. Il prodotto della clonazione sarebbe sempre un organismo- individuo (con o senza encefalo), ottenuto con la clonazione con nucleo-transfer e in possesso del patrimonio genetico prescelto: da questo organismo - individuo si pensa di poter poi ottenere organi, tessuti o linee cellulari della qualità genetica richiesta;
d) una finalità "sperimentale": per lasciare semplicemente aperta alla ricerca la possibilità di fare.
3) Dal punto di vista etico
Mentre tutti gli organismi internazionali (Consiglio d'Europa, Parlamento Europeo, OMS, UNESCO), che si sono pronunciati in materia, sono d'accordo nel respingere come illecita la clonazione con nucleo-transfer quando è realizzata ai fini riproduttivi, non c'è unanimità e soprattutto non c'è chiarezza per quanto riguarda le altre tecniche e le altre finalità.
In rapporto alla dignità della persona umana è, invece, da ritenere illecito ogni tipo di clonazione che implichi la creazione o la scissione di embrioni, qualunque siano le tecniche adottate o le finalità perseguite, non essendo lecito fare male neppure per ricavare un bene.
La illiceità della clonazione deriva dal rapporto di dominazione che si realizza sulla corporeità del soggetto clonato, dall' assenza dell'atto personale di amore procreativo, trattandosi di riproduzione asessuale e agamica, dalla offesa in definitiva del disegno del Creatore.
Soltanto la riproduzione di cellule a partire da cellule prelevate e separate, senza danno, da un individuo umano (procreato naturalmente e non clonato appositamente per fornire linee cellulari ) è da ritenersi lecita, così come la riproduzione di frammenti di DNA per ottenere i quali non é prevista né come premessa e né come fine la clonazione di un individuo umano.

 

Fonte: http://www.centrolapira.it/Portals/0/Promozione%20e%20azione%20sociale/Etica/Appunti%20sulla%20clonazione.doc

Sito web da visitare: http://www.centrolapira.it/

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Appunti sulla clonazione

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Appunti sulla clonazione

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Appunti sulla clonazione