Appunti sulla decolonizzazione

Appunti sulla decolonizzazione

 

 

Appunti sulla decolonizzazione

 

LA DECOLONIZZAZIONE.  IL TERZO MONDO E I SUOI PROBLEMI.
Una conseguenza enorme della seconda g. mond. è consistita nell’indebolimento delle vecchie potenze coloniali (Inghilterra e Francia in primo luogo), ormai incapaci di amministrare i loro imperi coloniali, e nel successivo processo di decolonizzazione che ha sconvolto il panorama politico di Asia e Africa. La decolonizzazione ha visto sorgere dozzine di nuovi Stati sulle ceneri dei vecchi imperi coloniali, ed è stata un processo tormentato, a volte violento. Le vicende della dec. si sono poi intrecciate con quelle della Guerra Fredda: molti paesi di recente indipendenza politica sono stati influenzato dalle due superpotenze, dando luogo a regimi filosovietici o a dittature filooccidentali.
In generale, come ricorda Sergio Romano (50 ANNI DI STORIA MONDIALE, 1995), i leader della decolonizzazione  erano stati educati in Europa e importarono nelle loro patrie due modelli ideologici: il nazionalismo laico e modernizzatore, volto a riprodurre i modelli economici e sociali occidentali (il nazionalismo laico fu il modello di Nasser e Sadat in Egitto; di Nehru in India; di Sukarno in Indonesia) ; il comunismo (il modello comunista fu di Ho-Chi-Min  in Vietnam e di Mao in Cina. Sul piano ideologico ricordo che la rivoluzione russa del 1917 aveva contribuito alla nascita di movimenti anti-colonialisti – per Lenin l’imperialismo non era che l’ultima espressione del sistema capitalistico, e andava in ogni modo combattuto in nome dell’internazionalismo comunista).
E’ accaduto anche che durante la Guerra Fredda il nazionalismo si colorasse di rosso (è il caso di Nasser in Egitto e di Gheddafi in Libia, che ad un certo punto, per ragioni di convenienza politica assunsero atteggiamenti filosovietici).
Infine, come ricorda Hobsbawm, solo molto più tardi, a partire dalla rivoluzione in Iran degli ayatollah (capi religiosi) guidati da Khomeini, si è andato affermando un terzo modello: il fondamentalismo islamico, teocratico, anti-modernista, anti-occidentale, contrario a ogni forma di laicismo, sia quello liberal-capitalista sia quello ateo e comunista.

  I primi passi sulla decolonizzazione furono compiuti dall’Inghilterra, che già tra le due guerre aveva riconosciuto l’indipendenza dell’Egitto e dell’Arabia, e nel 1931 aveva trasformato l’Impero in Commonwealth (‘Il bene comune’) una sorta di libera federazione in cui si riunirono i dominions bianchi (Canada, Australia, Nuova Zelanda etc.) legati all’Inghilterra solo dal vincolo di fedeltà alla corona ma dotati di amplissimo autogoverno.
Dopo la 2° g. mond. gli Usa esortarono le potenze occidentali a procedere rapidamente sulla strada della decolonizzazione, per prevenire l’avanzata dell’Urss, che si atteggiava a paladina dei popoli oppressi. Ai vincoli di subordinazione politica era preferibile –insegnavano gli americani- sostituire ‘rapporti economici preferenziali’, cioè il colonialismo indiretto, economico, basato sul sostegno a governi locali amici in cambio di diritti di sfruttamento economico di materie prime etc.

In generale infine si può dire che le resistenze europee alla decolonizzazione furono più forti dove maggiore era il numero dei coloni bianchi, come in Algeria (1 milione di francesi) o in Kenya (moltissimi inglesi proprietari di piantagioni di caffè). Qui la decolonizzazione fu violenta, e si ebbero vere e proprie guerre tra coloni e popolazioni indigene.

Ricordo poi che a mano a mano che nascevano nuovi Stati indipendenti, emergeva anche l’esigenza della cooperazione tra i nuovi paesi e il bisogno di sostituire alla contrapposizione tra Est (comunista) e Ovest (capitalista) la logica della contrapposizione tra Nord del pianeta (i paesi ricchi) e Sud (i paesi poveri, appena decolonizzati).  Nel 1955, alla Conferenza di Bandung (Indonesia) il presidente Sukarno propose la politica del non allineamento (=cioè della neutralità tra Est e Ovest, del non schierarsi né per i sovietici né per gli statunitensi, ricercando invece una autonoma via di sviluppo). Ma la politica del non allineamento si rivelò ben presto ambigua e precaria, dal momento che vi aderirono anche Stati come la Jugoslavia di Tito, la Cina di Mao e la Cuba di Fidel Castro, paesi comunisti –anche se i primi due avevano rotto con Mosca. La politica del non-allineamento non ha impedito ai paesi membri di seguire indirizzi filosovietici o filooccidentali, nonostante il ‘neutralismo’ di facciata.

Ben presto i paesi di nuova indipendenza  e non-allineati furono chiamati TERZO MONDO (il primo essendo quello capitalista, il secondo quello ‘comunista’), ma in un secondo momento il termine è stato usato per indicare tutte quelle aree del mondo (compresa l’America Latina) caratterizzate dal sottosviluppo economico e dalla fame.
Caratteristiche del sottosviluppo sono: l’altissima natalità (eccesso demografico) e la bassa durata della vita media;
l’economia caratterizzata da una agricoltura primitiva o dal sistema della monocoltura (piantagioni di cotone, cacao, caffè, canna da zucchero) tutta rivolta alla esportazione dei prodotti nei paesi ricchi; l’attività estrattiva (rame, petrolio etc.) anch’essa volta non alla lavorazione delle materie prime in loco ma alla loro esportazione; sistemi politici caratterizzati da prevalenza di governi autoritari spesso basati su colpi di Stato e finanziamenti da parte delle grandi potenze economiche estere (è il neo-colonialismo, il colonialismo economico).
Tuttavia negli anni 70/80 sono aumentate le differenze all’interno del Terzo Mondo, tanto che il concetto pare non essere più applicabile con precisione.
Infatti alcuni paesi si sono enormemente arricchiti con la produzione ed esportazione di petrolio (Kuwait, Libia, Iraq), anche se non sempre al benessere delle classi dirigenti ha fatto riscontro il benessere della popolazione. Spesso i denari sono stati investiti nell’acquisto di armi.
Una seconda fascia di paesi presentano larghe zone di miseria e sottosviluppo accanto alla crescita di un forte sistema industriale (Messico, Brasile, India). Sono i cosiddetti paesi in via di sviluppo. In questi Stati a partire dagli anni 70 e fino a oggi sono aumentati gli investimenti delle multinazionali occidentali, che hanno costruito fabbriche e trovato manodopera a basso costo e pressioni fiscali minime (rispetto a quelle degli Stati di provenienza).
Altri paesi si sono pienamente industrializzati e fanno ora concorrenza all’Occidente: Taiwan, Singapore, Corea del Sud… Le cosiddette ‘tigri asiatiche’.
Invece per altri paesi (Cambogia, Sudan, gran parte dell’Africa Centrale, è la fame più terribile, unita a malattie (l’AIDS li sta falcidiando), sovrappopolazione e guerre tribali (vedi Ruanda e Burundi negli anni 90).  Sono questi i paesi del terribile Quarto Mondo, come ormai si dice.

ALCUNI CASI DI DECOLONIZZAZIONE IN ASIA.
L’INDIA. L’indipendenza dall’Inghilterra fu ottenuta nel 1947, grazie all’opera del partito del Congresso (che ha dominato la vita politica dell’India fino a oggi9 e in particolare alla figura di Gandhi, il Mahatma (=la grande anima).
Gandhi, più volte arrestato, animò la lotta per l’indipendenza indiana predicando la non-violenza, la non-cooperazione con gli inglesi (boicottaggio delle merci inglesi, in particolare dei prodotti tessili) e la disobbedienza civile, praticando il digiuno come forma di protesta. Nel contempo Gandhi (uno dei più grandi uomini di ogni tempo, a mio parere) lottò per eliminare il sistema di casta che esisteva in India, e manifestò a favore dei paria (=gli intoccabili), i ceti più umili della società indù. Ma la società indiana era minata da gravissimi contrasti religiosi tra indù e musulmani, e quando l’India ottenne l’indipendenza, i due gruppi cominciarono a massacrarsi. Gandhi non fu in grado di placare la violenza, nonostante i digiuni. Sorsero allora due Stati: l’India e il Pakistan (a maggioranza musulmana, formato da due zone non contigue, a est e a ovest dell’India. Tra India e Pakistan sorsero subito conflitti. Gandhi, che vi si opponeva e cercava la conciliazione tra musulmani e indù, fu ammazzato nel 1948 da un fanatico indù.   I successori di Gandhi, Nehru e la figlia di quest’ultimo, Indira Gandhi, cercarono di promuovere lo sviluppo agricolo e industriale, ma l’enorme aumento demografico e le divisioni etniche all’interno dell’India rimangono problemi irrisolti. Indira si è avvicinata all’Urss per avere sostegno nella guerra per il controllo del Pakistan Orientale nel 1971. Alla fine della guerra il P. Orientale è stato trasformato in uno Stato indipendente col nome di Bangladesh (un luogo di fame e miseria indicibile). Le tensioni tra India e Pakistan continuano. Entrambi i paesi hanno ormai la bomba a tomica e continuano a fare minacciosi esperimenti nucleari. E’ una delle zone a maggior rischio nel mondo di oggi.

LA GUERRA DEL VIETNAM.
La Francia controllava l’Indocina (Laos, Cambogia, Vietnam) ma, finita la 2° g. m., i francesi dovettero fare i conti con il movimento indipendentista vietnamita guidato dal comunista Ho-Chi-Min. I francesi combatterono dal 1946 al 1954 per difendere i capitali che avevano investito nelle piantagioni di caucciù, finché i comunisti di Ho-Chi-Min vinsero la battaglia decisiva di Dien-Bien-Phu. Nel 1954 Laos, Cambogia e Vietnam divennero indipendenti. Il Vietnam fu diviso in due repubbliche lungo il 17° parallelo: Vietnam del Nord, comunista, con sede ad Hanoi; Vietnam del Sud, guidato da una feroce dittatura cattolica (i vietnamiti erano in maggioranza buddisti) e filo-occidentale, con capitale a Saigon. Gli usa subentrarono ai francesi sconfitti, e iniziarono a sostenere economicamente e politicamente il Vietnam del Sud, per fermare l’avanzata del comunismo. Ma contro il governo di Saigon ben presto si organizzò il movimento dei Vietcong, partigiani comunisti del sud, appoggiati dal Vietnam del Nord. Sotto Kennedy gli Usa si limitarono a inviare migliaia di ‘consiglieri’ militari, poi –morto Kennedy- il nuovo presidente Johnson trasformò l’appoggio esterno Usa in un intervento diretto: arrivarono 500.000 soldati americani, e iniziò la Guerra del Vietnam (1964-1975). Gli usa bombardarono pesantemente il Vietnam del Nord, ma vietcong e soldati regolari nord-vietnamiti non si piegarono, anzi, sostenuti dagli aiuti militari cinesi e russi, reagirono con una serie di offensive (l’offensiva del Tet, il capodanno lunare, nel 1968, portò le forze comuniste fin dentro Saigon: allora si vide la morte in diretta televisiva).
Fortunatamente né l’Urss né la Cina intervennero direttamente nel conflitto, che fu un episodio tragico della Guerra Fredda. I comunisti rispondevano ai bombardamenti americani con una efficace guerriglia nelle giungle. Negli Usa, per la prima volta nella storia, le immagini del conflitto arrivavano ogni sera in tv nei salotti delle case.
Fu una guerra terribile, che alimentò ben presto un senso di disagio in molti americani, soprattutto giovani studenti e madri, che cominciarono a protestare contro la guerra che il loro ‘democratico’ governo conduceva contro un popolo che lottava per la sua libertà. La protesta crebbe sempre e sempre di più, e il presidente Nixon  -visto anche che l’esercito Usa non era in grado di piegare la resistenza comunista e che la guerra cominciava a pesare enormemente sul bilancio nazionale, decise di cominciare a trattare con gli avversari. Nel 1973 si arrivò all’accordo di Parigi: gli Usa ritiravano le loro truppe abbandonando il governo di Saigon a sé stesso. Nel 1975, inevitabilmente, le forze comuniste entrarono a Saigon. Giap, il generale che aveva guidato le truppe nord-vietnamite,  aveva vinto!. Il Vietnam fu riunificato sotto la guida dei comunisti.
Era la prima sconfitta militare americana della storia. Per gli Usa fu uno shock tremendo.
La fine della guerra del Vietnam non significò la pace per la tormentata regione indocinese. I comunisti vietnamiti procedettero con brutalità ad espropriare e collettivizzare le proprietà, e provocarono un massiccio esodo: decine di migliaia di persone fuggirono dal sud su barconi che spesso affondarono (fu il fenomeno tragico dei ‘boat-people’).
Ancor peggio (molto peggio!) andò in Cambogia, dove tra il 1976 e il 1979 la dittatura di Pol-Pot, il capo dei KHMER ROSSI (=guerriglieri comunisti) si tradusse in uno spaventoso genocidio. Pol-Pot, uno dei massimi criminali della storia, impose la dittatura dell’Angkar (=Organizzazione comunista) e liquidò 2 milioni di cambogiani (sui 6/7 milioni di abitanti). Massacrò il suo stesso popolo (per questo si è coniato un nuovo termine: endocidio, cioè un genocidio all’interno del proprio popolo), tutta quella fascia sociale che riteneva ormai contaminata dalla mentalità capitalista e definitivamente corrotta e irrecuperabile. Le città vennero letteralmente svuotate, e la popolazione trasferita in campagna a lavorare i campi collettivizzati. Le città, luogo di traffici commerciali e di aziende, erano viste dai khmer rossi come centri di diffusione della mentalità capitalista e individualista, e i cittadini in quanto tali erano guardati con sospetto: la gente di città era la ‘gente giovane’, cioè persone che avevano adottato un modo di vivere e una mentalità di recente formazione ma inaccettabile ed estranea all’autentico mondo rurale cambogiano. Alla ‘gente giovane’ i khmer rossi contrapposero la ‘gente vecchia’, i veri cambogiani, non corrotti dall’urbanizzazione. Pol-Pot si appoggiava alle rozze tribù di montanari e ai ragazzi, sottratti alle famiglie dall’Angkar ed educati secondo il modello di un comunismo spartano. I ragazzi, non ancora contaminati dalla mentalità ‘giovane’ (=capitalista), furono addestrati a sparare ai genitori o a denunciarli come traditori dei valori cambogiani e comunisti. Fu una immensa follia, una strage sostenuta da una confusa utopia comunista agraria, che mescolava elementi tratti dal maoismo a nostalgie anti-moderniste per un passato immaginato come più puro e naturale. Il comunismo agrario di Pol-Pot fu messo in crisi dall’attacco del Vietnam tra il 1978 e il 1979. I khmer rossi furono allora sostenuti dalla Cina. Addirittura, nel 1979 la Cina attaccò il Vietnam, che così divenne campo di battaglia della prima guerra inter-comunista. Era ormai chiaro che il mondo comunista si era diviso in molti tronconi rivali tra di loro, e che l’ideologia non c’entrava più nulla: al di sopra dell’ideologia si imponeva ormai la vecchia logica degli interessi nazionali e dell’espansione dei confini nazionali. I vietnamiti si sono ritirati dalla Cambogia nel 1989, ma i khmer rossi sono ancora presenti. Pol-Pot pare sia morto solo di recente, nel 1999.

LA CINA DAL 1950 AL 1990.
Nata nel 1949, la Repubblica popolare cinese di Mao si era imposta come potenza al tempo della guerra di Corea (1950-3), grazie agli aiuti sovietici. Abbiamo già visto però come i rapporti tra i due giganti comunisti si siano rotti negli anni 60.
In politica interna Mao fin verso il 1957 seguì un modello di sviluppo di tipo sovietico: collettivizzazione totale delle terre e pianificazione industriale (i classici piani quinquennali di tipo russo).
Sul finire dei 50 e agli inizi degli anni 60, però, andava maturando il distacco da Mosca, di cui non si apprezzava l’idea della coesistenza pacifica con il capitalismo. Pechino giudicava la società sovietica corrotta, burocratizzata, ormai lontana dagli ideali del comunismo. Mao ritenne che non si dovessero riprodurre gli errori del modello sovietico, che avevano riprodotto all’interno della società nuove divisioni di classe: i burocrati di partito (privilegiati) e i semplici cittadini. Bisognava creare un modello di comunismo alternativo rispetto a quello sovietico, ormai svuotato di energia. Il modello cinese maoista doveva diventare il punto di riferimento per il Terzo Mondo, almeno nelle intenzioni dei cinesi. Sicuramente influenzò moltissimo i giovani studenti contestatori occidentali nel 1968 (vedremo). Intanto, in campo economico, Mao sviluppò l’idea del ‘grande balzo in avanti’, centrata sulla creazione di Comuni del popolo completamente autosufficienti (anche per ciò che riguardava la produzione di acciaio e attrezzi agricoli). Vennero abbandonati i giganteschi piani quinquennali di tipo sovietico e le industrie furono decentrate nelle campagne, e non più fatte dipendere da Pechino. In questo modo Mao sperava di impedire lo sviluppo di una pesante burocrazia ministeriale di Stato, dirigista, centralista, privilegiata (come in Urss).
Ormai la rottura con l’Urss era maturata (si è già detto).
Nel realizzare la sua politica, Mao incontrò forti opposizioni all’interno del partito comunista cinese e nella burocrazia di partito. Allora, tra il 1966 e il 1968 egli lanciò la cosiddetta rivoluzione culturale (che si proponeva la trasformazione della mentalità e del costume cinese): una rivoluzione spesso violenta che, attuata da masse di giovani studenti  (le GUARDIE ROSSE) protetti da Mao, cominciò a contestare ogni potere burocratico e meritocratico (che avrebbe riprodotto divisioni di classe): dirigenti politici e aziendali, intellettuali e professori di scuola furono posti sotto processo e costretti spesso a lavorare nei campi dai loro studenti o nelle officine dai loro operai e impiegati. Le guardie rosse diffusero il pensiero di Mao, condensato nel ‘Libretto rosso’. E’ facile capire perché tutt’a un tratto il mito di Mao si sia diffuso tra i giovani studenti europei contestatori nel 1968!  Ma lo stesso Mao nel 1968 dichiarò finita la rivoluzione culturale, anche perché aveva capito che il paese rischiava di cadere nel caos. Le guardie rosse furono allontanate dall’esercito.
Nel 1972, come già detto, la Cina comunista, anche per timore dell’Urss, si avvicinò agli Usa: Nixon a Pechino, nella ‘tana dei duri e puri del comunismo’ (lo dico con ironia! Che roba la politica, eh?!).
Nel 1976 Mao e Chu En Lai (l’artefice dell’apertura agli Usa) morirono. Subito partì il processo di de-maoizzazione. I più stretti collaboratori di Mao, tra cui la moglie (‘la banda dei quattro’) furono processati. E’ iniziata così l’era di Deng Xiaoping, un comunista emarginato al tempo della rivoluzione culturale e che ha dominato la vita politica cinese fino alla fine degli anni 90 (fin quasi a oggi): Deng ha reintrodotto criteri meritocratici ed efficientisti, ed incentivi alla maggior professionalità. Ha pure reintrodotto elementi di economia di mercato consentendo limitati margini di profitto personale.
Anche qui queste nuove aperture hanno alimentato illusioni e richieste di una più ampia democrazia: questa volta (nel 1989) gli studenti manifestarono per la libertà di espressione e di associazione nella piazza Tienanmen, ma la manifestazione è stata repressa nel sangue. Avete qualche ricordo in merito? Il regime di Deng intendeva modernizzare l’economia, ma non certo permettere che l’ideologia del regime fosse messa in discussione. Uno strano regime, comunista ma pragmatico e moderato, e disposto ad aprirsi ai capitali occidentali (come sta succedendo proprio in questi giorni) per sopravvivere e non far la fine dell’Urss. Restano forti tensioni con il Vietnam.

IL MEDIO ORIENTE E I CONFLITTI ARABO-ISRAELIANI.
In Medio-Oriente e Africa nord-occidentale dal 1948 a oggi vi sono stati innumerevoli conflitti tra israeliani e mondo arabo (Egitto, Siria, Giordania, Arabia Saudita, Libano etc.), complicati dalla Guerra Fredda prima e dal fondamentalismo islamico poi. L’immigrazione ebraica in Palestina, iniziata subito dopo la 1° g. m., è diventata massiccia dopo la persecuzione nazista e la fine della 2° g. m.  Ma la Palestina, antica terra ebraica, era da secoli ormai abitata da popolazioni di origine araba, non disposte a cedere il controllo di quelle terre.  Nel 1948 l’Inghilterra abbandonò la Palestina e subito gli ebrei proclamarono la nascita dello Stato di Israele. Ebbe così inizio la prima guerra arabo-israeliana: Israele fu attaccata da Egitto, Iraq e altri. Gli israeliani vinsero. Circa un milione di arabi palestinesi abbandonarono la loro terra rifugiandosi in Giordania.
Nel 1956 il generale Nasser (che nel 1952 aveva preso il potere in Egitto rovesciando una corrotta monarchia e che intendeva porsi a capo del movimento anti-colonialista in tutta la regione) decretò la nazionalizzazione del Canale di Suez, ancora controllato da truppe inglesi e da capitali inglesi e francesi. Francia e Inghilterra reagirono intervenendo militarmente per difendere i loro interessi, e spinsero anche Israele ad attaccare gli egiziani. Scoppiò la seconda guerra arabo-israeliana.  Ma Usa e Urss, di comune accordo, intervennero per bloccare il conflitto e evitare che si ampliasse pericolosamente. Gli inglesi e i francesi dovettero abbandonare il suolo egiziano e ritirarsi. Era la dimostrazione che le vecchie potenze coloniali non contavano più nulla!
Nasser divenne presto il punto di riferimento di tutto il movimento arabo. Egli si spostò sempre più verso Mosca, da cui ricevette appoggi militari.
Israele, invece, stava sviluppando una formidabile economia capitalista, fortemente sostenuta dai gruppi ebraici statunitensi. Israele si trasformò ben presto nella ‘punta avanzata del capitalismo Usa’ in Medio Oriente. L’antisemitismo (e nuove edizioni dei Protocolli dei savi anziani di Sion) tornavano a diffondersi. Questa volta, e la cosa sembra strana (ma non lo è), erano gli intellettuali di sinistra ad assumere atteggiamenti non razzisti ma certo anti-israeliani e antisionisti. La sinistra europea più volte condannò la politica ebraica come ferocemente sionista e nazionalista, proprio perché Israele praticava una politica anti-sovietica e anticomunista. Si cominciò ad accusare Israele di ‘fare come i nazisti’ nei confronti dei palestinesi arabi. [Non mi risulta che Israele abbia costruito campi di sterminio!]
Nel 1967 scoppiò la terza guerra arabo-israeliana: Israele schiacciò gli eserciti di Egitto (armato dall’Urss), Siria e Giordania: fu la ‘guerra dei sei giorni’. Gli israeliani presero il Sinai all’Egitto e le alture del Golan alla Siria.
Nasser fu umiliato, ma prese forza l’OLP (Organizzazione per la Liberazione della Palestina) guidato da Yasser Arafat, che pose le sue basi in Giordania. Da qui i terroristi palestinesi (i fedayn) partivano per attaccare gli israeliani, che reagivano bombardando la Giordania. Il re di Giordania scacciò allora i palestinesi che si erano rifugiati sul suo territorio, e questi si spostarono in Libano, da dove ripresero la lotta terroristica. (v. attentato contro gli atleti israeliani alle Olimpiadi di Monaco nel 1972. Chiedete ai vostri genitori o a Internet).
La quarta guerra scoppiò nel 1973: il successore di Nasser(morto nel 1970), Sadat volle tentare di recuperare il Sinai e attaccò a sorpresa durante la festività ebraica del Kippur (guerra del Kippur). Israele, aiutata da forniture Usa, riuscì a resistere. Conseguenza importantissima della guerra fu l’aumento del prezzo del petrolio nel 1973. Per ritorsione contro gli aiuti occidentali a Israele, i  paesi arabi sospesero il rifornimento di petrolio necessario a sostenere la produzione economica occidentale. Fu la fine dell’ETA’ DELL’ORO, sotto il profilo economico. Da allora tutto è cambiato. La crisi energetica divenne un problema gigantesco, e spinse alle trasformazioni socio-economiche che stiamo vivendo. (chiedete ai vostri genitori: si andava a piedi o in bici  la domenica).
Sadat, ormai convinto dell’impossibilità di piegare Israele con le armi, operò una clamorosa svolta nella politica internazionale, avvicinandosi agli Usa e firmando nel 1979 un trattato di pace con gli israeliani. Il Sinai fu restituito.
Ma ormai in seno al mondo arabo andava diffondendosi il fondamentalismo islamico che non tollerava compromessi con il capitalismo Usa (e con il materialismo sovietico): il vecchio nazionalismo laico di Nasser e Sadat si trovò scavalcato dal feroce nazionalismo religioso, che non accettava la politica di conciliazione con gli avversari. Per questo Sadat fu ucciso in un attentato nel 1981 da fondamentalisti islamici.
In Libano intanto la situazione precipitava: qui si erano rifugiati i palestinesi senza patria; qui essi si scontrarono con i cristiani libanesi. Fu una guerra civile complicata dalle ingerenze di siriani (pro-musulmani) e israeliani (sostenitori dei cristiani libanesi). Nel 1982 gli israeliani sono entrati nel Libano meridionale per distruggere le basi dell’OLP da cui partivano i terroristi.
Nei vari territori occupati da Israele nel corso delle tante guerre (a Gaza, in Cisgiordania etc.) è iniziata nel 1987 la intifadah (la rivolta dei sassi, usati come proiettili) a sostegno dell’OLP. Ma nel 1988 anche Yasser Arafat ha dichiarato di voler rinunciare alle armi del terrorismo, giudicato ormai inutile per la causa palestinese, e ha riconosciuto lo Stato di Israele, imprimendo una svolta moderata alla sua politica, nella speranza di veder concesso ai palestinesi un qualche piccolo staterello. La svolta moderata di Arafat non è stata però accettata da una parte dei palestinesi, ormai influenzati dal fondamentalismo islamico e non disposti ad abbandonare la lotta. Si è formato così il gruppo palestinese terrorista HAMAS, da cui lo stesso Arafat deve guardarsi, per non far la fine di Sadat.
In Libano oggi gli Israeliani devono combattere gli HEZBOLLAH (i ‘partigiani di Dio’), fondamentalisti sostenuti dall’Iran degli ayatollah.
Nel 1993 gli accordi di Washington hanno concesso l’autonomia politica alla striscia di Gaza, dove si spera di veder nasce un vero e proprio Stato per i palestinesi, sotto la guida di Arafat. Ma il processo di pacificazione definitiva è lento e tragico: tutti sapete dell’assassinio di Rabin, primo ministro israeliano sostenitore del processo di pace e dell’accordo con Arafat, ucciso da un fanatico religioso ultraortodosso ebraico. Sono i due opposti fondamentalismi (quello islamico e quello ebraico) a minacciare il processo di pace. Vedremo. Ma una cosa è chiara: il fondamentalismo religioso ha recuperato quello spazio che le ideologie politiche laiche (comunismo e liberalismo) gli avevano tolto nell’Ottocento e nel Novecento. L’oggi  è un’epoca di crisi delle ideologie politiche laiche, non certo dei fondamentalismi religiosi, con tutto il loro carico di odio verso la modernità.

IRAN E IRAQ.
Finita la 2° g. m. l’Iran (Persia) era entrato nella sfera di influenza occidentale: si trattava di una monarchia (lo scià, il re, reggeva il paese) guidata dalla dinastia Palhevi ,  con un indirizzo fortemente modernizzatore: sviluppo industriale, laicizzazione delle scuole et. Le compagnie anglo-americane estraevano il petrolio dal sottosuolo.
Nel 1979 avvenne una delle più importanti rivoluzioni del secolo breve, come dice Hobsbawm: una rivoluzione guidata dai capi religiosi (ayatollah), e in particolare da Khomeini, leader del fondamentalismo islamico. Il regime dello scià fu abbattuto, e sostituito da un regime teocratico particolarmente feroce, di indirizzo antioccidentale e antisovietico, un regime anti-modernista che intende basare tutta la vita sociale sul rispetto della legge Coranica, interpretata in modo decisamente intransigente e intollerante.  L’Iran si è trasformata nel centro propulsivo e dinamico del fondamentalismo islamico, che ha messo radici (anche perché aiutato dall’Iran)  tra i talebani afghani, gli hezbollah del libano, i seguaci di Hamas ovunque si trovino palestinesi, il GIA  (Gruppo Islamico Armato) algerino etc.

Nel settembre 1980 Iran e Iraq (guidato da Saddam Hussein, che di religioso non aveva proprio nulla) iniziarono un terribile conflitto per ragioni di espansione territoriale (e anche perché Saddam Hussein temeva di veder diffondere la rivoluzione islamica nel suo paese e di perdere il potere). La guerra è finita solo nel 1988. Nel 1989 moriva Khomeini, ma il potere in Iran resta agli ayatollah. Vedremo cosa succederà.

LA DECOLONIZZAZIONE IN AFRICA.
Nell’Africa del nord la Francia aveva molte colonie ( colonie del Maghreb: Marocco, Tunisia, Algeria). Il caso più drammatico di decolonizzazione in questa area fu quello algerino. Dalla metà dell’ottocento la Francia aveva perseguito una politica di assimilazione, considerando l’Algeria parte integrante della repubblica.
L’A. era considerata una “Francia d’oltremare”, e gli algerini erano formalmente dotati di pari diritti rispetto ai francesi. Di fatto, però, il milione di coloni francesi teneva la popolazione araba (algerina) in condizione di inferiorità. Nel 1954, in coincidenza con la sconfitta francese in Indocina (v. appunti precedenti), si formò il Fronte di Liberazione Nazionale (F.L.N.) guidato da Ben Bella, e si passò alla lotta armata. Nel 1957 si ebbe la ‘battaglia di Algeri’, una insurrezione che durò molti mesi. La rivolta di Algeri fu repressa dalla Legione Straniera francese e da truppe scelte di paracadutisti, che fecero ampio uso della tortura. Per lo sdegno dinanzi ai fatti, la Francia si divise in due. I coloni francesi (pied-noir) minacciarono di ribellarsi al loro governo, se esso avesse ceduto di fronte ai nazionalisti algerini. Nel 1958 il generale De Gaulle ritornò al potere e prese contatti con l’Fln, avendo capito che l’Algeria era ormai perduta. I coloni organizzarono una società terroristica (OAS) e compirono attentati. Ma il governo francese nel 1962 prese con l’Fln degli accordi a Evian: un referendum popolare avrebbe deciso le sorti dell’Algeria. Il referendum decise per l’indipendenza dell’Algeria. I coloni se ne andarono, e si formò una repubblica popolare democratica che ben presto adottò un modello politico ed economico di tipo socialista. Tutti sanno dell’attuale dramma algerino: la crescita del fondamentalismo islamico in lotta con il governo.
Anche in Etiopia dal 1974 si formò una repubblica a indirizzo socialista. Qui i problemi maggiori derivano dalle sempre vive aspirazioni dell’Eritrea alla indipendenza: guerre e massacri a non finire.
In Libia nel 1969 andò al potere il colonnello Gheddafi, che instaurò un regime socialista e antioccidentale. Bombardamenti Usa su Tripoli dal 1986. Anche nell’Africa nera (a sud del Sahara) tra il 1960 e il 1975 giunse a termine il processo di decolonizzazione. Ma i nuovi stati sono stati travagliati e dilaniati da guerre etniche e dagli interventi neocolonialistici delle grandi potenze.
La GUERRA FREDDA, poi, ha favorito il formarsi di regimi di destra e di sinistra basati sul terrore e l’omicidio. In queste aree l’aumento demografico e il sottosviluppo sono, assieme agli scontri tribali, realtà drammaticamente presenti. Ecco alcuni casi di violenta decolonizzazione:

  1. in Kenya i coloni inglesi lottarono contro i nazionalisti Mau-mau. Indipendenza nel 1963.
  2. In Nigeria (indipendente dal 1960) si verificò il tentativo di secessione del BIAFRA (66-68), ricchissimo di petrolio: gli Usa armarono le popolazioni locali (gli Ibo); le truppe governative nigeriane armate dall’Urss fecero strage degli Ibo, su cui si scatenò una terrificante carestia. Ecco come GUERRA FREDDA e NEOCOLONIALISMO si intrecciavano e innescavano odii tribali e massacri.
  3. In SudAfrica fino al 1990 e alla liberazione (dal carcere) di Nelson Mandela il razzismo e l’APARTHEID, cioè la politica di segregazione attuata dalla minoranza bianca (soprattutto boeri), sono stati i pilastri di una società dominata dalla ‘white democracy’ e basata sullo sfruttamento del lavoro negro nelle ricchissime miniere di oro, diamanti, uranio.
  4. Una pagina scritta con il sangue è senz’altro quella della storia del Congo belga, l’attuale Zaire. Tale regione, ricchissima di uranio, cobalto, rame, diamanti etc. ottenne l’indipendenza dal Belgio nel 1960. Pochi giorni dopo, si verificò la secessione del Katanga, la zona più ricca, dove erano fortissimi gli interessi della UNION MINIERE belga (ALTRO ESEMPIO DI NEOCOLONIALISMO). Tale società assoldò mercenari bianchi e armò la popolazione nera locale. Per tre anni fu guerra civile. Il capo e primo ministro congolese Patrice LUMUMBA venne catturato e impiccato dai secessionisti. (Lumumba è considerato un martire del Terzo Mondo). Dopo tre anni di sangue, l’ONU intervenne e fu ristabilita l’unità del Paese (sotto una dittatura).
  5. Mozambico e Angola ottennero l’indipendenza dal Portogallo nel 1975 dopo anni di guerriglia.

L’AMERICA LATINA.
Paesi indipendenti già dall’ottocento, come ricorderete. Qui innumerevoli furono, dal 1945 ad oggi i casi di neocolonialismo: gli Usa applicarono la vecchia dottrina di Monroe (1823) in senso sempre più ‘imperialistico’: tutto il continente americano doveva cadere sotto il controllo degli Usa. Le grandi MULTINAZIONALI spinsero i governi statunitensi a difendere i loro interessi economici in A. Latina, finanziando GOLPE militari e CAUDILLI che imposero sanguinose dittature. Tutto per ottenere il controllo delle materie prime (stagno, rame, petrolio etc.) e sfruttare l’agricoltura del Sud-America imponendo il sistema delle monocolture. Da qui le grandi contraddizioni dell’A. L.: lo scarto enorme tra zone industrializzate (dal capitale Usa) e aree poverissime; tra moderne ‘FAZENDAS’ agricole, latifondi coltivati a monocoltura ed esclusivamente per l’esportazione (caffè, banane, canna da zucchero etc.) e milioni di piccolissime proprietà condotte con metodi arcaici; tra i grattacieli dei centri delle grandi capitali e le enormi ‘bidonville’ della miseria. L’alta borghesia è strettamente legata alle grandi imprese straniere: burocrati, funzionari delle multinazionali, latifondisti etc. I regimi democratico-liberali e parlamentari non hanno mai retto a lungo, e sono stati spesso e volentieri sostituiti da dittature volte a difendere gli interessi statunitensi e quelli delle oligarchie locali. Tale situazione ha però favorito il sorgere di movimenti di guerriglia comunisti e terzomondisti.
Anche in questa area l’Urss ha tentato di intromettersi, sia pur con scarsi risultati.
A partire dalla fine degli anni Ottanta (dall’89, in concomitanza con il crollo dei regimi socialisti dell’est europeo) si stanno ancora una volta tentando esperimenti democratici (in Argentina, Brasile, Cile), anche se restano gravissimi problemi: il colossale INDEBITAMENTO pubblico verso i paesi capitalisti, risultato del tentativo di ottenere denaro per finanziare lo sviluppo interno; l’INFLAZIONE galoppante; la coltivazione e il COMMERCIO DI DROGA (si pensi alla Colombia e ai suoi  narco-trafficanti).  E tuttavia, secondo alcuni studiosi come Ludovico Incisa di Camerana (“I Caudillos”, 1994), l’America Latina si sta oggi trasformando nel ‘terzo Occidente’ (assieme a Europa e Usa): una terra in cui i caudillos stanno scomparendo e le libertà liberal-democratiche stanno vincendo. (Eccesso di ottimismo?).     Veniamo ora a studiare brevemente qualche vicenda:

  1. la prima crisi politica dalla fine della seconda guerra mondiale in A.L. è in Guatemala: qui il governo democratico-socialista vuole attuare una riforma agraria e togliere le terre alla UNITED FRUIT COMPANY  statunitense (il maggior proprietario del Paese). Cosa accade? Il presidente statunitense Eisenhower dà il via ad una COVERT OPERATION organizzata dalla C.I.A (i servizi segreti Usa, guidati da Allen Dulles, feroce anti-comunista e –secondo alcuni- forse anche implicato nell’assassinio del futuro presidente J.F.Kennedy, accusato di eccessiva morbidezza nei confronti dell’Urss). In Guatemala, in pochi giorni, nel 1954 viene attuato un colpo di stato che spazza via il governo e rassicura gli azionisti della United Fruit.
  2. In Argentina per lunghi anni, fino alla metà degli anni ’70, la vita politica fu dominata da un caudillo populista, demagogo e autoritario: il colonnello Juan PERON. Il suo regime, d’ispirazione fascista, non riscuoteva il consenso degli Usa, soprattutto per via della politica protezionistica che esso intendeva attuare a danno dei prodotti statunitensi. Intanto cresceva nel paese la guerriglia comunista. Deposto, Peron tornò al potere nel 1973 e morì l’anno dopo. La seconda moglie Isabelita Peron resse il governo fino al 1976, quando i militari presero ancora una volta il potere. Essi attuarono metodi nazisti di repressione e tortura per stroncare la guerriglia di sinistra. Almeno 30.000 oppositori sparirono (i DESAPARECIDOS). I generali, per distrarre l’opinione pubblica dai problemi interni e far leva sul patriottismo argentino, scatenarono la guerra con l’Inghilterra per il controllo delle isole Falkland (1982). La sconfitta argentina costrinse i militari a indire libere elezioni, che portarono alla presidenza della repubblica il democratico Alfonsin (1983).
  3. In Brasile il colpo di stato del 1964, appoggiato dagli Usa, instaurò una ferrea dittatura di destra, che finì con il vendere a multinazionali straniere enormi estensioni della foresta amazzonica, da disboscare per allevare bestiame e ricavarne legname (problema ecologico enorme). Le resistenze delle tribù indie furono (e sono) stroncate con massacri da ‘garimpeiros’ (=cercatori d’oro) e soldati. Dal 1989 pare essere in corso un processo di democratizzazione (ma gli ‘squadroni della morte’ ammazzano i bambini abbandonati nelle strade delle grandi città!).
  4. In Cile, nel 1970, divenne presidente della repubblica il socialista Salvador Allende. Allende volle attuare una vasta riforma agricola e soprattutto nazionalizzare le miniere di rame (controllate da imprese Usa). L’opposizione delle destre e del governo statunitense portò nel 1973 a un colpo di stato militare (un altro GOLPE). Allende venne ucciso; il generale Augusto Pinochet instaurò una terrificante dittatura di destra e liquidò le riforme di Allende. Anche qui nell’89, però si ebbero elezioni democratiche e vittorie del partito democristiano. Il resto è storia d’oggi.

In due soli paesi dell’A. L. le sinistre, mediante la guerriglia, sono riuscite ad andare al potere e a mantenervisi: Cuba e
Nicaragua.

  1. CUBA. Indipendente dal 1898 (dopo la guerra contro la Spagna), l’isola era sotto la tutela statunitense. La UNITED FRUIT COMPANY controllava il 40% della produzione dello zucchero, principale risorsa economica del paese. Nel 1952  il dittatore Batista assunse il potere. L’avvocato FIDEL CASTRO organizzò la guerriglia ottenendo il favore dei contadini. Batista fuggì e nel 1959 Castro assunse la carica di capo del governo, concentrando ogni potere nelle sue mani. Subito varò una riforma agraria che colpì i latifondisti e le imprese statunitensi. Il governo Usa si mostrò ostile promuovendo il boicottaggio economico dell’isola (proibito ogni rapporto commerciale). La manovra Usa avvicinò rapidamente Castro (inizialmente non comunista) all’Urss, che divenne il maggior acquirente dello zucchero cubano. Cuba diventava la punta avanzata del comunismo in America, e proprio in vicinanza delle coste statunitensi..Gli Usa, sotto il governo del presidente Kennedy organizzarono uno sbarco di esuli cubani anticastristi alla BAIA DEI PORCI (1961), ma il tentativo fallì. Subito dopo l’Urss iniziò l’installazione nell’isola di rampe per missili a lungo raggio puntati sugli Usa, che decisero il blocco navale di Cuba per impedire alle navi sovietiche di portare i missili. Fu un momento di gravissima tensione tra i due blocchi: la guerra atomica sembrò dietro l’angolo. Infine Kruscev, segretario del PCUS, accettò di ritirare i missili in cambio dell’impegno Usa a non invadere l’isola.

Seguendo l’esempio cubano, in A. L. si moltiplicarono i movimenti di guerriglia. Centrale fu la figura di ERNESTO CHE GUEVARA, amico di Castro ed eroe della rivoluzione cubana (anche se giovane medico di origine argentina). Guevara intendeva diffondere la rivoluzione comunista tra i contadini latino-americani, diffondendo ovunque i ‘FOCOS’ (=focolai di insurrezione). Ma la sua fiducia nella volontà rivoluzionaria dei contadini subì dure delusioni. Nel 1967 fu catturato e ucciso in Bolivia, dove cercava di espandere la guerriglia. Guevara è divenuto uno dei simboli eroici del terzomondismo rivoluzionario anticapitalista, uno dei miti della protesta giovanile (quanti di voi hanno ancora oggi una maglietta con su la sua faccia?, anche se non sanno nulla di lui!) E’ divenuto simbolo dell’avventurismo anarchico e giovanilista di un’epoca (la nostra) senza eroi, che macina ogni personaggio in un indistinto anticonformismo di massa. Hanno massificato anche il CHE, ridotto a gadget!
b)   In Nicaragua nel 1979 i SANDINISTI filosovietici hanno conquistato il potere. Gli Usa di Ronald Reagan hanno finanziato la guerriglia antisandinista (i CONTRAS) senza riuscire però nel loro scopo. Dal 1990 vittoria elettorale di partiti moderati.             Ricordo poi che a Panama gli Usa sono intervenuti militarmente nel 1989 per rovesciare la dittatura del generale NORIEGA, basata sulla esportazione di droga e armi. Opera di ‘polizia internazionale’.

 

Fonte: http://www.arcadiaclub.com/zips/appunti/decolonizzazione.doc

Sito web da visitare: http://www.arcadiaclub.com/

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Appunti sulla decolonizzazione

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Appunti sulla decolonizzazione

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Appunti sulla decolonizzazione