Astrologia simbolismo dei gradi dello Zodiaco

Astrologia simbolismo dei gradi dello Zodiaco

 

 

Astrologia simbolismo dei gradi dello Zodiaco

 

TRADIZIONE ASTROLOGICA

E SIMBOLISMO

DEI GRADI DELLO ZODIACO

Nella stampa specializzata italiana non si è mai accennato, se non di sfuggita, alle antiche conoscenze riguardanti il simbolismo dei gradi dello Zodiaco.
È quindi assai utile per l’astrologia e, soprattutto per lo studente rosacrociano, sensibile e positivamente ricettivo, riconquistare questa antica conoscenza, la quale potrà apportargli, in certi casi, una visione più ampia e spesso prodigiosamente esatta dell’indagine astrologica che sta effettuando.

Vediamo di che cosa si tratta: il simbolismo dei gradi dello Zodiaco è la raffigurazione in un simbolo visivo e descrittivo di ciascuno dei 360 gradi del cammino apparente del Sole. La meditazione su uno o più di tali simboli che ogni oroscopo mette in evidenza, permette all’astrologo di approfondire e meglio chiarire, una determinata esperienza di vita. Spesso tale simbolo è di per sé di una precisione sconcertante.
Per questa simbologia possiamo risalire fino ai Caldei, agli Egizi, agli Indù, ai Cinesi, ai Maya, ma le loro conoscenze, di certo, provenivano da epoche ancora anteriori e probabilmente derivavano da un unico scopo.
Questi antichi sapienti avevano appreso e constatato che da ogni recesso del Cielo avvolgevano la Terra fasci di vibrazioni che influivano profondamente sull’uomo, sugli animali e sull’ambiente. Ciascuno di questi popoli dette forma “visibile”, per così dire, a queste vibrazioni, congiungendo idealmente fra loro le stelle fisse di determinate porzioni di Cielo e dando a questi gruppi delle forme simboliche rappresentanti le tendenze che si manifestavano nell’uomo quando percepiva tali influssi.
Nacquero così le costellazioni che oggi conosciamo e che, per quanto ci riguarda, dobbiamo ai Caldei.
Altri popoli adottarono figure simboliche diverse (spesso similari) per indicare gli influssi provenienti da certi gruppi di stelle. Questa diversità deve essere naturalmente vista come il diverso volto di una stessa verità: tali raffigurazioni erano destinate a popoli di differente “ceppo”, di diversa corrente iniziatica o, come diremmo noi, di diverso “raggio”, i quali conseguentemente abbisognavano di un diverso approccio.
Il tradurre il Cielo in simboli, tuttavia, non si fermò alle costellazioni. Il cammino del Sole, l’eclittica, che dà vita ai segni dello Zodiaco, fu diviso in dodici porzioni da ciascuna delle quali provenivano vibrazioni della stessa natura di determinate costellazioni; fu perciò dato ai Segni dello Zodiaco lo stesso nome di quelle costellazioni, Ariete, Toro, Gemelli, ecc.. Ma le conoscenze antiche erano talmente profonde che essi seppero sezionare queste influenze e stabilire non solo il particolare influsso di un settore di 30 gradi rappresentato da un Segno dello Zodiaco, ma simbolizzare (cioè esprimerne il significato terreno) 10 gradi, denominati “decani”, 5 gradi e perfino una porzione così piccola di Cielo quale è rappresentata da un grado soltanto, estraendo da quel Cielo immenso tutto quanto  nascondeva e mettendolo “in luce” per l’uomo. Non certo per quell’uomo il cui Spirito era troppo offuscato dalla materia, ma per colui che si è elevato fino a saper comprendere il linguaggio celeste o perlomeno ad afferrarne, sia pur vagamente, il senso.
Se l’Uomo è l’immagine del “Cielo” (“a immagine e somiglianza di Dio”, insegna la Bibbia), allora nel Cielo vi è tutto l’Uomo: nel Cielo è scritto il suo Destino.
In quei tempi l’indagine astrologica coinvolgeva veramente l’intero Cosmo, visibile e invisibile.
Gli arabi condensarono questa certezza in una sola parola: “Kismet”, che vuol dire “Destino”. Se togliamo le vocali dal termine “Kismet”- esse erano infatti soltanto una facilitazione fonetica - avremo la stessa radice della parola “Kosmo” (ksm).
Nei “Libri Sublimi” di Ermete Trismegisto troviamo i simboli della tripartizione in decani di ciascun segno dello Zodiaco. Vediamone qualcuno per averne un’idea: il primo decano dell’Ariete prende il nome di Aulathamas e raffigura un giovane guerriero in marcia, il quale sorregge, con le braccia alzate sul capo, una bipenne e indossa una tunica che gli scende fino alle ginocchia. I piedi terminano in pinne. Ermete insegna che questo decano presiede alle distese dell’oceano e alle malattie del cervello. Il secondo decano dell’Ariete è retto dal Sole e il suo nome misterioso è Sabaoth (o anche Senacher). È rappresentato da un uomo con la testa di cane sulla quale è sbocciato un fiore di loto attorniato con stelle dai raggi dorati; nella mano sinistra ha una patera e nella destra uno scettro sul quale vi è uno sparviero; veste un manto di lino che gli giunge fino ai piedi e calpesta una testuggine avvolta in una rete. Questo secondo decano dell’Ariete ha dominio sulla zona del capo che va dalle tempie al naso. E così via per altri 34 decani.
Anche l’Astrologia Indù conosce la simbologia dei decani. Ecco come gli stessi primi due decani dell’Ariete sono raffigurati: il primo rappresenta un uomo coraggioso armato che brandisce con la destra una spada. Il significato espresso è l’audacia, il coraggio, la forza, ecc.. Il secondo decano invece rappresenta un uomo vestito come un sacerdote ed è indice di nobiltà, grandezza, potere e grande autorità.
Si può notare come il rapporto fra il simbolismo di questi due decani in Ermete e in India porti a una pressoché totale concordanza.
Veniamo ora alla parte più importante: il simbolismo di ciascuno dei 364 gradi dello Zodiaco.
Sono ben pochi gli astrologi che ne tengono conto, ma l’utilizzazione di tale simbolismo darebbe certamente risultati assai importanti nell’indagine astrologica, oltre a contribuire allo sviluppo spirituale dell’astrologo stesso a causa del processo meditativo inerente.
Per sottolineare l’importanza che nella tradizione astrologica ha avuto tale simbolismo, è opportuno darne qualche breve cenno storico.
Le più antiche raffigurazioni simboliche delle quali ci sia pervenute un documento sono quelle attribuite ad un componente della famiglia degli Ibn Ezra vissuto tra il 1000-1100. Era questa una ricca e colta famiglia di Granata, astrologi di padre in figlio.
L’opera di Ibn Ezra fu pubblicata dallo Scaligero intorno alla metà del 1500, completa di figure ed interpretazioni.
Soltanto alcuni anni dopo Auger-Ferrer pubblicò nuovamente le definizioni e le interpretazioni di Ibn Ezra, ma variò la rappresentazioni simbolica di 36 dei 360 gradi.
Ritroveremo in seguito questo stesso testo, pubblicato col nome di “Calendario Tebano” in un opera di P. Christian.
Un altro testo è quello di Firmico Materno, lo scrittore neoplatonizzante latino-cristiano del IV secolo d.C., la cui edizione risale al 1497. Qui l’autore dà l’interpretazione dei gradi senza presentarne le figure simboliche.
Altrettanto importante è poi L’”Imagines graduum signorum” di Pietro D’Abano, il medico e filosofo del XIII secolo.
Altre liste simboliche furono in seguito elaborate: tra queste ricordiamo la cosiddetta “Volasfera” di autore incerto, la simbologia di Charubel e quelle dell’astrologo inglese Alan Leo, di Andrè Costeseque, di Sepharial, oltre a quella di Andrè l’Eclair.
Queste liste più recenti furono elaborate tutte attraverso una profonda meditazione che per alcuni sfociava in pura veggenza - come è il caso, ad esempio, di Charubel - meditazione compiuta a ridosso dell’antico simbolismo.
Quale migliore studioso potrebbe allora trovarsi oggi di quell’antica simbologia, se non proprio lo studente rosacrociano, avvezzo per volontaria disciplina alla meditazione e capace persino, quando abbia raggiunto un buon grado di sviluppo, di pervenire agli archetipi di quelle raffigurazioni e di apprenderne “alla fonte” tutti i significati più profondi?
Abbiamo visto la simbologia dei decani risalire fino ai Caldei, agli Egizi, ecc.. Altrettanto dobbiamo credere che sia per la simbologia di ciascun grado dello Zodiaco, e sebbene non abbiamo documenti che lo comprovino, intuiamo che così deve essere da molteplici segni. Eccone alcuni: si riporta che i Caldei dividevano il giorno in 364 parti e che queste parti avevano un valore magico e religioso. È legittimo quindi da parte nostra il sospetto che ciascuna di quelle parti avesse un preciso significato esoterico collegato con la simbologia dei 360 gradi dello Zodiaco. E per restare fra i Caldei, Diodoro Siculo, lo storico greco nato in Sicilia nel I secolo a.C., racconta nella sua “biblioteca storica” - una storia universale che parte dai tempi mitici - che Semiramide, la regina che la tradizione greca vuole fondatrice di Babilonia, circondò la città con un muro della lunghezza di 360 stadi. È un primo indizio ma altri ve ne sono: in seguito furono innalzate intorno alla città mura prodigiose che la contornarono in 360 cinte quadrate. Ogni cinta era larga otto metri e mezzo e ciascuna era distante dall’altra 44 metri.
Ora, sappiamo tutti in quale alta considerazione fosse tenuta l’astrologia in Babilonia: possiamo conseguentemente supporre che ogni cerchio rappresentasse un giorno dell’anno, o meglio, un grado zodiacale. È probabile che tali mura fossero “abbellite”, per così dire, da fregi e bassorilievi - ne abbiamo altrove altre testimonianze - che simbolizzavano in realtà particolari influenze celesti.
E ancora: 360 stelle o idoli circondavano la Kaaba preislamica della Mecca. Questi idoli, ciascuno dei quali con evidenza, simbolizzavano uno dei 360 gradi dello Zodiaco, furono poi abbattuti dai Musulmani nel 630.
Ecco inoltre alcune leggende particolarmente significative.
Nelle contrade islamiche i 360 gradi dello Zodiaco sono considerati come “360 sguardi di Allah”, ogni sguardo essendo diverso dagli altri.
Nella tradizione persiana è detto che Barbad, cantore favorito del re Khosru Parvez (589-528 a.C.), compose 360 diverse melodie e che ne cantava al suo re “una per notte per un anno”.
Il palazzo di Aduda-ad-Dawla, a Shiraz, aveva 360 stanze: “una per ciascun giorno dell’anno, ciascuna dipinta con un solo colore”, tramandano le cronache. Poiché l’anno musulmano non ha mai avuto 360 giorni, tutto lascia supporre che si trattasse, in realtà, non di “giorni dell’anno”, ma di gradi, a ciascuno dei quali era legato un colore e quindi un significato particolare. Tanto più che in Oriente la tradizione di attribuire un determinato colore a ciascun grado dello Zodiaco esiste ancor oggi.   
Molte altre illuminanti concordanze potrebbero essere portate a testimonianza che il simbolismo dei gradi dello Zodiaco appartiene alla più antica e nobile tradizione astrologica.
Ecco ora qualche esempio di come questo simbolismo si esprima, spesso con tale chiarezza da non abbisognare di ulteriori approfondimenti, come per le indicazioni significative tratte da alcuni oroscopi.
Per quanto riguarda la professione, ad esempio, vi è il caso di un dentista il cui lavoro era mirabilmente indicato dalla Luna al 1° grado del Leone, il cui simbolo è: “un uomo con nella mano destra una testa…”; il simbolo senza dubbio è assai pertinente. Ecco invece come il 23° grado della Bilancia simbolizza la professione nell’oroscopo di un chimico; la figura è :”un medico che esamina un liquido attraverso una fiala”; anche questo, direi, è piuttosto ben indovinato.
I riferimenti sono tratti dal simbolismo elaborato da Costeseque e risalente a Ibn Ezra. Per restare nell’ambito della stessa opera, concludiamo con uno dei tanti fatti che furono a suo tempo esaminati per comprovare l’efficacia delle indicazioni monometriche (“monomeri” sono appunto chiamate le raffigurazioni dei singoli gradi).
Questa testimonianza fu pubblicata dall’astrologo francese Yves Le Costellec anni or sono. Egli prese in considerazione un grave incidente aereo che avvenne a Copenaghen il 26 gennaio 1947 alle ore 16 e 27, ora locale esatta.
La catastrofe accadde all’aereoporto di Copenaghen: l’aereo si levò in volo e improvvisamente poco dopo, precipitò. Vi furono 22 morti, tra cui il principe Gustavo Adolfo di Svezia.
Eretto il tema astrologico per l’ora dell’incidente si hanno i seguenti punti di riferimento: Medio Cielo - che rappresenta il destino - a 12° e 45’ dell’Ariete; Ascendente - che rappresenta l’azione, l’atto stesso - a 8° e 02’ del Leone.
Il simbolo monometrico per il 12° grado di Ariete - il Medio Cielo - è “un’aquila dalle ali distese che vola intorno ad uno spiazzo”. È immediata la visione di un aereo che vola sull’aeroporto. Il 13° dell’Ariete, quello successivo, ha invece questo simbolo: “un uomo che lotta con un ariete tenendolo per le corna”. L’analogia di questo simbolo con il pilota che tenta di manovrare i comandi dell’aereo è stupefacente. Ma non ci fermiamo certo qui. Vediamo ora l’Ascendente: l’8° grado del Leone è “un luogo dal quale si innalzano alte fiamme”, simbolo che non ha bisogno di ulteriori spiegazioni, tanto è evidente: si tratta dell’esplosione dell’aereo in fiamme a terra. Continuiamo: al 9° grado del Leone, cioè quello successivo, vediamo raffigurato “un uomo riccamente vestito” che può ben rappresentare il principe Gustavo Adolfo di Svezia.
Marte che rappresenta il fuoco, l’incidente, si trova a 0° e 55’ dell’Acquario che, sottolineiamo è un segno d’Aria; il simbolo per 0° gradi di Acquario è: “una coda di pesce”. Se pensiamo che la causa dell’incidente fu un guasto al timone, l’analogia con la coda di pesce è lampante.
E ancora Nettuno, che in questo caso rappresenta i grandi viaggi, poiché è il reggente della IX casa in Pesci, si trova a 10° e 45’ della Bilancia, segno d’Aria. Tale punto è simbolicamente espresso da “un uccello nero che scava la terra col suo becco”. Così Nettuno, con la sua opposizione al Medio Cielo - il destino - ci indica con questa sintetica figura la fine tragica dell’aereo “carbonizzato”, annerito, il quale picchia contro la terra.
Tutti questi dati esoterici sono naturalmente soltanto l’appendice ai dati che si evidenziano da un esame attuato secondo i metodi odierni del tema astrologico, ma la loro forza evocatrice risulta più che evidente dagli esempi riportati.
Speriamo che coloro che sono particolarmente interessati all’astrologia, siano indotti da questa presa di contatto con la più antica tradizione, a tenere in considerazione nelle loro analisi il simbolismo dei gradi dello Zodiaco. Essi potranno così rendersi conto di quante problematiche interpretazioni astrologiche possono venire agevolate e come la concentrazione su questi simboli e la conseguente meditazione possono schiudere la mente a più vaste esperienze conoscitive.

                                                                                                                                                         Menotti Cossu

 

Fonte: http://www.rosacroce.it/ita/files/sentiero/S0504-tradizione.doc

Sito web da visitare: http://www.rosacroce.it

Autore del testo: sopra indicato

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Astrologia simbolismo dei gradi dello Zodiaco

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Astrologia simbolismo dei gradi dello Zodiaco

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Astrologia simbolismo dei gradi dello Zodiaco