Boston

Boston

 

 

Boston

                        CITTA’  DI BOSTON

 

 

 

Stato:

boston Stati Uniti

Stato federato:

bostonMassachusetts

Contea:

Suffolk

Status:

City

Superficie:

232,10 km²

Popolazione:
 Area metropolitana
 Densità

599.351abitanti
5.608.630
4.815 ab./km²

Nome abitanti:

bostonian 

Fuso orario:

Eastern (EST) UTC-5

Sindaco:

Thomas Menino (D)

BOSTON, LA TECNOPOLI STATUNITENSE
Boston è una città degli Stati Uniti d'America, Capitale dello Stato federato del Massachusetts. È la più grande città del New England nonché il centro economico e culturale più importante. I residenti della città sono detti Bostonians.

LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICA
E’ situata nel punto in cui il Charles River ed il Mystic River sfociano nell’Atlantico, formando il Boston Harbour, affacciata sulla costa atlantica, Boston è la Capitale dello stato del Massachussets, che si trova nella parte settentrionale della regione del New England.
Si affaccia alla costa atlantica e sorge su una serie di penisole collegate tra loro da ponti e tunnel sottomarini. La sua area metropolitana fa parte della più grande megalopoli del mondo (Megalopoli Atlantica che va da Washinghton a Boston).
La città si trova a 280 Km. a nord-est da New York e si sviluppa su una serie di piccole penisole collegate tra loro da ponti e gallerie sottomarine. Queste penisole si protendono nella ben protetta baia di Boston, ramificazione della baia del Massachusetts (Oceano Atlantico), alla confluenza dei due estuari dei fiumi Charles e Mystic.

CRONOLOGIA STORICA
1630: fondata dai coloni puritani inglesi, in fuga dalle persecuzioni nella madre patria di Carlo I e guidati da John Winthrop. Proprio per questo la storia della città sarà sempre dominata da un’aristocrazia clericale e commerciale, sia dal punto di vista culturale che economico. 
Il Puritanesimo era un movimento religioso sorto nell’ambito del calvinismo presbiteriano anglosassone, tendente a una grande rigidezza dei costumi e fondato su un costante richiamo alla Bibbia.
1636: Divenne colonia con il nome di Massachusetts Bay.
1634: fondata la Boston Latin School, un esclusivo liceo pubblico, la città crebbe, modellandosi sulla Londra medievale.
1636: fondata l'Harvard University.
1653:  prima biblioteca pubblica.
1684: sostenne una lotta tenace contro il Governo inglese che minacciava di abrogare la Carta della Baia di Massachusetts, sulla quale si basavano le libere istituzioni cittadine.
1689: il compromesso raggiunto precedentemente, si riaccese quando i bostoniani cominciarono a contestare direttamente la sovranità britannica.
I motivi di scontento dei coloni contro l’Inghilterra erano dettati dal fatto che la legge inglese imponeva ai coloni americani di vendere i loro prodotti – pellicce, cereali, ferro, tabacco, zucchero, indaco, cotone – esclusivamente alla madrepatria e vietava loro di impiantare industrie che facessero concorrenza agli inglesi. Inoltre, nel momento in cui nel 1765, impose loro di applicare una marca da bollo su tutti i documenti, libri, giornali ( a sostegno delle spese per il proprio governo e la propria difesa), i coloni si rifiutarono di obbedire poiché illegittima; infatti la Costituzione inglese vietava di imporre tasse ai cittadini senza l’approvazione dei loro rappresentanti in parlamento (le colonie non avevano rappresentati al parlamento di Londra).

 

1704:  la città diventa la redazione della pubblicazione del News-Letter, il primo giornale delle Tredici Colonie.
1750: la città era una roccaforte del “ puritanesimo”, era proibito qualsiasi spettacolo giudicato immorale (fino al 1793).
1773 (16 Dicembre):  da qui partì la resistenza alle tasse imposte dal Parlamento britannico e qui cominciò di fatto la Guerra di indipendenza Boston Tea Party ( protesta dei commercianti contro la concessione del monopolio della vendita del thè alla Compagnia Inglese delle Indie  Orientali). Un gruppo di appartenenti ai "Figli della Libertà", travestiti da pellerossa, assaltò nel porto di Boston tre navi della Compagnia delle Indie Orientali, e gettò in mare le casse di thè che erano stivate a bordo. Questo fu il segnale dell’ INSURREZIONE CONTRO LA GRAN BRETAGNA.
Londra reagì duramente, chiudendo al traffico il porto ed inviando in America nuove truppe per ridurre i ribelli all’obbedienza.
1774: boom commerciale e industriale; seguente sviluppo dei cantieri navali, del commercio marittimo e delle industrie manifatturiere del settore tessile e calzaturiero. Qui venne siglata la prima convenzione provinciale ( Assemblea rivoluzionaria).
1775: rioccupata dagli Inglesi.
1776: liberata dalle truppe di George Washington ( diventerà il 1° Presidente degli Stati Uniti).
1822: proclamazione ufficiale dello status di città. Da questo periodo in poi la città subisce profonde trasformazioni: prosciugamento di zone paludose, regolazione del corso del fiume Charles, l’abbassamento delle colline. Tutto ciò per dare spazio alla crescita delle aree residenziali, all’installazione delle linee ferroviarie e all’ampliamento delle aree portuali.
1860: l’immigrazione modifica profondamente l’equilibrio sociologico della città e la grande presenza dei cattolici (perlopiù irlandesi, russi, italiani, balcanici e scandinavi) determinò una sensibile diminuzione dell’influenza del puritanesimo. Gli italiani si insediarono nella parte East Boston (colle Orient Height). Favorì anche la nascita di ampi quartieri popolari, perlopiù veri e propri slums. Dal punto di vista morfologico la città cominciò a trasformarsi, con l’introduzione della tipologia edilizia caratteristica del New England: case a ballatoi con servizi comuni e una stanza per ogni famiglia.
1893: realizzazione di spazi verdi.
1897: il piano di trasporti pubblici, inaugurazione della metropolitana ( la prima in America) favorì gradualmente la formazione di nuovi insediamenti in aree suburbane fino a  15 Km. dal centro cittadino e portò all’allontanamento delle classi di reddito medio-alto dal centro.
1900: la città perde progressivamente la sua preminenza nazionale, pur rimanendo un centro florido, dotato di importanti istituzioni culturali.
1920:  la città raggiunge la massima espansione e incomincia una contrazione demografica ed economica.
1950: nell’ambito dello sviluppo dei trasporti, fu realizzato un grande anello autostradale esterno, ai limiti amministrativi della città, ma questa iniziativa, pur dando nuovo vigore alla localizzazione di impianti industriali, non contribuì alla soluzione dei problemi del centro urbano, che, luogo di concentrazione delle classi più povere, è stato in parte investito dai programmi di rinnovamento urbano ( a tali programmi si deve anche la ristrutturazione del centro rappresentativo della città). La politica di incremento del trasporto privato a scapito di quello pubblico, trasforma definitivamente la struttura compatta della città in quella di una vasta area metropolitana.
2001: costruzione del “ Big Dig”  si tratta dell’ opera pubblica più grande mai intrapresa negli Stati Uniti e prevede il riassetto e la riorganizzazione di tutta la viabilità della città. Il nuovo ponte che sostituirà quello esistente, sul fiume Charles connoterà l’accesso alla città (  VEDI  ALLEGATO).
FUNZIONI
CULTURALE
Sede di oltre 50 college e Università (ricordiamo il MIT ed Harvard e l'Università di Boston). Sono molti i centri di ricerca sia di tipo scientifico che sociale, dovuto in gran parte alla presenza delle note università e alle attrezzature didattiche, tutto ciò fa di Boston una “TECNOPOLI” ( VEDI CASO MIT).
Centro dei movimenti culturali e sociali più influenti degli Stati Uniti, come il Trascendentalismo di Ralph Waldo Emerson e David Henry Thoreau, attorno a cui si è sviluppata la grande letteratura e filosofia americana e quello per l'abolizione della schiavitù, negli anni precedenti e contemporanei alla guerra civile. Anche oggi lo spirito ribelle del popolo bostoniano è presente nella politica statunitense. Nel 2005 la Corte suprema dello stato ha approvato una legge a favore del matrimonio fra omosessuali, il primo, e ancora l'unico stato americano a riconoscere dette unioni, anche se fuori dallo stato non sono ancora riconosciuti.

CASO

MASSACHUSETTS  INSTITUTE  of TECHNOLOGY
E' una delle più importanti Università di ricerca del mondo.
Aperta a Boston nel 1861 dal geologo William Barton Rogers, che ne fu il primo rettore, il MIT, in un primo momento dedicato alla ricerca applicata all'industria, si è sviluppata in cinque scuole e trentadue dipartimenti, organizzando corsi di laurea e di specializzazione    post laurea.                                                                                                   
La scuola di scienze comprende corsi di laurea in biologia, chimica, matematica, fisica, scienze della terra, meteorologia e astronomia.
Il MIT gode ormai di una notevole reputazione per la qualità dell'insegnamento e della ricerca; fu tra le prime scuole a usare i laboratori nell'insegnamento, a sviluppare la professione di ingegnere chimico, a organizzare corsi in ingegneria aeronautica ed elettrica e in fisica applicata
Qui si trovano alcuni dei complessi tecnologici più all'avanguardia del mondo, tra cui un laboratorio di intelligenza artificiale e un keyserver OpenPGP ( sistemi che servono per comunicare informazioni, garantendo la sicurezza e la proprietà della stessa).
Il MIT, partecipando ad un progetto denominato Open Course Ware, ha messo online un numero considerevole di lezioni filmate (chiamate "lecture") che si basano su libri scritti dagli stessi docenti. Ogni lezione è provvista della trascrizione della voce dei professori, in modo da mettere in condizione anche persone che non riescono a comprendere bene l'inglese parlato, di seguire lo stesso. Per alcuni corsi sono disponibili anche le traduzioni in diverse lingue, come ad esempio Cinese e Cinese semplificato.

 

TURISTICA
E’ una delle mete più esclusive,  ha molto da offrire, per ogni tipo di turista. Dai musei alle gallerie d'arte, dalle vie di negozi ai parchi verdi, dai grattacieli alle case in mattoncini rossi di Back Bay e Beacon Hill, dai quartieri universitari del MIT, Harvard e Boston University fino al distretto finanziario.
FINANZIARIA/ECONOMICA
Sede di Importanti aziende multinazionali come: la Fidelity Investments, la Boston Consulting Group e la Bain Investments . E’ uno dei centri economici più importanti degli Stati Uniti ( Ottavo posto a livello mondiale per PIL/PRO CAPITE).
TERZIARIA
E’ Ha  un'economia basata sul terziario avanzato : credito e assicurazioni, i servizi finanziari, sanitari e la ricerca in campo della tecnologia, in particolare della biotecnologia.
Nel 2005 il Governatore dello Stato del Massachussets, Mitt Romney, e il Governatore della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, hanno siglato un accordo di intesa per stimolare la collaborazione tra aziende, istituzioni e ricercatori nel settore delle biotecnologie e delle scienze mediche.

COMMERCIALE
E’ un importante porto d'ingresso e scalo da e verso l'Europa, si esportano: prodotti alimentari, macchinari e manufatti; si importano: carbone, minerali di ferro, zucchero, legname, petrolio e derivati.
Nonostante la sua quinta posizione nei mercati americani, questa città è un importante partner commerciale per l'Italia in diversi settori, in parte dovuto ai gusti della sua popolazione costituita da un ceto di persone benestanti. Per esempio nelle importazioni dei mobili italiani si trova al terzo posto rispetto alle altre città americane.

INDUSTRIALE
Intenso sviluppo hanno le attività manifatturiere:  tessili (lanifici e cotonifici), calzaturiere, cartarie ed editoriali, dell’abbigliamento e della gomma.
TRASPORTI/VIE DI COMUNICAZIONE
● METROPOLITANA: Si snoda in tutti gli angoli della città grazie a cinque linee: rossa, arancione, verde, blu e argento.
● AEROPORTO: Aeroporto Internazionale Boston-Logan (è uno dei dieci maggiori aeroporti statunitensi per  traffico movimentato, ha sei piste di atterraggio e quattro terminal di arrivo e partenza). con voli internazionali verso quasi tutte le principali capitali europee.
DEMOGRAFIA
La città, a causa del benessere e della scarsa disponibilità di abitazioni, ha subito il fenomeno della gentrificazione ( VEDI SCHEDA LONDRA) delle zone centrali, il che ha contribuito all'esodo dei cittadini di classe media verso le zone periferiche e addirittura di un'emigrazione dei propri cittadini verso altre regioni americane.
CURIOSITA’
E’ uno dei centri musicali più importanti per il rock underground negli anni '80 e gli anni '90. La cosiddetta "scena di Boston" includeva gruppi come Mission of Burma, Dinosaur Jr, Lemonheads e Buffalo Tom. Qui sono inoltre ambientate molte serie televisive.

La State House è un edificio di mattoni rossi, testimonianza di architettura di  stampo britannico, nel quale venne pubblicamente letta la Dichiarazione di indipendenza (1776).  

Il Boston Common è il più antico parco pubblico degli Stati Uniti, fondato nel 1634, risale al periodo coloniale britannico.

Il Freedom Trail è un percorso rosso (per lo più di mattoni) attraverso il centro della città, che conduce a 16 luoghi di alto valore storico.
Il “Sentiero della Libertà” è stato ideato nel 1958 da William Schofield, giornalista locale che stava promuovendo l'idea di collegare importanti punti della città con valore storico ad un percorso pedonale.
Per conoscere la città, la cosa migliore è infatti seguire il Freedom Trail (Sentiero della Libertà), una sorta di mini percorso turistico lungo poco più di 6 Km, creato appositamente per attraversare ben 16 luoghi di interesse storico della città, situati nella parte più antica e sicuramente più interessante.
Il cammino è indicatoda mattoni rossioppure da una linea rossa dipinta lungo il tragitto ed ha inizio con il Boston Common, il parco pubblico più antico degli Stati Uniti. La linea rossa conduce poi a Park Street, che costeggia il Boston Common all’estremità est, per raggiungere Park Street Church, chiesa terminata attorno al 1810, in cui venne cantato per la prima volta l’inno nazionale da Samuel Smith. Proseguendo incontriamo la Statua di Banjamin Franklin, mentre una placca sul marciapiede indica il luogo dove un tempo sorgeva la prima scuola pubblica, la celebre Boston Latin School. Si prosegue verso Beacon Hill, quartiere tranquillo in cui si respira un’atmosfera da piccolo villaggio e dove si trovano l’Old Corner Book Store, ex ritrovo dei rivoluzionari oggi adibito a libreria e la State House, il palazzo del governo del Massachusetts. Poco distanti si trovano i luoghi dove è nata l’indipendenza americana come l’Old South Meeting House, all’angolo tra Washington e Milk Streete la Faneuil’s Hall, conosciuta come la “Culla della Libertà”, utilizzata fin dal 1742 come centro degli scambi commerciali e punto d'incontro per la comunità. Nella zona sorge anche l’Old State House, per molti anni sede del governo coloniale britannico, dal cui balcone venne proclamata la Dichiarazione d’Indipendenza. Oggi l’edificio è adibito a museo storico e al suo interno si può visitare l’esposizione che illustra la tradizione marittima della città. Nella bella North Square, sorge la Paul Revere’s House, costruita nel 1667 ed abitata per lungo tempo dal celebre patriota che diede l’avvio agli episodi del Boston Tea Party.

La zona nord della città: North End è il quartiere più antico di Boston, oggi quartiere italiano denominato per l’appunto Little Italy, sede dell'Old North Church, la casa natale di Rose Fitzgerald Kennedy e di Newbury Street, la via dello shopping per eccellenza con boutique esclusive, negozi d'antiquariato, gallerie d'arte e negozi davvero chic per gli amanti dello shopping! Qui troverete eleganti ristoranti italiani, macellerie, panetterie e piccole drogherie con prodotti esclusivamente made in Italy!
Il Centro culturale di Back Bay è da sempre Copley Square (la zona in cui terminerà la Maratona!) sempre affollata, piena di vita e spesso scenario di piacevoli concerti all’aperto. L’itinerario tracciato conduce infine sulla Union Street, dove al n. 41 si trova il più antico ristorante della città, l’Union Oyster House. Poi si arriva alla USS Constitution, la più antica nave armata degli Stati Uniti, mai sconfitta e mai affondata grazie al suo scafo ricoperto da tronchi di quercia. Da non perdere è anche la zona di Cambridge, il centro culturale di Boston che ospita la famosa Harvard University.

 ( Vedi sito  www.thfreedomtrail.org/maps).

 

GALLERIA DI IMMAGINI

  
 Camminare per le vie di questa città è come fare un viaggio nella storia americana… ogni via è caratterizzata da un’imponente architettura di tipo anglosassone e da un grande patrimonio di istituzioni culturali e accademiche. E’ una città ricca di storia, viene definita anche “The America’s Walking City”, “la città americana da girare a piedi”.

 

Una ricca città intellettuale. Con una superficie di 124 kmq., rappresenta la quinta area metropolitana più grande degli Stati Uniti, nonché uno dei più importanti centri intellettuali, economici, scientifici e cinematografici. Sono numerosi infatti i film ed i telefilm che ci permettono di intravvedere alcuni dei luoghi più significativi di un’area caratterizzata da storia, arte e natura. Tre parole per riassumere tutta la bellezza che sprigiona questa città affacciata sull’Atlantico, che grazie alla sua posizione geografica strategica, è diventata il principale punto di raccordo turistico e commerciale tra gli Stati Uniti e l’Europa.

Una immagine della Fairmont Coopley Plaza e dell’attentato di Boston, il momento dell'esplosione (foto Reuters) Atleti e pubblico provenienti da tutto il mondo ridotti a brandelli, sangue dappertutto. Orrore tra le  migliaia di spettatori sull’ultimo chilometro di una corsa che destinava i suoi proventi alle vittime della strage dei bambini di Newtown. 15 aprile 2013 - Torna il terrore in America. Due bombe sulla linea del traguardo della maratona di Boston sono esplose simultanee a 40 metri una dall’altra. Una terzo ordigno sarebbe deflagrato anche alla libreria Kennedy pochi minuti dopo. Le due esplosioni enormi  fra le tribune del pubblico sono avvenute mentre stanno passando 27.000 corridori nel pieno centro della città. Atleti e pubblico provenienti da tutto il mondo ridotti a brandelli, sangue dappertutto. Orrore tra le  migliaia di spettatori sull’ultimo chilometro di una corsa che destinava i suoi proventi alle vittime della strage dei bambini di Newtown. Nella Fairmont Coopley Plaza si scatena la paura, alcuni  alberghi vengono evacuati e le ambulanze fanno la spola con i feriti. L’emergenza in città produce l’ammassarsi di centinaia di persone sui marciapiedi e dentro ristoranti e bar mentre gli artificieri fanno brillare un terzo ordigno rivenuto sempre nella zona del traguardo.

GLOSSARIO

Gentrificazione: è un fenomeno secondo il quale le periferie urbane degradate da un punto di vista edilizio e con costi abitativi bassi, nel momento in cui vengono sottoposte a restauro e miglioramento urbano, tendono a far affluire  nuovi abitanti ad alto reddito e ad espellere i vecchi abitanti a basso reddito.
Laura Pagliardi 5AL

 

Fonte: http://www.lucianabenincaso.it/Bostonpagl.doc

Sito web da visitare: http://www.lucianabenincaso.it

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Boston

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Boston

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Boston