Antartide

Antartide

 

 

Antartide

Antartide

Introduzione e geografia

                  Il Polo Sud e i mari freddi che circondano questo continente ghiacciato, ospitano una moltitudine di esseri viventi.
In particolare, i mari antartici sono gremiti di vita, dai microscopici plancton ai più grossi animali mai vissuti sulla Terra, le balenottere azzurre.

L’Antartico è la zona fredda che circonda il Polo Sud; esso comprende, per una superficie totale di 45 milioni di kmq, un continente abbastanza vasto, ovvero l’Antartide (14 milioni di kmq circa), l’oceano che lo circonda, più piccoli arcipelaghi ed isole.
Abbastanza stranamente, il 70% dell’acqua dolce mondiale si trova congelata nella regione del Polo Sud.
Le terre antartiche non favoriscono la proliferazione di forme viventi dato il fatto che la maggior parte del territorio è costituita da deserto ghiacciato, o meglio è ricoperta da uno strato di ghiaccio di circa 2000 m di spessore in media; quest’ultimo nasconde il contorno del continente sottostante, che ha un’estensione molto minore, cioè 7 milioni di kmq circa.
E’ il luogo più freddo, ventoso e asciutto della Terra: è qui infatti che è stata registrata la più bassa temperatura mai rilevata, -88,3°C, e che si verificano meno precipitazioni che nel Deserto del Sahara (circa 5 cm all’anno).

Il clima e gli esseri viventi

Il clima rigido (la temperatura media è di –68,4°C) influenza gli organismi viventi direttamente, congelandoli, oppure essiccandoli, o ancora spazzandoli via dal punto dove si erano fissati.
Gli animali abitanti l’Antartide si sono invece adattati a queste condizioni di freddo estremo attraverso lo sviluppo di particolari caratteristiche volte a combattere il gelo.
Alcuni, come cetacei, foche e uccelli, sono dotati di uno strato isolante di grasso che serve a proteggerli dalle bassissime temperature; altri, come molti pesci ed insetti, hanno invece speciali componenti chimici nel sangue (proteine antigelo naturali).
Molti animali (come i pinguini e le foche) hanno una forma corporea compatta e pelle molto spessa per favorire il mantenimento del calore corporeo.
Gli uccelli, essendo spesso a contatto con le acque gelate antartiche, hanno inoltre piume impermeabili e isolanti.

Alcuni animali lasciano l’Antartide durante i mesi più freddi, da Giugno fino ad Agosto. Alcune specie di balene migrano verso acque più calde per riprodursi dopo aver mangiato enormi quantità di krill, microscopici crostacei, nelle acque antartiche.
Molti altri animali, invece, (come il pinguino Imperatore) rimangono al Polo Sud durante tutto l’anno.

Le specie vegetali

Le specie vegetali presenti in Antartide sono scarse, crescono molto lentamente e poche di esse superano i tre cm d’altezza; solo in zone particolarmente favorevoli il terreno si ricopre di vegetazione.
Le principali sono:

Le alghe.
Ovvero un gruppo di organismi fotosintetici caratterizzati da un’organizzazione strutturale molto semplice.
Le loro forme e dimensioni variano da specie a specie e, solo in Antartide, se ne possono trovare all’incirca 360 tra specie terrestri e d’acqua dolce.
Possono crescere, oltre che ancorate sui fondali marini, su rocce o semplicemente (per le alghe più piccole e quelle unicellulari) galleggiando o vagando liberamente trasportate dalle correnti.
Quelle microscopiche, principalmente le planctoniche, sono una parte essenziale delle catene alimentari degli habitat acquatici.

I muschi.
Prediligono le zone umide e acquitrinose per crescere e prosperano principalmente sul terreno, sulle rocce e sulle cortecce degli alberi, anche se si possono trovare pure specie acquatiche.
In Antartide è possibile trovarne 70-100 specie circa.
La struttura è formata da sottili fusticini e da foglie microscopiche, i muschi sono totalmente privi di tessuti vascolari e di vere e proprie radici (la funzione di supporto e di trasporto dell’acqua e dei sali minerali assorbiti dal terreno è svolta da strutture filamentose ipogee).

I licheni.
Sono gruppi di organismi formati dall’associazione simbiotica di un fungo e un’alga, in cui entrambe le specie ricevono un vantaggio.
Il fungo fornisce infatti all’alga una struttura che la protegge dalla disidratazione e da altre situazioni sfavorevoli, mentre l’alga sintetizza e libera un particolare carboidrato che viene assorbito e utilizzato dal fungo come nutrimento.
Solo nella regione antartica è possibile trovarne circa 400-500 specie.
Proliferano solitamente su cortecce, rocce o terreni poveri.
Il loro colore è dato dalla presenza di sostanze chimiche, sintetizzate esclusivamente da questi organismi, e le loro dimensioni variano da meno di 1 mm a più di 3 m di diametro.

Le fanerogame.
Si possono trovare solamente due specie: una graminacea e una cariofillacea, entrambe limitate alla zona più tiepida della penisola Antartica, quella affacciata al mare.

Le specie animali

Gli animali antartici si dividono in:

Uccelli

Il pinguino.
La maggior parte dei pinguini ha il petto bianco e la testa e il dorso neri. Molte specie presentano chiazze rosse, arancio o gialle sulla testa e sul collo.
Poiché hanno zampe corte poste molto indietro, a terra assumono un portamento eretto.
Proprio in Antartide e sulle isole subantartiche è possibile trovare il maggior numero di specie di pinguini; le specie più grandi sono il pinguino imperatore, che può raggiungere un’altezza di più di 120 cm, e il pinguino reale, alto da 91 a 97 cm.
A differenza delle altre specie, questi due pinguini hanno il dorso blu-grigio e presentano degli scudi rosso brillante o rosati ai lati del becco e delle grandi macchie arancio o gialle ai lati del collo.
Altre specie presenti al Polo Sud sono il pinguino di Adelia, quelli dal ciuffo dorato e crestato e il pigoscelide papua.
Sebbene discendano da progenitori in grado di volare, i pinguini si sono specializzati nel nuoto: le loro ali, tenute rigidamente tese, assomigliano alle pinne dei vertebrati nuotatori.
Diversamente dalla maggior parte degli uccelli, essi non hanno penne differenziate per svolgere funzioni diverse, ma sono coperti quasi uniformemente da piccole penne simili a scaglie.
Mentre un considerevole numero di uccelli effettua la muta durante quasi tutto l’anno, i pinguini cambiano tutte le penne in un periodo più breve, che può durare alcune settimane, ed alcune specie perdono anche gli strati esterni del becco.
La capacità di resistere al freddo è una delle maggiori risorse di questi animali e il pinguino imperatore, che è il più pesante (arriva a 27-32 kg), è il più attrezzato di tutti.
A terra solitamente camminano, saltellano o si lasciano scivolare sul petto, spingendosi con le ali e le zampe.
In acqua sono nuotatori agili e veloci; il loro unico mezzo di propulsione è rappresentato dalle ali natatorie, mentre le zampe sono usate esclusivamente come timoni.
I pinguini si cibano principalmente di pesci, crostacei, seppie e altri piccoli animali marini.
Sono uccelli gregari e si radunano in stormi anche in mare; sulla terraferma centinaia di migliaia di individui formano enormi colonie dove si radunano per riprodursi.
La maggior parte dei pinguini depone due uova per covata (di colore bianco o verdastro), solitamente in zone dove possono recarsi quotidianamente in mare per nutrirsi, e il periodo di incubazione varia da specie a specie.
In genere, le uova e i piccoli vengono accuditi da entrambi i genitori. Al momento della schiusa, la maggior parte dei pulcini è ricoperta di un piumaggio grigio fuligginoso; alcuni, tuttavia, hanno disegni bianchi e grigi.
I pulcini di alcune specie restano nella tana o le nido per tutto il periodo in cui vengono ancora nutriti dai genitori quindi, dopo aver raggiunto uno stadio di sviluppo nel quale non necessitano più di continue attenzioni da parte dei genitori, vengono radunati in zone dove aspettano il ritorno degli adulti andati in cerca di cibo.
I genitori sono in grado di riconoscere i propri pulcini fra migliaia. Dopo che il giovane pinguino ha cambiato il piumaggio e ha messo tutte le nuove penne, si tuffa in mare ed è in grado di badare a sé stesso.

L’albatro.
Si tratta di uccelli nomadi che passano mesi coprendo grandi distanze sulle acque oceaniche.
Dormono galleggiando sulla superficie dell’acqua, bevono acqua di mare e si nutrono di seppie o di altri piccoli animali marini.
Gli albatri tornano a terra solamente per riprodursi; essi nidificano nei pressi delle coste e di solito i nidi sono localizzati in una depressione del terreno, contenente un unico uovo.
I pulcini alla schiusa sono coperti da un piumaggio marrone e la loro crescita avviene lentamente.
Le specie maggiori sono: l’albatro urlatore, quello dalla testa grigia, quello dalle sopracciglia nere (una specie molto rara) e quello fuligginoso.
Il primo, il più importante, è un enorme uccello, con un’apertura alare di 3,4 m; il piumaggio dell’adulto è bianco con le punte delle ali nere, mentre i giovani sono color cioccolato e crescendo diventano via via più bianchi.

Il gabbiano.
Popola principalmente le coste in un numero imprecisato di specie, anche se molte di esse nidificano o si nutrono nell’entroterra.
Presenta ali molto lunghe, piedi palmati, becco adunco e dimensioni variabili tra i 30 e gli 80 cm.
Ad eccezione di qualche specie, il colore del piumaggio varia, nelle parti dorsali, dal grigio pallido al nero, e, nelle parti ventrali, dal bianco al grigio.
Nella stagione riproduttiva, sulla testa di diverse specie compare un cappuccio bianco, grigio o marrone scuro.
Molte specie con ali grigie hanno apici alari neri o grigi scuri, spesso con macchie bianche.
Negli immaturi il piumaggio è marrone o grigio variegato e le specie di grandi dimensioni possono impiegare anche quattro anni a raggiungere la propria colorazione adulta definitiva.

Lo stercorario.
E’ un uccello predatore, affine al gabbiano; è lungo dai 53 ai 58 cm e ha un forte becco adunco.
Il numero delle specie di stercorari presenti in Antartide è incerto, comunque è possibile riconoscere le specie maggiori, ovvero lo stercorario maggiore, caratterizzato da grosse chiazze bianche sulle ali (che permettono di distinguerlo dal gabbiano reale), e quello di Mc Cormick.

Altre specie minori di uccelli presenti in Antartide sono i cormorani antartici, i cormorani di Kerguelen, le sterne antartiche, le sterne di Kerguelen, i fulmari, le pispole delle Kerguelen, le pispole della South Georgia (l’unico uccello antartico in grado di cantare), le procellarie, i petrelli, i chioni e i codoni.

Crostacei

I krill.
Sono piccoli crostacei marini simili a gamberetti, che nuotano in banchi fittissimi nelle acque antartiche.
Alcune specie restano in prossimità della superficie, mentre altre si trovano anche a profondità di 2000 m.
Hanno una lunghezza media compresa tra gli 8 e i 70 mm e presentano arti dall’aspetto piumoso, che usano per filtrare le minuscole diatomee delle quali si cibano.
Generalmente emettono una forte luce verde-azzurra, che svolge un ruolo importante nell’accoppiamento.
Il krill vive in mare aperto e rappresenta un importante elemento delle catene alimentari: questi animali vengono, infatti, predati dai pesci, dagli uccelli e soprattutto da alcuni tipi di balene.

Il gamberetto.
Questo crostaceo varia per dimensioni da quelle di un piccolo insetto a più di 20 cm di lunghezza; si trova prevalentemente sui fondali bassi, dove si nutre di organismi sia animali che vegetali.
Alcune specie sono pelagiche e nuotano in mare aperto, raggiungendo anche profondità di 5000 m.
Dal punto di vista strutturale i gamberetti sono simili alle aragoste e ai gamberi di fiume, ma non hanno grosse chele e il loro corpo è appiattito lateralmente invece che in senso dorso-ventrale.
Solitamente questi animali sono trasparente o di colore verde o marrone. Hanno un addome muscoloso che contraggono nelle loro improvvise fughe all’indietro.
Hanno inoltre otto paia di appendici toraciche: le tre anteriori sono usate per l’alimentazione, mentre le cinque posteriori servono alla locomozione.
L’addome porta cinque paia di arti natatori e termina con una coda a forma di ventaglio.

Il granchio.
Pur essendo affine all’aragosta e al gambero, il suo sviluppo evolutivo lo ha portato a camminare servendosi di spostamenti laterali e a specializzarsi, oltre che nel nuoto, anche nello scavo.
Il corpo è per lo più coperto da un guscio chitinoso, detto carapace, dotato di una copertura cerosa.
L’addome ridotto è ripiegato sotto il corpo e serve come tasca per contenere le uova.
Il corpo segmentato del granchio ha diverse paia di appendici, di cui cinque servono per la locomozione e due come antenne sensorie.
Gli arti più vicini al capo portano delle chele, che vengono utilizzate per nutrirsi e per difendersi.
Presenta occhi composti e un buon senso della vista. Olfatto e gusto sono anch’essi molto sviluppati, consentendogli di identificare fonti di cibo.
Spesso il granchio raggiunge notevoli dimensioni e possiede un sistema nervoso relativamente complesso.
Inoltre resiste bene alle variazioni dell’ambiente esterno, riuscendo così a prosperare anche nelle zone più fredde.
Le abitudini alimentari possono variare molto a seconda della specie.

Il ragno di mare.
Vive solitamente in prossimità delle coste, movendosi sul fondale con zampe lunghe ed esili o strisciando fra la vegetazione e le colonie di animali marini; alcune specie sono parassite di altri invertebrati.
I ragni di mare sono ampiamente distribuiti e variano per dimensioni da 2 mm a più di 50 cm.
Sul capo hanno in genere due paia di occhi semplici, tre paia di appendici e una proboscide tubolare molto lunga, usata per succhiare i fluidi corporei di idrozoi e altri animali marini dal corpo molle.
Delle tre paia di appendici il primo serve alla presa del cibo e alla pulizia della bocca, localizzata all’estremità della proboscide; il secondo viene utilizzato per la deambulazione; il terzo è una struttura del maschio specializzata nel trasporto delle uova che vengono prelevate dalla femmina e accudite fino alla schiusa.
Il tronco allungato del tronco di mare è costituito da quattro segmenti, ciascuno dei quali è dotato di un paio di lunghe zampe articolate, su cui sono collocati gli organi sessuali. La porzione addominale è molto ridotta.

Oltre a questi crostacei sono presenti delle specie minori che, come loro, si rifugiano sotto lo strato di ghiaccio nei periodi più freddi.

Altri invertebrati marini

La stella marina.
E’ caratterizzata da braccia disposte secondo una simmetria radiale e da un particolare sistema di locomozione.
Da adulte le stelle marine più piccole hanno un’apertura massima di 1 o 2 cm, mentre le più grandi raggiungono i 65 cm. In genere la stella di mare ha un corpo alquanto rigido e si muove strisciando lentamente sui fondali.
La bocca è rivolta verso il basso e da essa si irradiano le braccia, generalmente in numero di cinque.
Ciascun braccio è dotato di file di pedicelli ambulacrali, che costituiscono un sistema di tubi riempiti di liquido e usati per strisciare, attaccarsi al substrato e nutrirsi.
La lunghezza delle braccia è variabile, e non è insolito trovare stelle marine con quattro, sei o più braccia, invece delle solite cinque.
La cute, coriacea e ruvida, è generalmente anche spinosa.
Gli animali possiedono inoltre un grande intestino, un complesso sistema di cavità corporee e un semplice sistema nervoso, privo di cervello.
Le stelle di mare hanno un senso del tatto, dell’odorato e del gusto ben sviluppato e rispondono anche agli stimoli luminosi. Si nutrono di una vasta gamma di sostanze; pochi animali si cibano invece di esse dato che non costituiscono un cibo appetibile né nutriente.

I calamari.

La regione cefalea è distinta e voluminosa e il cervello è relativamente ben sviluppato.
Il corpo, privo di conchiglia e sostenuto da uno scheletro cartilagineo, ha forma sferica o cilindrica e presenta due pinne laterali.
Dalla regione attorno alla bocca si dipartono otto braccia munite di ventose e due tentacoli contrattili che si espandono alle estremità; sui tentacoli si trovano quattro file di ventose circondate da anelli di uncini chitinosi.
I tentacoli contrattili sono usati per colpire la preda; una volta afferrata, viene passata alle braccia più corte che la trattengono mentre viene lacerata dalle forti mandibole.
Il calamaro nuota più velocemente di qualunque altro invertebrato, con un sistema di propulsione basato sulla rapida espulsione dell’acqua attraverso un imbuto situato nella cavità corporea.
Se inseguiti, questi molluschi possono emettere una nube di inchiostro nero.
Le diverse specie di calamari variano moltissimo per dimensioni: alcuni di essi, infatti, sono lunghi dai 30 ai 45 cm, mentre altri possono arrivare anche a più di 18 m.

L’anemone di mare.

Si tratta di una specie di polipo marino, dall’aspetto simile a quello di un fiore, con un corpo di forma cilindrica. Molte specie sono colorate e gli esemplari di grosse dimensioni possono raggiungere il diametro di 1 m.
Con un’estremità del corpo aderiscono alle rocce e ai coralli, mentre l’altra serve alla nutrizione, che avviene attraverso una bocca centrale, circondata da tentacoli armati di nematocisti.
La bocca, simile a una fessura, si apre in un breve esofago che porta nella cavità corporea.
Su ciascun lato della bocca è localizzato un poro che si apre in un solco ciliato, attraverso il quale scorre continuamente acqua.
La cavità corporea è suddivisa al suo interno da estensioni della parete, che aumentano la superficie disponibile per la secrezione dei succhi digestivi e per l’assorbimento delle sostanze alimentari e inoltre contengono le gonadi, responsabili della produzione di uova e spermatozoi.

La seppia.

E’ un cefalopode dotato di dieci braccia.
Di solito la sua dimensione varia dai 15 ai 25 cm; le specie più grandi possono, tuttavia, raggiungere i 60 cm.
In genere le seppie hanno corpo appiattito e braccia disposte a coppie intorno alla bocca. Un paio di braccia è più lungo degli altri e serve per catturare le prede. Normalmente le seppie nuotano servendosi di pinne sottili, ma per i movimenti più veloci, su brevi distanze, utilizzano il sifone, un organo tubolare situato dietro la testa, da cui emettono un forte getto d’acqua che funge da propulsore.
Dall’inchiostro che secernono quando si sentono minacciate si ottiene un pigmento marrone, mentre le ossa di seppia vengono impiegati in vari modi.

I coralli.

Sono invertebrati marini, caratterizzati da uno scheletro protettivo di carbonato di calcio o di materiale corneo.
Secernono, dalla metà basale del peduncolo dei singoli individui, carbonato di calcio, formando strutture rigide, alle quali gli animali si attaccano e in cui trovano riparo.
Nel disco orale appiattito in cima al peduncolo si trova un’apertura il cui margine è circondato da ciglia dall’aspetto piumoso e tentacoli che si estendono la notte.
La maggior parte delle scleractinie conduce vita coloniale, con alcune eccezioni rappresentate da individui solitari.
Generalmente i coralli coloniali possono crescere anche in acque profonde, a eccezione di quelli delle barriere, che si trovano solo in mari caldi e bassi, poiché devono vivere a profondità tali da poter essere raggiunti dalla luce solare. I prodotti zuccherini dei processi fotosintetici sono necessari alla sopravvivenza dei coralli.

Le spugne.

Dal punto di vista filogenetico, la spugna è un animale pluricellulare che probabilmente deriva dall’unione in colonie di singoli protozoi unicellulari; il rapporto della spugna con meduse e coralli non è, invece, del tutto chiaro. La spugna presenta una struttura primitiva, formata da uno strato esterno di cellule di rivestimento e da uno strato interno di cellule flagellate, che tappezzano la cavità interna dell’animale e vi fanno circolare l’acqua. Si alimenta facendo circolare l’acqua al proprio interno e trattenendo le particelle alimentari e l’ossigeno in essa presenti. L’acqua entra da pori laterali e  si riversa in cavità più o meno ampie. Quando la pressione interna alla spugna raggiunge una soglia critica, l’acqua viene espulsa attraverso una larga apertura posta alla sommità del corpo dell’animale.
La sua riproduzione può essere sia sessuata che asessuata.

Il plancton.

Questo termine viene utilizzato per indicare numerosi organismi di piccole dimensioni che vivono nelle acque marine.
I loro movimenti sono determinati dalle maree, dalle correnti e dai venti, poiché sono troppo piccoli per nuotare attivamente controcorrente.
Il plancton è diviso in due componenti: il fotoplancton e lo zooplancton. Il primo comprende batteri, alghe microscopiche e funghi e tra gli organismi più importanti annovera le diatomee, le crisofite, le alghe verdi e i cianobatteri. Il secondo include protozoi, piccoli crostacei, meduse, vermi e molluschi, nonché le uova e le larve di molte specie acquatiche; importanti gruppi di protozoi rappresentati nello zooplancton sono i dinoflagellati e i foraminiferi.
La densità del plancton varia a seconda della disponibilità di sostanze nutrienti e della stabilità dell’acqua.
Il fotoplancton viene consumato dallo zooplancton, che a sua volta costituisce l’elemento base di alcuni animali di dimensioni maggiori, quali pesci e mammiferi come la balenottera azzurra.
L’elevato contenuto proteico del plancton ha indotto alcuni scienziati a condurre ricerche sulla possibilità di impiegarlo come risorsa alimentare anche per gli esseri umani.
Oltre a questi invertebrati marini sono presenti: polipi, lumache di mare, nudibranchi, patelle, spugne marine e altre specie minori.

Insetti e aracnidi

Presenti in scarso numero di specie, è comunque possibile trovare moscerini Parochlus steineni (l’unico insetto alato originario dell’Antartide), ragni e acari, piccoli aracnidi dal corpo ovale che vivono sia negli oceani che sulla terraferma.

Pesci

Il merluzzo.
Il merluzzo comune presenta tre pinne dorsali, due pinne anali, una coda forcuta e un piccolo barbiglio sulla mandibola.
Generalmente, è un pesce di dimensioni moderate, ma può arrivare a una lunghezza di 1,8 m e a un peso di 90 kg.
Di colore grigio-verde o bruno-nerastro e a volte rosso, il merluzzo presenta un disegno screziato su testa, dorso e fianchi; è un vorace predatore che si nutre di aringhe, anguille e altri pesci che vivono in branchi.
Nei mesi invernali i merluzzi si riuniscono in gran numero per deporre le uova (4-7 milioni per ogni femmina). Le uova di alcune specie, che contengono una gocciolina d’olio che ne consente il galleggiamento. Per circa dieci settimane sono una componente del plancton. Poi, quando le larve raggiungono una lunghezza di circa 2 cm, vanno verso fondo.
Nel secondo anno di vita i giovani merluzzi cominciano a migrare e a cinque anni sono maturi sessualmente.

La razza.

Pesce cartilagineo caratterizzato dal corpo appiattito.
Le sue dimensioni possono variare in relazione alla specie, ma in genere la loro lunghezza è compresa tra i 60 cm e i 2 m. Anche l’aspetto è variabile; alcune di esse, per esempio, hanno la superficie dorsale cosparsa di macchie nere.
Gli involucri delle uova deposti dalla femmina sono lunghi quasi 30 cm.

La lampreda.

Presenta cute liscia e raggiunge una lunghezza di circa 90 cm. le forme adulte delle specie parassite vivono nutrendosi del sangue di altri pesci e a volte causano gravi danni negli allevamenti.
Ha una bocca circolare, priva di mascelle e dotata di una lingua simile a un pistone che, quando l’animale appoggia la bocca a un oggetto, viene tirata all’indietro generando una depressione: la lampreda resta, così, attaccata all’oggetto con un meccanismo simile a quello di una ventosa. Il margine interno della bocca e i bordi della lingua sono dotati di numerosi, piccoli denti cornei, con i quali la lampreda perfora la carne dell’ospite.
Le forme adulte non parassite non si nutrono, ma si riproducono e muoiono subito dopo la metamorfosi.
Su ciascun lato del corpo della lampreda si trova una fila di sette aperture, attraverso le quali avviene la respirazione.
Non ha uno scheletro osseo e il suo corpo trae sostegno principalmente dalla notocorda cartilaginea.
Nel periodo riproduttivo, il maschio e la femmina scavano un nido poco profondo, nel quale la femmina depone circa 62.500 uova.
Queste si schiudono in circa 2-3 settimane, e le larve vengono poi trasportate alla deriva, portate dalla corrente finché non si fermano in una zona delle acque tranquilla, dove si seppelliscono nel fango.
Le larve sono completamente diverse dall’individuo adulto: sono cieche e senza denti e hanno un diverso sistema di alimentazione. Una frangia di tentacoli circonda la bocca e fa da filtro, trattenendo le piccole forme di vita di cui si nutre la giovane lampreda.

L’anguilla

La maggior parte di questi animali non ha scaglie, ma è protetta da uno strato di muco viscido.
Le pinne dorsali e anali, che si estendono quasi dalla testa fino alla pinna caudale spesso assente, forniscono loro, durante il nuoto, gran parte della spinta.
La maggior parte delle specie non supera 1 m di lunghezza, ma in alcuni casi può arrivare anche fino a 3 m.
Nel periodo riproduttivo, pesci appartenenti a quest’ordine sono stati rinvenuti alla profondità di circa 430 m.
Dalle uova escono delle larve, trasparenti, appiattite e fogliformi, ben poco rassomiglianti alla forma adulta.
Esse si lasciano trasportare alla deriva sulla superficie dell’oceano per circa tre anni, durante i quali si nutrono di plancton; successivamente vanno incontro a metamorfosi e si trasformano in giovani anguille dal corpo cilindrico che si nutrono di pesci, crostacei e altri invertebrati finché non raggiungono le dimensioni dell’adulto.
Sono inoltre presenti, oltre a quelli sopraindicati, i pesci: ghiaccio, ladro, coccodrillo, drago, coda di rospo, etc…

Mammiferi

La foca.
La foca è un pinnipede di media taglia, dal pelo fitto e corto, con macchie in varie tonalità di grigio.
L’animale adulto è lungo circa 2 m e il suo corpo è molto massiccio; è privo di orecchie esterne, ha il collo corto e poco flessibile e ha gli arti anteriori poco sviluppati ma muniti di artigli che utilizza per aggrapparsi a rocce e ai ghiacci.
Le zampe posteriori non possono flettersi in avanti e nel nuoto compiono un movimento verticale come quello della coda di un delfino. 
Ha una dieta molto varia e si nutre prevalentemente di crostacei ed eterosomi che cattura sui fondali, come pure di invertebrati e pesci prelevati in acque di media profondità.
Le foche comuni sono gregarie e sulla terraferma si riuniscono in colonie che possono comprendere diverse centinaia di individui.
A differenza di altri pinnipedi, le foche comuni non giacciono in genere a stretto contatto le une con le altre, e cacciano quasi sempre da sole.
L’accoppiamento avviene di solito in acqua, e i piccoli nascono in un periodo compreso fra primavera e metà estate.
In Antartide è possibile trovare un gran numero di specie di foca oltre a quella comune, ma le principali da ricordare in particolare sono la foca leopardo, quella di Weddell, quella di Ross e quella cancrivora.

L’elefante marino.
L’elefante marino è così chiamato a causa della sua proboscide e delle grandi dimensioni; può raggiungere infatti una lunghezza di 6.7 m.
A causa dell’elevato valore commerciale dell’olio ricavato dal suo grasso, quest’animale fu oggetto di una caccia spietata che lo portò quasi all’estinzione.

Il leone marino.
E’ un animale appartenente, insieme all’otaria orsina, alla famiglia degli otaridi, ed è il più grande di essi:
i maschi adulti raggiungono una lunghezza di 3,5 m e un peso massimo di 1100 kg; le femmine sono invece molto più piccole, arrivando a pesare al massimo 350 kg.

Presenta un collo lungo e flessibile e piccolissimi padiglioni auricolari; le pinne posteriori, potendo essere flesse in avanti, gli consentono di sostenere il corpo sulla terraferma, dove si muove servendosi di tutti e quattro gli arti.

L’otaria orsina.
Facendo parte dello stesso sottordine di mammiferi marini, l’otaria ha anatomia molto simile a quella del leone marino, dal quale differisce per il folto sottopelo setoso della pelliccia.
Il maschio ha una colorazione prevalentemente marrone molto scuro, spesso sfumata di grigio sulle spalle; raggiunge la maturità sessuale all’età di circa sette anni.
Quando lo sviluppo è completo misura 2 m circa di lunghezza e pesa 250 kg.
La femmina è sessualmente matura all’età di tre anni e pesa in media 52 kg.
I maschi più grandi e più anziani possiedono harem che possono comprendere fino a 40 femmine e da cui scacciano i maschi rivali finché uno di questi non li sconfigge.
I maschi immaturi, invece, si riuniscono in spiagge lontano dai territori riproduttivi.
Nelle stagioni più fredde, solitamente migrano in cerca di zone più temperate.
Sono entrate recentemente in vigore alcune leggi di tutela sull’otaria orsina siccome fino a poco tempo fa stava per estinguersi dato il fatto che era molto ricercata per la sua pelliccia.

La balenottera azzurra.
E’ il più grande cetaceo, nonché la più grande creatura mai vissuta sulla Terra.
Può raggiungere una lunghezza di più di 29 m e le femmine adulte sono leggermente più lunghe dei maschi.
Vive in tutti gli oceani e compie ampie migrazioni, spostandosi dalle regioni tropicali o limitrofe, in inverno, fino ai margini delle banchise polari dell’emisfero antartico, dove passa l’estate e la maggior parte dell’anno.
Ha un colore grigio chiaro e bianco maculato, e nelle giornate di sole, quando nuotano sotto la superficie del mare, sembrano azzurre (chiaramente da questo fatto prendono il loro nome).
La screziatura presente sul dorso è caratteristica di ogni animale e viene utilizzata dai ricercatori per identificare ogni singolo individuo.
Ha una piccola pinna dorsale, localizzata in posizione posteriore, e si nutre avventandosi rapidamente su banchi di pesci o di invertebrati come piccoli crostacei (come ad esempio il krill: la balenottera azzurra, infatti, può consumarne fino a 2 tonnellate a pasto).
Appena l’acqua e il cibo entrano nella bocca, più di 60 pieghe della gola si espandono, e la sacca golare forma un’enorme borsa.
Quindi la balena chiude la bocca, lasciando un’apertura di circa 50 cm e spingendo fuori l’acqua attraverso 270-390 paia di fanoni neri, piatti e lucenti, che pendono dal palato e servono da filtro.
Il cibo è trattenuto sulla superficie interna dei fanoni e viene inghiottito solo quando l’acqua è stata espulsa.
Spesso le balenottere azzurre cacciano in coppia, servendosi l’una dell’altra per impedire la fuga alle prede.

Il capodoglio.

E’ il più grande dei cetacei odontoceti.
Il capodoglio compie lunghe migrazioni: per accoppiarsi e allevare i piccoli si sposta vicino all’equatore, mentre per nutrirsi ritorna in Antartide.
Ha una testa enorme, lunga fino a un terzo del corpo, la quale contiene un grasso oleoso probabilmente utilizzato per la trasmissione dei suoni, impiegati per l’ecolocalizzazione.
Nella parte inferiore della testa si trova una mandibola relativamente piccola e sottile, contenente una serie di denti conici che si incastrano in apposite cavità della mascella.
Il corpo del capodoglio è compresso lateralmente, con un unico sfiatatoio sulla parte anteriore sinistra della testa e una pinna dorsale, grossa e corta, che parte dal terzo posteriore del corpo.
La pelle dei capodogli è grigia o nera, tranne che sulle labbra e in corrispondenza delle macchie ventrali, e in alcune parti del corpo presenta caratteristiche pieghe.
Gli individui dei due sessi sono notevolmente diversi per dimensioni: una femmina adulta misura fino a 12 m, mentre il maschio adulto può arrivare anche a 18 m.
I capodogli si nutrono di pesci e calamari. Questi ultimi, in particolare, vengono cacciati fino a 1000 m di profondità, con immersioni che durano anche 45-60 minuti.
Una volta riemersi, i capodogli devono rimanere in superficie per 12-15 minuti, respirando regolarmente per ripristinare le scorte di ossigeno.
I capodogli si spostano generalmente in gruppi misti di femmine adulte con giovani e piccoli di entrambi i sessi, solitamente composti da una dozzina di individui.
I capodogli comunicano con suoni simili a schiocchi, emessi in forma di sequenze diverse per ogni animale, udibili a una distanza di almeno 10 km.
Solitamente i maschi adulti si spostano in gruppi di soli maschi e si uniscono ai gruppi delle femmine solo ai fini dell’accoppiamento.
La gestazione dura 15-16 mesi ed è forse la più lunga di tutti i cetacei. Al termine viene sempre partorito un unico piccolo, che è allattato per diversi anni, mentre cresce e impara a procurarsi il cibo da solo.

L’orca.

E’ la specie più grande appartenente alla famiglia dei delfinidi e probabilmente il cetaceo che vanta l’areale più esteso. Questi animali sono soprattutto neri o marrone scuro, con chiazze bianche ben visibili che si estendono dalla mandibola al ventre e sopra gli occhi, e una chiazza meno definita, bianco grigia, proprio dietro alla pinna dorsale. La femmina raggiunge una lunghezza di 8,5 m, mentre il maschio arriva anche a 9,8 m.
Tutte le orche hanno una grande pinna dorsale a metà del dorso e quella del maschio adulto continua a crescere, fino a diventare una “vela “ triangolare, alta fino a 1,8 m.
Anche le pinne natatorie sono caratteristiche e si distinguono da quelle di qualsiasi altro odontoceto.
Le orche si nutrono di pesci, calamari, uccelli marini (compresi i pinguini), pinnipedi e altri cetacei, e sono state osservate attaccare perfino una balenottera azzurra.
Le orche vivono in gruppi che comprendono da pochi individui fino a oltre i 50 e tendono ad aiutarsi nella caccia.
Capita spesso che questi animali si arenino sulle spiagge mentre si precipitano verso le coste per afferrare foche o leoni marini.
La loro è una società di tipo poliginia, nella quale un maschio “capobranco” si accoppia con diverse femmine.
Le orche si servono dell’ecolocalizzazione, attraverso schiocchi emessi ad alta frequenza che rimbalzano sulla preda o su altri oggetti e inviano all’animale un’eco che consente loro di “vedere” attraverso il suono; comunicano inoltre tra di loro emettendo schiocchi in rapida successione che suonano come stridii e urla.
Quando vanno a caccia di mammiferi marini, dotati di un ottimo udito sott’acqua, le orche possono rimanere eccezionalmente silenziose per ore.
Sono inoltre presenti in Antartide alcune specie minori di foche, balene e delfini.

 

Fonte: http://www.studenti.it/download/scuole_medie/Antartide.doc

Sito web da visitare: http://www.studenti.it

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Antartide

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Antartide

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Antartide