Capo Verde

Capo Verde

 

 

Capo Verde

CONFINI E TERRITORIO:
Capo Verde, è un arcipelago appartenente al Senegal, formato da dieci grandi isole e cinque piccoli isolotti.
L’arcipelago si divide in due gruppi: sopravento a nord e sottovento a sud.
A sopravento appartengono le isole di: Santo Antão, São Vicente, Santa Luzia, São Nicolau, Sal e Boa Vista.
A sottovento appartengono:  São Tiago, Brava, Fogo e Maio.
Capo Verde ha un origine vulcanica, ed è caratterizzato da rilievi, fatta eccezione per Sal, Boa Vista e Maio, tre isole pianeggianti.
Pico de Cano, è la vetta più alta (2829 m), situata nell’isola di Fogo, e costituisce l’unico vulcano attivo nelle isole.

CLIMA:
Capo Verde è caratterizzato da un clima tropicale secco, con lunghi periodi di siccità.
Con una temperatura media annua di 24°C, Capo Verde è bagnato dalle piogge nel periodo tra Agosto ed Ottobre.

FLORA E FAUNA:
La vegetazione è scarsa: solo le piante che resistono all’aridità di quei posti, possono sopravvivere.
Esempio di queste è l’aloe.
Anche la fauna è ridotta: l’arcipelago ospita solo lucertole, scimmie, capre selvatiche e molte specie di uccelli.

 

ORDINAMENTO DELLO STATO

Capo Verde  è una repubblica Indipendente dal 5 Luglio 1975. la sua capitale è Praia sull’isola di Sào Tiago. In base alla Costituzione del 1981, il Partito africano per l’indipendenza di Capo Verde (PAICV) era l’unico partito politico legale; il potere legislativo era affidato a un’Assemblea nazionale che eleggeva il presidente, a cui spettava il potere esecutivo. Le riforme introdotte nel 1990 hanno tuttavia posto termine al ruolo dominante del PAICV, permettendo votazioni libere e democratiche per l’elezione del presidente e del Parlamento. Durante le elezioni del gennaio 1991,  indette per nominare i 79 membri dell’Assemblea nazionale, il PAICV è stato sconfitto dal neonato Movimento per la democrazia (MPD). Le elezioni presidenziali del mese seguente hanno visto la sconfitta del presidente Aristides Pereira (in carica dal 1975) a opera del leader del MPD, Antonio Mascarenhas Monteiro. 1


ECONOMIA

L’ARCIPELAGO DI Capo Verde non ha un’economia molto sviluppata. A questo hanno contribuito la posizione strategica dell’arcipelago, e i disaccordi riguardanti la politica.
L’economia di Capo Verde è basata sulle colture di piantagione, la pesca ed il commercio di transito.
Il 43% della popolazione attiva è assorbita nel settore principale.
Nel 1999 il P.N.L. era di 569 milioni di dollari U.S.A., il P.N.L. pro capite era di 1.330 dillari U.S.A.
Circa la metà della popolazione si dedica all’agricoltura di sussistenza, ma il suolo, -di origine vulcanica– permette di coltivare solo nelle vallate; l’arativo invece, non raggiunge nemmeno il 10% della superficie territoriale.
Si ricavano solo minime quantità di mais, manioca,patate dolci, legumi e canna da zucchero, insufficienti per soddisfare le necessità interne. Per questo, la maggior parte della merce importata è costituita da prodotti alimentari, mentre vengono esportati solo banane e caffè.Un grave problema è quello della scarsità idrica, recentemente reso ancor più evidente dalla siccità, che ha colpito anche il bestiame (bovini, ovini, suini, e caprini).
Hanno anche una discreta importanza l’estrazione del sale e della pozzolana, e la pesca, che oltre a fornire il 30% del P.N.L., alimenta l’industria conserviera.
A riguardo di quest’ultima questa si ricordano alcune fabbriche per la lavorazione del tabacco, della canna da zucchero, distillerie di rum, cementifici….
Importanti, ma insufficienti sono gli aiuti esteri, usati soprattutto per potenziare le strutture idriche di questo piccolo Stato.
La politica economica mira ad una liberalizzazione del mercato tramite la privatizzazione delle imprese statali.
Per questo motivo, il governo nel 1993 ha autorizzato alcuni investitori stranieri ad occuparsi delle imprese passibili di privatizzazione.
Tuttavia Capo Verde, anziché verso l’Africa, ha rivolto il suo interesse verso Europa e Stati Uniti. Scarse sono le vie di comunicazioni: solo l’aeroporto di Espargos, ed il Porto Grande.

 

POPOLAZIONE

La popolazione è composta in prevalenza (71%) da creoli o mestiços. Discendenti dall’unione dei coloni europei con le popolazioni africane, mentre gli altri abitanti sono di ceppo africano. In base alle stime del 1998 la popolazione di Capo Verde è di circa 399.857 unità, con una densità media di 99 abitanti per km2. I tassi di incremento demografico sono sempre stati elevati; nel 1991, ad esempio, il tasso annuale ancora del 3,1%. Per questo motivo, e a causa delle ricorrenti siccità, l’emigrazione ha costantemente caratterizzato la vita delle isole e si è sistemato che più di 600.000 capoverdiani o loro discendenti vivano attualmente all’estero, più della metà risiedono negli STATI UNITI. Nei primi anni NOVANTA la speranza di vita degli abitanti di Capo Verde non superava i 68 anni di età.

La lingua ufficiale è il Portoghese, tuttavia viene abitualmente utilizzato il Crioulo, un dialetto creolo che unisce al portoghese molti elementi africani. Il 94% della popolazione professa la religione cattolica. La minoranza religiosa più considerata appartiene alla Chiesa Nazarena Protestante. I maggiori centri urbani sono Praia, la capitale (61:707 abitanti nel 1990), sull’isola di Sao Tiago, e Mindelo, principale porto e centro commerciale, sull’isola di Sao Vicente. 

 


STORIA

Le isole furono utilizzate come punti di approdo dalle imbarcazioni da pesca senegalesi, prima dell’arrivo degli europei, intorno al 1456. Furono  poi rivendicate da Portogallo nel 1460 che, poco dopo, le colonizzò. Nel 1495 l’arcipelago venne dichiarato possedimento della Corona portoghese e negli anni seguenti furono importati schiavi dal continente africano per coltivare la terra. Avendo raggiunto una discreta prosperità, le isole attirarono pirati e conquistatori stranieri (inglesi, olandesi e francesi) che le attaccarono ripetutamente nei secoli successivi. Nel 1876, quando fu abolito il commercio degli schiavi (per il quale le isole erano servite da porto di collegamento), la loro importanza diminuì sensibilmente, anche se la presenza di un porto per il carico del carbone e di una stazione sottomarina per comunicazioni via cavo presso Mindelo attrasse molte imbarcazioni fino alla prima guerra mondiale.
Il commercio riprese vigore intorno alla metà del XX secolo. Come altri possedimenti portoghesi in Africa, nel 1951 le isole furono designate come provincia d’oltremare. Dopo il colpo di stato in Portogallo, nell’Aprile del 1974 fu promessa dall’arcipelago L’autodeterminazione e le isole acquisirono l’indipendenza il 5 Luglio 1975. Sotto il primo presidente, Aristides Pereira, Capo Verde divenne uno stato monopartitico e non-allineato, ma fortemente dipendente dagli aiuti occidentali. Le riforme, entrate in vigore nel 1990, hanno permesso le prime elezioni presidenziali libere, vinte da Antonio Mascarenhas Monteiro nel 1991.

 

 

Fonte: http://www.bdp.it/intercultura/multicultura/documenti/capoverde.doc

Sito web da visitare: http://www.bdp.it

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

Capo Verde

  • Nome completo: Capo Verde (in portoghese: Cabo Verde)

 

  • Dove si trova (continente e confini): è un arcipelago di dieci isole di origine vulcanica, situato a circa 500 km dalle coste senegalesi nell'oceano Atlantico settentrionale, al largo dell'Africa occidentale.
  • Bandiera     Capo Verde – Bandiera

 

  • Superficie: 4033 km²

 

5) Popolazione (e come si chiamano gli abitanti): 450.000 abitanti. Non esiste una popolazione originaria di Capo Verde; tutta la popolazione è immigrata. La popolazione attuale di Capo Verde è proveniente da diversissime etnie, sia africane che europee, che si sono nei secoli completamente mescolate, creando un'etnia unica e del tutto a sé stante, che non ha eguali in Africa: la creola di Capo Verde.
6) Lingua: La lingua ufficiale dello Stato è il portoghese, ma molto diffuso è il creolo capoverdiano, una lingua creola derivata dal portoghese. In ognuna delle dieci isole di Capo Verde, si parla un Creolo differente, ma negli ultimi anni si sta cercando di attuare un processo di normatizzazione, si vuole cioè creare una norma.
7) Moneta: Escudo di Capo verde (CVE).
8) Forma di governo: Repubblica parlamentare.
9) Religione: cattolica (influenzata da credenze e culti indigeni) e protestante (Chiesa del Nazareno).
10) Fuso orario: GMT -1
11) Clima e quando è meglio andare: Il clima a Capo Verde è di tipo tropicale secco, con una temperatura media che oscilla tutto l'anno intorno ai 26 °C. Nelle isole montuose come Santiago, Santo Antão, São Nicolau e Fogo il sole domina quasi tutto l'anno, mentre il breve periodo delle piogge va da settembre ad ottobre. Boa Vista, Sal e Maio, offrono invece un clima nettamente più secco, dovuto ai venti caldi provenienti dal Sahara.
12) Fiumi Laghi Monti: L'arcipelago di Capo Verde è situato nell'Oceano Atlantico, 620 km a ovest della costa mauritana, e comprende 10 isole maggiori (9 delle quali abitate) e 5 isolotti, tutti di origine vulcanica e suddivisi in due gruppi insulari: il Barlavento (sopravento) a nord (Santo Antão, São Vicente, Santa Luzia, Ilheu Branco, Ilheu Raso, São Nicolau, Sal e Boa Vista) e il Sotavento (sottovento) a sud (Maio, São Tiago, Fogo e Brava). L'entroterra dell'isola principale, São Tiago, è montagnoso, ma la vetta più elevata, il monte Fogo (2840 m), si trova sull'isola di Fogo, che è stata scossa da un'eruzione vulcanica nel 1995. L'isola di Santo Antão è la più piovosa e di conseguenza è molto più verde delle altre.

13) Prodotti tipici e cucina: La cucina di Capo Verde è fondamentalmente portoghese, ma alcuni piatti sono tipici delle isole. Uno dei più insoliti e deliziosi è il pastel com diablo dentro (pasta con il diavolo dentro), un miscuglio di tonno fresco, cipolle e pomodori avvolto in uno strato di pasta fatta di patate bollite e farina di frumento, fritto e servito caldo. Un'altra specialità delle isole sono le zuppe. La più comune è il coldo de peixe (stufato di pesce), che viene arricchito di verdure e spezie e addensato con la farina di manioca. Fra gli altri piatti tipici figurano le bananas enroladas (banane avvolte in uno strato di pasta e fritte) e la manga de conserva (un miscuglio a base di spezie e frutta non zuccherato). La musica di Capo Verde incorpora influenze africane, portoghesi, caraibiche e brasiliane. Il genere musicale capoverdiano per eccellenza è la morna, una forma di canzone malinconica e lirica in genere cantata in creolo capoverdiano. Altri generi musicali molto popolari nel paese sono la coladeira, il Kizomba, la funaná e il batuque.

14) Sanità Malattie e Vaccinazioni: La situazione sanitaria è quella di un Paese in via di sviluppo, ma con minore incidenza di alcune malattie infettive. Le strutture sanitarie sono presenti soltanto nelle principali isole (Santiago, Sao Vicente), mentre per quanto riguarda le altre isole operano solamente strutture a livello di primo soccorso per trattamenti ambulatoriali. Per problemi sanitari di una certa entità si consiglia il rimpatrio immediato. Nei mesi da luglio a dicembre sull’isola di Santiago sono possibili focolai di malaria (malattia trasmessa dalla puntura di zanzare). Si consiglia pertanto di adottare, durante la permanenza nel Paese, misure preventive contro le punture di zanzara. Si consiglia, previo parere medico, la vaccinazione contro l’epatite A e B (i siti web governativi suggeriscono inoltre febbre gialla e tifo); di bere solo acqua minerale in bottiglia senza aggiunta di ghiaccio; di non mangiare verdure crude;di portare con sé medicinali specifici di frequente utilizzo, poiché esiste un concreto rischio che i farmaci reperiti in loco si rivelino contraffatti.

15) Capitale e città più importanti: la capitale è Praia. Mindelo, invece è la Capitale Culturale dell’arcipelago. Altar città importante è Santa Maria.

 

16) Dove andare e cosa fare:

  • São Tiago è l'isola principale e ospita la capitale del paese, Praia, che non è paragonabile per bellezza alla seconda città dell'arcipelago, Mindelo, ma è comunque un posto piacevole. Il centro di Praia è appollaiato su un pianoro roccioso noto con il nome di Platô ed è circondato da un'urbanizzazione selvaggia che si estende in tre direzioni. Le due spiagge cittadine, Praia Mar e Quebra-Canela, si trovano a ovest del centro.
    Un'interessante meta per un'escursione di mezza giornata da Praia può essere la Cidade Velha (Città Vecchia), la prima città costruita dai portoghesi sull'isola. Dal sentiero che sale al Fort Real de São Felipe si gode una meravigliosa vista del villaggio. La Città Vecchia si trova circa 10 km a ovest di Praia. A circa 20 km dalla capitale verso l'entroterra sorge il villaggio di São Domingos, nel cuore della regione agricola più vicina alla capitale. Qui troverete un paio di negozi che vendono prodotti artigianali. All'estremità settentrionale di São Tiago si trova il secondo insediamento dell'isola per grandezza, Tarrafal, famosa per le sue spiagge; la località è raggiungibile in autobus da Praia.

 

  • Sal. Questa pianeggiante isola desertica, che ospita l'aeroporto internazionale. Ed la più turistica delle isole dell’arcipelago. A Sal si possono fare alcune escursioni, come andare nelle famose saline, e approfittare di fare anche un bagno.
  • São Vicente è la seconda isola di Capo Verde per importanza e ospita la città più vivace di tutto l'arcipelago: Mindelo.

Fonte: https://travelsdaily.files.wordpress.com/2013/04/capo-verde-_barbara-bucchi.doc

Sito web da visitare: https://travelsdaily.files.wordpress.com

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

 

Capo Verde

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Capo Verde

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Capo Verde