Glossario significato dei termini utilizzati nella genetica

Glossario significato dei termini utilizzati nella genetica

 

 

Glossario significato dei termini utilizzati nella genetica

GLOSSARIO

 

Aberrazioni cromosomiche (o mutazioni cromosomiche)
Alterazioni del materiale genetico visibili al microscopio ottico. Comprendono le anomalie di numero e di struttura dei cromosomi. Possono essere a carico delle cellule germinali o somatiche e danno origine a fenotipi patologici detti rispettivamente costituzionali o acquisiti.

Acido desossiribonucleico
Vedi DNA.

Acido ribonucleico
Vedi RNA, hnRNA, mRNA, tRNA, rRNA.

Acrocentrico (cromosoma)
Detto di cromosoma con il centromero posto vicino ad una delle due estremita' del cromosoma stesso.

Adenina
Base azotata facente parte della coppia di basi Adenina - Timina

Allele
Una delle forme alternative di un gene che risiede in un dato locus sul cromosoma. Gli alleli occupano lo stesso locus sui cromosomi omologhi e rappresentano il genotipo di un determinato individuo a quel locus. Un individuo che possiede due alleli identici ad un determinato locus polimorfico e' definito, per tale locus, omozigote; se, invece, possiede due alleli diversi l'individuo e' definito eterozigote per quel locus.

Allele mutante
Allele che differisce dall'allele trovato nel tipo standard o selvatico.

Aminoacido
Unita' costitutiva delle proteine. Un aminoacido e' un composto organico contenente almeno un gruppo aminico (-NH2) ed un gruppo carbossilico (-COOH). Sono una delle classi di composti organici piu' importanti degli organismi viventi. Circa 20 a-L-aminoacidi si trovano a costituire, normalmente, le proteine. In un gene, una tripletta di tre nucleotidi adiacenti (codone) codifica per un aminoacido.

Amniocentesi
Prelievo di liquido amniotico che circonda il feto. L'amniocentesi a scopo di diagnosi prenatale viene generalmente effettuata nel secondo trimestre di gravidanza, tra la 16.ma e la 18.ma settimana. e consente di effettuare analisi citogenetiche, biochimiche e molecolari sulle cellule fetali in sospensione (derivate dalla cute e dagli epiteli del tratto gastrointestinale, respiratorio e genito-urinario).

Amplificazione
Aumento del numero di copie di una sequenza di DNA specifica che puo' avvenire sia in vitro che in vivo.

Anafase
Fase del ciclo cellulare mitotico e meiotico durante la quale i cromatidi migrano dalla piastra metafasica verso i poli del fuso.

Analita
Sostanza misurata da un test di laboratorio.

Aneuploidia
Aberrazione cromosomica numerica. La monosomia e la trisomia rappresentano esempi di aneuploidia.

Anticodone
Specifica tripletta di nucleotidi presente in ogni RNA transfer (tRNA) destinata a riconoscere una tripletta complementare (codone) presente sull'RNA messaggero (mRNA) durante la biosintesi delle proteine. Ciascun tipo di RNA transfer e' caratterizzato da uno specifico anticodone e può legare solo un dato tipo di aminoacido.

Antiparallelo
Termine usato per descrivere l'orientamento dei due filamenti complementari di una molecola di DNA a doppia elica, in cui all'estremita' 5' di un filamento corrisponde l'estremita' 3' dell'altro.

Aploidia
Condizione di una cellula caratterizzata dalla presenza di un singolo corredo cromosomico (n), cioe' contenente un elemento di ogni coppia di cromosomi omologhi. L' assetto cromosomico aploide delle cellule umane consta di 23 cromosomi.

Aplotipo
Combinazione di alleli di loci diversi sullo stesso cromosoma. Viene anche denominato combinazione gametica e nella popolazione puo' avere una frequenza maggiore o minore dell'atteso (vedi Linkage disequilibrium).

Associazione
In statistica, il verificarsi insieme di due o piu' fenomeni con frequenza maggiore di quella attesa per caso (cioe' del prodotto delle rispettive frequenze, o probabilita' composta). I fenomeni associati possono essere legati causalmente tra loro (es. associazione tra fattori di rischio e malattie), oppure avere cause comuni es. associazione tra gli elementi di una sindrome), ecc. In genetica il termine è talvolta utilizzato in luogo di concatenazione o linkage (vedi), oppure per indicare che in un gruppo di individui affetti da una certa malattia la frequenza di un determinato fenotipo (e quindi di un determinato gene) e' maggiore che in un campione di individui senza la malattia. In questa accezione, il termine associazone non implica necessariamente che i due geni siano localizzati sullo stesso cromosoma.

Autoradiografia
Tecnica che utilizza i raggi X per visualizzare molecole, o frammenti di esse, marcate radioattivamente.

Autosoma
Cromosoma non coinvolto nella determinazione del sesso. Una cellula diploide ha due copie di ogni autosoma. Le cellule somatiche umane possiedono 22 coppie di autosomi e due cromosomi sessuali (eterocromosomi).

 

Bandeggiamento (Tecniche di)
Insieme delle tecniche di colorazione speciale che permettono di analizzare e caratterizzare singolarmente i cromosomi. Un esempio e' il bandeggio C, che prevede la colorazione con colorante Giemsa di cromosomi denaturati ed evidenzia l'eterocromatina costitutiva presente a livello del centromero. Aberrazioni cromosomiche di una certa entita' quali delezioni, inversioni, traslocazioni sono spesso evidenziabili con tali metodiche, rendendo il bandeggiamento una tecnica di diagnosi citogenetica.

Basi azotate
Componenti fondamentali degli acidi nucleici (DNA e RNA), composte di anelli azotati. Possono essere distinte in purine (adenina e guanina) o pirimidine (citosina, timina o uracile nell'RNA). Legami idrogeno fra le basi azotate uniscono i due filamenti di DNA a doppia elica (vedi anche nucleotide).

Batteriofago
Virus che infetta cellule batteriche. In biologia molecolare, i batteriofagi vengono utilizzati come vettori di clonaggio.

Biotecnologie
Insieme di tecniche di biologia molecolare sviluppate attraverso la ricerca di base e ora applicate alla ricerca ed allo sviluppo di nuovi prodotti. In particolare si intende l'uso industriale del DNA ricombinante, la fusione cellulare e le nuove tecniche di bio-processamento.

Blastomero
Una delle cellule che derivano dalla divisione dello zigote (vedi), fino allo stadio di blastocisti.

 

Carattere
Caratteristica di un organismo riconoscibile secondo criteri di classificazione (caratteri qualitativi) o di misura (caratteri quantitativi). Un carattere ereditario viene definito dominante quando e' fenotipicamente espresso anche negli eterozigoti per il gene che lo controlla, recessivo quando Ë espresso fenotipicamente soltanto negli individui omozigoti per il gene che lo controlla, codominante quando gli individui eterozigoti esprimono fenotipicamente gli effetti di entrambi gli alleli.

Carattere ereditario monofattoriale (o mendeliano)
Caratteristica fenotipica determinata dall'espressione di un singolo gene.

Carattere ereditario multifattoriale
Caratteristica fenotipica risultante dall'azione congiunta di più geni e di fattori ambientali.

Cariotipo
Schema ordinato del corredo cromosomico di una cellula, nel quale i singoli cromosomi sono identificati in base alla loro morfologia e a caratteristici pattern di bandeggio, rilevabili mediante tecniche di colorazione specifiche.

cDNA
Vedi DNA complementare.

Cellula
Unita' morfologica e funzionale degli organismi viventi animali e vegetali, delimitata esternamente ed internamente da un sistema di membrane. Il comparto racchiuso dalla membrana cellulare e' divisibile, negli organismi eucarioti, in due componenti principali: il citoplasma, nella cui matrice sono contenuti gli organuli cellulari (ad esempio, mitocondri, reticolo endoplasmatico, apparato di Golgi) e il nucleo, circondato da un involucro a doppia membrana, contenente DNA e RNA (vedi procarioti ed eucarioti).

Cellula competente
Cellula in grado di far penetrare del DNA esogeno al proprio interno, risultandone così trasformata.

Cellule germinali
Vedi Linea germinale.

Cellule somatiche
Tutte le cellule che formano un organismo, escluse le cellule della linea germinale.

Centimorgan (cM)
vedi Unita' di mappa

Centromero
Regione eterocromatica di un cromosoma, localizzata in corrispondenza della zona visualizzabile nei cromosomi metafasici come costrizione primaria. Il centromero tiene uniti i due cromatidi fratelli e contiene il sito di attacco per le fibre del fuso durante la divisione cellulare.

Chiasmi
Punti di scambio della cromatina tra cromatidi non-fratelli evidenziabili in profase meiotica. Sono le regioni (a forma di croce) a livello delle quali si e' verificato il crossing-over.

Ciclo cellulare
Successione ciclica di fasi funzionali della cellula da una divisione cellulare a quella successiva. La Mitosi, o fase M (vedi), attraverso la separazione dei cromatidi fratelli, assicura che le due cellule figlie ricevano copie identiche di ciascun cromosoma del corredo diploide. L'intervallo tra una mitosi e la successiva, detto Interfase (vedi), si suddivide a sua volta in fasi diverse. Durante la fase G1 ogni cromosoma, e quindi ciascun allele, e' rappresentato da una sola doppia elica di DNA e si ha l'espressione di molti geni. Segue la fase S (sintesi), durante la quale avviene la duplicazione semiconservativa dell'intero patrimonio genetico. Nella fase G2 ogni cromosoma, e quindi ciascun allele, e' rappresentato da due doppie eliche di DNA, tra loro identiche, che si separeranno nella successiva fase M. Nei tessuti in quiescienza moltiplicativa le cellule sono considerate fuori ciclo (fase G0).

Citogenetica
Ramo della genetica che ha per oggetto lo studio morfologico della struttura, della topologia e della funzione dei cromosomi.

Citogenetica molecolare
Applicazione di metodiche molecolari alla Citogenetica (Vedi anche Ibridazione in situ).

Clonaggio
Produzione di un insieme di copie identiche (cloni) di molecole, cellule o organismi. 1) Isolamento di una cellula, e quindi delle cellule da questa derivate, a formare una linea cellulare di elementi identici tra loro (clonaggio cellulare). 2) Impiego delle tecniche del DNA ricombinante per inserire una specifica sequenza di DNA in un opportuno vettore, allo scopo di ottenerne la propagazione in numerose copie attraverso l'amplificazione clonale delle cellule in cui tale vettore e' stato inserito (clonaggio molecolare propriamente detto).

Clonaggio posizionale (positional cloning)
Strategia per clonare un gene attraverso la definizione via via piu' precisa della sua posizione in mappe genetiche e fisiche, fino all'identificazione della corrispondente sequenza di DNA in cloni genomici e/o di cDNA.

Clonazione
Generazione di un individuo con patrimonio genetico identico ad un solo individuo parentale, nel caso di organismi che si riproducono sessualmente. A tal fine, viene introdotto il nucleo diploide di una cellula somatica (in fase G0, vedi ciclo cellulare) in un gamete femminile privato del proprio nucleo.

Clone
Popolazione di cellule o organismi aventi lo stesso genotipo, in quanto derivati da un unico progenitore. Per estensione, in biologia molecolare il termine e' usato per indicare una colonia di microrganismi contenenti una specifica sequenza di DNA inserita in un vettore.

Codice genetico
Sistema di codificazione mediante il quale l'informazione genetica presente nel DNA sotto forma di sequenze nucleotidiche viene tradotta, tramite l'RNA messaggero (mRNA) e l'RNA transfer (tRNA), nel linguaggio aminoacidico delle proteine. Per codice genetico si intendono le regole di corrispondenza tra le possibili triplette (sequenze di tre nucleotidi adiacenti) ed i diversi aminoacidi codificati o i segnali di inizio e di fine della traduzione dell'mRNA. Ogni tripletta è detta codone: combinando i quattro nucleotidi tre a tre è possibile ottenere 64 (43) codoni diversi. Poichè sono necessarie solo 20 triplette per codificare i 20 diversi aminoacidi, si dice che il codice è degenerato: un aminoacido può essere codificato da più di una tripletta (ad esempio, l'alanina Ë codificata dai codoni GCA, GCC, GCG, GCU). Per molte delle triplette che codificano per lo stesso aminoacido le prime due basi sono costanti, mentre l'ultima puo' variare. I codoni UAA, UAG, UGA vengono chiamati codoni terminatori, in quanto segnalano la fine della traduzione in sequenza proteica di un mRNA. La tripletta AUG codifica per l'aminoacido metionina e specifica anche il sito di inizio della traduzione. Si parla di universalita' del codice perche' tutti gli organismi (tranne rare eccezioni) usano lo stesso codice genetico.

Codominante
(Carattere) Carattere ereditario per il quale gli individui eterozigoti esprimono fenotipicamente gli effetti di entrambi gli alleli.

Codone
Unita' del codice genetico costituita da una sequenza di tre nucleotidi adiacenti (tripletta) che, lungo una molecola di RNA messaggero, specifica un determinato aminoacido o un segnale di inizio o di terminazione della traduzione. Esistono 64 codoni diversi, originati combinando i quattro nucleotidi tre a tre (43).

Complementarieta'
Regola generale di appaiamento delle basi negli acidi nucleici per cui una adenina si appaia sempre con una timina (o un uracile nel caso dell'RNA) e una guanina si appaia sempre con una citosina (e viceversa).

Confondimento
In statistica, presenza di altri fattori o variabili che interferiscono con la possibilita' di identificare un particolare fattore come agente causale di un dato evento.

Consulenza genetica
Consulenza medica il cui intento e' quello di fornire ad individui o famiglie affetti o a rischio per determinate malattie genetiche informazioni riguardanti la malattia e/o il rischio di malattia.

Coppia di basi (basepair, bp)
Il piu' piccolo tratto di un acido nucleico a doppia elica, consistente in due basi (una per filamento) appaiate per mezzo di legami idrogeno. La coppia di basi e'usata come unita' di misura della lunghezza degli acidi nucleici a doppia elica.

Costrizione primaria
Regione localizzata a livello del centromero in cui il cromosoma appare assottigliato.

Costrizioni secondarie
Costrizioni costanti per posizione ed estensione, che differiscono dalle primarie per l'assenza, al loro livello, di una evidente angolatura dei segmenti cromosomici.

Cromatidi fratelli
I due cromatidi identici che si formano per duplicazione del cromatidio parentale durante la fase S (sintesi) del ciclo cellulare e rimangono uniti tra loro a livello del centromero. Nelle fasi successive della divisione nucleare, i due cromatidi si separano e vengono distribuiti ad ognuna delle cellule figlie.

Cromatidi non fratelli
Due cromatidi derivati rispettivamente da due cromosomi omologhi.

Cromatidio (o cromatide)
Uno dei due filamenti prodotti nella duplicazione di un cromosoma, uniti al centromero.

Cromatina
Complesso di acidi nucleici e proteine (istoni e proteine non istoniche), intensamente colorabile con coloranti basici, presente nel nucleo delle cellule in interfase.

Cromatina X (o corpo di Barr)
Cromatina, localizzata alla periferia dei nuclei interfasici ed osservabile esclusivamente nelle cellule somatiche femminili. Deriva da un processo di inattivazione di uno dei due cromosomi X. E' costituita da eterocromatina facoltativa. L'analisi della cromatina di Barr e' particolarmente utile in caso di aberrazioni a carico dei cromosomi X.

Cromomero
Specifica zona del cromosoma, intensamente colorabile, visibile soprattutto durante la profase meiotica. I cromomeri si trovano in posizione costante lungo i cromosomi e corrispondono a regioni in cui il filamento cromosomico e' piu' addensato.

Cromosoma
Unita'


discreta del genoma che contiene numerosi geni in sequenza lineare. Ciascun cromosoma e' composto da un'unica molecola di DNA a doppia elica (nella fase G1), o da due molecole identiche (nelle fasi G2 ed M) sotto forma di cromatina piu' o meno addensata. I cromosomi sono evidenziabili microscopicamente come entita' morfologiche soltanto durante mitosi e meiosi, e sono intensamente colorabili con coloranti basici. Il loro numero presente nel nucleo cellulare di una data specie animale o vegetale e' costante. Nelle cellule somatiche umane, i cromosomi consistono di 22 paia di autosomi piu' due cromosomi sessuali: due cromosomi X nelle femmine, un cromosoma X e un cromosoma Y nei maschi. In condizioni normali, quindi, ciascuna cellula somatica umana contiene 46 cromosomi (corredo diploide). Ciascun cromosoma possiede due cromomeri terminali e un centromero, dalla posizione dei quali dipende la forma del cromosoma stesso (vedi Cariotipo).

Cromosoma acentrico
Frammento di cromosoma privo di centromero. Questo tipo di cromosoma viene comunemente perso da una delle due cellule che lo ereditano durante la divisione cellulare perche' non e' attaccato alle fibre del fuso.

Cromosoma ad anello (ring chromosome)
Cromosoma strutturalmente anormale nel quale l'estremita' di ciascun braccio e' deleta e le due braccia si sono riunite a formare un anello. La presenza del centromero consente all'anello di segregare nelle cellule figlie, sia pure con un'elevata instabilita' che e' dovuta allo scambio tra i cromatidi fratelli. Infatti, dopo la divisione del centromero, all'anafase, il cromosoma che ha subito lo scambio diventa dicentrico, di dimensioni doppie e si perde, dando origine ad un mosaico (cromosoma ad anello/monosomia).

Cromosoma dicentrico
Cromosoma originatosi dalla fusione di due frammenti di cromosoma recanti ciascuno il centromero. I cromosomi dicentrici sono instabili alla divisione cellulare e possono rompersi quando i due centromeri migrano ai poli opposti durante la mitosi.

Cromosoma omologo
Ciascuno dei due cromosomi che si appaiano durante la meiosi I. Negli organismi diploidi le coppie di cromosomi omologhi sono formate da cromosomi con lo stesso corredo genico ma provenienti uno dalla cellula uovo e l'altro dallo spermatozoo.

Cromosomi sessuali
Cromosomi che portano l'informazione per la determinazione del sesso; sono comunemente chiamati X e Y. Nella specie umana, nelle femmine si hanno due cromosomi X, nei maschi un cromosoma X ed un cromosoma Y.

Crossing over
Scambio reciproco di sequenze nucleotidiche che avviene tra cromosomi omologhi durante la meiosi. Il crossing over e' responsabile della ricombinazione genetica. Da un punto di vista citologico, il tratto di cromosoma su cui avviene un crossing over e' visualizzabile in alcune strutture definite chiasmi (vedi). Il principale meccanismo ipotizzato per spiegare il fenomeno del crossing over e' conosciuto come rottura e riunione.

Crossing over ineguale
Meccanismo responsabile di riarrangiamenti genomici in seguito ad appaiamento errato tra sequenze omologhe, per struttura ma non per posizione di due cromosomi omologhi. L'appaiamento errato, puo' essere favorito dalla somiglianza tra corte sequenze di basi, in posizioni non omologhe, o da una preesistente duplicazione genica, piu' o meno estesa. Un crossing over nella regione mal appaiata puo' portare a duplicazione in alcuni gameti e a delezione in altri, e favorisce ulteriori eventi di crossing-over diseguale, con formazione di triplicati ecc.

Crossing over somatico
Crossing over che si verifica nel corso della mitosi di cellule somatiche.

 

Degenerazione del codice genetico
Presenza nel codice genetico di piu' codoni (triplette diverse) che codificano per uno stesso aminoacido.

Delezione
Perdita di una porzione di genoma di dimensioni variabili: da un singolo nucleotide, ad uno o piu' geni, ad un segmento di cromosoma (delezione cromosomica). La delezione cromosomica puo' essere terminale o interstiziale, a seconda se viene perduto un tratto posto all'estremita' o all'interno del cromosoma.

Denaturazione
Relativamente agli acidi nucleici, indica la transizione da una struttura a doppia elica ad uno stato a singolo filamento. Sperimentalmente, la denaturazione si induce mediante innalzamento di temperatura o trattamento degli acidi nucleici con soluzioni a pH estremo.

Differenziamento cellulare
Comparsa di caratteristiche differenziali (morfologiche e funzionali) in cellule inizialmente identiche, in quanto derivate da un elemento progenitore comune. Tale processo avviene di regola nel corso dello sviluppo embrionale ed e' alla base dell'istogenesi e dell'organogenesi; nella vita postnatale sussistono importanti processi di differenziamento in alcuni tessuti (quali, ad es., midollo osseo, testicolo). Gli elementi indifferenziati dispongono di un ampio ventaglio di potenzialita', mentre quelli differenziati hanno un destino determinato.

Diploidia
Condizione di una cellula o di un organismo che possiede due corredi completi di cromosomi omologhi (2n), ognuno dei quali corrispondente al corredo aploide (n). Le cellule somatiche umane contengono 46 cromosomi (corredo diploide), cioe' 23 coppie, ciascuna composta da un cromosoma di origine materna e da uno di origine paterna.

Dizigotico
Vedi Gemelli dizigotici

DNA (acido desossiribonucleico)
Molecola che codifica l'informazione trasmessa ereditariamente. Il DNA e' costituito da due filamenti composti da desossiribonucleotidi, uniti da legami idrogeno fra le coppie di basi complementari affrontate (adenina con timina, citosina con guanina) ed avvolti in senso opposto (antiparallelo) l'uno rispetto all'altro a formare una doppia elica. La replicazione del DNA e' di tipo semiconservativo: le due molecole figlie posseggono ciascuna un filamento della molecola madre e uno neosintetizzato. Il DNA costituisce il genoma di tutti gli organismi, esclusi alcuni virus ad RNA. (Vedi anche basi azotate; complementarieta'; doppia elica).

DNA complementare
1) DNA copia (cDNA): molecola di DNA prodotta sullo stampo di un RNA ad opera dell'enzima DNA polimerasi RNA-dipendente o trascrittasi inversa (vedi). Il primo filamento di cDNA cosi' prodotto puo' essere convertito in un filamento a doppia elica ad opera della DNA polimerasi, quindi clonato con le metodiche del DNA ricombinante. 2) Catena di DNA la cui sequenza polinucleotidica e' antiparallela e complementare a quella di un'altra catena di DNA.

DNA fingerprinting (tipizzazione del DNA; impronta genetica)
Tecnica basata sulla analisi dei numerosi loci ipervariabili presenti nel genoma umano e che permette di ottenere l'impronta genetica, in genere caratteristica di ogni individuo. Un locus ipervariabile, noto come DNA mini- o microsatellite, consiste in una serie di ripetizioni di una breve sequenza nucleotidica il cui numero varia da allele ad allele, cosicche' il numero delle ripetizioni presenti nel genoma di ciascun individuo costituisce una particolare caratteristica genetica (l'impronta genetica) di questo. La variabilita' individuale a livello dei loci (polimorfismi) del DNA mini- e microsatellite viene determinata mediante PCR (vedi), o piu' raramente, attraverso digestione con enzimi di restrizione. Il quadro e la lunghezza dei frammenti di restrizione cosi' ottenuti sono una funzione del numero di ripetizioni presenti. L'analisi del numero variabile di ripetizioni in tandem (variable number of tandem repeats, VNTR) rappresenta uno dei principali mezzi per la tipizzazione del DNA.

DNA polimerasi
Enzima che opera la duplicazione del DNA per incorporazione di desossiribonucleotidi trifosfati in processi di replicazione cellulare, ricombinazione e riparo del DNA.

DNA polimerasi RNA-dipendente
Vedi Trascrittasi inversa.

DNA ricombinante
Molecola di DNA modificata con tecniche dell'ingegneria genetica, in modo da contenere una o piu' sequenze nucleotidiche diverse rispetto alla molecola originaria. Le diverse sequenze polinucleotidiche presenti all'interno di una molecola di DNA ricombinante provengono generalmente da organismi di specie differenti. Le tecniche di DNA ricombinante permettono di tagliare segmenti di DNA dal genoma di una cellula ed inserirli mediante un vettore in altre cellule, le quali possono replicare il segmento durante la replicazione cellulare. (Vedi anche ingegneria genetica, tecnologia del DNA ricombinante).

DNA ripetitivo
Sequenze di DNA ripetute molte volte nel genoma di organismi eucarioti. Possono essere classificate in due categorie, che risultano diverse per localizzazione, numero delle ripetizioni e lunghezza del tratto ripetuto: a)sequenze semplici ripetute in tandem o DNA satellite, ricche in adenina e timina, ripetute migliaia di volte in tandem, di cui sono esempi le sequenze alfoidi (localizzate nelle regioni centromeriche di tutti i cromosomi) e i minisatelliti; b)sequenze ripetitive disperse, sequenze disperse in tutto il genoma e che possono essere localizzate tra un gene e l'altro, all'interno di un gene o nel mezzo di DNA satelite; esistono elementi corti e altri piu' lunghi, chiamati rispettivamente SINE e LINE (Short e Long INterspersed Elements). Nell'uomo predominano tra le SINE la famiglia Alu e tra le LINE la famiglia L1.

DNasi (desossiribonucleasi o deossiribonucleasi)
Enzima che catalizza l'idrolisi del DNA.

Dominante, Carattere
. Carattere ereditario espresso fenotipicamente anche negli individui eterozigoti per il gene che lo controlla.

Doppia elica
Struttura tridimensionale del DNA a doppio filamento, inizialmente proposta da Watson e Crick (1953), costituita da due catene polinucleotidiche di DNA conformate ad elica destrorsa, avvolte attorno allo stesso asse per formare la doppia elica. Le due catene sono antiparallele, cioe' i loro legami 3',5'-fosfodiestere hanno verso opposto. Le basi azotate di ciascun filamento, sono situate all'interno della doppia elica con i piani molecolari paralleli tra loro e perpendicolari all'asse della molecola. Le basi di una catena sono appaiate, mediante ponti a idrogeno, con quelle dell'altra catena e l'appaiamento e' possibile solo per le coppie adenina-timina e guanina-citosina (complementarieta').

Dose genica
Numero di copie di un gene presenti nel genoma.

Duplicazione
1) Duplicazione cromosomica: aberrazione cromosomica consistente nella duplicazione di un segmento di un cromosoma, che e' quindi presente due volte nel genoma aploide. 2) Duplicazione genica: e' la duplicazione di un gene o di un suo segmento e si verifica soprattutto attraverso crossing over ineguale; porta alla comparsa di due copie di un gene, una delle quali e' libera di modificarsi per mutazione, trasformandosi nel tempo in un gene diverso da quello originario.

 

Effetto di posizione
Diverso tipo di espressione di un gene in funzione della posizione occupata dal gene stesso all'interno del cromosoma e dei rapporti con geni limitrofi. Eventi mutazionali quali delezioni, inversioni o traslocazioni possono avvicinare o allontanare sequenze nucleotidiche precedentemente contigue e pertanto modificare anche drasticamente l'espressione di geni coinvolti in tali riarrangiamenti cromosomici.

Elemento trasponibile
Vedi Trasposone

Elettroforesi
Tecnica mediante la quale, molecole dotate di carica elettrica (come proteine o acidi nucleici), vengono separate mediante applicazione di un campo elettrico ad una matrice porosa inerte (ad esempio, poliacrilamide o agarosio).

Emizigosi
Condizione di un gene presente in singola copia in organismi diploidi.

Enzima di restrizione (o endonucleasi di restrizione)
Enzima di origine batterica, in grado di tagliare il DNA in corrispondenza di specifiche sequenze nucleotidiche di riconoscimento dette siti di restrizione. Le endonucleasi di restrizione vengono largamente impiegate nella tecnologia del DNA ricombinante.

Eredita' citoplasmatica
Modalita' di trasmissione ereditaria di tipo materno, propria dei caratteri controllati dal genoma mitocondriale (vedi mitocondrio).

Eredita' mendeliana
Modalita' di trasmissione ereditaria dei caratteri controllati da un solo locus, per i quali valgono le leggi di Mendel.

Esone
In un gene discontinuo, segmento di DNA genomico che si ritrova nell'mRNA maturo (vedi anche splicing).

Esonucleasi
Enzima idrolitico che scinde le molecole di acidi nucleici in corrispondenza delle loro estremita'.

Espressione
Manifestazione fenotipica dell'azione di un gene.

Espressivita'
Intensita' della manifestazione fenotipica di un dato gene in un determinato individuo, considerata rispetto al fenotipo normale e misurata in termini qualitativi o quantitativi. L'espressivita' di un gene dipende da numerosi fattori, tra cui l'eta' e il sesso del soggetto, gli effetti ambientali e quelli dovuti all'espressione di altri geni.

Eterocromatina
Stato della cromatina, caratterizzato da sequenze ripetute molto condensate e facilmente evidenziabili con coloranti basici. L'eterocromatina puo' essere: a) costitutiva (come quella dei centromeri), non espressa e si presenta costantemente in un dato organismo, indipendentemente dal tipo di cellula e dal livello di attivita' trascrizionale di questa; b) facoltativa, che puo' acquisire i caratteri dell'eucromatina a seconda del tipo di cellula e del suo stadio differenziativo.

Eterogeneita' genetica
Si parla di eterogeneita' genetica quando geni diversi sono responsabili di fenotipi simili. Si parla di eterogeneita' allelica quando si tratta di mutazioni diverse a carico dello stesso locus, e di eterogeneita' di locus quando le mutazioni sono a carico di loci diversi.

Eterozigote
Portatore di due alleli diversi per un dato gene allo stesso locus sui due cromosomi omologhi.

Eucariote
Cellula o organismo animale o vegetale caratterizzati da una netta delimitazione tra nucleo e citoplasma. Il genoma e' suddiviso in cromosomi contenuti nel nucleo e separati dal citoplasma dalla membrana nucleare; i geni possono essere intercalati da sequenze nucleotidiche non codificanti (introni); vi sono tre differenti RNA polimerasi, ciascuna con diverse specificita' trascrizionali; il citoplasma contiene diversi organelli delimitati da membrane, alcuni dei quali (mitocondri e cloroplasti) possono avere genomi e sistemi di espressione propri.

Eucromatina
Stato della cromatina che, a differenza dell'eterocromatina, contiene una quantita' maggiore di proteine non istoniche ed e' costituita da DNA scarsamente ripetitivo ed attivamente trascritto. L'eucromatina e' ben evidenziabile con coloranti basici quando i cromosomi sono in metafase.

Euploidia
Condizione di una cellula o di un organismo caratterizzati da un numero di cromosomi corrispondente ad un multiplo esatto del corredo aploide (2n, 3n, 4n, ecc.).

 

Fase di lettura
La sequenza con cui viene letto il set di triplette nucleotidiche che compongono una molecola di DNA.

Fase di lettura aperta (Open Reading-Frame)
Fase di lettura non interrotta da codoni di stop.

Fattori di suscettibilita'
Insieme di fattori che concorrono a determinare la suscettibilita' ad una data patologia, la cui insorgenza e' dovuta a piu' cause concomitanti (multifattoriale).

Fenotipo
Insieme delle caratteristiche morfologiche e funzionali di un organismo determinate dal suo genotipo e modulate dall'ambiente.

Fuso mitotico
Struttura formata da microtubuli che si costituisce all'inizio di ogni divisione cellulare e si disgrega alla fine della mitosi. Il fuso mitotico presiede all'orientamento dei cromosomi ed alla loro distribuzione nelle due cellule figlie.

 

Gamete
Cellula di tipo riproduttivo (uovo o spermatozoo) con corredo cromosomico aploide. Il gamete e' il prodotto finale della gametogenesi (spermatogenesi nel maschio, ovogenesi nella femmina). Durante la fecondazione il gamete maschile (spermatozoo) si unisce con quello femminile (cellula uovo) per dare origine ad uno zigote diploide destinato a svilupparsi in un nuovo individuo.

Gemelli dizigotici
Gemelli originati dalla fecondazione di due cellule uovo da parte di due differenti spermatozoi. Dal punto di vista genetico tra due gemelli dizigotici esiste la medesima relazione che intercorre tra fratelli o sorelle.

Gemelli monozigotici (identici, uniovulari)
Gemelli originati da un unico zigote per divisione dell'embrione in uno stadio precoce del suo sviluppo. Questi gemelli, derivando da un singolo uovo fecondato, sono geneticamente identici e percio' anche dello stesso sesso.

Gene
Unita' fondamentale, fisica e funzionale, dell'eredita', che trasmette le informazioni da una generazione alla successiva. Un gene occupa una posizione definita e fissa (locus) su un particolare cromosoma. Da un punto di vista biochimico, un gene e' una sequenza polinucleotidica di DNA che viene trascritto in un RNA messaggero a sua volta tradotto in proteina; e' composto da una sequenza codificante e da una regolativa.

Gene continuo
Gene in cui tutta la sequenza del DNA codifica la proteina corrispondente e quindi privo di introni. Sono continui i geni degli organismi procarioti.

Gene discontinuo
Gene la cui sequenza di DNA e' interrotta da uno o piu' segmenti polinucleotidici che non codificano alcuna proteina (introni). I segmenti di DNA trascritti nell'RNA messaggero, utilizzato per la sintesi della proteina codificata, sono noti come esoni. La maggior parte dei geni degli eucarioti sono discontinui.

Geni oncosoppressori
Geni coinvolti nel controllo della proliferazione cellulare che hanno la funzione di modulare negativamente l'espressione dei proto-oncogeni. L'inattivazione, per mutazione o delezione, di entrambi gli alleli di un oncosoppressore porta alla rimozione dei segnali negativi per la proliferazione e all'abnorme espressione dei proto-oncogeni, con conseguente epressione del fenotipo tumorale.

Genetica
Termine coniato da William Bateson nel 1906 per indicare lo studio della genesi delle forme degli esseri viventi e della loro riproduzione e successivamente divenuta un ramo delle scienze naturali che studia la struttura e la funzione dei geni, i caratteri da essi controllati, le modalita' della loro trasmissione e la loro distribuzione all'interno di gruppi di popolazione.

Genetica di popolazione
Ramo della genetica che studia i genomi delle popolazioni, la frequenza e la distribuzione dei geni all'interno di popolazioni, o di gruppi di individui, ed i fattori che ne cambiano le frequenze geniche.

Genetica inversa (reverse genetics)
Modalita' di analisi genetica che procede dal gene al fenotipo, cioe' con percorso inverso rispetto alla genetica classica.

Genetica medica
Ramo della genetica e della medicina che si occupa dello studio, della diagnosi e del trattamento delle malattie ereditarie o di malattie almeno in parte causate da anomalie genetiche.

Genetica molecolare
Analisi genetica condotta a livello molecolare.

Genetica umana
La genetica dell'uomo. Riguarda sia obiettivi di interesse clinico, che variazioni fisiologiche del fenotipo.

Genoma
Patrimonio genetico completo di un individuo.

Genoteche (o librerie)
Collezione di frammenti di DNA di varie dimensioni, che rappresentano l'intero genoma di un organismo (genoteche genomiche), le sequenze nucleotidiche relative ad un unico cromosoma (genoteche cromosomiche) o la copia degli RNA messaggeri presenti in un certo tipo cellulare o tissutale (genoteche di cDNA). Tali frammenti di DNA sono inseriti in vettori (plasmidi, plasmidi P, batteriofagi, cromosomi artificiali di lievito).

Genotipo
Costituzione genica di un individuo, o piu' specificamente gli alleli presenti ad ogni particolare locus.

Genotossico
Agente capace di danneggiare il DNA.

 

Home brew
Reagenti, o combinazione di reagenti, preparati in un laboratorio o comprati o ottenuti da un'altra organizzazione, usati per test clinici e non venduti ad altri laboratori.

"Hot spot"
Regione di DNA in cui la frequenza di ricombinazione o di mutazione e' molto superiore rispetto alla frequenza media di regioni con grandezza simile.

 

Ibridazione
1) In genetica molecolare: formazione di doppie eliche stabili tra sequenze nucleotidiche complementari per appaiamento delle basi secondo il modello di Watson e Crick. L' efficienza dell' ibridazione tra due sequenze di DNA, di RNA oppure tra una di DNA e una di RNA e' un indice del loro grado di omologia. 2) Incrocio di due cellule, di due individui o di due popolazioni geneticamente diverse appartenenti alla stessa specie (ibridazione intraspecifica) o a specie diverse (ibridazione interspecifica).

Ibridazione in situ
Tecnica di ibridazione utilizzata per localizzare sequenze di acidi nucleici su cromosomi, nuclei e citoplasma. Consiste nell'ibridare sul preparato citologico specifiche sonde marcate. Le sonde possono essere cromosoma-specifiche e quindi in grado di evidenziare l'intero cromosoma (painting cromosomico) o specifiche regioni di cromosoma (per esempio, sequenze clonate da geni o sequenze ripetute in tandem come le sequenze alfoidi), o sequenze per identificare la localizzazione di specifici RNA nel citoplasma. Le sonde possono essere marcate con isotopi radioattivi o piu' frequentemente con fluorocromi ed in quest'ultimo caso si parla di ibridazione in situ a fluorescenza (FISH). La FISH rappresenta oggi la tecnica piu' diretta per il mappaggio genico, in quanto puo' facilmente definire la posizione sui cromosomi di qualunque gene clonato. Tra le altre principali applicazioni ricordiamo la caratterizzazione di duplicazioni, microdelezioni, traslocazioni, e la individuazione di anomalie cromosomiche numeriche sui nuclei in interfase.

Idiogramma
Rappresentazione schematica del cariotipo di un individuo in cui le coppie di cromosomi omologhi vengono disposte in ordine di grandezza decrescente.

Incidenza
In epidemiologia corrisponde al rapporto (o tasso) fra il numero di individui che, in una popolazione ed in un periodo di tempo dati, sviluppano una certa malattia e il numero totale di individui della popolazione a rischio di contrarre la malattia. Diversamente dalla prevalenza (vedi), l'incidenza fornisce quindi il tasso dei nuovi casi e quindi l'andamento di una malattia in una popolazione.

Ingegneria genetica
Complesso delle tecniche e delle conoscenze volte alla manipolazione dei geni di organismi procarioti ed eucarioti e all'introduzione di questi in altri organismi in cui normalmente sono assenti, in condizioni in cui siano in grado di svolgervi le loro funzioni biologiche. Tra le varie applicazioni vi sono l'allestimento di vaccini vivi e attenuati, la produzione di anticorpi monoclonali, l'inserzione nel genoma di procarioti di geni che codificano per la sintesi di sostanze quali antibiotici, ormoni, ecc. (vedi anche DNA ricombinante, ingegneria genetica).

Inserto
In ingegneria genetica, rappresenta il segmento di DNA estraneo inserito in un vettore.

Integrazione
Inserzione di un frammento di DNA virale o di altro tipo in un genoma ospite covalentemente unito, ad entrambi i lati, alle sequenze nucleotidiche dell'ospite.

Interfase
Periodo del ciclo cellulare che intercorre fra due successive divisioni mitotiche. Schematicamente l'interfase e' suddivisa in tre periodi successivi chiamati G1, S, G2: durante la fase S avviene la sintesi del DNA che verra' successivamente ripartito tra le due cellule figlie nel processo di mitosi (vedi Ciclo cellulare).

Introne
Segmento non codificante di un gene, inizialmente trascritto in RNA e successivamente rimosso dal trascritto primario durante il processo di splicing.

Inversione
Aberrazione cromosomica strutturale che origina da due rotture sul cromosoma, successiva rotazione di 180 gradi del tratto compreso tra le rotture e sua reintegrazione nel cromosoma stesso. Le inversioni sono pericentromeriche se comprendono la regione del centromero e le rotture si verificano sul braccio corto e sul braccio lungo del cromosoma o paracentromeriche se non comprendono la regione del centromero e le due rotture si verificano sullo stesso braccio cromosomico.

Istone
Proteina basica che forma l'unita' attorno alla quale il DNA si avvolge dando luogo al nucleosoma, unita' costitutiva dei cromosomi eucariotici.

 

kb
Abbreviazione per kilobase: unita' di misura corrispondente a 1000 coppie di basi azotate di DNA o mille basi di RNA.

 

Linea germinale
Serie delle cellule germinali, a partire dai precursori germinali fino ai gameti maturi, spermatozoi e cellule uovo, che posseggono un singolo corredo cromosomico (aploide).

Linkage
Tendenza di due geni ad essere ereditati insieme come risultato della loro collocazione sullo stesso cromosoma. Il linkage si misura come percentuale di ricombinazione fra due loci.

Linkage disequilibrium (associazione gametica preferenziale)
Fenomeno per cui, a livello di popolazione, specifiche combinazioni di alleli a due o piu' loci concatenati tendono a trovarsi insieme sullo stesso cromosoma piu' frequentemente di quanto ci si attenda per caso. E' un evento che riguarda loci molto strettamente concatenati tra i quali, quindi, sono molto rare le ricombinazioni.

Locus genic
Posizione occupata in ognuno dei due cromosomi omologhi da un determinato gene o da uno dei suoi alleli. Cromosomi omologhi contengono serie identiche di loci genici disposti nel medesimo ordine. Quando su un dato locus esistono piu' forme alternative (alleli) e queste hanno, nella popolazione, una frequenza apprezzabile (per convenzione almeno 1%), quel locus e' definito polimorfico.

 

Malattia Mendeliana o da singolo gene Malattia dovuta a mutazione di un allele/i la cui ereditarieta' segue le leggi di Mendel. Puo' essere autosomica dominante o recessiva o legata ai cromosomi del sesso.

Mappa di restrizione
Mappa di una sequenza di DNA indicante la localizzazione dei siti di restrizione. Dal momento che tali enzimi sono molto specifici nelle loro caratteristiche e modalita' di taglio, questa tipo di mappa puo' essere predetta sulla base della sequenza di un frammento noto di DNA.

Mappa fisica
Schema rappresentante la posizione reciproca dei geni o dei marcatori genetici in un cromosoma, ottenuta mediante la misurazione diretta della distanza in paia di basi (bp) di DNA genomico. La misurazione puo' essere basata su analisi di citogenetica (distanze fra bande cromosomiche) o su analisi molecolari (mappe di restrizione).

Mappa genetica
Mappa delle posizioni relative dei geni o dei marcatori genetici lungo un cromosoma. La distanza tra i geni si misura attraverso il linkage, sulla base delle frequenze di ricombinazione genica. Le mappe genetiche sono elaborazioni grafiche che evidenziano le posizioni reciproche dei vari geni su un cromosoma, con le corrispondenti distanze espresse in centimorgan (vedi).

Marcatore
Elemento di identificazione o di riferimento (gene, enzima, determinante antigenico, locus polimorfico, ecc.). di cui si studia la modalita' di trasmissione.

Meiosi
Divisione cellulare caratteristica degli organismi a riproduzione sessuata, che avviene solo a livello delle cellule germinali. E' il processo attraverso cui si realizza la ricombinazione genetica e la divisione riduzionale di una cellula germinale immatura diploide (2n) a formare quattro gameti immaturi aploidi (n).

Metacentrico (cromosoma)
Detto di un cromosoma con centromero in posizione mediana.

Metafase
Stadio intermedio del ciclo mitotico e meiotico, durante il quale la membrana nucleare si dissolve, i cromosomi si allineano sul piano equatoriale della cellula con i centromeri uniti alle fibre del fuso e i cromatidi pronti a migrare ai due poli del fuso.

Metilazione del DNA
Legame covalente di gruppi metilici alle basi azotate del DNA. Negli eucarioti consiste principalmente nella metilazione delle citosine, ed e' associata a ridotti livelli di trascrizione dei geni. Nei procarioti, oltre alle citosine, vi puo' essere metilazione a livello di alcune adenine, atta a proteggere il batterico dall'azione delle sue stesse endonucleasi di restrizione.

Minisatellite
Vedi DNA fingerprinting.

Mitocondri
Organelli delimitati da una doppia membrana fosfolipidica, presenti nel citoplasma di tutte le cellule eucariotiche e deputati ad attuare le trasformazioni energetiche della cellula. I mitocondri sono strutture semiautonome in quanto contengono un proprio genoma (un doppio filamento di forma circolare, non legato a proteine istoniche), ribosomi e sono in grado di effettuare sintesi proteica. I mitocondri sono trasmessi esclusivamente dalla madre ai figli senza ricombinazione. Polimorfismi del DNA mitocondriale sono particolarmente utili in genetica di popolazione.

Mitosi
Processo di divisione nucleare di tutte le cellule eucariotiche, mediante il quale il numero dei cromosomi caratteristico della specie e' mantenuto costante durante le successive divisioni delle cellule. Le fasi principali della mitosi sono: profase, metafase, anafase e telofase.

Monosomia
Tipo di aneuploidia consistente nella mancanza, in un organismo diploide, di un elemento in una coppia di cromosomi omologhi (2n -1) e, quindi, nella presenza del cromosoma omologo spaiato (per es. la sindrome di Turner nell'uomo, 45 X0)

Monozigote
Vedi Gemello monozigotico.

Mosaico
Organismo costituito da due o piu' popolazioni di cellule geneticamente differenti.

Mutageno
Agente chimico o fisico che aumenta il tasso di mutazione causando modificazioni permanenti nel DNA.

Mutazione
Cambiamento permanente nella sequenza nucleotidica del DNA, che puo' esercitare un'influenza sul fenotipo. Le mutazioni sono classificate come mutazioni spontanee, se insorgono in assenza di agenti mutageni, o indotte, se dovute all'azione di agenti chimici, fisici o biologici; sono ancora suddivise in mutazioni germinali, se colpiscono i gameti e quindi possono essere trasmesse alla prole, o somatiche, se colpiscono le cellule somatiche. In base all'effetto fenotipico, possono essere letali, quando l'organismo che ne e' colpito muore prima di aver raggiunto l'eta' riproduttiva o appena la raggiunge, subletali o deleterie, neutre, se non si conosce un effetto di danno o di vantaggio genetico, e vantaggiose. Negli organismi diploidi possono esservi mutazioni dominanti o recessive, a seconda che l'effetto della mutazione sia la manifestazione di un fenotipo dominante o recessivo. In base alla topologia e all'estensione le mutazioni possono essere: geniche (es. mutazioni puntiformi, inserzioni e delezioni intrageniche), cromosomiche (es. delezioni, inversioni, traslocazioni) e genomiche (es. monosomie, trisomie).

Mutazione cromosomica
Vedi Aberrazione cromosomica; mutazione.

Mutazione di senso (missense)
Sostituzione di una singola base del DNA che causa la comparsa di una tripletta, codificante un aminoacido diverso da quello codificato dalla tripletta originale.

Mutazione di sfasamento del registro di lettura (frameshift)
Mutazione costituita dalla delezione o inserzione di un numero di coppie di basi (bp) che non e' un multiplo di 3, e che altera quindi il registro con cui vengono letti i codoni di un gene. Le regioni codificanti al 3' di una tale mutazione verranno lette come codificanti aminoacidi diversi e spesso presenteranno codoni stop.

Mutazione germinale
Mutazione presente negli spermatozoi o nella cellula uovo (o nei loro precursori) di un individuo e che puo' essere trasmessa alla prole. Quando una mutazione nella linea germinale si verifica per la prima volta, nella famiglia interessata non ci saranno portatori ne' storia clinica precedente. Una volta trasmesse alla discendenza, le mutazioni germinali saranno presenti in tutte le cellule della prole, incluse le cellule della linea germinale, e possono essere trasmesse alle generazioni successive, a meno che non interferiscano con la riproduzione.

Mutazione non senso
Mutazione nella sequenza nucleotidica in cui il cambio di uno o piu' nucleotidi, una inserzione o una delezione, provocano la terminazione prematura della traduzione di un mRNA in seguito alla comparsa, nella corretta fase di lettura, di uno o piu' codoni di terminazione (UAA, UAG, UGA).

Mutazione puntiforme
Mutazione consistente in un'alterazione, quale una sostituzione, una delezione o un'inserzione, di una singola coppia di basi del DNA.

Mutazione somatica
Mutazione a livello del DNA di una qualunque cellula del corpo (cellule somatiche), eccezion fatta, quindi, per le cellule della linea germinale; questo tipo di mutazione non e' trasmessa alla discendenza. Nel caso in cui l'elemento colpito sia una cellula ancora in grado di dividersi, la mutazione viene trasmessa a tutte le cellule figlie per mitosi. In questo caso l'organismo diviene un mosaico, cioe' sara' costituito da una popolazione di cellule normali ed una di cellule mutate.

Mutazione spontanea
Mutazione che compare spontaneamente (cioe' in assenza di mutageni) in un organismo, comunemente dovuta ad errori nei processi di replicazione, ricombinazione o riparo del DNA.

 

Non-disgiunzione
Anomalia nella segregazione dei cromosomi durante la divisione cellulare. I cromosomi restano uniti e, all'anafase, migrano allo stesso polo cosicche' entrambi passano alla stessa cellula figlia, mentre l'altra non ne riceve alcuno. La mancata separazione e' stata osservata durante la divisione mitotica ma molto piu' frequentemente durante la meiosi. La non-disgiunzione nelle cellule germinali portera' all'insorgenza, nell'individuo portatore, di una trisomia o di una monosomia. La non-disgiunzione nelle cellule somatiche, invece, puo' causare mosaici con cellule normali, trisomiche o monosomiche.

Northern blot
Tecnica di biologia molecolare mediante la quale molecole di RNA, separate elettroforeticamente, sono trasferite da un gel di agarosio ad una membrana (solitamente di nitrocellulosa o di nylon). L'RNA e' successivamente ibridato con una specifica sonda marcata che evidenzia l'RNA di interesse. La tecnica permette l'analisi dell'RNA, ad esempio stabilendo l'avvenuta trascrizione (presenza o assenza, lunghezza e quantita' dell'RNA).

Nucleoside
Base purinica (adenina, guanina) o pirimidinica (citosina, timina o uracile nell'RNA) legata covalentemente ad una molecola di pentosio (desossiribosio nel DNA, ribosio nell'RNA).

Nucleosoma
Unita' strutturale della cromatina eucariotica. Consiste di un nucleo centrale di otto molecole di istoni attorno al quale si avvolge un segmento di DNA (di circa 148 coppie di basi). I nucleosomi sono le unita' ripetitive che compongono il filamento cromatinico.

Nucleotide
Unita' di base degli acidi nucleici (DNA e RNA) costituita da una base purinica (adenina e guanina) o pirimidinica (citosina, timina o uracile nell'RNA), un pentosio (desossiribosio nel DNA, ribosio nell'RNA) ed un gruppo fosfato.

 

Odd
Rapporto tra una probabilita' (di essere malato o di essere portatore di un fattore di rischio) e il suo complemento a 1.

"Odd Ratio"
Misura epidemiologica, tipica dello studio caso-controllo, che definisce il grado di associazione fra un fattore di rischio ed una specifica malattia. Viene calcolato mediante la tabella di contigenza (vedi) come rapporto tra gli odds di prevalenza del fattore di rischio tra i casi (malati o morti) con gli stessi odds osservati tra i controlli. E' utilizzato come stima del rischio relativo.

Oligonucleotide
Sequenze generalmente di DNA a singolo filamento, di lunghezza limitata a qualche decina di nucleotidi e sintetizzate mediante apparecchiature computerizzate. Gli oligonucleotidi sono utilizzati come sonde sia in esperimenti di genetica molecolare che in diagnostica.

Omologo
Vedi Cromosomi omologhi.

Omozigote
Individuo che porta due alleli identici di un determinato gene allo stesso locus sui due cromosomi omologhi.

Oncosoppressore
Vedi Gene oncosoppressore.

ORF (open reading frame)
Vedi Fase di Lettura Aperta.

Origine di replicazione
Sito di una molecola di DNA al livello del quale ha inizio la replicazione della stessa.

 

PCR (polymerase chain reaction, reazione a catena della polimerasi)
Tecnica di biologia molecolare utilizzata per amplificare, in breve tempo, tratti specifici di DNA, purche' se ne conosca, almeno in parte, la sequenza. Si basa su cicli di denaturazione e riassociazione amplificando di oltre 10 milioni di volte il numero di copie della sequenza di DNA bersaglio. Questa tecnica trova un grande numero di applicazioni in campi diversi, dalla ricerca alla diagnostica alla medicina legale.

Penetranza
Il termine si riferisce all'espressione o non espressione di un fenotipo. E' completa (100%) quando si esprime sempre il fenotipo corrispondente al genotipo, mentre e' incompleta o ridotta, quando l'espressione fenotipica e' di grado variabile.

Peptide
Catena di aminoacidi legati tra loro mediante il gruppo aminico (-NH2) di un aminoacido con il gruppo carbossilico (-COOH) di un altro, attraverso un legame detto legame peptidico (-NH-CO-).

Plasmide
Elemento genetico extracromosomico, presente in cellule batteriche, in grado di replicare indipendentemente dal DNA dell'ospite. La maggior parte dei plasmidi e' costituita da molecole circolari di DNA a doppia elica e spesso contengono geni per la resistenza agli antibiotici. Un plasmide non e' fisicamente concatenato al/ai cromosomi, e puo' cosi' essere perso dalle cellule ospiti. Numerosi plasmidi, naturali, o parzialmente sintetici, trovano largo impiego in ingegneria genetica come vettori di clonazione.

Polimorfismo genetico
Carattere presente nella popolazione con piu' di un fenotipo. Per definizione, la frequenza dell'allele raro deve essere almeno dell'1-2%; quando e' inferiore a tale valore arbitrario, si preferisce parlare di varianti genetiche rare che in molti loci sono presenti in aggiunta ai polimorfismi.

Poliploidia
Condizione caratterizzata dalla presenza, nella cellula, di un numero di cromosomi superiore al valore diploide, corrispondente a un multiplo esatto del corredo aploide (es. 3n = corredo triploide, 4n = corredo tetraploide, ecc.).

Portatore
Individuo eterozigote per un gene recessivo che puo' essere trasmeso ai figli senza mostrare manifestazioni a livello fenotipico.

Predisposizione genetica
Aumentata suscettibilita', dipendente dal genotipo ad uno o piu' loci, a sviluppare una specifica malattia; perche' questa si manifesti e' spesso necessario anche il concorso di fattori ambientali.

Prevalenza
In epidemiologia, e' il rapporto (o tasso) tra il numero di persone, che in una popolazione sono affette da una certa malattia in un determinato intervallo o punto temporale, e il numero totale di persone della popolazione considerata. La prevalenza fornisce tutti i casi di malattia, vecchi e nuovi, a differenza dell'incidenza (vedi), ed e' un valido indicatore sanitario per le patologie croniche a lungo decorso.

Probando (proposito, caso indice)
Persona con specifico fenotipo dalla quale viene identificata una famiglia con determinate caratteristiche genetiche.

Probe
Vedi Sonda.

Procarioti
Organismi (esempio batteri), privi di membrana nucleare, con DNA circolare privo di proteine basiche, delimitati da una parete rigida contenente particolari strutture glicoproteiche, dette peptidoglicani. I procarioti non presentano organelli citoplasmatici (quale per es. mitocondri).

Prodotto genico
RNA messagero o proteina codificata da uno specifico gene.

Profase
Stadio precoce della divisione nucleare, mitotica e meiotica, durante il quale i cromosomi si condensano e diventano visibili all'interno dell'involucro nucleare. La profase meiotica, durante la quale avviene l'appaiamento dei cromosomi omologhi, e' complessa e viene a sua volta suddivisa in cinque fasi: leptotene, zigotene, pachitene, diplotene, diacinesi.

Progetto Genoma Umano (Human Genome Project)
Progetto formalmente iniziato nel 1990, si basa su una collaborazione scientifica a livello internazionale (Unione Europea, USA, Giappone) ed e' intesa a coordinare tutte le conoscenze sul materiale genetico sin qui acquisite. Scopo finale del Progetto Genoma Umano e' di codificare tutti gli oltre 80.000 geni umani e di renderli "accessibili" per i futuri studi biologici. Per facilitare le future interpretazioni della funzione dei geni, si stanno svolgendo studi paralleli su organismi-modello selezionati. Il termine del sequenziamento e' stato fissato entro il 2003. Il Progetto Genoma e' ulteriormente integrato dal Progetto Variazione del Genoma Umano (Human Genome Diversity Project) che studia la variazione genetica nella specie umana, dalla genetica delle popolazioni alle differenze nelle suscettibilita' a determinate patologie. Vi sono preoccupazioni su potenziali conseguenze negative a livello sociale e/o legislativo dell'uso dei risultati, riguardanti, ad es., possibili discriminazioni, garanzie di riservatezza, uso delle informazioni di possibile interesse commerciale, ecc. A tale proposito sono state adottate nel 1996 le raccomandazioni della Human Genome Organization (HUGO), un'associazione internazionale, senza fini di lucro, di ricercatori che svolgono ricerche sul genoma umano. Le raccomandazioni riguardano soprattutto la competenza scientifica, la comunicazione dei risultati, la possibilita' di completa consultazione, il consenso informato, la riservatezza dell'informazione genetica, la collaborazione ed il conflitto di interessi.

Promotori
Sequenze nucleotidiche conservate, presenti a monte (5') di ogni gene espresso che interagiscono con la RNA polimerasi e sono la sede del sito di inizio della sintesi dell'RNA messaggero. I promotori spesso contengono sequenze denominate TATA box, che determinano l'esatto sito di inizio della trascrizione. Un'altra sequenza importante e' quella CAAT, sito di riconoscimento per la RNA polimerasi.

Proteina
Polimero organico di elevato peso molecolare e struttura molto complessa costituito da una sequenza di aminoacidi legati tra loro con legami peptidici.

Proto-oncogeni
Geni normali presenti nelle cellule eucariotiche, altamente conservati durante l'evoluzione e coinvolti nella regolazione della proliferazione e differenziamento cellulare; se alterati (amplificati, mutati, sovraespressi, riarrangiati ecc.) danno origine ad oncogeni attivati capaci di causare trasformazione neoplastica.

Pseudogeni
Sequenze di DNA, con struttura analoga a geni espressi, che hanno acquisito una o piu' mutazioni durante l'evoluzione divenendo incapaci di produrre una proteina. Un tipo di pseudogeni, gli pseudogeni processati, sono privi di introni e presentano una coda di poliadenina al 3', suggerendo che possano derivare da una trascrizione inversa di molecole di RNA messaggero.

 

Reazione a catena della polimerasi
Vedi PCR.

Recessivo
(Carattere) Carattere ereditario espresso solo negli individui omozigoti per il gene che lo controlla.

Replicazione semi-conservativa
Meccanismo di replicazione del DNA a doppia elica in cui ciascuna delle due doppie eliche neoformate contiene un filamento proveniente dalla doppia elica parentale e un filamento neosintetizzato, complementare al primo.

Retrotrascrizione
Processo di trascrizione dell'RNA in DNA complementare ad opera dell'enzima trascrittasi inversa.

Retrotrasposone
Tipo di trasposone che si integra nel genoma con un meccanismo che implica un processo di trascrizione inversa.

Retrovirus
Virus ad RNA, il cui genoma e' costituito da RNA a singolo filamento costituito da una sequenza regolativa (LTR), i geni (GAG) per le proteine strutturali, il gene (POL) per la trascrittasi inversa, i geni (ENV) per le glicoproteine di superficie ed un'altra sequenza regolativa (LTR). Non appena le particelle virali penetrano nella cellula, la trascrittasi inversa produce DNA copia dell'RNA del genoma virale. Tale DNA, una volta integratosi nel genoma della cellula ospite (provirus), la induce a produrre RNA e proteine necessari per l'assemblaggio di nuove particelle virali.

Riarrangiamento cromosomico
Aberrazione cromosomica che origina da una o piu' rotture del cromosoma. Puo' coinvolgere uno stesso cromosoma (riarrangiamento intracromosomico: ad es., delezioni, inversioni, vedi) oppure cromosomi diversi (riarrangiamento intercromosomico: traslocazioni, vedi).

Ribosomi
Particelle cellulari submicroscopiche costituite da RNA ribosomiale (rRNA) e proteine. I ribosomi dirigono le fasi del processo di sintesi delle proteine coordinando l'interazione tra RNA messaggero, RNA transfer ed altri cofattori proteici.

Ricombinante
E' detto di un organismo, cellula, locus genico o DNA che sia andato incontro a ricombinazione.

Ricombinazione
Processo che porta alla comparsa, nella progenie, di combinazioni di geni non presenti in nessuno dei due genitori. La ricombinazione genica avviene sia attraverso il crossing-over, sia con l'assortimento indipendente dei geni presenti sui cromosomi durante la gametogenesi, sia durante la successiva riunione casuale dei differenti tipi di gameti cosi' formati nella fecondazione. La ricombinazione puo' essere genica, quando un frammento di cromosoma viene sostituito con un frammento equivalente di un cromosoma omologo o mitotica, quando deriva da crossing-over somatico.

Ricombinazione non omologa
Tipo di ricombinazione genetica tra sequenze di DNA non omologhe.

Ricombinazione omologa
Tipo di ricombinazione genetica tra sequenze di DNA omologhe.

Ricombinazione sito-specifica
Ricombinazione che avviene tra due sequenze specifiche non necessariamente omologhe.

Riparazione del DNA
Correzione, attraverso vari meccanismi, di danni provocati alla doppia elica del DNA da agenti chimici o fisici, o di errori avvenuti durante la replicazione. La riparazione dell'integrita' strutturale del DNA puo' ripristinare l'informazione genetica corretta, oppure determinarne una mutazione.

Rischio attribuibile
In epidemiologia ha due significati: a) rischio attribuibile negli esposti e' la differenza fra l'incidenza della patologia nei soggetti esposti al fattore di rischio e l'incidenza della stessa nei non esposti (A/A+B)-(C/C+D); b) rischio attribuibile di popolazione e' la frazione dell'incidenza totale della patologia in una popolazione che e' dovuta al (o associata con il) fattore di rischio.

Rischio relativo
In epidemiologia, misura dell'associazione tra fattore di rischio e malattia: rapporto tra l'incidenza della malattia nei soggetti esposti e nei non esposti (A/A+B)/(C/C+D). In particolare, per i test genetici misura il rischio di malattia in soggetti con test positivo o con specifico marcatore (Vedi odd ratio, tabella di contigenza).

RNA (acido ribonucleico)
Acido nucleico a singolo o a doppio filamento, la cui composizione biochimica e' simile a quella del DNA ma con un ribosio al posto del desossiribosio, e uracile al posto della timina. In base alla funzione si distinguono vari tipi di RNA: RNA eterogeneo nucleare (hnRNA), RNA messaggero (mRNA), RNA ribosomiale (rRNA), RNA nucleare piccolo (snRNA) e RNA transfer (tRNA). Queste forme di RNA sono coinvolte nel processo di trascrizione, traduzione e sintesi di nuove proteine codificate dal DNA. L'RNA, inoltre, costituisce il genoma di alcuni virus ad RNA a singola elica (es. Picornavirus, retrovirus) o virus a RNA a doppia elica (es. reovirus).

RNA eterogeneo nucleare (hnRNA)
Lunga molecola di RNA a singolo filamento, che costituisce il prodotto primario della trascrizione (trascritto primario) nel nucleo cellulare degli Eucarioti. Il trascritto primario, prima di passare nel citoplasma, va incontro a un processo di maturazione comprendente diverse modificazioni chimiche e strutturali: aggiunta all'estremita' 5' di un cap o cappuccio, rimozione degli introni (splicing, vedi) e aggiunta all'estremita' 3' di una coda di poliadenina (AAAA...). Il trascritto primario viene cosi' trasformato in mRNA maturo.

RNA messaggero (mRNA)
Prodotto di trascrizione di un gene che trasporta dal DNA al citoplasma l'informazione che codifica la sequenza di una particolare catena polipeptidica. Ogni differente catena polipeptidica che la cellula sintetizza richiede la presenza di un tipo corrispondente di mRNA. Negli eucarioti, l'mRNA in genere differisce dal trascritto iniziale, a causa della eliminazione di determinate sequenze non codificanti (splicing). L' mRNA maturo, a livello ribosomiale, serve quindi da matrice per il processo di traduzione, in cui viene sintetizzata la catena polipeptidica.Vedi mRNA.

RNA nucleare piccolo (small nuclear RNA, snRNA)
Tipo di RNA di piccole dimensioni presente nel nucleo delle cellule eucariotiche. Le molecole di snRNA si trovano associate a specifiche proteine nucleari formando le ribonucleoproteine nucleari (snRNP) che rivestono un ruolo importante nelle funzioni nucleari (per esempio una di esse, U1 agisce come sequenza guida esterna per facilitare la corretta rimozione delle sequenze introniche dai precursori dell' RNA messaggero).

RNA polimerasi
Enzimi che catalizzano la biosintesi di molecole di RNA a partire dai singoli nucleotidi trifosfati, con liberazione di pirofosfato inorganico. La biosintesi dell'RNA puo' avvenire su uno stampo di DNA (RNA-polimerasi DNA-dipendente) o di RNA (RNA-polimerasi RNA-dipendente).

RNA ribosomiale (rRNA)
Acido ribonucleico a singolo filamento presente nei ribosomi, dove svolge strutturali e catalitiche. E' il tipo di RNA piu' abbondante nella cellula e ricopre un ruolo basilare, per quanto non ancora del tutto chiarito, nella biosintesi proteica.

RNA transfer (tRNA)
Piccola molecola di RNA che trasporta aminoacidi specifici ai ribosomi, localizzandoli nella posizione esatta a livello di una molecola polipeptidica in costruzione. L'aminoacido e' inserito correttamente grazie alla complementarieta' tra la tripletta di nucleotidi presente ad un'estremita' del tRNA (anticodone) e quella presente sulla molecola di mRNA (codone).

 

Screening genetico
Intervento diagnostico a livello di popolazione per l'identificazione di soggetti ad elevato rischio per una particolare malattia o per un' eventuale trasmissione alla discendenza.

Sensibilita' analitica di un test
Percentuale di campioni positivi al test sul totale dei campioni che effettivamente contengono l'analita che si vuole ricercare; permette quindi di valutare i risultati "falsi negativi".

Sensibilita' clinica di un test
Probabilita' che il test sia positivo in individui con la patologia in esame.

Sensibilita' di un test
E' la misura di accuratezza data dalla proporzione di persone realmente malate che vengono riconosciute tali dal test. Viene calcolata, in una tavola di contigenza 2x2 (vedi), dal rapporto tra veri positivi ed il totale degli individui realmente malati (a/a+c) (vedi anche specificita' di un test e valore predittivo).

Sequenza codificante
Vedi Esone

Sequenziamento del DNA
Determinazione della sequenza con cui i vari nucleotidi si susseguono in una molecola di DNA.

Sonda (probe)
Sequenza di DNA o RNA marcata con un isotopo radioattivo o in maniera non radioattiva (es. digossigenina), utilizzata per riconoscere la presenza di una sequenza complementare (in una miscela di numerosi frammenti di DNA o RNA) tramite ibridazione molecolare.

Southern blot
Tecnica di biologia molecolare mediante la quale frammenti di DNA, generalmente ottenuti mediante digestione con enzimi di restrizione, vengono separati elettroforeticamente su gel di agarosio e trasferiti ad una membrana (di nylon o nitrocellulosa). Il DNA trasferito su membrana e' successivamente ibridato con una sonda marcata (radioattivamente o non) che evidenzia le sequenze di interesse.

Specificita' analitica di un test
Percentuale di campioni che sono negativi al test sul totale dei campioni che effettivamente non contengono l'analita che il test vuole ricercare; permette quindi di valutare i risultati "falsi positivi".

Specificita' clinica di un test
Probabilita' che il test sia negativo in individui senza la patologia in esame.

Specificita' di un test
E' la misura di accuratezza che indica la proporzione di individui realmente sani, riconosciuti tali dal test. Viene calcolata, in una tavola di contingenza 2x2 (vedi), in base al rapporto tra veri negativi riconosciuti come tali ed il totale degli individui realmente sani (d/b+d) (vedi anche sensibilita' di un test e valore predittivo).

Splicing dell'RNA
Una delle fasi della maturazione delle molecole di RNA negli eucarioti. Consiste nella rimozione degli introni (vedi) e nella saldatura dei tratti di RNA corrispondenti agli esoni (vedi). Le reazioni attraverso cui si realizza questo processo sono catalizzate da numerosi enzimi (splicasi) e da piccole particelle ribonucleoproteiche contenenti RNA nucleare piccolo (vedi).

 

Tasso di mutazione
Numero di eventi mutazionali di un gene per unita' di tempo (per esempio, per una generazione cellulare). Il tasso di mutazione in una cellula germinale e' definito, convenzionalmente, dal rapporto tra il numero di gameti in cui sia avvenuta la mutazione e quello totale di gameti che danno origine alla generazione successiva.

Tavola (o tabella) di contigenza o Tavola 2x2
E' una tabella a due entrate utilizzata in epidemiologia per effettuare misure di associazione. Nei test genetici, con la tabella di contigenza, e' possibile misurare l'associazione tra un marcatore o il risultato di un test e la presenza/assenza di una malattia. In particolare da' indicazioni sia sulla sensibilita' e la specificita' (vedi) di un test, sia sul suo valore predittivo (positivo e negativo) (vedi) che sul rischio attribuibile e relativo (vedi) associati alla presenza di un marcatore.

 

MARCATORE Presente

MARCATORE Assente

TEST Positivo/Presente

a

b

TEST Negativo/Assente

c

d



Tecnologia del DNA ricombinante
Complesso delle tecniche sperimentali e delle loro applicazioni basate sugli esperimenti di DNA ricombinante (vedi DNA ricombinante, ingegneria genetica).

Telocentrico
Cromosoma con un centromero in posizione terminale.

Telofase
Stadio finale della divisione nucleare, mitotica e meiotica. Durante la telofase i cromosomi, raggiunti i poli del fuso, subiscono un processo di despiralizzazione e intorno alla cromatina di ognuno dei due nuclei figli si organizza un nuovo involucro nucleare.

Telomero
Porzione terminale di un cromosoma eucariotico.

Terapia genica somatica
Correzione di un difetto genetico in cellule somatiche mediante il trasferimento di DNA codificante il prodotto genico funzionale nelle cellule deficitarie dell'organismo. Il DNA esogeno non entra quindi a far parte della linea germinale e non viene trasmesso alle generazionni successive. Lo scopo della terapia genica somatica e' quello di sostituire solo il gene difettivo, evitando le complicazioni derivanti dal rigetto dei trapianti. Le possibilita' di un uso pratico di tale terapia sono, al momento, assai limitate.

Teratogeno
Agente chimico, fisico o biologico che interferisce con il normale sviluppo embrionale, causando malformazioni congenite o aumentandone l'incidenza.

Test cieco
Uso di un campione i cui contenuti sono sconosciuti ai tecnici del laboratorio che effettuano il test, per verificare la capacita' del laboratorio stesso nell'eseguire un test correttamente. Normalmente il personale tecnico e' a conoscenza del fatto che il campione viene usato per i controlli di qualita', ma non conosce (cioe' e' cieco) il suo contenuto. Nei controlli di qualita' piu' rigorosi, il campione arriva al laboratorio come un campione di routine.

Test di predisposizione
Test per identificare una condizione di particolare suscettibilita' dell'organismo a sviluppare un carattere o una data malattia. Non tutte le persone con un risultato positivo manifesteranno pero' quel carattere o quella data malattia.

Test di prestazione
Uso di test ciechi per determinare se i laboratori clinici possono effettuare correttamente un'analisi. Abitualmente i campioni utilizzati per il test sono forniti da una organizzazione indipendente rispetto ai laboratori che effettuano le analisi.

Test presintomatico
Test volto a stabilire se un soggetto asintomatico abbia o meno ereditato un allele mutato responsabile di una data patologia non congenita, ma che puo' insorgere successivamente.

Tipo selvatico
E' il genotipo o fenotipo (considerato "normale") prevalente in natura o nel ceppo standard di laboratorio.

Traduzione
Processo di trasferimento dell'informazione contenuta in una molecola di RNA messaggero in una sequenza corrispondente di aminoacidi durante la biosintesi proteica.

Transgenico
Organismo il cui genoma e' stato modificato mediante l'introduzione di geni estranei con la tecnica del DNA ricombinante. Il nuovo gene puo' aggiungersi o sostituirsi al gene originario presente nell'organismo ricevente, oppure annullarne l'espressione (knock-out genico). Per ottenere un animale transgenico e' possibile prelevare da una femmina l'oocita fecondato e introdurre all'interno del nucleo il gene di interesse clonato in un vettore, di solito retrovirale. In alternativa, il gene puo' essere inserito in colture di cellule embrionali dalle quali sara' possibile ottenere successivamente un embrione. In ambedue gli approcci lo zigote o l'embrione, nel caso di mammiferi, vengono inseriti nell'utero di un'altra femmina dove prosegue lo sviluppo sino al termine della gravidanza. Se l'organismo e' in grado di riprodursi, il gene trasferito potra' essere trasmesso alla progenie anch'essa portatrice del nuovo fenotipo.

Trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNA-dipendente)
Enzima presente in alcuni virus a RNA (retrovirus) che catalizza la biosintesi di molecole di DNA su stampi di RNA a catena singola. L'enzima viene impiegato in ingegneria genetica per produrre molecole di cDNA da una preparazione purificata di RNA.

Trascritto
Molecola di RNA prodotta dalla trascrizione di un gene ad opera della RNA polimerasi. Il trascritto primario di solito deve subire una serie di modificazioni prima di trasformarsi nelle molecole mature di RNA messaggero, ribosomiale o transfer funzionalmente attive.

Trascritto primario
Primo prodotto non elaborato del processo di trascrizione del DNA contenente le sequenze corrispondenti sia agli esoni che agli introni. Negli eucarioti corrisponde all'RNA eterogeneo nucleare (hnRNA).

Trascrizione
Processo di trasferimento dell'informazione contenuta nel DNA in una sequenza complementare di RNA, la cui reazione e' catalizzata dall'enzima RNA polimerasi DNA-dipendente.

Trascrizione inversa
Processo di biosintesi di filamenti di DNA su stampi di RNA ad opera dell'enzima DNA polimerasi RNA-dipendente o trascrittasi inversa. Si verifica in cellule infettate da virus a RNA della classe dei retrovirus. Negli esperimenti di ingegneria genetica la trascrizione inversa viene condotta in vitro a partire da RNA purificato e porta alla sintesi di DNA complementare (cDNA).

Trasfezione
Meccanismo mediante il quale cellule eucariotiche in coltura acquistano nuovi marcatori genetici mediante incorporazione di DNA eterologo.

Trasformazione
1) Trasformazione batterica: acquisizione di nuovi marcatori genetici mediante l'incorporazione di DNA esogeno in un batterio in stato di competenza. 2) Trasformazione delle cellule eucariotiche: conversione di cellule in coltura da uno stato normale ad uno stato di crescita non controllata, simile o identica alla condizione neoplastica.

Traslocazione
Aberrazione cromosomica strutturale che consiste nel trasferimento di un segmento di cromosoma fra cromosomi diversi. Le traslocazioni comprendono: le traslocazioni reciproche, scambio simmetrico di segmenti di cromosoma fra cromosomi diversi; le traslocazioni robertsoniane (fusioni centriche), originano da due rotture sui cromosomi acrocentrici, a livello del centromero o in una regione vicina al centromero e dalla successiva fusione delle braccia lunghe; le traslocazioni non reciproche (traslocazioni per inserzione), originano da tre rotture cromosomiche, due delle quali sullo stesso cromosoma e la terza su un altro cromosoma; il segmento di cromosoma compreso tra le due rotture viene trasferito ed inserito sul cromosoma non omologo senza che si verifichi scambio reciproco di materiale.

Trasposone
Sequenza di DNA in grado di promuovere il proprio spostamento in punti diversi del genoma. I trasposoni generalmente contengono numerosi geni e sono forniti alle estremita' di sequenze di inserzione identiche che permettono loro di spostarsi facilmente da una posizione all'altra del genoma. Sinonimi: Elementi genetici trasponibili; elementi di inserzione

Tripletta
Vedi Codone.

Trisomia
Tipo di aneuploidia caratterizzata dalla presenza, in una cellula o un organismo diploide, di un cromosoma in sovrannumero (extracromosoma) in una coppia di omologhi (2n+1). Condizione piu' rara e' la doppia trisomia (2n+1+1) che consiste nella presenza di un extracromosoma in due coppie omologhe diverse.

 

Unita' di mappa o centimorgan (cM)
Unita' di misura in base alla quale viene espressa la distanza di due geni su un cromosoma e la lunghezza dei cromosomi nelle mappe genetiche. Un'unita' di mappa corrisponde alla distanza di due geni che presentano una frequenza di crossing over dell'1%, e, quindi, ad un tratto di cromosoma nel quale in media si verifica un crossing-over ogni 50 meiosi.

Utilita' clinica di un test
Rapporto tra i benefici ed i danni associati alle opzioni mediche effettuate sulla base del risultato del test. Nel caso dei test genetici, l'utilita' clinica di un test deve essere valutata tenendo in considerazione anche i benefici ed i danni di tipo non medico, cioe' psicologici e sociali.

 

Validita' analitica
Sensibilita' e specificita' analitica di un test. Vedi anche sensibilita' analitica e specificita' analitica.

Validita' clinica
Sensibilita' clinica, specificita' e valore predittivo di un test nei confronti di una malattia. Vedi anche sensibilita', specificita', valore predittivo.

Valore predittivo
In un test, percentuale dei positivi al test che sono veri positivi (valore predittivo positivo, VPP), oppure percentuale di persone con test negativo che sono veri negativi (valore predittivo negativo, VPN). In una tavola di contingenza 2x2 (vedi), VPP=a/a+b, VPN=d/c+d. Il VP di un test e' determinato, oltre che dalla sua sensibilita' e specificita', anche dalla probabilita' a priori di essere portatori della malattia.

Variabilita'
Insieme delle differenze fenotipiche piu' o meno marcate esistenti tra gli individui di una stessa specie, animale o vegetale, con l'esclusione di quelle correlate al sesso o dipendenti da momenti diversi del ciclo vitale.

Variante
Organismo che presenta uno o piu' caratteri differenti (biochimici, morfologici, antigenici, ecc.) da quelli tipici della specie o del gruppo di appartenenza, per quanto mantenga i tratti fondamentali di questi .

Vettore
Nelle tecniche di DNA ricombinante, un plasmide, un batteriofago o altro elemento di DNA con capacita' di replicazione autonoma, in cui e' stato inserito del DNA estraneo (inserto). Con il vettore viene replicato anche l'inserto che puo' pertanto essere moltiplicato (clonato) e successivamente recuperato per svolgere tutte le analisi del caso. Un vettore deve contenere uno o piu' siti di restrizione, geni che conferiscano un qualche carattere fenotipico alle cellule destinate a ospitarlo (formazione di placche, resistenza ad un antibiotico o ad un farmaco, ecc.) e essere capace di replicazione autonoma in tali cellule.

 

Wild type
Vedi tipo selvatico.

Western blot
Tecnica di biologia molecolare mediante la quale molecole di proteine, separate elettroforeticamente, sono trasferite da un gel di poliacrilammide ad una membrana (di solito di nitrocellulosa). Le proteine, in seguito, sono generalmente riconosciute tramite metodi immunologici.

 

Zigote
Negli eucarioti e' la cellula uovo fecondata, a partire dal momento della fusione dei pronuclei maschile e femminile sino all'inizio del processo di segmentazione. Lo zigote possiede un corredo cromosomico diploide, derivante dalla fusione dei corredi aploidi dei due gameti.

 

Fonte: http://www.iss.it/binary/geme/cont/Glossario.1135082464.doc

Sito web da visitare: http://www.iss.it/

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Glossario significato dei termini utilizzati nella genetica

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Glossario significato dei termini utilizzati nella genetica

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Glossario significato dei termini utilizzati nella genetica