Proverbi antrodocani

Proverbi antrodocani

 

 

Proverbi antrodocani

Questa raccoltà dei proverbi nasce su iniziativa di un gruppo di amici Antrodocani che per caso si ritrovarono entusiasti attorno   ad un virtuale focolare domestico per raccontare dell’amore verso  il proprio paese e per tramandarne la sua anima più genuina che   gli è stata tramandata oralmente e a loro insaputa dai loro compaesani antenati mediante genitori, nonni e conoscenti. I Proverbi sono l’estrema sintesi della saggezza popolare, sintesi di una cultura millenaria. Sono scritti in maniera indelebile in qualche parte della memoria, sempre pronti a venir in nostro soccorso solo ed esclusivamente all’occorrenza. E come un ipotetico testimone li consegniamo ai nostri figli perchè vi possano trovare quei consigli che ci hanno accompagnato e ci accompagnano nella nostra vita quotidiana. Ce ne sono alcuni a cui teniamo di piu‘ perchè ci fanno tornare alla mente persone che non ci sono piu‘ o meglio, come ci piace pensare, che sono andati avanti.  Ma adesso tacciamo per   far parlare loro, i nostri antenati.

A
A buon intenditor poche parole A Carnevale 'gni scherzu vale
A caval donato non se varda m’occa
A chi li feta pure lu alle a chi mancu la  gallina
A chi li fea lu alle allu niu e a chi je mozzeca la pecora A lava le recchie allu somaru se perde tempu e  sapò
A magnà non esse tonto, e a pagà non esse pronto, che verrà qualche accidente, magni, bii e non paghi niente
A mali estremi, estremi rimedi A parla, non è fatica
A San Martinu, gni mustu diventa vinu  A San Valentinu revà lu sole allu pacinu A tavola non se 'nvita
Abbi del tuo che nulla ti manca Abbozza e fa da Cristu
Acqua corrente, non fa male alla gente Acqua e cacarella mai desiderata Acqua passata, non gira piu' mola Acqua scorre e sangue retira
Acqua toria, porci ingrassa
Acqua, ventu e focu, che Dio gli dia locu


 

Aiutate, che Dio t'aiuta
Al contadino non far sapere come è bonu lo caciu co le pere Alla casa dellu poracciu non manca mai  stozza
Alla fine se recontanu le pecore Alla mantella tutti senza cervella
Alla messa vacci e alla passatella stacci Allo peggiu non ci sta fine
Alloggia quanno alloggia la gallina, quanno lu gallu canta tu cammina Allu core non se commanna
Amore e fantasia prestu se muta
Amore e mercanzia non vau fatti 'ncompagnia Anni e picchieri non se contanu mai
Anno Bisestu, chi la cava è lestu
Ndreocu è fatto a ferru e cavallu ci sta la gioventu' dal sangue bello Apri l'occhi e bene spanni non è lu callaru che lu  recagni
Aprile dolce dormire
Aprile non ti scoprire, Maggio adagio adagio, a Giugnu po fa come vo' Attacca l'asinu do vo lu padro' e lascia che se  scortica
Avvezzate allo be' che Dio te ce mante'

B

Bacco, Tabacco e Venere riduciu l’omo in cenere Bocca chiusa, non c'entra 'na mosca
Bocca onta non disse mai de no Buon sangue non mente

C

Camminenno camminenno, pianu pianu s'aggiusta la soma Campa cavallu che l’erba cresce
Cane che abbaia non morde Centu misure e un tajiu Centu pesate e un tajiu solu
Che corpa te lu attu se lu padrone è mattu Chi allea non po fa lo caciu
Chi ardare serve ardare magna Chi batte lo ferru, batte l'oru
Chi bella vo compari tante pene adda pati Chi ben inizia è a metà dell'opera
Chi 'bbo Cristu 'gna se lu prega
Chi cammina 'nciampa chi ferra 'nchioa


 

Chi caie in povertà perde ogni amicu, d'amici e da parenti abbandonatu Chi cocina lecca, chi fila se secca
Chi dalla strae vecchia va alla noa, sa quello che lascia ma non sa quello che troa
Chi de nasu abbonda de c..zu sfonda
Chi de culu, chi de pettu ognunu c’ha lu difettu   Chi della roba dell'antri se veste, prestu se  spoglia
Chi della robba se se spodesta, piglia a mazza e dagliela 'ntesta Chi disegna e chi squadra
Chi disprezza, compra
Chi disse donna disse dannu Chi dorme non pija pesci
Chi è bellu se veie chi è riccu se sa
Chi è causa del suo mal, pianga se  stesso
Chi è statu mozzicatu dalla vipera t’è paura pure della licertula Chi è sverdu a magna è sverdu pure a  laora
Chi erba magna, pecora diventa Chi fa le parti, non scejie
Chi fa per se fa per tre
Chi giovane se governa vecchiu more Chi ha paura non perde mai
Chi ha tempu, non aspetti tempu Chi la fa l'aspetti
Chi laora magna, chi non laora magna e beie Chi lo be non vo, lo male non li manca
Chi magna e caca diventa Papa
Chi magna e non beie mai saziu se veje Chi magna pe la via troa la socera cattia Chi mal vive mal more
Chi male non fa, paura non ha Chi te battezza m'è compare
Chi mejo non te', co la moje se addorme Chi mena pe' primu, mena du orde
Chi mojie non trova a Cagnanu se ne va Chi mojie non tè mojie governa
Chi more de fugni, non se piagne
Chi 'mpiazza ce po' caca' chi no ce po' neppure passa' Chi nasce bruttu bellu non po mori


 

Chi nasce de buon sangue lo dimostra, chi nasce gallina 'nterra ruspa Chi nasce lima non po mori raspa
Chi non accetta, non merita
Chi non intende la sua scrittura è Asino de natura Chi non corre co l'agu ce 'n fila lu spagu
Chi non è bonu pe' lu Re, mancu pe' la Regina Chi non grassa le scarpi 'ngrassa li calzolari Chi non ha giudiziu, ha bone gambe
Chi non magna ha magnatu, chi non be ha beutu Chi non mostra non venne
Chi non paga alla cassa, paga allu sportellu Chi non pensa prima pensa dopu
Chi non po’ vatte le somaru vatte lu mastu Chi non sa fa, pocu 'nelli tocca
Chi non se sa aggiustà da vivu non s'aggiusta mancu da mortu Chi non te ojia de laorà o sbirru o frate sa ta  fà
Chi parla n'faccia non è traditore
Chi parte sgommenno arria co li circhi Chi pecora se fà, lu lupe se lu magna
Chi po sciala, sciala, chi no, varda lu sole Chi pocu te, caru te
Chi pocu ranu tè, joju magna Chi prestu nasce prestu pasce Chi primu se rizza se veste  Chi ranu scejie, ioju magna Chi refrega e refregatu
Chi resparagna, spreca
Chi rie de Venerdi, piagne Sabatu, Domenica e Lunedi Chi rompe paga e li cocci so li sua
Chi rubba fa la robba che laora fa la  gobba
Chi rubba pocu va in galera, chi tantu fa carriera Chi s’abbotta e chi non ne assaja
Chi sa fa, fa chi no, 'nsegna, chi non sa 'nsegna,  critica
Chi se addormenta colli monelli la matina se svejia smerdatu Chi se fa l'affari se campa cent'anni e po' se  regira
Chi se fa mmaravija ce piana le mani Chi se more de fugni non se piagne Chi sfascia e refà, diventa maestru


 

Chi si loda se sbroda
Chi somenta spini sadda fà le scarpi bbone Chi sputa pe l'aria li recae mocca
Chi tace acconsente
Chi tantu laora, chi tantu spassu, chi se beje lo vinu e chi l'acqua dellu fosso.
Chi tantu parla pocu sa Chi tantu rie tantu piagne
Chi tardi arriva male alloggia
Chi tè acqua, farina e lena fa subitu a  cena
Chi tè buon cavallu alla stalla non se ne cura de ji a pei Chi tè faccia se marita chi no remane  zita
Chi tè la commodità e non se nne serve, non pozza troa lu confessore che l'assorve.
Chi te la mamma sua non piange mai, chi non la te non smette mai Chi te la mojie bella sempre canta, chi te li sordi tanti sempre conta Chi te li sordi sciala,chi no varda lu sole
Chi te li sordi mura chi no pittura
Chi te lo pa', non te li enti, chi te li enti non te lo  pa'.
Chi te lu turdu mani e non lu pela co llu ca..u che li recapita la fortuna. Chi te piu’ polvere spara
Chi te 'recchie e lengua arria fin 'a Merlenga Chi te vo be, te fa piagne
Chi te vo piu' bene de 'na mamma, te tradisce Chi troppu la tira la strucca
Chi troppu s'abbassa lu culu je se veie Chi troppu vole nulla stringe
Chi va a Roma e non è usu va colle penne e reve carusu Chi va collu cioppu,'mpara a cioppeca
Chi va do' non è invitatu o è mattu o è 'mbriacu Chi va pè frega ce remane fregatu
Chi va pianu va sanu e va lontanu, chi va forte va ncontro alla morte Chi vo pati le pene dell'infernu a Roma l'estate e L'Aquila l'invernu Chi vuole vada chi non vuole mandi
Cielu a pecorelle acqua a catinelle
Co' li cinci e co' li stracci se alleanu li fijastri Co' lo pocu se se po' sta', co lo niente no Co 'llu lauru elle feste lu Diaulu ce se  veste


 

Co 'llu tempu e co lla pajia se maturanu le nespule Co 'na notte nasce 'n fugnu
Come apparenti, diventi Come è lu tenutu e lu tenente Come soni te canto
Commanna e fà da te e si servitu come un Re Consigliu de vorpi sterminiu de galline
Conta che te reconta sempre la mejo pecura te manca Conta piu' la pratica che la grammatica
Cristu manna lo friddu a secunnu de li  panni

D

Da 'na parte adda penne lu mastu Dagli e dagli da cipolle diventanu agli Debiti e peccati chi li fa li paga
Della ncannerola se pioe o fiocca dell'invernu semo fora ma se ci sta lu soletellu pe 40 jorni ancora semo entru
Della festa se reveste lu cafo' Dell'Innocentini finisciu li sordi e li quattrini De quello che te meravigli ce piani le mani Del senno di poi, so piene le fosse
Di puttana a chi non lo è
Di San Martino ogni mosto diventa vino Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei
Dio fa li monti e poi ce fiocca fa li cristiani e po l'accoppia Dio veie e provveie
Do arria lu cioppu arria pure lu sciancatu Do ci sta lu gustu non ci sta la perdenza
Do' non ci sta lu guadagnu la remessa è  certa
Do te crii che ce sta appiccatu lu presuttu non ce troi nemmenu l'onginu Donna baffuta, co lu sassu se saluta
Donna baffuta, sempre piaciuta
Donna co lu culu bassu e' sempre nu spassu Donna nana tutta tana
Du iutti allu stessu piattu non ce pozzu magna Due alli a un pollaio non ce pozzu sta

E

E' mejo esse 'nvidiatu che compatitu

F


 

Fa lo bene e scordatene, fa lo male e  pensace
Fa piu' un mattu a casa se che un saviu a casa dell'antri Fa prima a sardajie sopra che a girajie  atturnu
Faccia roscia, trippa moscia Fai in fiore acqua a remore Farina, acqua raccojie
Fatta la regola trovatu l’ingannu Fatte la nomina e dormi
Fatte li ca..i tè che se non t'arricchi te  mantè
Fidarsi è bene, non fidarsi e' mejo
Fiji picculi guai picculi, fiji grossi guai grossi, fiji sposati guai triplicati Finche c'è vita c'è speranza
Finita la Festa gabbatu lu santu Fortunato nel gioco, sfortunato in amore Fra cani non se mozzicanu
Francia o Spagna purche' se magna
Fucile e cartuccetta te svotanu la  saccoccetta

G

Gallina ecchia fa buon brodo Gente allegra, Dio l'aiuta Gente triste, nominata e vista
Gesu Cristu manna lo friddu a secondu li panni Gesu Cristu mete e San Pietro fa li fauci!
Gobba a ponente luna crescente, gobba a levante luna calante Guardate dallu poveru arricchitu e dallu riccu impoverituI Guerra, peste e carestia vanno sempre 'n  compagnia

I

Iu cetriolu gira gira sempre nculu all'ortolanu va a fini Il letto è na rosa chi non dorme riposa
Il mattino ha l'oro in bocca Impara l’arte e mettila a parte  In compagnia pijè moie un frate
In guerra e in amore tuttu è lecitu In guerra ogni buciu è trincea
In montagna lu culu ce guadagna
Invece de lamentasse lu culu se lamenta  l'ortica


 

L

L'acqua ddo passa ce repassa L'apparenza inganna
La biastima gira gira, casca 'ncapu a chi la  tira
La carne caprina fa fa brutta figura a chi la cucina La cerqua fa la janne
La coa è sempre la piu' tosta da scorteca La dama se cuce non recama
La donna ne sau na piu’ dellu diaulu  La fame caccia lu ragnu dallu buciu   La femmina da pocu se veie dallu focu
La femmina robusta, l'estate te fa ombra e l'inverno te rescalla La fortuna va aiutata
La fretta è cattiva consigliera La gallina ceca ruspa la notte
La gatta presciulosa fece li fiji cechi
La grandine porta disgrazia, ma non porta carestia La lengua batte do lu dente duole
La Luna è buciardella
La mamma pe lu fijiu allea lu conigliu lu fiji pe la mamma se schiaffa tuttu 'ncanna
La merda piu' la mucichi e piu' puzza La miglior vendetta è il perdono
La mojie che responne allu maritu porta sempre lu muccu ammaccatu La natura fa da se
La neve marzarola dura come dura la socera e la nora La notte porta consigliu
La orbe che non potè arria all'uva disse che era sfatta La padella, se pia pe lu manicu
La pecora che sbela se perde lu occo  La pecora fa bee e lu lupe se 'lla  magna
La pigna rotta va 100 anni pe' la casa, quella nova se roppe e se butta La polenta prima ta abbotta e po ta  allenta
La povertà è scacciata da tutti
La prima si perdona, la seconda si condona, la terza si bastona La prima tempera d'agosto remitti le maniche allu  bustu
La processio da do esce rentra La ragio‘ è delli fessi


 

La ragiò vò la ragiò, lo granturcu la stagiò, lu cavallu vo lu stazzu, lu pesce vo lu sguazzu, lu manicomiu vo lu pazzu e la femmina vo  lu
„spassu“
La robba della campagna e'dde chi la zappa e dde chi se la magna La roba prestata non è mai ridata
La roba troata non è mai rubata
la robba vecchia se more in mano alli stupidi La società è bella dispari, tre so troppi
La verità e come l'oju, ve sempre a galla L'abito non fa il monaco
L'acqua cheta distrugge li ponti
L'acqua de Giugnu lea pane vinu e untu L'acqua manna li sordi 'nammonte L'amore e cecu, li vicini no
L'amore non è bellu se non è liticherellu L'aria alla fessora manna l'omo in sepportura L'asinu porta la pajlia e l'asinu se la remagna L’erba cattia non more mai
Le bucie tengu le cianchi corte Le cose a lungu pianu de viziu
Le cose fatte la notte se scopru la matina Le chiacchiere se le ‚ncolla lu ventu
Le Femmine, li capilli lunghi e lu cervellu curtu Le pecure se recontanu alla stalla
Li fiji come li abitui se'nne vau Li fiji se bacianu quanno dormu
Li guai della pigna li sa lu scommarellu Li guai non vengu mai da soli
Li mejo amici so li sordi
Li panni sporchi se lavano a casa Le parole se le ncolla lu ventu
Li parenti so come le scarpe, piu' so stritti e piu' fau male Li preti so mercanti se vinnu Pietru,Madonna e  Santi.
Li sordi dell'avaru se li magna lu scrocco' Li sordi mannanu l'acqua 'nammonte
Li spinaci se cociu co l'acqua se L'invidia secca l'alberu
Lo bellu piace a tutti


 

Lo bruttu male non se augura mancu alli cani Lo difficile sta nel comincia
Lo ferru se batte quanno è callu
Lo friddu a gennaru fa riccu lu ranaru Lo risu abbonda sulla occa delli stolti Lo scherzo è bellu quanno dura pocu Lo servaticu reciccia sempre
Lo troppu attrippa Lo troppu struppia
Lo vo, se ice all' ammalati
L'occasione fa l'omo ladru e la femmina puttana L'occhio vuole la sua parte
L'occhiu dellu padro, 'ngrassa lu cavallu L'occhiu è lu specchiu dell'anima
L'omo forzusu è la rovina della casa
L'omo porta lu cappellu e tuttu quello che fa pare bellu, la femmina porta lu sinale e tuttu quello che fa pare  male
L'omo propone e Dio dispone L'ortu vole l'uomo mortu L'urtimu veie la serpe
L’urtimu arriatiu non è mai accontentatu
Lu bastone de grugnale rompe l'ossa e non fa male Lu brau picellaru semina a gennaru
Lu brodo de gallina va cent'anni pella  schina
Lu buciu della occa è piccolinu se magna Mianu co tuttu  Terminillu
Lu cacciatore che recala dalle montagne se non recala lu lepre recala le castagne
Lu cavallu de razza se veje alla fine
Lu cellittu se reconosce da come se fa lu niu   Lu porcu che ha magnatu che revotica lu  troccu
Lu culu che non ha vistu mai camicia quanno la vede se ne fa una risa Lu diaulu fa le pigne ma non li  coperchi
Lu fiji dellu carzolaru va scausu
Lu gattu alla dispensa quello che fa  pensa
Lu gattu che non potea arria allo lardu disse che era rancicu Lu iuttu non po esse avaru
Lu lettu alletta
Lu lettu come te lu fa te ce addormi


 

Lu montone bonu se veje dalla pecura cioppa Lu piru quanno è fattu casca da solu
Lu porcu che non magna è satullu Lu porcu do magna lascia lu troccu
Lu porcu non more vecchiu ma lu vecchiu more porcu Lu primu amore non se scorda mai
Lu saccu dellu ladru non se rempie mai Lu sole bacia li belli e ceca li brutti
Lu spinu a chi preme 'gna se lu caccia Lu tempu guarisce gni ferita
Lu tortu spessu non sta mai da na parte sola Lu toru se pia pe' le corna
Lu veru toru se veie co la vacca cioppa

M

Maggiu soleggiatu da frutta a bon mercatu Maggiu tuttu ventu porta paglia e non  frumentu
Magna, bii e fatte rossu pija moglie e daje addossu Mai cascata fu bona
Mal comune mezzo gaudio
Mariti e fiji, come Dio te li manna 'gna te li piji Marzo Pazzarellu collu Sole tu porta l'ombrellu Me lo regali s'è mortu
Mejo ave un mortu 'n casa che un marchigianu alle porte Mejo di poveru me che poveri nu
Mejo esse invidiatu che 'nvidia Mejo esse nvidiatu che compatitu
Mejo ji a caccia quanno pioe, che perde a briscola a 59 Mejo l'ovu oggi che la gallina doma
Meglio na male creanza che un dolore de panza Mejo perde n’ amicu che na risposta
Mejo un jornu da leuni che centu da cojiunu Mejo vive pocu che vive da mortu
Moje e buoi dei paesi tuoi Moje e guai o prestu o mai
Moje in villa a compari a centi mijia
Mortu un papa se ne fa 'n antru, mortu n'amante se ne fau  centu

N

Na cosa po fa' la dama o cuce o ricama


 

Na mela al giorno lea lu medicu de turnu Na rondine non fa primavera
Natale allu soletellu, Pasqua allu focarellu Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi
Ndreocu è lu paese dellu sconfortu: pioe tira a ventu e sona a mortu.... Ndreocu pe' soffia, lu burgu pe' mena
Ne' di venere ne' di marte, non si torna e non si parte, non si da principiu all'arte
Ne la botte piccola ci sta lo vinu bonu
Ne' pe' mare ne' pe' terra non te la pijia co' l'inghilterra Nel pollaio non c’è pace se la gallina canta e il gallo tace Nebbia bassa come troa lassa
Nella botte piccola ci sta lo vinu bonu Nessuna cauta fu bona
Niente, non va bene neanche pe' l'occhi Non c'è due senza tre
Non ci sta peggior sordu di chi non vo senti Non di e non fà se non vò che se re sa  Non è tutt'oro quello che luccica
Non fa bene che è peccatu, non fa male che è sprecatu Non fa domani quello che potresti fa  oggi
Non fa lu cuntu co' tre castagne a ricciu Non magna pè non caca
Non se move fojia che Dio non vojia Non so pe l'asini li confetti
Non t'affila a chi ha filatu e non ji in opera co chi c'è statu Non te fà veje dallu cafone spacca lu pezzu da pecone Non tutti li mali vengu pe noce
Nuvole a pecorelle acqua a catinelle

O

Occhio non vede cuore non duole Ogni cosa a suo tempo
Ogni lasciata è persa
Ogni popolo ce te lu governo che se merita Ogniunu è medicu de se stessu
Ogniunu lu mestiere se e lu lupu alle pecure Ogniunu sa lo se e Dio quello de tutti Ogniunu tira l'acqua al suo mulino


 

Ognunu pe se e Dio pe tutti Omo avvisatu mezzu sarvatu
Omo de panza, omo de sostanza Omo de vinu non vale un quattrinu Omo pelusu omo forzusu
Otto ore un porcu, sei ore un corpu

P

Parola data vita persa
Paese che vai usanza che trovi
Pasqua e l'epifania tutte le feste porta via, po' reve sant'Antunillo ne reporta nu scattulillo, po reve sant'Antunone ne reporta nu scattulone Pasqua non vè se la luna de marzu pina non  è
Passata l'antina un malannu pe' matina Patti chiari amicizia lunga
Pe batte du fratelli ce vogliu du cornuti Pensa male è peccatu ma non sbagli mai Piu' giri piu' marchigiani troi
Piu' scuru della mezzanotte non se po fa' Pomodoro e sale non va mai all'ospeale
Porta più na femmina n'trippa che n' asinu 'n groppa Prestu alla fiera e tardi in battaglia
Preti, frati e polli, non furono mai satolli
Prima de mette l’omo promette, dopo che ha missu non è più issu … e quanno arria alla cinquantina..lassa la mojie e pija la  cantina
Pure la regina te bisognu della sua vicina

Q

Quanno la vecchia mete co la gobba vello che ha fattu da giovane non se lo recorda.
Quanno lu medicu dice che è troppu, mejo lo vinu che lo sciroppu, se po lu medicu dice che è male mejo lo vinu che l'ospedale, se lu prete dice che è tantu è sempre mejo lo vinu dell' ogliu  santu
Quannò Pasqua vè de Maggiu, quanno mula partorisce, quanno figora sfiorisce
Quanno inizia, sarvate
Quanno le nuvole vau versu Roma pia la zappa e va a laora. Quannu le nuvole vau versu L'Aquila pia la zappa e revattinne a  casita
Quanno li somari liticanu, li piunci ze sfascianu Quanno lo me è vecchiu lo te è novu


 

Quanno lu boe non vo ara, a vojia a di aaah Quanno lu culu canta lu medicu crepa Quanno lu culu trona la salute è bona Quanno lu diaulu te se avvicina vo l'anima
Quannu lu piccirillu parla, lu rossu a sparlatu (sfiatatu) Quanno lu piru è maturu, non serve lu  torturu
Quanno lu porcu e satullu voteca lu  troccu
Quanno Monte Giano porta lu cappellu lu ‚ndreocanu esce coll' ombrellu Quanno pioe e tira ventu e mejo stasse  entru
Quanno se mete se mete
Quanno vien la candelora dall'inverno semo fora Quanno te ice male mozzicanu pure le pecure Quannu lu culu canta lu medicu crepa
Quattrino risparmiatu due orde guadagnatu Quello che non strozza 'ngrassa
Quello che repara dallo friddu, repara pure dallo  callu

R

Raffreddore vinu a remore Raiu d'asinu non sale in cielo
Ricordate de me tre vorte l'annu, de Pasqua de Natale e Capodannu. Rie be' chi rie urtimu
Roma Roma : li vecchi li ammazza e li giovani li  doma
Rusciu de sera bel tempo si spera rusciu de matina rempie la  tina

S

San Benedetto le rondini sotto al tetto
Santa Barbara e Santa Elisabetta sarvatece da ogni saetta Santa Lucia è lu giorno piu' corto che ci sia

Santu lonzanu è fattu di carce e mattuni, femmine belle e ommini birbuni

Sarvate dall'acqua e dallu focu, dalla gente de 'ndreocu, dallu filaru dello pa' e dallu tarattata
Sarvate dalla orbe e dallu tassu e dalla femmina co lu culu bassu Scappa de fori e chiedi consijiu, rentra a casita e fa come te pare Scherza co li fanti ma no co li santi
Scherzi di mano, scherzi da villano Se campa 'na ote sola
Se chiue 'na porta se apre un porto' Se doma lu leò, non se doma lu cafò'


 

Se Febbraru non febbra, Marzu e Aprile male pensa Se femmina non vò omo non po’
Se ice lu peccatu ma no lu peccatore
Se laora pè campa non se campa pè  laora
Se lu gallu fa la gallina la casa va 'n rovina, se la gallina fa da gallu la casa va a cavallu
Se lu medicu dice che è troppu è meglio lo vinu dellu sciroppu,se lu prete dice che è tantu è sempre meglio lo vinu dell' ogliu  santu
Se moru piu' abbacchi che pecure
Se non passanu li tre barbuni, Santantonu, San Biaju e San Giuseppe, l'invernu non è finitu
Se pijia do sta, se mette do non sta e se vive  onestamente
Se piove li 4 Aprilanti, pioe per 40 jorni contanti, se cce repiscia la allina sò n'antra quindicina, se cce canta lu cucù sò n'antri  ventidù
Se sa quanno se nasce, non se sa quanno se more Se sallarga se remette
Se son rose fioriranno, se son spine  pungeranno
Se te freganu una ote sciccisu issu,se te freganu du' ote sciccisu  tu
Se te lo danno di bonu core magna bii e faji onore se te lo dau de malu core magna, bii e faje crepa lu core
Se te vo ravvicina'a n'amicu falli lu focu co le legna de ficu, se te vo leva' un amicu da turnu falli lu focu co le legna de  ulmu
Se toneta da qualche parte pioe
Se vo campa’ d'entrata oliveti,castagneti e  prata
Se vo che l'amicizia se mantenga da una mano lascia e da l'altra prenda
Se vo esse amatu e riveritu ta esse parente alla moje e no allu maritu Senza sordi non se canta messa
So li circhi rutti quilli che schiattanu Socere e cognate so spine avvelenate Sopra lo cottu l'acqua bollita
Sotto la neie lo pane, sotto l'acqua la fame Siotto la neie lo pane, sopra la neie la fame Sotto le piante delle figure ce nasciu li ficoccilli Stagione di erba stagione di merda

T

Tantu fa la mamma pe la fijia e po' la mette nmani alla canaglia Tira piu' un pilu de s..ca nammonte che 100 carri de boi  nabballe


 

Tra moie e maritu non mette lu itu, issi a letto refau pace Tra mastu, iacculi e funi ce so remasti 'mpar de cojuni Trippa piena noo conosve vella vota
Troppi galli a canta non se fece mai jornu Trotto d'asino poco dura
Tutti li nui vengu allu pettine
Tutti ne feceru a menu e Maggio no Tuttu lu munnu è paese

U

Una mamma/padre allea centu fiji, centu fiji non so boni a allea na mamma/padre
Uso non uso tutti li belli a Vicolo Chiuso

V

Va reale che Dio t'aiuta
Vale piu' un gustu che un casale
Vale piu' unu a fa' che centu a commanna Vecchiaia e povertà scacciata ovunque và Venga tardi e venga bona
Vesti un palu che bellu pare
Vicinu alla strae non ce abita, accantu a fiume non ce compra, fijia dell'oste non te sposa
Volere è potere

 

Fonte: http://www.prolocoantrodoco.it/public/documenti/140215_ProverbiAntrodocani2014.pdf

Sito web da visitare: http://www.prolocoantrodoco.it

Autore del testo: www.prolocoantrodoco.it

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Proverbi antrodocani

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Proverbi antrodocani

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Proverbi antrodocani