Proverbi cilentani

Proverbi cilentani

 

 

Proverbi cilentani

Proverbi e detti cilentani e no

 

Le trascrizioni numerate sono in lingua e sono nazionali; Quelle non numerate sono agropolesi o cilentane



  • A brigante, brigante e mezzo

Cu scustumato, nce vole u maleducato

Con lo scostumato, ci vuole il maleducato

  • A buon intenditor. poche parole

  • Intelligenti pauca

con le persone intelligenti bastano poche parole

  • A caval donato non si guarda in bocca

  • Acqua cheta rompe i ponti

  • Acqua passata non macina più

A l’acqua cheta nun ce i a pescare si nun si nu valente pescatore

all’acqua stagnante non andare a pesca se non sei un valido pescatore

  • Ad ognuno la sua croce

Int a ogni casa nce na croce

in ogni casa c’è un guaio

  • Na goccia a vota e se pertosa a preta

A goccia a goccia si scava la pietra

  • Aiutati che Dio ti aiuta

  • Al bisogno si conosce l’amico

  • Al buio tutti i gatti grigi, sono neri

  • Al contadino non far sapere come è buono il formaggio con le pere

  • Al cuor non si comanda

  • All’ultimo si contano le pecore

  • Se parla quanno se ve no quanno se va o mmulino

Si parla qunado si ritorna non quando si va al mulino

A la squagliata de la neve se contano le stronze (aquilano)

A la chiusa de lo staccio si contano le pecore (aquilano)

Bisogna fare di necessità virtù

I sfuttuti pure mparaviso vanno

anche gli sfottuti vanno in Paradiso

Quanno u zico parla, u gruosso ha già parlato

Quando il bambino parla l’adulto ha già parlato

  • A mali estremi, estremi rimedi

  • Ambasciator non porta pena

ambasciatore nun vole a capa rotta

l’ambasciatore non vuole la testa rotta

  • A muro basso ognuno ci si appoggia

Cu l’ereva moscia, ognuno s’annetta u ulo

Dei deboli ognuno ne approfitta

  • A nemico che fugge ponti d’oro

qua fugiunt hostes, via munienda est

la strada per cui fugge il nemico va resa sicura

  • Anno nevoso, anno fruttuoso

Sotto la neve pane, sotto l’acqua fame

A neve porta abbunnanza

la neve porta abbondanza

  • Anno nuovo vita nuova

  • Ad ogni uccello il suo nido è bello

  • Casa mia, casa mia per piccina che tu sia, tu mi sembri una badia

 A ognaruno è bella a casa soa

A ciascuno è bella la sua casa

  • A padre avaro, figliuol prodigo

  • Buon sangue, non mente

Tale padre, tale figlio

Razza che tu sei, fallir non puoi

Come a vite vene a magliona e come a mamma vene a figliola

come è la vite viene l’innesto, come la madre la figlia

  • A pagare e morire c’è sempre tempo

  • A rubar poco si va in galera, a rubar tanto si fa carriera


  • Attaca u ciccio adò rice u patrone e, si se spatacca , so azzi suoi

Attacca l’asino dove vuole il padrone e, se si rompe il collo, suo danno

  • A tutto c’è rimedio fuorché alla morte

  • Bacco, tabacco e Venere riducono l’uomo in cenere

  • Bandiera vecchia, onor di capitano

u fierro sadda vatte quanno è cauro

Batti il ferro quando è caldo

  • Bello in fasce, brutto in piazza; brutto in fasce, bello in piazza

  • Bisogna far buon viso a cattivo gioco

  • Botte buona, fa buon vino

  • Il vino buono è nelle botti piccole

Buon vino, fa buon sangue

Chi nun sabbotta mai vole: a votte chiena e a mugliera mbriaca

chi non è mai sazio vuole la botte piena e la moglie ubriaca

 bon tiempo e male tiempo non durano tutto o tiempo

Buon tempo e cattivo tempo non durano tutto il tempo

  • Cambiano i suonatori, ma la musica è sempre la stessa

Nun se porta a serenata a o cantatore

non si porta la serenata al cantante

  • Aspetta ciuccio mio ca vene maggio, ca vene l’ereva fresca e te la mangi

Campa cavallo che l’erba cresce

Ruormi patella ca lu purpo veglia

Dormi patella che il polipo veglia

  • Chi di speranza vive, disperato muore

  • Carta canta e villan dorme

  • verba volant, scripta manent,

la parole volano gli scritti restano

  • le chiacchiere non fanno farina

chiacchiere e tabbacchere e legno u Banco e Napule nunne impegna

chiacchiere e tabacchiere di legno non sono accettate come pegno dal Banco di Napoli

  • Chi ben comincia, è a metà dell’opra

  • Ogni principio è duro

  • Chi cento ne fa, una ne aspetta

Chi la fa l’aspetti

  • Chi cerca trova

Ogni scarrafone è bello a mamma soa

  • Chi compra sprezza e chi ha comprato apprezza

Chi disprezza, compra a caro prezzo

  • Chi dice donna dice danno (inganno)

  • Chi dice quel che vuole, sente quel che non vorrebbe

  • Chi di spada ferisce, di spada perisce

  • Chi è causa del suo mal pianga se stesso

Chi pecora se fa, u lupo sa mangia

  • Chi è in difetto, è in sospetto

  • Chi è svelto a mangiare, è svelto a lavorare

  • Chi fa da sé, fa per tre

Chi vuole va, chi non vuole manda

  • L’occhio del padrone ingrassa il cavallo

  • Chi fa falla, chi non fa sfarfalla

sulo chi nun fa, nu sbaglia

solo chi non fa niente non sbaglia

  • Chi avuto avuto e chi ha dato ha dato, scurdammece u passato

  • Chi ha denti non ha pane, chi ha pane non ha denti

U Padreterno manna u pane a chi nun tene i rient

Dio da il pane a chi non ha denti

  • Chi ha più polvere, spara

U ricco mangia quanno vole, u pezzente quanno po

Il ricco mangia quando vuole, il povero quando può

U giovene fotte quanno vole, u vecchio quanno po

Il giovane fa l’amore quando vuole il vecchio quando può

  • Chi ha tempo non aspetti tempo

  • Chi la dura, la vince

  • Chi lascia la via vecchia per la nuova, sa quel che lascia ma non sa che trova

  • Meglio l’uovo oie, ca a iallina rimane

meglio l’uovo oggi che la gallina domani

  • Chi mal semina, mal raccoglie

Chi semena vient, raccoglie tempesta

chi semina vento, raccoglie tempesta

Chi semina spine nun a da i scauzo

chi semina spine non deve andare scalzo

  • Chi mena per primo, mena due volte

Chi prima arriva, alloggia; chi tardi arriva, male alloggia

  • Chi muore giace e chi resta, si da pace

  • Chi nasce afflitto, muore sconsolato

  • Chi nasce è bello, chi si sposa è buono, chi muore è santo

  • Chi non beve in compagnia o fa il ladro o è una spia

  • Chi non comincia, mai finisce

  • Chi non mangia, ha già mangiato

  • Chi non risica non rosica e chi non semina non raccoglie

  • Chi non ha buona testa, ha buone gambe

  • Chiodo scaccia chiodo

  • Chi perde ha sempre torto, Chi vince ha sempre ragione

  • Chi più ha, più vuole

  • Chi più ne ha, più ne metta

  • Chi più sa, meno crede

  • Chi più spende, meno spende

Come spienn, appienn

Come spendi, appendi

  • Chi prima arriva, macina

  • Chi prima nasce, prima pasce

  • Chi ride venerdì, piange domenica

Risus abbundat in ore stultorum

il riso abbonda sulla bocca degli sciocchi

Gente allegra, Dio l’aiuta

  • Chi rompe paga e i cocci sono suoi

  • Chi sa fa e chi non sa insegna

  • Chi fa da sé, fa per tre

citto chi sape u iogo

Chi sa il gioco, non lo insegna

aiutati che Dio t’aiuta

Chi s’assomiglia, si piglia

  • Chi scopre il segreto perde la fede

Peggio nuocchio ca na scuppettata

il malocchio è peggiore di una fucilata

Bella figliola nce puozz ncappare lu abbo coglie, e la iastema no

bella ragazza ti possa capitare la burla colpisce, gli accidenti no

  •  Chi serba, serba al gatto

  • chi si contenta, gode

  • chi si scusa, s’accusa

l’avaro è come o puorco, è buono roppo muorto

l’avaro è come il porco è buono dopo morto

  • chi tace acconsente

  • nente vidi, nente saccio , nente rico (siciliano)

niente vidi, niente so, niente dico

  • a chi tanto e a chi niente

  • chi troppo vuole, nulla stringe

chi trova un amico trova un tesoro ma chi trova un tesoro trova tanti amici (in negativo)

  • chi va al mulino, si infarina

se parla quanno se torna ra u mulino no quanno se va

si parla quando si torna non quando si va al mulino

a chi i maneia , i sordi s’azzeccano mano

a chi ci traffica, i soldi si attaccano alle mani

  • chi va con lo zoppo, impara a zoppicare

  • chi va piano va sano e va lontano

  • chi vuole i santi, se li prega

  • cielo a pecorella, pioggia a catinella

chi pazzeia cu fuoco, se coce

chi gioca con il fuoco si scotta

chi troppo vuole, nulla stringe

  • con il nulla, si fa nulla

  • con il pane tutti i guai sono dolci

cu tiempo e ca paglia s’ammaturano i nespole

con il tempo e con la paglia maturano le nespole

disse il pappice alla noce: damme tiempo ca te spertoso,

disse il tarlo alla noce: dammi tempo che ti buco

  • come suoni, commare, ti ballo

u lupo cangia u pilo ma no u vizio

il lupo perde il pelo ma non il vizio

a gatta abituata a la lucerna, nun se ne fotte ca se vruscia l’ogna

alla gatta abituata a rubare l’olio dalla lanterna non interessa se si brucia le unghia

  • contadini: scarpe doppie e cervello fino

  • contro la forza, la ragion non vale

  • corpo satollo, anima consolata

u sazio nun crere o riuno

chi è sazio, non crede a chi è digiuno

  • cosa fatta, capo ha

  • cuor contento non sente stento

  • da cosa, nasce cosa

  • dagli amici mi guardi Dio, dai nemici mi guardo io

  • dal capo viene la tigna

  • dal frutto si conosce l’albero

  • da una rapa non si cava sangue

  • de gustibus non est disputandum

sui gusti non c’è da discutere

  • del senno di poi sono piene le fosse

  • le strade dell’inferno sono lastricate di buone intenzioni

  • a carnevale ogni scherzo vale

e iuorn se vedono i patacche

con la luce si scoprono le magagne

u pataterno i face, u riavulo accocchia

Dio prima li fa, il diavolo l’accoppia

carbinieri, muonaci e e vanno sempe a cocchia

carabinieri, monaci e e camminano sempre a coppia

  • Dio manda il freddo secondo i panni

  • Donna danno, sposa spesa, moglie maglio

  • Due torti non fanno una ragione

  • Dura più l’incudine che il martello

  • Tra incudine e il martello

  • È più la spesa che l’impresa

  • Errando discitur

sbagliando si impara

Repetita iuvant, sed ammosciant

le cose ripetute aiutano ma ammosciano

  • Errare umanum est, perseverare diabolicum

sbagliare è umano, perseverare diabolico

  • Excusatio non petita accusatio manifesta

giustificazione non richiesta, accusa manifesta

 Fa bene e scordati fa male e pienzaci

  • fa quel che il prete dice, non quello che il prete fa

  • fatta la legge trovato l’inganno

a legge è come la pelle dei coglioni da qualsiasi parte la tiri viene

  • fidarsi è bene, non fidarsi è meglio

a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca (Andreotti)

  • finché c’è vita c’è speranza

l’ultima dea che i sepolcri abbandonò fu la speranza (Foscolo)

  • fortunato in amor, non giochi a carte

sfortunato al gioco, sfortunato in amore

quanno a iallina canta ha fatto l’uovo

quando la gallina canta ha fatto l’uovo

  • gallina vecchia fa buon brodo

addo troppi ialli cantano non fa mai iuorno

dove troppi galli cantano non spunta mai giorno

  • giochi di mano giochi di villano

  • giovane ozioso, vecchio bisognoso

cavallo re carrozza bona gioventù mala vecchiezza

cavallo di carrozza buona gioventù cattiva vecchiaia

  • gli estremi si toccano

summum ius, summa iniuria

sommo diritto, somma ingiuria

  • gli stracci vanno sempre all’aria

  • gobba ponente luna crescente, gobba a levante luna calante (fasi lunari)

i guai ra pignata i sa a cucchiara

i guai della pentola li sa il mestolo

u buon iuorno ra a matina pare

il buon giorno si vede dal mattino

  • il buon vino si vende senza frasca

u cane mozzica sempe u sciancato

il cane morde sempre lo straccione

  • il diavolo fa le pentole ma non i coperchi

  • il diavolo non è così brutto come si dipinge

  • il difetto sta nel manico

  • il gioco non vale la candela

  • il medico pietoso fa la piaga verminosa

  • il meglio è nemico del bene

  • il mondo è bello perché è vario

  • il mondo è fatto a scale: chi scende e chi sale

  • il mondo non fu fatto in un giorno

  • il mulino non macina senza acqua

  • il pesce grosso, mangia il piccolo

u pesce puzza ra capa

il pesce puzza dalla testa piscis a capite fetit

  • il più conosce il meno

inta o gruosso nce sta assai e u poco

un recipiente grande contiene il poco ed il molto

  • il più tira il meno

  • il riso fa buon sangue

  • il sangue non è acqua

  • il silenzio è d’oro, la parola d’argento

  • il tempo è galantuomo

  • il tempo guarisce tutti i mali

  • la dieta ogni male acquieta

se mi regali un pesce mi sfami per un giorno, se mi insegni a pescare mi sfami per tutta la vita (cinese)

  • il tempo viene per chi sa aspettare

  • siediti sulla riva del fiume e aspetta, vedrai passare il cadavere del tuo nemico

  • impara l’arte e mettila da parte

l’arte re tata è mezza mparata

la professione del padre è mezza appresa

  • in chiesa con i santi, in taverna con i briganti

  • in compagnia prese moglie il frate

a mala cumpagnia te porta a male strada

la cattiva compagnia porta sulla cattiva strada

  • in dubio abstine

nel dubbio astieniti

  • in tempo di carestia pane di veccia

  •  in tempo di guerra ogni spiedo è spada

‘ntiempo re tempesta ogni pertuso è puoto

in tempo di tempesta ogni buco è un porto

  • in vino veritas

l’ubriaco dice la verità

  • i panni sporchi si lavano in famiglia

  • i più tirano i meno

  • i poveri s’ammazzano, i ricchi si abbracciano

meglio un topo tra due gatti che un malato tra due medici (padre Pio)

  • l’abito non fa il monaco

a cora è a peggio a scortica

la parte peggiore wda scuoiare è la coda

in cauda venum

il veleno è nella coda

panza chiena core cuntento

pancia piena cuore contento

chi tropp a tira, a spezza

chi troppo tira la corda la spezza

ogn’acqua scorre a mare

tutta l’acqua corre a mare

  • la fame caccia il lupo dal bosco

  • la fame è cattiva consigliera

  • la farina del diavolo va in crusca

a gatta pe fa i figli e pressa i facette cecati

la gatta frettolosa generò gattini ciechi

  • la lingua batte dove il dente duole

  • la mala erba non muore mai

  • la mala nuova, la porta il vento

nessuna nuova, bona nuova

  • la miglior difesa è l’attacco

  • la notte porta consiglio

  • la pianta si conosce dal frutto

  • l’apparenza inganna

nunnè tut’ora chero ca luce

non tutto ciò che luccica è ora

  • l’appetito vien mangiando

  • la prima acqua è quella che bagna

u primo surco nunn’è surco

il primo solco non è solco

  • l’assai guasta il troppo stroppia

u troppo stroppia

il troppo stroppia

  • la superbia è figlia dell’ignoranza

  • la superbia va a cavallo e torna a piedi

  • la verità viene sempre a galla

  • le bugie hanno le gambe corte

i cattive notizie i porta u vient

le cattive notizie le porta il vento

  • l’eccezione conferma la regola

  • le cose lunghe diventano serpi

  • le disgrazie non vengono mai sole

a o peggio nun c’è mai fine

al peggio non c’è mai fine

  • le ore del mattino hanno l’oro in bocca

  • l’Epifania tutte le feste porta via

  • le vie della Provvidenza sono infinite

  • l’occasione fa l’uomo ladro

  • lontano dagli occhi lontano dal cuore

uocchio ca nu vere core ca nu dole

quel che si ignora non da sofferenze)

  • l’ospite è come il pesce dopo tre giorni puzza

  • l’ozio è padre di tutti i vizi

  • l’unione fa la forza

  • l’uomo ordisce la fortuna tesse

  • l’uomo per la parola il bue per le corna

i vuoi pe corna l’uommene pa parola

i buoi per le corna gli uomini per la parola data

pe l’omme vale chiu a parola ca na carta bullata

per gli uomini d’onore ha più valore la parola data che un contratto scritto

  • l’uomo propone Dio dispone

  • lupo non mangia lupo

cuorv e cuorv nun se cacciano l’uocchie

i corvi non si accecano tra di loro)

  • mal comune mezzo gaudio

beati monocoli in terra cecorum

nella terra dei ciechi beato chi ha un solo occhio

  • male non fare paura non avere

  • meglio essere invidiati che compatiti

meglio un rimorso che un rimpianto

  • meglio poco che niente

  • meglio soli che male accompagnati

  • meglio tardi che mai

  • meglio una festa che cento festicciole

una e bona che appara li campi

basta un solo colpo ma ricco

  • meglio un giorno da leone che cento anni da pecore (Mussolini)

  • meglio un asino vivo che un dottore morto

  • moglie e buoi dei paesi tuoi

  • molto fumo e niente arrosto

  • morto un Papa se ne fa un altro

  • Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi

  • Ne ammazza più la gola che la spada

A tavola non si invecchia

  • Necessità fa legge

Necessità aguzza l’ingegno

  • Né donna né tela al lume di candela

  • Nelle sventure si conosce l’amico

  • Non cade foglia che Dio non voglia

Fa più rumore un ramo che cade che una foresta che cresce

  • Non c’è due senza tre

Omnia tria perfecta sunt

Tutti i tre sono perfetti

Tre so i chiu cuntient’ u Papa , u re e chi nun tene niente

Tre sono i più contenti, uil Papa, i re e chi non ha niente

Tre so i fessi: chi fresca inta sagliuta , chi tene a vreccia int’ a scarpa chei tene a serva bona e nun sa fotte

Tre sono i fessi: chi fischia in salita, chi può vendicarsi di un torto e non lo fa , chia ha la cameriera bono e non la chiava

  • Non c’è fumo senza arrosto

  • Non c’è pane senza pena

  • Il peggior sordo è chi non vuol sentire

  • Ogni regola ha la sua eccezione

  • Non c’è rosa senza spine

Nu sfotte u cane ca rorme

Non dare fastidio al can che dorme)

  • Non fare il male che è peccato, non fare bene che è sprecato

Prima di fare del bene pensa al male che ne puoi ricevere

  • Mai parlare di corda in casa dell’impiccato

  • Non si entra in Paradiso a dispetto dei Santi

  • Non rimandare a domani quello che puoi fare oggi

  • Non si fa niente per niente

  • Non tutte le ciambelle escono con il buco

  • Non tutto il male vien per nuocere

  • Non vendere la pelle dell’orso prima di averlo ucciso

  • Occhio che piange, cuore che sente

  • Oggi a me, domani a te

  • Ogni bel gioco dura poco

 

  • Ogni lasciato è perso

  • Ogni legno ha il suo tarlo

  • Uocchio nun vere core nun dole

Occhio non vede cuore non duole

  • Ogni medaglia ha il suo rovescio

  • Ogni promessa è debito

Similia cum similibus adgregantur

ogni simile cerca il suo simile

  • Ognuno ha la sua croce

  • Ognuno tira l’acqua al suo mulino

  • Ognuno per sé, e Dio per tutti

O mangi sta minestra o zumpi sta fenestra

  • Ospite raro, ospite caro

  • Paese che vai, usanze che trovi

  • Paga il giusto per il peccatore

  • Pancia piena non crede a digiuno

  • Pancia vuota non sente ragioni

  • Parenti serpenti

I pariet so come i stivali chiu so stritti e chiu fanno male

i parenti sono come gli stivali più sono stretti e più fanno male

  • Passata la festa, gabbato il Santo

  • Patti chiari, amicizia lunga

  • Peccato confessato mezzo perdonato

  • Poca brigata, vita beata

Meglio pochi ma buoni

  • Qual proposta, tal risposta

Quammo u iatto non c’è i sureci ballano

Quando il gatto non c’è i topi ballano

  • Quando la pera è matura cade da sola

  • Quando piove con il sole le vecchie fanno l’amore

Parla quanno pescia a iallina

parla quando piscia la gallina cioè mai

  • Quando si è in ballo bisogna ballare

  • Quel che è fatto è reso

  • Qui gladio ferit, gladio perit

chi di spada ferisce di spada perisce

  • Ride ben chi ride ultimo

  • Roma non fu fatta in un giorno

  • Rosso di sera bel tempo si spera, rosso di mattina mal tempo si avvicina

Zompa chi po ricette u ruospo

Salta chi può disse il rospo

  • Scherza con i fanti e lascia stare i santi

  • Se non è zuppa, è pan bagnato

Senza soldi manco u prevete rice a messa

Senza denari neanche il prete dice messa

  • Se son rose fioriranno, se son spine pungeranno

  • Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino

  • Tempus omnia medetur

Il tempo lenisce ogni dolore

  • Tentar non nuoce

  • Tra cani non si mordono

  • Tra i due litiganti il terzo gode

  • Tra moglie e marito non mettere il dito

Tutti i matrimonio nascono e finiscono a letto

Tutto u bene ra a vrachetta

Tira più nu pilo de sorca anna a monte che cento paia de buoi anna a valle (Aquilano)

stagnante

 recinto per le pecore

 si pulisce

si spezza le ginocchia;

tabacchiera

scarafaggio

dimentichiamo

maneggia

pensaci

solco

salti

chiusura dei pantaloni

  • Tutte le strade portano a Roma

  • Troppi cuochi guastano la cucina

  • Tutti i guai sono guai , ma il guaio senza pane è il più grosso

  • Tutti i gusti son gusti

  • Tutti i nodi vengono al pettine

  • Tutti i santi finiscono in gloria

  • Tutto è bene ciò che finisce bene

  • Tutto il mondo è paese

  • Una ciliegia tira l’altra

I vasi so come i cerase: uno tira l’ato

I baci sono come le ciligie:l’uno tira l’altro

  • na mano lava l’ata e tutte e doie lavano a faccia

una mano lava l’altra e entrambe lavano il viso

  • Una parola tira l’altra

  • Una rondine non fa primavera

  • Una volta corre il cane una volta la lepre

  • Una volta per uno non fa male a nessuno

  • Na mamma e nu padre campano ciento figli, ciento figli nun campano na mamma e nu padre

un madre ed un padre allevano cento figli cento figli non assistono un padre ed una madre

  • Uomo avvisato mezzo salvato

  • Vale più la pratica che la grammatica

Addo nc’è gussto nun c’è perdenza

dove c’è piacere non c’è perdita)

Vale chiu nu sfizio ca na casa

Vale più un‘azione che da piacere che un casa

  • Vedere e non toccare è una cosa da crepare

  • Vento fresco, mare crespo

  • quid superest date pauteribus

il superfluo datelo ai poverissimi

  • ad una bella donna non si chiede l’età

  • le donne non si picchiano neanche con un fiore

  • quando torni a casa picchia tua moglie , tu non sai perché lei si (cinese)

  • chi dorme non piglia pesci

  • si vede la pagliuzza negli occhi degli altri e non la trave nei propri

  • non esistono domande facili o difficili, esistono solo domande di cui si conosce la risposta

  • alzati, dici quel che hai da dire e siediti

  • il matrimonio è un male necessario

  • L’amore è il più perfido inganno della natura per la perpetuazione della specie

Muore giovane chi è caro agli dei

Chi cerca, trova

Cicero pro domo sua trova

Ciascuno turol’acqua al suo mulino

la carne è debole

 

libertà! quanti delitti in tuo nome

il denaro non fa la felicità, ma i ricchi ogni tanto sono anche felici

divide et impera

Na vota pruno, nu fa male a nisciuno

una volta ciascuno non fa male a nessuno

Vivi e lascia vivere

Mercante falluto nabbara a nteresse

il mercante fallito non bada agli interessi

La fortuna di un uomo è il suo carattere

Fatte u buono nome e scarrupa chiese

Creati la buona fama e distruggi anche le chiese

a la merula cecata a notte re vene a mente re fa u niro

il merlo cieco la notte si ricorda di fare il nido

meglio una cara amica che una fastidiosa amante

nu troppo avruso ca tutti te sputano, ne troppo aroce ca tutti te zucano

non troppo aspro che tutti ti sputano ne troppo dolce che tutti ti succhiano

meglio u cummanna, ca u fotte

meglio il comandare che il fare l’amore)

ognono all’arte soa e l’anima a Dio

ognuno al suo lavoro e l’anima a Dio

se i cunsigli se pagassero, se stessero a sente

se i consigli fossero retribuiti si ascolterebbero

a scuppetta ru curnuto na mai sparato

il fucile del cornuto non ha mai sparato

i corna so come i rienti fanno male sulo quanno spontano e quanno se nfracetano

le corna sono come i denti fanno male solo quando spuntano o quando sono marci

corne re mamma, carna re nganno; corna re sore, corne roro; corne re mugliera, corne vere

corne di mamma corne di inganno, corne di sorelle corne d’oro, corna di moglie corne vere

a troppa cumbrenza porta a mala creanza

la troppa familiarità porta la scostumataggine

a pratica fa i prucchi e l’amicizia fa i corna

la sporcizia fa i pidocchi, l’amicizia le corna

chi cerca ciò che non deve trova ciò che non vuole

povero me son fatto vecchio non posso camminar senza bastone faccio un passo e poi massetto faccio per riposar la mia persona; mo vale pe quand’ero giovanetto ca ogni porta nce facia l’amore

cu mico fai la santa e te ncunucchi, cu l’ati longa longa te stennicchi

con me fai la santa e ti inginocchi, con gli altri tutta lunga ti distendi

 luce nun me fea na carcara, come me po fa luce na cannela

non mi illuminava un falò, come mi può illuminare una candela

chi ndroppeca e nun care avanza u passo

chi inciampa e non cade ,velocizza il passo

ietti pe me fa a croce, e me cecai nuocchio

cercai di farmi il segno di croce e mi accecai un occhio

a o male manganatore mpence u pilo e lu lenazzo

a chi non ha voglia di fare da fastidio sia un pelo che una lisca di spiga

a vita è na schifezza e tu si a vita mia

lunedì facciamo i conti, martedì tutto è pronto, mercoledì devo partire, giovedì ritornerò, venerdì vi pagherò, se per sabato non sarete pagati, lunedì incominciamo daccapo

uno figlio, niente figli, due figli, pochi figli; tre figli, giusti figli; quattro figli, molti figli; cinque figli, assai figli; sei figli cu na mamma sette nemici contro a nu padre

nun c’è sabato senza sole nun c’è femmena senza amore

non c’è sabato senza sole, no c’è donna senza amore

quanno a femmena vole filà, fila cu spruoccolo

quando una donna vuole filare, fila anche con un pezzettino di legno

non si sputa nel piatto in cui si mangia

mazza e panella fanno i figli belli, panella senza mazza fa i figli pazzi

pane e bastonate fanno figli saggi, pane senza bastonate fa figli pazzi

muoiono tutti: muore la pecora e l’agnello, il bue e l’asinello, la gente piena di guai ma i rompicoglioni non muoiono mai

a malereva nun secca mai

l’erba cattiva non secca mai

Capaccio malaccio mala gente pure l’ereva è malamente

a a re Casoria facia nu terno a settimana, na settimana ca nun facette terno, ricette caia fatto mbruglio u bancolotto

  • mi piego ma non mi spezzo

  • il padrone sono io , chi comanda è mia moglie

  • …..capita nelle migliori famiglie…….

I figli ri figli, so doi vote figli

I figli dei figli sono due volte figli

  • Conosco il meglio ed al peggior m’appiglio

I figli so come aucielli quanno a na mese i penne a na vula ro niro

  • Semel in anno licet insanire

Una voltsa all’anno è lecito fare follie

  • Audaces fortuna iuvat

La fortuna aiuta gli audaci

  • Timeo Timoteo dona ferentes

Temo Timoteo che porta doni

  • I foderi combattono e i sciabole stanno appese

  • La peggiore disgrazia per un uomo è dover competere con un microcefalico

  • :I figli se vasano nsuonno

i figli si baciano durante il sonno

  • a letto ed al tavolo da gioco si conosce il vero signore

  • meglio un colpevole assolto che un innocente condannato

  • ciascuno per se e Dio per tutti

  • piove, governo ladro

  • la libertà di ciascuno finisce dove incomincia la libertà degli altri

chi lava a capa a l’asino perde u tiempo e u sapone , chi prereca a o deserto perde i pulmuni

chi lava la testa dell’asino perde tempo e sapone; chi predica al deserto perde i polmoni

  • dietro ad ogni grand’uomo c’è una grande donna

  • la vendetta è un piatto che si gusta freddo

  • lavora poco e quel poco che fai , se puoi, fallo fare agli altri

si lavora e si fatica per la panza e per la ica e se poi qualcosa avanza per la ica e per la panza

  • il lavoro nobilita l’uomo e lo rende simile alle bestie

u lietto è fatto e rose se nun se rorme se reposa

il letto è fatto di rose se non si dorme si riposa

fino a quanno te firi e zappa u tuovo e chero re l’ati zappa, quanno nu te firi chiu zappa sulo u tuovo se non vene nato e tu zappa (allegorico sessuale)

  • ogni popolo ha il governo che merita

:meglio nu triste accordo che na uerra vinta

è preferibile un pessimo accordo ad una guerra vinta

  • la guerra distrugge tutti vincitori e vinti

  • puoi uccidere un uomo non le sue idee

  • ogni individuo è condannato a morte nel momento del concepimento; la sua fortuna è di non saperne la data

te piciuto u doce, caca l’amaro

  • nondum matura est

non è ancora matura

  • i vizi si coltivano a spese proprie

  • il peggior disprezzo è la non curanza

chi te vole chiu de mamma o te finge o te nganna

chi dice di volerti più bene di tua madre o finge o ti inganna

  • Dio ti salvi dalla camorra medica (Bartolo Longo)

  • Si mangia per vivere non si vive per mangiare; si fanno soldi per campare non si campa per far soldi

Quando chiesero alla vecchia di cent’anni cosa è la vita rispose: naffacciata re fenesta, na raputa e coscie e na mangiata e pesce

Uno sguardo dalla finestra, una apertura di gambe e una mangiata di pesce

Dio te salvi ra carute vascie e tramuntano trovole, e vecchie e ruffiane giovane

Dio ti salvi dalle cadute basse, dalle tramontane con pioggia dalle e vecchie e dalle ruffiane giovani

  • Il peggior difetto delle donne è che poi diventano mogli

  • Memoria minuitur nisi exserceas

La memoria diminuisce se non si esercita

  • La vita è memoria

Due colombi in campagna stevano , sempe mangiavano e mai bevevano, si guardavano in faccia e dicevano tra di loro: nunn’è fatta notte ancora

A femmena è come u cavallo: u cavallo ra come u cavaliere piglia i retene mano capisce si adda scapezza o adda purta a cavallo

La donna è come il cavallo: il cavallo da come il cavaliere pigli in mano le redini capisce se deve portarlo in groppa o disarcionarlo

Quanno a a nun vo fotte rice ca a mbeceno i pili

Quando la a non vuol fare l’amore dice che le danno fastidio i peli

Vevo li guai miei e me respero sento chiri re l’ati e me consolo

Vedo i guai miei e mi dispero, sento quelli degli altri e mi consolo

Un passante a Pullecenella miezzo a dui carabiner :”Pulecene vai ngalera?” Pullecenella “vag’? strunz me portano.

Disse Pulcinella: int a sto vico tutte e, sulo mamma mia è na femmena seria, quanno se spusavo, mo ricordo, me purtava pa mano

  • Tre sono le peggiori categorie di scioperati: marinai, taverniere e carrettieri

  • Tre so i chiu putienti: u re, u papa e chi nun tene niente

Tre sono i più potenti: il re, il Papa e chi non ha niente

  • I potenti hanno molti parenti, i pezzenti nessuno

Dopo la quarantina lascia le donne e piglia la cantina (aquilano)

Quanno i figli fottono , i padri so fottuti

  • Ogni essere umano ha due crisi puberali: una tra i 14 ed i 18 anni quando non è più piccolo ma non è ancora grande; l’altra tra i 45 ed i 60 anni quando non è più giovane ma non è ancora vecchio

  • In medio stat virtus

La virtù è nel mezzo

  • Est modus in rebus, sunt certi denique fines/ citraeque quos nequit consistere rectum

ci sono certi limiti oltre i quali non esiste il giusto

  • La modestia non è la virtù dei forti ma quella degli imbecilli

U monaco scurnuso porta a vertula vacante

  • Vita e morte si escludono a vicenda: quando c’è l’una l’altra se ne andata

  • A morte se piglia i buoni

Na corta malattia, na dolce morte

  • U tiemp passa e a morte s’avvicina

  • Meglio un vigliacco vivo che un eroe morto

  • Solo gli imbecilli presumono di non sbagliare mai

U cane cuotto, ra l’acqua frebba fuie

Il cane scottato fugge dall’acqua fredda

Nun mporta si vai inta a na pagliera; mpurtante nunne è a pagliera ma u masto ca nce fatia into

Non è importante il posto dove vai ma chi ci lavora dentro

Chi tene panza tene crianza

Chi ha il naso lungo ha buona educazione

Ab naso noscitur quanta sit asta viro

Dal naso si riconosce la grandezza dell’organo maschile

Si tutti aucielli conoscessero u grano nun se mangiasse pane

Se tutti gli uccelli conoscessero il grano non si mangerebbe pane

Auciell’ s’accocchiano pe l’aria i fetient s’accocchiano nterra

Gli uccelli s’accoppiano in aria i lazzaroni a terra

Fatella cu chi è meglio re te e, fare e spese

Frequenta chi è migliore di te e pagagli le spese

Natale addà nata, iennaro addà gela, si Natale nu nata e iennaro nu gela , frevaro a mala pensa

Natale deve nuotare, gennaio deve gelare, se gennaio non gela e Natale non nuota febbraio la sarà pessimo

Prima re Natale ne friddo ne fame, roppo Natale friddo e fame

Prima di Natale non freddo né fame, dopo Natale freddo e fame

Frevaro curto e amaro

Febbraio corto e amaro

Chero ca care ra vocca va nzino nunne perso

Quello che cade dalla bocca e va sulle ginocchia non è perduto

A cavallo iastumato re luce u pilo

A cavallo ingiuriato luccica il pelo

Chi poco tene , assai teme

A mazza re Santo Nicola chi a porta a prova

  • Due cose non si possono nascondere: la miseria ed il dolore

  • Natura non fecit saltus

La natura non fa salti

  • Siamo tutti utili, nessuno indispensabile

  • Chi tace, acconsente

  • Non tutti i mali vengono per nuocere

  • Nomina sunt conseguentia rerum

I nomi sono consequenziali alle cose

  • a cuccuaia, bona addo canta malamente addo tene mente

la ci vetta porta bene al posto dove canta, male dove guarda

  • bere o affogare

  • niente di nuovo sotto il sole

  • il vero saggio è colui che sa di non sapere

  • :chi è nato tunno nun po murì quadrato

  • :quanno n’cè a carne ncoppa l’uosso ogni guaio vene e passa

quando sull’osso c’è la carne ogni guaio viene e passa

  • gli occhi sono lo specchio dell’anima

  • odiare è facile, perdonare è difficile

  • errare è umano, perdonare divino

  • pecunia non olet

il denaro non puzza

  • ignoro fino a quale cifra arrivi la mia onestà

  • la ica è l’unica bandiera per la quale vale la pena di combattere e morire

  • si lavora e si fatica per la panza e per la ica, e se poi qualcosa avanza per la ica e per la panza

  • tot capite tot sententia

tante teste tanti giudizi

  • ruba più un avvocato con la borsa che cento uomini con il mitra

tene a paia ra capurale e i vizzi ra generale

ha la paga da caporale e i vizi da generale

chi non risica non rosica

  • melius abbundare quam deficere

meglio abbondare che risparmiare

  • le colpe dei padri ricadono sui figli

  • non si vive di solo pane

  • ogni lassato è perso

tene a capo sulo pe sparte i recchie

ha la testa solo per dividere le orecchie

arape a vocca e da fiato

apre la bocca e da fiato

  • bisogna saper fiorire dove Dio ci ha seminato

appaurati ri vivi ca i muorti stanno pi fatti loro

abbi paura dei vivi i morti stanno per conto loro

  • figlio re ciento padri

figlio di cento padri (figlio di a)

  • larga la porta, stretta la via, dite la vostra che ho detto la mia

  • non bisogna dare le margherite ai porci

meglio capa re sarda, ca core re cernia

meglio testa di sarda che coda di cernia

ci sono tre cose tutti gli esseri umani fanno allo stesso modo: nascono, muoiono e cacano

  • preti e medici: fa come dicono non fare come fanno

  • le e sono le più grandi benefattrici dell’umanità maschile

  • oi nenna nenna ca ti chiami Rosa che bello nome mammeta ta miso tieni lu nome re lu meglio fiore, lu meglio fiore re lu paraviso

oh fanciulla che hai nome Rosa che bel tua madre ti ha dato, hai il nome del più bel fiore, il più bel fiore del Paradiso

  • bella figliola ca ti chiami Cecca ai fatto la palunia a la patacca, nun te ricuordi quanno iemmo mpoppa nisciuna varca ne putia arrivare

bella fanciulla che ti chiami Francesca ha fatto la ragnatela alla vulava, non ti ricordi quando avevamo il vento in poppa nessuna barca ci poteva raggiungere

  • a fava cume a fai fai sempe re fava sape

la fava comunque la cucina ha sempre il sapore della fava

  • te ricietti nun t’appuggià ca u ramo è sicco e nun te po tenè, t’appuggiast e u meglio ramo te vennette meno

ti dissi non ti appoggiare che il ramo è secco e non ti può reggere, tu ti appoggiasti ed il miglior ramo ti venne meno

  • la differenza tra una a e una donna seria sta nel fatto che la seria la da oltre che agli altri, anche a me, la a la da a tutti tranne che a me

  • diventare padre è facile, esserlo è difficile

un padre, a tavola, distribuiva il pane alla famiglia: spezzo un pezzo di pane lo diede ai genitori e disse: chesto vu torno ; lo diede ai figli e disse: chesto vu presto; lo diede alla moglie e disse: chesto u ghietto

  • tra due mali scegli il minore

niente fa chi troppo pensa

  • chi la dura la vince

chero ca u popolo rice non sarà tutta verità ma sempe quaccosa nc’è

quelo che il popolo dice non sarà tutta verità ma qualcosa di vero ci sarà

  • parlate pure male di me, ma parlatene

  • il peggiore moralista è il vizioso redento

u vescillo se chieca ra zico

il ramo storto si raddrizza da tenero

  • la filosofia è quella disciplina con la quale e senza la quale si rimane tali e quali

  • cane che abbaia non morde

  • nemo profeta in patria

  • provare per credere

  • se il malato muore l’ha ucciso il medico, se campa il Signore ha fatto il miracolo

  • non dico che cacando dovete fare centro, ma figli di e, cacate almeno dentro

(iscrizione nelle latrine dell’Università Federico II di Napoli)

  • chi urla non ha ragione

nu ciuccio carico re sordi sempe nu cuiccio è

un asino anche se carico d’oro resta sempre un asino

  • chi non rispetta se stesso come può rispettare gli altri

  • Ogni rosa ha le sue spine

  • Chi troppo in alto sale cade sovente precipitevolissimevolmente

Spero che Iddio non mi liberi dalla vecchiaia, anzi, spero che me ne dia molta

  • Ogni scarpa diventa scarpone

Pesa chiu a penna ca zappa, e a zappa fa meno danni

Pesa più la penna che la zappa e la zappa fa meno danni

  • Signori si nasce ed io lo nacqui (Totò)

  • Tutti i sogni finiscono all’alba

  • È nato stanco e campa pe riposà

È nato stanco e vive per riposare

  • La vipera che morsicò mia suocera morì avvelenata

  • Il perder tempo a chi più sa più spiace

  • O tempora, o mores

O tempi o costumi

  • Alea iacta est

Il dado è tratto (Cesare al rubiconde)

Nato accussì su pigliavo u sulufrone

Un altro come lui lo portò via il fiume

  • Più conosco gli uomini più amo le bestie

  • Vento furioso presto calma

  • Non ci sono due verità

  • La verità fa male

  • La verità è nuda

  • L’erba del vicino è sempre più verde

  • Diffidate di chi ha molte virtù e nessun vizio

  • Non io ho abbandonato i vizi, ma loro me

Quanno u ciuccio nun vo veve a voglia che frischi nun beve

Quando l’asino non vuol bere è inutile fischiare, non beve

  • .Il bello non è bello, ma è bello ciò che piace

ulo ca na visto mai cammisa quanno la vere tutta se la caca

  • U milione accummenza ra lira

Frie u pesce e guarda u uatto

Friggi il pesce e guarda il gatto

A iallina pezzula nterra e guarda ncielo

La gallina becca in terra e guarda in cielo

Addo nun ce so campane nun ce so e

Dove non ci sono campane non ci sono e

U cetrulo finisce sempe nulo all’ortolano

Il cetriolo finisce sempre nel didietro dell’ortolano

Tanto girarono i pacci ca futtero a Gaspare int o puzzo

Chi ala poco vale; o è fame o è suonno o tene a morte attuorno

Chi sbadiglia vale poco: o ha fame o ha sonno o ha la morte intorno

A vigna re santo runato chi zuoppo e chi cecato si ngn’è uno bunariello tene na ualla quat’a nu pignatiello

Nella vigna di S. Donato chi zoppo e chi cieco se ve ne è un discreto ha un’ernia quanto un pentolino

Quann’è la Pasca e lu Natale chi porta ialli e chi porta capuni tu bella si nunn’hai che me purtare portame stu pari re picciuni

In tempo di Pasqua e di Natale chi porta galli e chi porta capponi, tu bella se non hai cosa portarmi portami un paio di seni

  • Non c’è niente di più comico di una tragedia

  • Un uomo uccise la madre e le strappò il cuore dal petto. Mentre tornava a casa con il cuore della madre in mano inciampò e cadde. Il cuore della madre gli chiese: figlio ti sei fatto male?

  • Carpe diem, quam minimum crerula postero

godi il presente e confida meno che puoi nel futuro

Secondo cucozza canta Pasca nun vene p’auanno

Si dice di un fatto che non si avvererà

 

 

meglio te cuvierni meglio te minestri

meglio ti gestisci meglio ti trovi

si a mmiria fosse ualla se purtasse ca carriola

se l’invidia fosse ernia si trasporterebbe con la cariola;

chi tene nu puorco u face grasso e chi tene nu figlio u face puorco

chi ha un maiale lo fa grasso , chi ha un figlio lo fa maiale

va bene disse donna Lena quanno verette a nipote a figlia e a iatta prene

cient niente accerero u ciccio a u monaco

cento nienti uccisero l’asino del monaco

quanno u ciucio ru monaco se luavo u vizio re mangià, murette

quando l’asino del monaco si tolse il vizio di mangiare, morì

albero caruto accetta accetta

all’albero caduto tutti vanno a far legna (quando una persona è in disgrazia tutti gli danno addosso)

è muorto u fuoca e a pignata nu volle

è morto il fuoco e la pentola non bolle,

a cera se struie e a prucessione nu cammina

la cera si consuma e la processione non cammina

Dio nun peggio ricette chiro ca ia pe l’acqua abbascio

Dio non peggio disse quello portato via dalla corrente del fiume

Addo arrivo mpizzo u spruoccolo

Dove arrivo metto la zeppa

Chi mangia la polenta e beve l’acqua alza la gamba e la polenta scappa

Tre so i cose malamente:a fatia pesente, u sole cucente, u mangià malamente

Tre cose sono pessime:il lavoro pesante, un sole cocente, un pranzo cattivo

nun mangià cucozza ca te cachi nun passà u iumo ca te niechi

non mangiar zucca che ti cachi addosso, non passare il fiume che anneghi

chi more pe li funghi fessa chi u chiange

è fesso chi piange un morto per avvelenamento da funghi

ricette u cierro a la cocuzza longa: fatte fotte è venuto vierno

disse il cerro alla zucca lunga :fregati è arrivato l’inverno

chi perde nu cappotto e trava na manta perde si ma nun perde tanto

chi perde un cappotto e trova un mantello perde si ma non tanto

chi tene panza, tene crianza

chi ha pancia, ha educazione

a chiagne nu muorto so lacreme perse

a piangere un morto sono lacrime perdute

puozz’ì come a sporta ru pezzaro

a chi speretea nun addurà u ulo

non odorare il didietro a chi scureggia

addo femmena senza figli nun c’ì né pe denari né pe cunsigli

da una donna senza figli non andarci né per denaro nèper consiglio

pure nu caucio nuulo te fa avanza

anche un calcio in ulo ti fa avanzare

quanno a furmicula mette i scelle vo perì

quando la formica mette le ali vuol morire

quoanno a vocca mangia e u ulo rende se vanno a fa fotte i mericine e chi i venne

quando si mangia e si evacua si vanno a far benedire le medicine e chi le vende

rumor di ulo sanità di corpo

chi scureggia ha un corpo sano

a lu frie sienti lu rire, a lu cagno sienti lu chianto

al frigere senti le risate; al cambio senti i pianti

a mano chiatta e corta è mariola

la mano corta e tozza è ladra

 

u monaco re Santo Martino doie cape ncoppa a uno cuscino

monaco di San Marino due teste un solo cuscino

a gatto viecchio, zoccola tenerella

a gatto vecchio topo giovane (al vecchio iere amanti giovani)

a chi me ra pane chiamo tata

chiamo padre a chi mi da pane

nu sputà ncielo ca te care nfaccia

non sputare in cielo che lo sputo ti cade in faccia

chi tene tanta danari sempe conta chi tene na bella migliera sempe canta. Cicco tene na brutta mugliera e nun tene denari, nun canta e nun conta

che ha tanti soldi sempre conta chi ha una bella moglie sempre canta Francesco ha una brutta moglie e non ha denari e non canta e non conta

chi tene pietà ra carne re l’ati a soia sa fotteno i cani

chi ha pietà degli altri va in pasto ai cani

fa u fesso pe nun ghi a uerra

fa lo ognorri per non andare in guerra

u baccalà pure pesce è

anche il baccalà è un pesce

sanghe e denari se cacciano a forza

è trasuto e spichetto e se miso re quarto

è entrsyto strettoe si è messo largo

tene u mele mocca e u fele o core

ha il miele in bocca ed il fioele al cuore

te saccio piro all’uorto mio e munne purtavi, mo si santo e vuò fa i grazie

eri albero di pero e non fruttificavi, ora sei Santo e vuoi fare grazie

 

quello che guadagni con il sesso non lo guadagni con il avoro

chi fraveca e sfraveca nun perde mai tiempo

chi costruisce e distrugge non perde mai tempo

figlio re iatto acchiappa surici

i figli dei gatti acchiappano i topi

tre so i cose c’accireno i viecchi: catarro, carute e cacarella

tre sono le cose che ammazzano i vecchi :raffreddori, cadute e diarrea

a scopa nova fa rumore

cornuto triste nominato e visto

carta corre giocator s’avanta

chesta è a ricetta e ca Dio ta manna bona

questa è la ricetta e che Dio t’aiuti

chiacchiere vo a zita e po s’addorme

la sposa ha bisogno di chiacchiere per addormentarsi

a la cannelora a vernata è asciuta fore

nel giorno della cannelora si è fuori dall’inverno

chi se corca cu i criaturi a matina se trova cacato

chi va a letto con i bambini la mattina si trova sporcato

chi chiagne fotte a chi rire

chi piange frega chi ride

è cum’è a iatta: fotte e chiagne

è simile alla gata scopa e piange

nun c’è ngnuranza senza presunzione, nun c’è pezzenteria senza rifietti

non c’è ignoranza senza presunzione né povertà senza difetti

paga sempe u chiu fessa

paga sempre il più fesso

è nato ca cammisa

nato con la camicia

figlio ca n’ assimmiglia a mamma e patre acchiappa e mpiennelo ca nur’è figlio

un figlio che non ha rassomiglianza con i genitori, impiccalo non è figlio loro

chi nu fraveca e nu marita nu sape che si rice re la vita

chi non costruisce e non sposa non conosce le cose della vita

  • di Venere e di Marte non si arriva e non si parte e non si da principio ad arte

  • è iuta a fessa mano a i criaturi

è finita ica nelle mani dei bmabini

  • so fernut i cappielli a Napule

sono finiti i cappelli a Napoli;

 

 

Fonte: HTTP://ICOMIGNANO.ALTERVISTA.ORG/FILES/PROVERBI.DOC

Sito web da visitare: HTTP://ICOMIGNANO.ALTERVISTA.ORG/

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Proverbi cilentani

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Proverbi cilentani

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Proverbi cilentani