Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale E

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale E

 

 

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale E

…..e giò sti fett! Qualcuno soggiungeva: …e l’inguria l’era grossa…! Questo era il modo per far capire che chi stava parlando in quel momento, stava raccontando un sacco di fandonie, insomma, per dirla sempre in meneghino: un “casciaball”. Tutto questo nasce probabilmente quando in estate sorgevano i vari chioschi in cui si vendevano angurie, sia intere, sia a fette, anzi erano proprio queste ultime a venire esibite in continuazione elogiandone le proprietà rinfrescanti, la gustosità, tenuto poi conto che a quei tempi con pochi centesimi si poteva acquistarne due o tre, era quindi una festa soprattutto per i ragazzini (i bagai), perciò, avanti a tagliare fette, belle, rosse, fresche, invitanti, in realtà pur buone che fossero erano sempre acqua. Come detto all’inizio la frase diventò sinonimo di qualcuno che vuole eccellere nei suoi meriti quando invece sono men che mediocri. Per concludere, “fettare” è divenuto sinonimo di raccontare menzogne.

 


El cafè del genoeucc. La traduzione è semplicissima: caffè del ginocchio, ma perché proprio di questa parte del corpo? E’ presto spiegato. Il bidone che fungeva da macchina del caffè, poggiava su di un carretto che come altezza arrivava si e no alle ginocchia dei consumatori….. e va bene, su questo si potrebbe anche passarci sopra, ma non sul fatto che il caffè era una vera brodaglia, addirittura era una miscela di fondi di vari caffè che il padrone del carretto raccoglieva nei vari bar, a questo miscuglio aggiungeva anche della cicoria e grappa, la quale nascondeva tutto il variopinto sapore mentre il caffè scendeva nel gargarozzo. Chi erano i clienti di questo bar all’aperto, erano quelli che per primi, all’alba dovevano recarsi al lavoro, spazzini, facchini, brumisti (conducenti di carrozze) e soprattutto nelle giornate invernali, quando a Milano il freddo c’era, eccome se c’era, quando la scighera (la nebbia) abbracciava voluttuosamente case e persone che imbacuccata si recava a bottega, quando qualcuno con  aria sospetta si guardava attorno con la sciarpa avvolta attorno al viso, ma con una voglia di caffè, perché lui aveva lavorato tutta notte, ed  era stata una brutta nottata, perché una ronda “de Cà Traversa” (Carabinieri) gli stava rovinando il lavoro. E quale era il luogo dove si poteva trovare questo esercente: ma in Piazza del Duomo, che diamine! Ancora oggi quando si beve un caffè che non è  affatto buono, noi “meneghini” diciamo spietatamente che è un cafè del genoeucc!”…..ma lo diciamo con il groppo in gola!

 

 

 


 


 

El cassett l’è de nôs, ma el g’ha minga de vôs! Antico proverbio che è anche un monito, ed ecco perché: i cassetti sono fatti di robusto legno di noce e soprattutto per i negozianti rappresentano la loro cassaforte dove ripongono i quattrini al riparo da occhi indiscreti, e lo stesso può anche valere per i risparmi che si custodiscono in casa, ma se qualche estraneo riesce a metterci le mani per arraffare il ricavo della giornata o arraffare i risparmi di casa, ebbene il cassetto pur robusto che sia non ha voce per lanciare l’allarme. Perciò mani estranee o mani domestiche, se le fregano, «anca stavolta l’è andada ben».


 

El g’ha l’oli sant in sacoccia. Questo è un adagio dove la malinconia, la tristezza, sono le parti predominanti, infatti, è abbastanza ricorrente a proposito dei moribondi, di chi è in agonia. Per i milanesi, coloro che hanno l’olio santo in tasca sono ormai vicini all’ora fatale quando si presenteranno davanti a Colui che giudicherà la loro vita terrena. Sappiamo tutti che l’olio santo è utilizzato dai sacerdoti per il Sacramento dell’estrema unzione, anzi, leggenda vuole che il moribondo a cui è stata somministrato questo olio santo, abbia un improvviso notevole miglioramento delle sue condizioni di salute: è leggenda? È fantasia popolare? Sono allucinazioni che hanno i parenti che assistono l’agonizzante? Anche la fede ha i suoi misteri, come è giusto che li abbia, e questo proverbio forse vuole anche farci ricordare l’effimero della vita terrena e badare un po’ di più alla nostra anima quando sarà giudicata.

 

 


 

El “gamba de legn”. Questo affettuoso nomignolo era rivolto a quei trenini che fra l’ottocento e il novecento trasportavano gli operai fra Milano e Magenta. Il varo del trenino avvenne all’inizio del mese di settembre del 1878. L’ultima corsa “el Gamba del legn” la effettuò a fine agosto del 1957. A Milano il capolinea, da Piazza Baracca dove era situato all’inizio, fu collocato al deposito carrozze di Corso Vercelli. Le cronache di Milano raccontano che specialmente in inverno quando calavano quei micidiali nebbioni dove non si vedeva un accidente, davanti al convoglio procedeva un uomo che con un fischietto ad intervalli regolari avvertiva del passaggio del convoglio ed evitare così incidenti. Purtroppo successe che l’ometto in questione inciampò e cadde, il trenino che lo seguiva no fece in tempo a fermarsi e lo urtò facendogli perdere una gamba, ebbene, la gamba recisa fu sostituita con una di legno e questo umile, e lasciatemelo eroico dipendente, non volle lasciare il lavoro è continuò a svolgerlo, claudicante con l’arto artificiale. Da questo malaugurato incidente nacque il famoso appellativo. Ancora oggi, noi milanesi “d’antan” utilizziamo questo adagio quando magari siamo in attesa di un treno che porta qualche ritardo; oppure anche per quei convogli ultramoderni ad alta velocità.

 


El litter in quatter. Spesso può capitarmi di accompagnare qualche amica, beh! sì, anche qualche amico, a gironzolare per Milano. Bene, tralasciando le meraviglie celebri e famose che arricchiscono la capitale lombarda, queste amiche, e anche amici, li porto a visitare cose che ben difficilmente potrebbero ammirare, oppure, come nel caso dell’adagio, la visione di statua di uno fra i più grandi geni dell’universo, quel tal Leonardo di ser Piero da Vinci (1452 –1519). Il monumento sorge in Piazza della Scala, con le spalle rivolte alla residenza municipale di Palazzo Marino, e la fronte verso il tempio
universale   della   lirica,   il   Teatro   alla Scala.

 

 

 

 

 

Ecco la statua di Leonardo sotto la quale vi sono i quattro suoi allievi: Marco D' Oggiono, Andrea Salario, Giovanni Antonio Boltraffio e Cesare Da Sesto.
L’autore di questa frase fu Giuseppe Rovani, l’autore del bellissimo libro su Milano i “Cento Anni”. Rovani vedendo da lontano quella statua, gli sembrò di vedere una bottiglia da litro (Leonardo) con attorno i quattro bicchieri (i suoi allievi). Quindi un bel litrozzo di quello buono, da bersi con quattro amici. Comunque la statua doveva essere realizzata nel 1857 per celebrare la visita a Milano di Cecco Beppe, l’Imperatore austriaco, poi le vicende risorgimentali fecero tardare l’esecuzione dell’opera, che fu realizzata da Pietro magni solamente nel 1872.


El màa de la grassa. Potrebbe anche tradursi nel proverbio, “dalle a chi ride, togline a chi piange”. In pratica quando si sentono continui piagnistei, che non assolutamente giustificati da parte di gente che sta bene, mentre al contrario persone più umili, con poco da spendere, che faticano ma non si lamentano, anzi, hanno sempre un sorriso per tutti, ebbene sono queste le persone che vanno aiutate, quindi i lagnosi hanno “il male della grassa” che significa, chi è grasso è anche ben pasciuto, dunque ha di che sostenersi e bene, non ha problemi per il pranzo e per la cena, e allora il milanese quando sente queste lagne esordisce con: “ma tas ti! che te ghét el màa de la grassa!”

 


El m’ha tiràa la pell in coo. Letteralmente “Mi ha tirato la pelle in testa”. Questo è un detto veramente vecchio, che solamente qualche ambrosiano veramente tale, ricorda. La frase si riallaccia alle rane, quando esse una volta catturate venivano spellate vive. Una volta girava per Milano il venditore di rane, il quale sul suo carretto aveva una cassetta in cui guazzavano le rane, per attirare la clientela che faceva “quell di rann” ovvero il ranaiolo, cacciava una mano nella cassetta afferrava una rana viva e fresca, e con un piccolo coltello la spellava e poi la rigettava nella cassetta e la rana continuava a  guizzare assieme alle altre. Questa spellatura come avveniva strappando la pelle dall’addome rivoltandola fino alla testa, la pelle così posizionata veniva poi recisa con un colpo preciso, le rane in questo modo erano pronte per essere gettate in padella e fritte. Beh! obiettivamente non era una cosa bella da vedersi, anzi. Oggi susciterebbe del raccapriccio, ma all’epoca non esistevano gli animalisti e se fossero esistiti, “quell di rann” li avrebbe spellati senza tanti complimenti. Dunque l’adagio in questione significa “che mi ha proprio spellato vivo, togliendomi anche l’ultimo quattrino”, trattandomi proprio come una povera rana.

A proposito, potrete anche non credere, ma chi scrive, non ha mai mangiato rane, né le mangerà!

 


El paga debit. Simpatica questa frase. Questo “paga debiti” era il bastone da passeggio, ora questo compagno di viaggio non è più in circolazione. Scherzosamente i milanesi si rivolgevano a qualche amico o conoscente che avendo contratto qualche debito in danaro ora doveva saldarlo, e il saldo al creditore poteva essere qualche bastonata sul suo groppone, perciò si poteva anche sentire per strada una  persona dire a chi aveva incontrato: “… te ghet lì el paga debit?”

 

 

 

 

 


El palpiroeu de Natal. Questo «palpiroeu», tradotto significa, pacchetto, involtino, oggetto incartato, che schiacciandolo leggermente, quindi palpandolo, palpeggiandolo delicatamente come se dovessimo accarezzare delle procaci parti di una signora, si potrebbe anche indovinare il contenuto di questo involtino. L’etimologia di «palpiroeu» è facilmente riconducibile al verbo meneghino di «palpà» –palpare- però attenzione, qualche studioso di affari meneghini ritiene che questa parola derivi anche dal francese
«papier», carta, ecco per arrivare un altro studioso che la parola milanese  non  è  altro  che  il  diminutivo  di  «palpeo»  derivante   da
«papyrus» che e queste due parole andrebbero a formare «papiriolus» da cui finalmente nasce il «palpiroeu» e visto che si tratta di cosa natalizia, qualcuno palpeggiandolo con grazia cerca d’indovinare di cosa è fatto il dono. Resta comunque il fatto che tante volte per ringraziare del regalo, il beneficiario, distrattamente senza accorgersene, e ancor più distrattamente la padrona di casa, esprime gratitudine alla signora  «cont óna  bella palpada».

 

 


 

 

El perdon l’è a Maregnan. E’ vero il perdono lo puoi trovare solo a Maregnano (l’odierna Melegnano), qui, a Milano, si paga. Questo antico detto si riallaccia a un rito detto del “perdono” che si celebra ogni giovedì santo a Melegnano, è la cosiddetta “Festa del Perdono”  di cui a Milano esiste anche la via, zona Cà Granda dove sorge l’Università degli Studi. Ebbene in questa festa venivano concesse ai fedeli speciali indulgenze. Ne consegue che chi aveva commesso particolari peccati, e da non meritare indulgenza, l’unica cosa che gli rimaneva era di andare a Maregnano/Melegnano, e lì chissà…..


 

El  puresin  negher.  Questo  detto,  ha  il  medesimo  significato    di
«pecora nera», ovvero chi, unico in famiglia, è un tipo particolare, ma questa sua peculiarità, non è troppo ammirata, anzi, sconfina spesso nell’antipatia, quando poi i famigliari vengono a sapere che il loro congiunto ha commesso anche azioni non troppo pulite, allora si che sono guai, e gli eventuali castighi sono più che meritati. Però per quanto riguarda «el puresin» (il pulcino) anche se nato di colore nero, è solo una stranezza della natura, per il resto il piccolino è sempre guardato con affettuosità.

 

 


 

El riss ch’el nass in l’acqua, el voeur morì in del vin. Il concetto è fin troppo chiaro: il riso, questa meravigliosa graminacea importata dall’Oriente attorno al 1400, ha trovata nella Valle Padana il suo ambiente naturale in queste plaghe acquitrinose, quindi come dice il proverbio “nasce nell’acqua”, ma poi, messo in pentola per fare quegli stupendi, appetitosi, risotti; dopo una bella cucchiata –il sottoscritto, il risotto lo gusta molto di più mangiandolo con il cucchiaio e non con la forchetta- on bel biccer de quel ross, è come santificare el canaruzz (la gola), el stomegh (lo stomaco)….. e finiamola qui!

 

 

 


El tombon de San March. A Milano c’è la Via San Marco ove sorge la bellissima chiesa, del XIII secolo dedicata appunto al santo. Ora il naviglio che lì vi scorreva, purtroppo ora coperto come tutti gli altri, a un certo punto formava una piccola darsena, un punto d’approdo ove venivano scaricate le balle di carta da giornale per il Corriere della Sera. Il perché quel luogo si chiamasse «tombon» non è molto chiaro, trova credito la narrazione tradizionale in cui si afferma che quella darsena fu scavata dove esisteva un cimitero, dalle tombe che vi erano al «tombon» il passo è breve, altra teoria sul nome «tombon» è quella che identifica un manufatto ad arco basso che congiunge le due rive, quindi un ponte. Un’altra interpretazione richiama alla mente che in quella darsena parecchia gente si buttasse suicidandosi per annegamento, oppure, per un malaugurato passo falso vi cadesse incidentalmente e vi annegasse, o addirittura in quelle acque gelide avessero ospitate persone assassinate.

 


El và come on lecchee. No, non è uno che lecca, è invece un lacchè, il servitore di tempi ormai superati da qualche secolo. Questo servitore correva davanti alla carrozza del suo signore con una lanterna per illuminare la strada e doveva certamente avere un bel fiato per tenere a debita distanza la carrozza trainata dal cavallo. Ora questo proverbio è usato anche metaforicamente per indicare una persona che è molto veloce nelle sue incombenze, una persona a cui basta accennare cosa dovrebbe fare e questo ha già capito ed è scattato all’opera.


El và in di omen cön la soa. D’accordo va dagli uomini (omen), con la sua, chi? Donna, fidanzata, amica, protetta (ragazza che vive dando la “sua” a prezzi onesti) se quest’ultima non l’avete capita, scrivetemi che ve lo spiego. Niente di tutto questo. Bisogna rifarsi al gioco del biliardo, quello detto all’italiana. Immaginate un bel tavolo da biliardo con il suo tappeto verde, le buche agli angoli e gli omini disposti nel mezzo. Per ottenere punti bisogna far si che il giocatore con la sua stecca colpisca la sua biglia che ha sua volta colpendo la biglia dell’avversario, questa abbatta gli omini, se invece il tiro risulta sbagliato e il giocatore abbatte gli omini con la sua biglia (a l’è andaa in di omen cön la soa) sono punti perduti, ovvero, bevuti e vanno a vantaggio dell’avversario. Il detto può anche essere valido per dire che quel tizio ha concluso un affare che si è rivelato un imbroglio, e quindi perso del suo (del denaro).

 

Fonte: http://www.circolomorbegnese.it/000anno2014/proverbimilano_e.pdf

Sito web da visitare: http://www.circolomorbegnese.it

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale E

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale E

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale E