Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale N

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale N

 

 

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale N

Nabucodonosor. Ovviamente, i milanesi cominciarono ad usare, quale termine dispregiativo il nome del re babilonese Nabucodonosor, per classificare una persona invadente o intollerante, infatti questo Nabucodonosor, rese schiavi gli Ebrei. Tutti avete nella mente il celebre Nabucco, la magistrale opere lirica di Giuseppe Verdi, con le straordinarie, vertiginose note e parole del “Va, pensiero”. Ecco spiegato il perché dare del Nabucodonosor è una disonore, anzi, qualcuno disse anche: “Nelbusdeldisonor”. Lasciamo a chi legge l’interpretazione.


 

Narcis. Talvolta a Milano si definiva qualche conoscente in questa maniera: “El Gildo (Ermenegildo) el me par semper ón narcis a la fontana”. Il motivo rientrava nel fatto che questo Gildo, o Ermenegildo, era sempre vestito come un damerino, sempre ricercato nei modi, prima di uscire di casa naturalmente passa un certo tempo allo specchio per rimirarsi e per sistemare la sua persona, inoltre nei confronti di amici e conoscenti cerca sempre di far notare la sua presunta superiorità. Ecco l’appellativo di Narcis, in ricordo del mitologico Narciso famoso per la sua bellezza, sdegnoso verso il suo prossimo, gli dei lo punirono facendolo innamorare di se stesso  mentre si stava specchiando in un fiume nel quale cadde morendo annegato. Dalla vicenda mitologica derivò il cosiddetto narcisismo, sinonimo di egoistica vanità.
Nonostante tutto i “narcisi” sono dei fiori stupendi.


 

Narigiatt. Altra espressione tipicamente meneghina, a cui spesso si aggiunge “con su el zuccher”. La definizione vuole significare una persona di poco conto, debole, senza spina dorsale e talvolta anche piagnucolosa. Questo piagnucolio, tipicamente infantile, produce nelle narici nasali quello che è definito “moccio”, quindi dicendo “ma va via narigiatt” può essere riferito a una persona tediosa o anche a un ragazzino.


 

Navascia. Chi non sapeva fare nulla, o non si applicava come doveva al suo lavoro, spesso veniva denigrato come “te set nanca bon de faa el navascée” orbene questo termine deriva da “navascia” ovvero quel carro a sponde alte perché ciò che i contadini vi caricavano non cadesse per strada, e quello che caricavano era letame e porcherie varie, ora il “navascèe” era colui che svuotava i pozzi neri e altre amenità del genere.


Nivola de fasoeu. Questo adagio si riferisce chiaramente a una  nuvola, dove talvolta immaginiamo che su di essa via siano angelici cantori, però pensate anche a quelle nuvole nere, plumbee, foriere di lampi e tuoni, soprattutto di questi ultimi, provocati magari da un abbondante quanto gustosa mangiata di fagioli (i fasoeu)….. è meglio terminare qui; avrete capito tutti a cosa allude questo detto milanese, ad un vero bombardamento…..

 

 


Noleggiador de pappagaj. Questo adagio non si riferisce a chi fra i tanti mestieri inventati per campare, c’era anche questo. Trattasi  invece di altro genere di “pappagalli”, quelli che si usano negli ospedali e che servono per soddisfare esigenze corporali. Sembrerebbe che questa frase fu detta da un tizio che cercava di entrare a sbafo al Velodromo Vigorelli di Milano, il celebre impianto sportivo dove si svolgevano riunioni di gare in bicicletta su pista. Ebbene questo tizio volle giustificare questa sua azione dicendo che stava cercando  proprio quel venditore, che poteva noleggiare quell’oggetto agli spettatori presenti e bisognosi di scaricarsi…

 

Fonte: http://www.circolomorbegnese.it/000anno2014/proverbimilano_n.pdf

Sito web da visitare: http://www.circolomorbegnese.it

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale N

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale N

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Proverbi, adagi, motti e detti milanesi lettera iniziale N