Proverbi italiani e detti

Proverbi italiani e detti

 

 

Proverbi italiani e detti

A buon cavallo non occorre dirgli«Trotta».
A carnevale ogni scherzo vale.
A casa del ladro non si ruba.
A cattivo cane,corto legame.
A caval donato non si guarda in bocca.
A chi batte forte si apron  le porte.
A chi compra non bastano cent’occhi.
A chi compra non bastano cent’occhi;a chi vende ne basta solo uno.
A chi non basta ciò che basta,non basterà mai alcuna cosa.
A chi non basta ciò che basta,non basterà mai alcuna cosa.
A chi parla poco,basta la metàdel cervello.
A chi piace il bere,parla sempre di vino.
A chi si ama si crede.
A chi ti può tor tutto,dagli quel che chiede.
A far dei castelli in aria tutti siam buoni.
A lume spento è pari ogni bellezza.
A nessun confortatore non dolse mai testa.
A ogni uccello il suo nido è bello.
A piccolo forno poca legna basta.
A tempo di guerra con le bugie si governa.
Acqua di maggio,pane per tutto l’anno.
Acqua lontana non spegne il fuoco.
Acqua passata non macina più.
Acqua torba non lava.
Affare di tutti,affari di nessuno.
Ai matti si dà sempre ragione.
Aiuta  i tuoi,e gli altri se puoi.
Al  bisogno  si conosce  l’amico.
Al bisogno si conosce l’amico.
Al cieco non si mostra la strada.
Al cuore non si comanda.
Al primo colpo non cade l’albero.
Al prudente non bisogna  consiglio.
All’ultimo si contano le pecore.
Alla vista si conosce il cuore.
Altri tempi,altri costume.
Altro è correre,altro è arrivare.
Altro è dire,altro è fare.
Altro è promettere,altro è mantenere.
Ama chi ti ama,e rispondi a chi ti chiama.
Amici a scelta,e parenti come sono.
Amicizia  riconciliata è una piaga mai saldata.
Amicizia che cessa non fu mai vera.
Amico  di buon tempo mutasi col vento.
Amico di tutti e di nessuno,è tutt’uno.
Amico di tutti e schiavo di nessuno.
Amico non è conosciuto,finché non è perduto.
Amor non ha sapienza,e l’ira non ha consiglio.
Amore è cieco,e vede da lontano.
Amore e gelosia nacquero insieme.
Amore e tosse non si possono celare.
Amore fa amore e crudeltà fa tirannia.
Amore fa molto,il denaro  tutto.
Amore non conosce misura.
Amore non è senza amaro.
Amore non è senza amaro.
Amore non mira lignaggio  né fede né vassallaggio.
Amore non si trova al mercato.
Amore nuovo va e viene,ed il vecchio si mantiene.
Anche il bue dell’imperatore ha solo due corna.
Anche le mucche nere danno il latte bianco.
Anno nuovo vita nuova.
Apri bocca,e fa ch’io ti conosca.
Assai bene balla a chi fortuna suona.
Avaro agricoltore non fu mai ricco.
Beata quella città che ha principe che sa.
Bella moglie,dolce veleno.
Bellezza  è come un fiore che nasce e presto muore.
Beltà e follia vanno spesso in compagnia.
Beltà e follia vanno spesso in compagnia.
Benché regni,il cattivo sempre serve.
Bene fatto per paura non val niente e poco dura.
Bisogna  guardare non a quello che entra,ma a quello che esce.
Bisogna accomodarsi ai tempi.
Bisogna battere il ferro finché è caldo.
Bisogna che il bugiardo  abbia buona memoria.
Bisogna distendersi  quanto il lenzuolo è lungo.
Bisogna essere in due per ballare il tango.
Bisogna guardare a quello che si fa,non a quello che si dice.
Bisogna navigare secondo il vento.
Bisogna pensarci  avanti per non pentirci poi.
Bisogna vivere e lasciar vivere.
Bisognerebbe essere prima vecchi e poi giovani.
Bocca con dolore non dice bene.
Brutto in fascia,bello in piazza. 
Buon tempo e mal tempo non dura tutto il tempo.
Buona compagnia,mezza la via.
Buone ragioni male intese,sono perle a’ porci stese.
Buoni avvocati sono cattivi vicini.
Campa cavallo che l’erba cresce.
Can che abbaia,non fa caccia.
Can che abbaia,non morde.
Can vecchio non abbaia invano.
Cane non mangia cane.
Cane scottato dall’ acqua calda ha paura della fredda.
Cane vecchio non impara scherzo nuovi.
Carnevale guarisce ogni male.
Carta canta e villan dorme.
Casa mia,casa mia,per piccina che tu sia,tu mi sembri una badia.
Caval che suda,uomo ce giura e donna piangente non gli creder niente.
Cento teste,cento cappelli.
Cessato il guadagno,cessata l’amicizia.
Chi  asino nasce,asino muore.
Chi  ben comincia è a metà  dell’opera.
Chi  comanda non suda.
Chi  è in altrui balia,bisogna che ci stia.
Chi  ha un giorno di bene,non può dire di essere stato male tutto l’anno.
Chi  va  piano,va sano e va  lontano.
Chi a molti dà terrore,di molti abbia timore.
Chi ama me,ama il mio cane.
Chi ben conta,mal paga.
Chi ben giudica,bene  elegge.
Chi ben semina,ben raccoglie.
Chi ben serve non sarà mai ricco.
Chi ben si guarda,scudo si rende.
Chi ben vive,ben muore.
Chi cerca i fatti altrui,poco si cura de’ suoi.
Chi cerca trova.
Chi compra il superfluo venderà il necessario.
Chi conta sul futuro sovente s’inganna.
Chi dà del pane a’ cani d’altri,spesso viene abbaiato dai suoi.
Chi dà per ricevere,non dà nulla.
Chi del vino è amico,di se stesso è nemico.
Chi desidera il male ad altrui,il suo sta vicino.
Chi dice quel che vuole,sente quel che non vorebbe.
Chi dipinge il fiore,non gli dà l’odore.
Chi dorme non piglia pesce.
Chi è gran nemico,è anche grande  amico.
Chi ha avuto ha avuto e chi ha dato ha dato.
Chi ha bevuto berrà.
Chi ha buon marito,lo porta in viso.
Chi ha dentro amaro,non può sputare dolce.
Chi ha il cuor contento  sempre canta.
Chi ha provato il male,gusta meglio il bene.
Chi ha tempo,non aspetti tempo.
Chi la dura la vince.
Chi non ama,non ha il cuore.
Chi non beve in compagnia o è un ladro o è una spia.
Chi non crede alla buona madre,crede poi alla mala matrigna.
Chi non fu buon soldato,non sarà buon capitano.
Chi non ha figliuoli,non sa che sia amore.
Chi non ha,darebbe;e chi ha,ne vorebbe.
Chi non sa di male,non sa di bene.
Chi non sa dire qualche volta di no,cosa buona oprar non può.
Chi non sa mentire,crede che tutti dicano il vero.
Chi non vuol durar fatica in questo mondo,non ci nasca.
Chi offende,non dimentichi.
Chi perde la roba perde molto,ma chi perde il cuore perde tutto.
Chi più sa,meno crede.
Chi s’aiuta,Dio l ‘aiuta.
Chi si piglia per amore,si  lascia per rabbia.
Chi sta bene con sé,sta bene con tutti.
Chi tarda a dar quel che promette,del promesso si ripente.
Chi tiene il piede in due staffe,spesso si trova fuora.
Chi troppo abbaia,s’empie il corpo di vento.
Chi trova un amico,trova un tesoro.
Chi tutto nega,tutto confessa.
Chi vuol essere amato convien che ami.
Chi vuol essere amato,convien che ami.
Col ma e col se non si fa niente di ben.
Colui è mio zio che vuole il ben mio.
Con la volpe convien volpeggiare.
Con un po’ di cervello si governa il mondo.
Conosci te stesso.
Consiglio di vecchio,e aiuto di giovane.
Consiglio non va lodato ma seguito.
Conti  chiari,amicizia lunga.
Conti chiari,amicizia lunga. o
Contro due non la potrebbe Orlando.
Cosa fatta capo ha.
Cuore forte vince cattiva sorte.
Da cosa nasce cosa.
Da dare a avere ci corre.
Da uom dabbene,non hai che bene.
Dagli amici mi guardi Iddio,ché dai nemici mi guardi io.
Dagli un dito e si prenderà un braccio.
Dal frutto si conosce l’albero.
Dall’acqua cheta mi guardi Dio,che dalla corrente mi guarderò io.
Delle pene d’amore,si tribola e non si more.
Denari di gioco,oggi te li do,domani te li tolgo.
Detto,fatto.
Di  quel che non ti cale,non dire né bene né male.
Di buone armi è armato,chi da buona donna è amato.
Di buone intenzioni è lastricato l’inferno.
Di due mali bisogna scegliere il minore.
Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei.
Domani è un altro giorno.
Dono di consiglio più vale del oro.
Dopo il brutto viene il bello.
Dopo il dolce viene l’amaro.
Dove bisognano i fatti le parole non bastano.
Dove due amici si incontrano,Dio gli fa da terzo.
È  inutile chiudere la stalla quando i buoi sono scappati.
È bello avere un amico perfino a casa del diavolo.
È male amico chi a sé è nemico.
È meglio città guasta che perduta.
È meglio dare e pentire, che tenere e patire.
È meglio dire poveretto me,che poveretti noi.
È meglio vin torbo che acqua chiara.
È un cattivo andare contro la corrente.
Fa quel che il prete dice,non quel che il prete fa.
Fidarsi è bene,ma non fidarsi è meglio.
Figlio troppo accarezzato non fu mai bene allevato.
Figliuolo piccolo,dolor di testa,fanciulli grandi,dolor di cuore.
Fortunato in amore non giochi a carte.       o
Fra il dire e il fare c’è di mezzo il mare.
Gallina vecchia fa buon brodo.
Gli affari sono affari.
Gli occhi sono la finestra dell’anima.
Gli uomini hanno gli anni che sentono,le donne quelli che dimostrano.
Gli uomini sfiduciati non furono  mai buoni.
Grande amore,grande dolore.
I complimenti son fatti per la bocca,non per il cuore.
I danari non bastano,bisogna saperli spendere.
I frutti proibiti sono i più dolci.
I maestri sono quelli che fanno cose bene.
I migliori alberi sono i più battuti.
I panni sporchi si lavano in casa.
I più buoni son messi in croce.
I saggi hanno la bocca nel cuore,e i matti il cuore in bocca.
I vecchi e i briachi sono due volte fanciulli.
I veri amici sono come le mosche bianche.
Il  mondo è bello perché è vario.
Il bel tempo non dura sempre.
Il bello è star nel piano,e confortare i cani all’erta.
Il bene bisogna cercarlo e il male aspettarlo.
Il bene non è mai troppo.
Il bene non fu mai tardi.
Il buon giorno si vede dal mattino.
Il buon marinaro si conosce al cattivo tempo.
Il cuor non invecchia.
Il cuore non mente.
Il cuore non sbaglia.
Il dare fa onore e il chiedere è dolore.
Il denaro è fatto per essere speso.
Il denaro è fratello del denaro.
Il diavolo non è così brutto come lo si dipinge.
Il difetto sta nel manico.
Il dono dee chiudere la bocca a chi lo fa,ed aprirla a chi lo riceve.
Il fingere non è difetto,e chi non sa fingere non è perfetto.
Il lupo non guarda che le pecore sien conte.
Il mattino ha l’oro in bocca.
Il peso degli anni è il maggior peso che l’uomo possa portare.
Il pigro è sempre in bisogno.
Il più buono,il lupo lo mangia.
Il primo amore non si scorda mai.
Il sangue non è acqua.
Il tempo è denaro.
Il vino fa dire la verità.
In bocca chiusa non entran mosche.
In bocca chiusa non entrano mosche.
In compagnia prese moglie un frate.
In gioventù bisogna acquistare,quel che in vecchiezza ti può giovare.
In guerra,nella caccia e negli amori,in un piacer mille dolori.
L’acqua cheta rovina i ponti.
L’acqua e il fuoco son buoni servitor,ma cattivi padroni.
L’acqua e il fuoco son buoni servitori,ma cattivi padroni.
L’adulatore ha miele in bocca e il fiele in cuore.
L’agnello è buono anche dopo Pasqua.
L’albero non si giudica dalla scorza.
L’albero va piegato quando è giovane.
L’allegria fa bello il viso.
L’amicizia che cessa non fu mai vera.
L’amico  certo si conosce nell’incerto.
L’amore  è principio del  bene e del male.
L’amore a nessuno fa onore e a tutti fa dolore.
L’amore comincia con suoni e con canti,e poi finisce con dolori e pianti.
L’asino non conosce la coda,se non quando non l’ha più.
L’avaro più che possiede più è mendico.
L’avvocato d’ogni stagione miete e d’ogni tempo vendemmia.
L’erba cattiva cresce in fretta.
L’esperienza è il  bastone con cui si può camminare.
L’esperienza insegna grandi cose.
L’odio è cieco come l’amore.
L’oro non compra tutto.
L’oro si affina al fuoco e l’amico nelle sventure.
L’uomo è la misura di tutte le cose.
La bellezza non si mangia.
La botte dà del vino che ha.
La buona moglie fa il buon marito.
La consolazione di un disperato è di vederne un altro.
La fame è cattiva consigliera.
La fortuna aiuta gli audaci.
La fortuna non arriva mai due volte.
La gioventù è una bellezza da sé.
La lingua batte dove il dente duole.
La lingua batte dove il dente duole.
La mala vicina dà l’ago senza il filo.
La moglie è la chiave della casa.
La notte porta consiglio.
La parola riempie il cuore ma l’acqua riempie il pozzo.
La pazienza è una buon’erba ma non cresce in tutti gli orti.
La poesia non dà pane.
La roba buona si loda da se stessa.
La sella d’oro non migliora il cavallo.
La superbia va a cavallo e torna a piedi.
La volpe si conosce alla coda.
Lagrime piante per  donna son come l’acqua del mare,non è buona da bere,ma è buona da                           
Le amicizie devono essere immortali,e le inimicizie mortali.
Le amicizie si fanno in prigione.
Le bellezze duran fino alla porta,le  bontà fino alla morte.
Le bugie hanno le gambe corte.
Le buone parole non rompono i denti.
Le buone usanze vanno rispettate.
Le cose rare son le più care.
Le montagne stanno ferme,gli uomini camminano.
Le parole amare sono medicine.
Le parole non empiono il corpo.
Le radici della virtù sono amare,ma i frutti dolci.
Lontano dagli occhi,lontano dal cuore.
Matta è quella pecora che si confessa al lupo.
Meglio dieci donare che cento prestare.
Meglio è non dire,che cominciare e non finire.
Meglio un uovo oggi che una gallina domani.
Meglio vivere un giorno da leone che  cent’anni da pecora.
Meglio vivere un giorno da leone che cent’anni da pecora.
Moglie buona,fa la casa;cattiva,la disfà.
Morto un papa ,se ne fa un altro.
Né bello né buono non mai troppo.
Né moglie ,né acqua, né sale ,a chi non te ne chiede non gliene dare.
Né per ogni male al medico,né per ogni lite all’avvocato,né per ogni sete al boccale.
Ne sanno più due villani che un dottore.
Neanche il contadino ara bene se non s’inchina.
Nella  guerra d’amore  vince chi fugge.
Nelle botti piccine sta il vino buono.
Nelle grandi acque si pigliano i pesci.    
Non bisogna dormire tutti i tuoi sonni.
Non bisogna tentare Dio.
Non c’è cosa così cattiva che non sia buona a qualche cosa.
Non c’è due senza tre.
Non c’è migliore specchio dell’amico vecchio.
Non conosce la pace e non la stima chi provato non ha la guerra prima.
Non convien cantare trionfo prima della vittoria.
Non dare consigli a chi non li chiede.
Non destare il can che dorme.
Non dir di me quel che di me non sai,di’ pria di te,e poi di me dirai.
Non è bello quel  che è bello,ma è bello quel che piace.
Non è buon cristiano,chi non è stato buon ebreo.
Non è mai mal per uno,che non sia bene per un altro.
Non far ciò che non puoi,non spendere ciò che non hai,non credere ciò che odi,non dir ciò che tu     
Non istanno bene due galli in un pollaio.
Non lava abito santo anima lorda.
Non metter bocca dove non ti tocca.
Non rimandare a domani quello che puoi fare oggi.
Non si conosce il bene ,se non quando s’è perso.
Non si crede al santo finché non ha fatto miracoli.
Non si deve dire:per tal via non passerò,né di tal acqua non berrò.
Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.
Non si può cantare e portar la croce.
Non si può dar soddisfazione a tutti.
Non si può servire a due padroni.
Non si sta mai tanto bene che non si possa star meglio,né tanto male che non si possa star peggio.
Non ti fidare di chi ha due face.
Non tutte le macchie si nettano con l’acqua.
Non tutti i piedi stanno bene in una scarpa.
Non v’è cosa che sia sicura.
Non v’è giovane che non sia bella,né vecchia che non sia brutta.
Occhio che non vede,cuore che non desidera.
Occhio che piange,cuore che sente.
Occhio non vede,cuore non duole.
Occhio per occhio,dente per dente.
Ogni  aiuto è buono.
Ogni aiuto è buono.
Ogni cattivo conto si può rifare.
Ogni cosa ha due manici.
Ogni figlio pare bello alla mamma.
Ogni formica ama il suo buco.
Ogni simile ama il suo simile.
Ogni vero non è ben detto.
Ognuno ama la giustizia a casa d’altri.
Ognuno crede quel che desidera.
Ognuno porta  l’acqua al suo mulino. o  Tirare l’acqua al proprio mulino.
Onestà e gentilezza sopravanza ogni bellezza.
Pancia piena non crede a digiuno.
Pensa ben per non peccare,pensa mal per non sbagliare.
Per  andare  avanti  bisogna  voltarsi  addietro.
Per conoscere un furbo ci vuole un furbo e mezzo.
Per parlare di gioco,bisogna aver tenute le carte in mano.
Perché vada il carro,bisogna  unger le ruote.
Più si ha cura di una cosa,più presto si perde.
Più vale il cuore che il sangue.
Più vale un pan con amore che un cappone con dolore.
Poca macchia guasta una bellezza.
Poco denaro e molto onore.
Poco fiele fa amaro molto miele.
Presto imparato,presto dimenticato.
Prete,medico e avvocato  trovasi in ogni lato.
Prima  cerca il compagno e poi la strada.
Prima di scegliere amico,bisogna averci mangiato il sale sett’anni.
Quando canta il cucco,è fame dappertutto;quando canta la cicala,la fame se ne andava.
Quando crediamo d’essere a cavallo siamo per terra.
Quando ha tonato e tonato,bisogna che piova.
Quando il bue non vuole arare,tu puoi cantare,tu puoi cantare.
Quando la fame vien dentro la porta,l’amore se ne va dalla finestra.
Quando la rana canta,il tempo si cambia.
Quando le volpi si consigliano,bisogna chiudere il pollaio.
Quando non c’è il gatto,i topi ballano.
Quando non dice niente,non è dal savio il pazzo differente.
Quando odi altrui mancamenti,chiudi la lingua fra i denti.
Quando si è in ballo  bisogna ballare.
Quando tutti ti diranno che sei un asino,e tu raglia.
Quanto più si ama,meno si conosce.
Quel che l’occhio non vede,cuore non crede.
Quel che tu stesso puoi  e dire e fare,che altri il faccia mai non aspettare.
Quel che vedi,poco credi;quel che senti,non credere per niente.
Ride bene chi ride ultimo.
Sa più il papa e un contadino,che il papa solo.
Scalda più amore che mille fuochi.
Se ben tu fai,sappi a chi lo fai.
Se direm d’altri,altri dirà di noi.
Se i desideri  bastassero,i poveri andrebbero in carrozza.
Se il matrimonio durasse un anno,tutti si mariterebbero.
Se ognuno spazzasse da casa sua,tutta la città sarebbe netta.
Se v’è in paese una buona moglie,ciascuno crede che sia sua.
Se vuoi sapere la verità chiedila al più piccino della casa.
Segreto confidato non è più segreto.
Segreto di due,segreto di Dio;segreto di tre,segreto d’ognuno.
Si crede più il male dal bene.
Si dura più fatica a tacere che a parlare.
Soli non si starebbe bene nemmeno in Paradiso.
Solo Dio senza difetti.
Tra gente sospettosa,conversare è mala cosa.
Tra i due litigant il terzo gode.
Tra moglie e marito non mettere il ditto.
Tutte le dita non sono pari.
Tutti gli uomini sanno ogni cosa,ma non uno solo.
Tutto cala in vecchiezza,fuorché avarizia,prudenza e saviezza.
Tutto è bene quel che finisce bene.
Tutto è permesso in  guerra ed in amore.
Tutto il cervello non è in una testa.
Tutto sta nel cominciare.
Un asino trova sempre un altro asino che lo ammira.
Un bel gioco dura poco.
Un buon paio d’orecchi stancano cento male lingue.
Un cattivo cane rode una buona corda.
Un colpo al cerchio e uno alla botte.
Un male chiama l’altro.
Un nemico è troppo e cento amici non bastano.
Un uomo ne val cento,ma cento non ne vagliono uno.
Una cosa tira l’altra.
Una mano lava l’altra e tutt’e due lavano il viso.
Una virtù chiama l’altra.
Uno semina,e un altro racoglie.
Uomo digiuno non canta.
Vale più un amico che cento parenti.
Vale più una cosa fatta che cento da fare.
Vale più uno a fare che cento a comandare.
Vedono più quattro occhi che due.
Virtù e fortuna non sempre dormono insieme.
Vuoi  tu un cuore smascherare?Sappilo ben lodare.

 

Fonte: http://smoderc.fil.bg.ac.rs/Master%20radovi/Dubravka%20Jovovic%20Master%20Proverbi%20italiani.doc

Sito web da visitare: http://smoderc.fil.bg.ac.rs

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Proverbi italiani e detti

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Proverbi italiani e detti

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Proverbi italiani e detti