Proverbi napoletani

Proverbi napoletani

 

 

Proverbi napoletani

PROVERBI NAPOLETANI
A' altare sgarrupàto nun s'appicciano cannèle.
Alle donne ormai anziane non si fanno moine (dal Candelaio di G. Bruno).
A' 'a primma 'ntratùra (oppure: trasetùra) guardàteve 'e ssacche.
Sii molto attento e' guardati dalle persone che non conosci ancora bene o che appartengono ad un ambiente per te nuovo.
Abbesogna fa 'o pireto pe' quanto è gruosso'o culo.
Non bisogna mai fare il passo più lungo della. gamba; occorre cioè misurare bene le proprie capacità prima di intraprendere una qualsiasi iniziativa.
Abbòffete, dicette 'o puorco, ca 'o pantano è chino!
Con la lena, l'assiduità e l'intelligenza bisogna saper emergere e distinguersi nel proprio ambiente di lavoro. Può anche significare che, nei momenti di caos odi disordine, ciascuno deve approfittare al massimo per fare i propri interessi.
Abbrìle, còrcate prièsto (o: ambrèssa) e sùsete matino.
Specie in aprile sarebbe quanto mai opportuno alzarsi presto per godere appieno dei colori e dei profumi primaverili, particolarmente accentuati nelle prime ore del mattino.
'A bella 'e ciglie, tutte 'a vonno e nisciùno s' 'a piglia.
Le ragazze molto belle sono corteggiate da tutti ma nessuno pensa di sposarle  nella tema che, data la loro avvenenza, possano aver avuto in passato delle precedenti esperienze o possano ... averle in futuro.
'Abella figliòla nun manca 'nnammurato.
Le belle donne hanno sempre un innamorato.
'A bella nchiàzza dint' a casa è sciàzza.
Quando una donna tiene a farsi vedere in giro sempre bene ordinata ed imbellettata quasi. certamente à casa sua è sciatta e trasandata:
'A bona mercanzia trova prièsto a ghjì pe' 'n'àutra via.
Tutte le cose belle e buone trovano sempre chi le desidera e le prende.
'A bona parola mògne,'a trista pògne.
La buona parola produce sempre del bene mentre la cattiva punge e nuoce.
A briscola se jòca culle denare!
Nei giochi di carte, ed anche negli affari, occorre denaro contante.
A buono cavallo nun le manca sella.
Nessuno si lascia scappare una favorevole occasione oppure un ottimo affare.
'A campana dice dòngo e dàmme.
Il caratteristico suono del rintocco di una campana (don dan) dovrebbe ricordare agli uomini che nella vita per ricevere bisogna prima dare.
'A campana se cunosce da 'o ssunà, l'ommo da 'o pparlà.
La bontà del bronzo di una campana si riconosce dal suono dei suoi rintocchi ed il carattere dell'uomo dal suo modo di ragionare e di esprimersi.
'A capa ca nun fa .perùcchie è capa 'e fenùcchio.
È da presumere quindi che solo i calvi erano, una volta, esenti da pidocchi.
'A capa 'e sotta fa. perdere 'a capa a capa 'e còppa.
Il sesso può far diventare pazzi o scemi.
'A carciòffola se mònna a' 'na foglia a' vòta.
Ogni cosa deve essere fatta con criterio e con gradualità.
'A carne 'a sotto e i maccarùne 'a coppa...
Spesso le partisi invertono: le persone intelligenti soccombono egli stupidi vanno avanti.
A carne 'e 'lupo, diènte'e cane!
Per le persone violente occorre un interlocutore della stessa pasta.
'A carne se jètta e 'e cane s'arràggiano.
Quando c'è abbondanza di roba ma mancano i soldi per acquistarla.
A canocchie a canocchie Pullecenèlla accedètte 'a muglièra.
A poco a poco, e quasi senza accorgercene, possiamo combinare grossi guai.
'A casa cu' ddòje porte 'o diàvulo s' la porta!
Perché offre maggiori chances alle tresche amorose di ciascun coniuge.
A casa d' 'o mièdeco e d' 'o pagliette trase e aspiètte.
Tranne nei pochi casi in cui "si riceve per appuntamento", rientra nella prassi abituale fare anticamera negli studi dei medici e degli avvocati.
A casa 'e pezzente, nun mancano tòzzole.
Duplice significato: 1) A casa del povero troverai sempre un pezzo di pane, anche se raffermo. 2) Nonostante la sua miseria, il povero quando mangia lascia anche lui delle molliche o, in genere, degli avanzi.
A cavallo 'e razza nun serve scurriàto.
Un giovane bene educato non avrà mai bisogno di rimproveri o richiami perché si comporterà sempre nel migliore dei modi.
Accossì somme vàje, accossì sì tenuto.
A seconda dì come sei vestito così sei giudicato. In questo caso l'abito fa il monaco (Basile, Muse nap,VII, 23).
Accunciàrse (o: agguazzarse) quatt'ove 'int' a 'nu piatto.
Sistemare le proprie cose nel migliore dei modi, anche a danno di altri.
'A cepolla manco 'e cane 1'addòrano.
Nessuno vuole interessarsi di cose tristi e lacrimevoli.
'A cera se strùje e 'a prucessione nun cammina.
Quando si indugia troppo in una cosa o si perde del tempo inutilmente.
'A cervèlla'e ll'ommo è'na sfoglia 'e cepolle.
La mente dell'uomo è delicata ma, nello stesso tempo, molto complicata e capace di qualsiasi cosa.
A chiàgnere'nu muorto so' làcreme pèrze.
Chi e morto è morto e le lagrime sono ormai inutili.
A chi dice 'e fatte 'e ll'àutrè nun dicere'è tuòje!
Non dire le tue cose a chi è solito spettegolare perché f nirai sulla bocca di tutti.
A chi le fète ancora 'a vocca le latte s'alleccàsse le piatte!
I giovani devono stare al proprio posto e non intromettersi nelle faccende dei grandi.
Achillu santo ca nun fa bene nun cercà né quanno va' né quanno vène.
E' perfettamente inutile rivolgersi a persone che non possono o non. vogliono aiutarti.
Dicette 'o pappice 'nfacci' a noce: "Dàmme 'o tiempo ca te spertoso"     (Disse il tarlo alla noce:" Dammi il tempo per bucarti")
Mentre 'o miedeco sturéa, 'o malato se ne more     (Mentre il medico studia, il malato muore)
Nun se fa niente pe' ssenza niente    (Non si fa niente gratis)
A lo ffriere siénte l'addore! A li cunte siénte lo chianto!     (Al momento di friggere senti l'odore! Al momento di pagare senti i pianti!)
Chi bella vo' pare', pene e gguaje hadda pate'     (Chi vuole apparire bella, deve sopportare pene e guai)
Sparte ricchezza e addeventa puvertà     (Dividi la ricchezza e diventerà povertà)
'O peggio surdo è chillo ca nun vo' sèntere    (Il peggior sordo è quello che non vuole sentire)
Mazza e panella fanno 'e figlie bell; panella senza mazza fanno 'e figlie pazze    (Bastone e pagnotta rendono i figli belli; pagnotta senza bastone rende i figli pazzi)
'A robba bella se fa avvede'    (Le belle cose devono essere mostrate)
Addo' sta 'o Papa, llà è Roma    (Dove si trova il Papa, là è Roma)
O' cunfessore se po' dicere quacche buscìa, o miedeco no    (Al confessore si può dire qualche bugia, al medico no)
Guajo 'ncomune, mez' allerezza    (Mal comune, mezza gaudio)
Nisciuno è nato 'mparato    (Nessuno è nato istruito)
Chi ato nun ave, cu 'a mugliera se còcca     (Chi non ha altro, va a letto con la moglie)
'A gallina fa ll'uovo e o gallo ll'abbruscia 'o culo     (La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il sedere)
Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat     (Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato, ha dato)
Quanno si' 'a 'ncunia, statte; quanno si' martiello, vatte    (Quando sei incudine, statti; quando sei martello, batti)
'Nu buonu marito fa 'na bona mugliera     (Un buon marito rende buona la moglie)
'A vicchiaja è 'na brutta bestia     (La vecchiaia è una brutta bestia)
'O pesce fète d' 'a capa     (Il pesce puzza dalla testa)
'A gatta pe' gghji' 'e pressa, facette 'e figlie cecate     (La gatta per fare presto fece i figli ciechi)
Ogne bella scarpa addeventa scarpone     (Ogni bella scarpa diventa scarpone)
Tre so' 'e putiente: 'o papa, 'o rrè, e chi nùn tene niente      (Tre sono i potenti: il Papa, il Re e chi non ha niente)
'O geluso more curnuto      (Il geloso muore tradito)
Quann' 'o peducchio saglie 'ngloria, perde 'a scienza e 'a memoria     (Quando il pidocchio sale in gloria, perde la ragione e la memoria)
'E denare so' 'a voce 'e ll'ommo     (I soldi sono la voce dell'uomo)
A ppava' e a mmuri', quanno cchiù tarde è pussìbbele    (Pagare e morire, quando più tardi è possibile)
'O pazzo fa 'a festa e 'o savio s' 'a gode     (Il pazzo fa la festa e il saggio se la gode)
Chi troppo magna, s'affoca    (Chi mangia troppo, soffoca)
Chiamma mamma e pate a chi te da' a 'mmangia'     (Chiama mamma e papà chi ti nutre)
Se pigliano cchiù mmosche cu 'na goccia 'e mele, ca cu 'na vott' acito    (Si catturano più mosche con una goccia di miele che con una botte di aceto)
Datte da fa': 'a jurnata è 'nu muòrzo!    (Datti da fare, la giornata è un boccone)
Chi cagna 'a via vecchia p' 'a nova sape chello ca lassa e no chello ca trova    (Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa ciò che lascia ma non ciò che incontra)
O puorco miettence 'a sciassa, sempe 'a coda 'nce pare     (Anche se vesti il maiale, la coda si vedrà sempre)
Chi vo' mettere 'o pede 'ncopp 'a ttutt' 'e pprete, nun arriva maje    (Chi vuol mettere il piede su tutte le pietre, non arriva mai)
Quann' 'o mellone jesce russo, ognuno ne vo' 'na fella    (Quando il cocomero è rosso, ognuno vuole una fetta)
Chi te vo' bene cchiù de mamma, te 'nganna    (Chi ti vuole bene più della mamma, ti inganna)
'O sparagno nun è maje guadagno    (Il risparmio non è mai guadagno)
Nu' sputa' 'ncielo, ca 'nfaccia te torna     (Non sputare in cielo, che ti ricadrà in faccia)
Chi troppo lo sparagna, vien la gatta e se lo magna    (Chi troppo risparmia, viene la gatta e se lo mangia)
Quanno se magna, se cuntratta cu 'a morte     (Quando si mangia si ha a che fare con la morte)
"Mannaggi' a pressa", dicette 'a maruzza     ("Maledetta la fretta", disse la lumaca) 
'Ammore verace è quanno s'appicceca e se fa' pace    (Il vero amore è quando si litiga e si fa la pace)
'A meglia parola è chella ca nun se dice     (La miglior parola è quella che non si dice)
Pigliate 'a bona quanno te vene, ca 'a malamente nun manca maje    (Prenditi la buona occasione quando ti capita, perchè la cattiva non manca mai)
Magna a ggusto tujo e vieste a ggusto 'e ll'ate    (Mangia secondo il tuo gusto e vesti secondo il gusto degli altri)
Santa Chiara, ropp'arrubbata, facett'i pport'i fierr   (Alla Basilica di Santa Chiara, dopo il saccheggio, misero i portoni di ferro)    (grazie a Alessandro D'Ausilio)
O' tus o nunn'o tus, u' can' nun è o' mije  (Lo toso o non lo toso, il cane non è il mio) (grazie a Alessandro D'Ausilio)
Astipat'o mil' pe' quann' t'ven a sete    (Conserva la mela per quando avrai sete)  (grazie a Alessandro D'Ausilio)
O' can' muozzeca o' strazziat  (Il cane morde lo straccione) (grazie a Alessandro D'Ausilio)
Jette pe se fa' a croce e se cecaje n'uocchio (Voleva farsi il segno della croce e si cecò un occhio) (grazie a Simona Martusciello)
Quann vott 'o vient 'e terra 'o pesc nun zomp int 'a tiella (Quando c'è il vento maestrale, il pesce non entra nella padella) (grazie al Sig. Balzano)
Chi chiagne fott 'a chi ride (Colui che piange inganna colui che ride) (grazie a Tania Fugazzotto)
Chi t'ene mamma nu chiagn'e (Chi ha la madre non piange) (grazie a Paolo Manna)
Acqua ca nun cammin' fa pantane e fete! (L'acqua stagnante, si appantana e puzza)(grazie a Alfredo Profeta)
Facesse na culata e ascesse o sole (Ogni volta che inizio a fare il bucato, il sole scompare)(grazie a Alfredo Profeta)
'O purpo se coce int' a l’acqua soja (Il polpo cuoce nella propria acqua)(grazie a Alfredo Profeta)
E uno!...dicett' chille ca cecaje ll'uocchie 'a mugliera (E uno! disse colui che accecò la moglie)(grazie a Alfredo Profeta)
S'adda fa 'o pireto pe quanto è gruosso 'o culo (si deve fare il peto per quanto è grande il deretano)
All'altare sgarrupato nun s'appicceno cannele (all'altare malandato non si accendono ceri)
'e voglia 'e mettere rum, chi nasce strunz' nun po' addiventà babbà (chi nasce tondo non può morire quadrato)
'O purpo se coce int' a l’acqua soja (Il polpo cuoce nella propria acqua)(grazie a Alfredo Profeta)
E uno!...dicett' chille ca cecaje ll'uocchie 'a mugliera (E uno! disse colui che accecò la moglie)(grazie a Alfredo Profeta)
Primm' e cunfett' e poi e difett' (prima le nozze e poi i difetti)(grazie a Sara Maenza)
 Int' e carcere e int' 'e malatie cunosc' l'amicizia mia (nelle grosse tragedie si riconosce la vera amicizia)(grazie a Sara Maenza)
A' gatta quanne nun pò arrivà o' llardo dice ca' fete (la gatta se non riesce a raggiungere il pezzo di pancetta o lardo dice che puzza ...è avariata. E' la scusa che trova chi non riesce in una azione.)(grazie a Lucio Ciotola)
A' nave cammina e' a' fava se coce (la nave va da se e anche le fave si cuociono da sole. Ovvero lascia andare le cose cosi' come vanno)(grazie a Lucio Ciotola)
O' ciuccio chiamma recchia longa o cavallo (è di chi dice ad altri quali sono i suoi difetti senza veder i propri)(grazie a Piero e Sonia Piccolo)
Cu n'uocchio guarda a jatta e cu n'ate frje o' pesce (un occhio al gatto e uno al pesce, quando friggi) (grazie a Piero e Sonia Piccolo)
Castagne, noci e nucelle a primma ca truovi bbona, astipatella (conserva la frutta secca mano a mano che la sbucci via via resteranno le peggiori e tu resterai comme nu' strunz) (grazie a Piero e Sonia Piccolo)
A lavà a capa o' cuccio se perde 'o tiempo, l'acqua e 'o sapone (Al testardo riuscirai difficilmente a far cambiare opinione)(grazie a Piero e Sonia Piccolo)
E' meglio 'nu maccarone ca ciente vermicielle (meglio che sia uno solo a comandare)(grazie a Lucio Ciotola)
 
Chi nasce p'a' forca nun more pe' mare (se ti e' destinata una morte non ne puoi fare un altra)(grazie a Lucio Ciotola)
Nun vò ne' tene' e ne' scurtecà (non vuol fare nè una cosa nè quella opposta)(non si decide
A vacca, pe’ nun mòvere a coda, se facette magna’ ‘e ppacche d’’e mosche (La vacca per non muovere la coda si fece mangiare il sedere dalle mosche)(grazie a Diego Monetti e a suo nonno)
O pesce piglia 'o lietto 'e 'o culo abbusca (Spesso paga le pene chi non c'entra)(grazie a Barbara di Palma)
Vai p'aiut e truov sgarrup (Cerchi un aiuto e trovi un peggioramento della situazione
La vipera al bue: pur si m'accir semb curnut riest (indipendentemente dalla situazione l'evidenza non cambia) (grazie a Mario Riccardi)
M stai purtann p vic e vcariell (deviare il discorso)(grazie a Mario Riccardi)

O mllon e sciut iang e rumb o cazz o vrdummar (prendersela con chi non ha colpa)(grazie a Mario Riccardi)
Vai truvann a crist a rint e lupin (sei una persona incredibilmente pignola)(grazie a Mario Riccardi)

O' ciucc quand 'o mettn e sold ngann o chiammn don ciucc (i soldi fanno cambiare opinione delle persone)(grazie a Mario Riccardi)
'A casa d' 'o ferraro 'o spito 'e lignamme.
A casa del fabbro lo spiedo di legno! Come un rubinetto che scorre casa dell'idraulico!
A' altare sgarrupàto nun s'appicciano cannèle.
Alle donne ormai anziane non si fanno moine.
'A casa cu' ddòje porte 'o diàvulo s''a porta!
Perchè offre maggiori chances alle tresche amorose di ciascun coniuge.
'A chi nun tene figlie nun ghì né pe' denare né pe' cunziglie.
Perché chi non ha figli non è in grado di conoscere o capire i problemi e le necessità altrui.
A chi pazzèa cu' 'o ciuccio nun le mancano càuce.
Chi bazzica in un brutto ambiente deve sopportare le conseguenze.
A chi troppo s'acàla 'o culo se vede.
Chi si umilia in maniera eccessiva fa chiaramente comprendere agli altri la sua mancanza di carattere e, quindi, la sua nullità.
'A cicala canta, canta e po' schiàtta.
I tipi superficiali se la spassano continuamente e poi fanno una brutta fine.
'A collera è fatta a cuòppo e chi s''a piglia se schiatta 'ncuòrpo.
Irritarsi finisce a tutto danno di colui che si arrabbia.
'A cunfidenza è 'a mamma d''a mala criànza.
La troppa confidenza porta, alle volte, alla scostumanza.
Addò c'è gusto nun c'è perdenza.
Se una cosa è fatta con piacere non importa se per realizzarla od averla occorre fare dei sacrifici o spendere dei soldi.
Addò 'nce stanno fèmmene, 'nce stanno appìecceche e chiacchiere.
Perchè tale è la loro peculiarità.
Addò vàje truòve guàje.
Purtroppo il mondo è afflitto da mille e mille guai ed ognuno di noi ha i suoi.
A dicere so' tutte capace; 'o defficile è a ffà.
Fra il dire e il fare c'è di mezzo il mare.
'A famma fa ascì 'o lupo da 'u bosco.
Il bisogno può indurre gli uomini anche a compiere cattive azioni.
Addo' sta 'o Papa, llà è Roma
Dove si trova il Papa, là è Roma
A casa, 'e pezziente nun mancano maje.
Nelle famiglie c'è sempre qualcuno meno abbiente, ed è quello che procura più fastidi a tutti i familiari.

'A casa cape quanto vò' 'o diavolo s' 'a porta.
La casa che ha due ingressi si presta a troppi... marchingegni!

'A casa se chiamma fata e a te te fete.
La casa è un porto e tu vai navigando...

'A cucina piccerella fa 'a casa granne.
Basta risparmiare sulla spesa per metter su una casa più accogliente.

A ogne casa nce ave 'a sta 'na croce.
I guai non mancano mai, in una casa.

Aùrie 'e chiazza e trivolo'e casa.
Certe persone sono allegre fuori di casa e odiose con i familiari.
A vera ricchezza d' 'a casa songo 'e figlie.
I figli rendono ricca la casa più povera.
'A femmena pe' ll'ommo addeventa pazza, l'ommo p' 'a femmena addeventa fesso.
Ci sono uomini che per una donna si rimbecilliscono.

A lo pover'ommo e a la mala femmena dalle lo sujo e lassali ghì.
Meglio perderli, che guadagnarli.

'A mala nuttata e 'a figlia femmena.
Va tutto storto.

'A mamma d' 'e strunze è sempre prena.
La mamma degli imbecilli è sempre incinta.
Amico cu' tutte, 'ncunfedenzia cu' nisciuno.
Amico di tutti ma troppa confidenza con nessuno. (grazie a Sabine C.)
Addò mangiano duie, ponno mangià pure tre.
Dove mangiano due persone, possono mangiare anche tre. (grazie a Anna Kochab)
A sera sò bastimiente; a matina sò varchette.
Ciò che a sera sembrava un grosso problema, la mattina è piccolo. (grazie a Anna Kochab)

 

Bongiorno a 'e frasche - dicette 'a crapa 'nfaccìa a 'o vuosco.
Come dire: Sto parlando a vuoto.
Bannera vecchia, annore 'e capitanio.
Bandiera vecchia onor di capitano.
Bella tavernara, cunto caro.
Se la locandiera è bella,il conto sarà salato.
Bello juoco dura poco.
Ogni bel gioco dura poco.
Besogna ajutarse a ccauce e a mmuorze.
Nella vita bisogna aiutarsi a calci ed a morsi (darsi da fare).
Biato chi tene a cacarella senza freve.
La diarrea senza febbre è un bene, non un male.
Bisogna fa lo pireto pe' quanno è gruosso 'o culo.
Bisogna spendere quel che ci si puo permettere.
Bizzoca bissebisse fin' 'a ca nun trova a isso; quanno l'ha truvato: 'è stato Dio ca me l'ha mannato'.
Le bizzoche fanno tinta di non pensare agli uomini, e quando ne trovano uno che vuole sposarle dicono:" Me Io ha mandato Dio! "
Bizzoche e spingule 'ncanna: marito quanno, marito quanno?
Hanno voglia di far credere che pensano soltanto all'anirna e a Dio!
Bona maretata né socra né carnata.
Per essere ben maritata non bisogna avère né suocera né cognata.
Brutta, brù, chi pittore te pittaje?
Ritornello con cui si schernisce una donna brutta ma spiritosa.
Brutto 'e faccia e bello 'e core.
Brutto di faccia ma bello dentro, buono.
Buono - dicette chillo: chi pecora se fa Io lupo s' 'o magna.
Chi si fa pecora il lupo se Io mangia (chi cede troppo finità col subire gli abusi dei prepotenti)
Buono è l'amico, caro è 'o parente, ma povera 'a sacca toia si nun c'è stace niente.
Va bene a voler bene ad amici e parenti, ma attento a non spendere troppo per loro.
Buono si, ma fesso no.
Sono buono ma non stupido.
Buonu tiempo e malu tiempo nun durano tutto 'u tiempo.
Tutto finisce, le cose buone come le cattive.

C
Ccà nisciuno è fesso
Qui nessuno è stupido

Chi bella vo' pare', pene e gguaje hadda pate'
Chi vuole apparire bella, deve sopportare pene e guai
Chi sparte, ave 'a peggia parte
Chi divide riceve la parte peggiore
Chi ato nun ave, cu 'a mugliera se còcca
Chi non ha altro, va a letto con la moglie

Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat
Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato, ha dato
Chi troppo magna, s'affoca
Chi mangia troppo, soffoca
Chiamma mamma e pate a chi te da' a 'mmangia'
Chiama mamma e papà chi ti nutre
Chi cagna 'a via vecchia p' 'a nova sape chello ca lassa e no chello ca trova
Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa ciò che lascia ma non ciò che incontra
Chi te vo' bene cchiù de mamma, te 'nganna
Chi ti vuole bene più della mamma, ti inganna
Chi troppo lo sparagna, vien la gatta e se lo magna
Chi troppo risparmia, viene la gatta e se lo mangia
Chi vo' mettere pede a ogni preta, nun arriva a la casa.
Con La pignoleria non si conclude nulla.

Cu' 'a faccia tosta se campa 'a casa.
Bisogna avere la faccia tosta per tirare avanti la famiglia.
Cu 'o judizio se campa 'a casa.
Ci vuol giudizio per buscarsi il pane.

Cu vicino se cucina.
Meglio avere rapporti di buon vicinato.
Chi ha fatto chicchnichì, mm po' fa chicchiricò.
Non si può cambiare idea da un momento all'altro.

Chi ha pietà d' 'a carne 'e ll'ate, 'a soja s' 'a magnano 'e cane.
Bisogna pensare al prossimo, ma anche a se stessi.

Chillo comme se galleja.
Quello fa il galletto!

Chillo fà 'o pecuraro e 'o lupo.
Non si capisce bene quello da che parte sta!

Chillo è nu ciuccio cu 'a vasta 'ncuollo.
Quello è un gran lavoratore.

Chillo tene 'a saraca 'int' 'a sacca.
Quello nasconde qualcosa, non tue la dice tutta.

Chi magna 'e picciune d' 'a corte, ne capa pure 'e penne.
A volte un prestito prevede interessi esosi.

Chi more'e maruzze e funge,porca chella mamma ca s"o chiagne.
Chi non merita compassione.

Chi nasce prencepe, nun adda fà cose 'e serviilo.
Chi nasce signore deve vivere da signore.

Chi nasce ciuccio, ciuccio se ne more.
Se non si vuoi migliorare, si resta come si è.

Chi nun tene denare è nu saputo e n'aseno.
Chi non ha soldi non è nessuno.
Chi pecora se fa, 'o lupo s' 'o magna.
Chi si dimostra umile pecora, viene mangiato dal vorace lupo.

Campa, cavallo, ca l'evera cresce.
Campa cavallo che l'erba cresce.

Cane c'abbaia, nun inozzeca.
Spesso chi urla non fa paura.

Chesto e peggio a chi accada 'a gatta dint' 'o sacco.
L'incauto acquisto seta merita chi lo fa.

Cane ca s'è scuttato d'acqua caura, ave paura pure 'e l'acqua fredda.
Chi è rimasto scottato una volta, sta bene in guardia.

Cane no 'nvitato a nozze, nun ce vada, ca coglie sotto.
Se non sei nvitato, non presentarti. Non sei desiderato.

Carne cruda e pesce cuotto.
È consigliabile mangiare la carne al sangue e il pesce ben cotto.
Chisto è nu munno ammunnato.
Ma tu vedi che razza di mondo.
Chi è cchiù bello 'e te se trucca.
Non c'è nessuno più bello di te, ma se per caso è così è solo perchè si trucca. (grazie ad Alessandra M.)
Chella cammisa ca nun bo' sta cu' tico, pigliala e straccialla.
Chi non gradisce la tua amicizia tienilo lontano. (grazie a Tony Papa)
Chi vole va e chi nun vole....manna!
Chi vuole fare una cosa la fa e chi no.. la delega ad altri. (grazie a gitavino)

D
Dicette Pulicenella: "Pe' mmancanza 'e denare, quanta scampagnate ca m'aggio perzo!"
Disse Pulcinella: "Per mancanza di soldi, quante gite mi sono perso!"
Datte da fa': 'a jurnata è 'nu muòrzo!
Datti da fare, la giornata è un boccone
Dicette 'o pappice 'nfacci' a noce: "Dàmme 'o tiempo ca te spertoso".
Disse il tarlo alla noce:" Dammi il tempo per bucarti". (dammi il tempo per fare una determinata cosa)
D' 'a mattina se canosce 'o buono journo.
Il buongiorno si vede dal mattino. (grazie a Sabine C.)
Da nu malo pavatore piglia chello ca può.
Da un cattivo pagatore, prendi quello che puoi. (grazie a Anna Kochab)
Dicett 'a patella a 'o scuoglio: jammuncenne!
Disse la patella allo scoglio:andiamocene! (riferendosi a due persone pigre). (grazie a Maurizio R.)

E
'E figlie so' ppiezz' 'e còre
I figli sono pezzi di cuore
'E denare so' 'a voce 'e ll'ommo
I soldi sono la voce dell'uomo
'E pariente d' 'a coppola traseno e 'ntruppechèano.
Che possano cadere per le scale i parenti malevoli.

È meglio a tene' 'a mala spina ca nu malo vicino.
È meglio avere una spina nel fianco che un cattivo vicino.
È comme 'a maruzza: tutto chello ca tene s' 'o pporta 'ncuollo.
È un vagabondo, che non avendo fissa dimora si porta tutto appresso.

È meglio pane e cepolla 'a casa toja cagalline e fasano 'ncasa d'autre.
Meglio pane e cipolle a casa tua, che gallina e fagiano in casa d'altri.

'E ciucce s'appiccecano e 'e varrile se scassano.
Le liti a volte danneggiano chi non c'entra per niente.

'E cane longhe addeventano sierpe.
E' meglio portare subito a termine una cosa.

'E femmene d' 'o Pennino s'accovano 'nterra comme' 'e galline.
Le donne che una volta abitavano al quartiere Pendino, pare che avessero l'abitudine di farla accovacciandosi a terra.

'E femmene teneno sette spirite comnie' 'e gatte.
Che vitalità che hanno le donne!

'E figlie so' comm' 'e sierpe 'int' 'o manecone.
Un figlio può essere una serpe covata in seno.

E' ghiuto 'o puorco dint' 'e mele.
E' andato a finire il maiale fra le mele!

E' malatie veneno a cavallo e se ne vanno a père.
E' la guarigione che è lenta!

'E luce fanno juorno 'a sera.
C'è sempre una speranza. È l'ultima a morire.

E' male tiempo 'e mare e 'o cefalo va caro.
E' il momento di fare economia, di tirare le cinghia.
E' miso 'e curtielle 'nnanz' 'o puorco.
Riferito a chi non sa apprezzare quel che gli si offre.
F
Fatte 'o lietto, ca nun saje a chi aspietti, arricèttate 'a casa, ca nun saje chi trase.
Meglio stare sempre in ordine, per qualunque evenienza.
Femmena 'a la casa a faticare vale tant'oro quanto sta a pesare.
La donna che lavora in casa, vale tant'oro quanto pesa.
Facimmo anpressa, ca 'o gallo canta matina.
Non perdiamo tempo, diamoci da fare.
Fà 'o gallo 'ngoppo 'a munnezza
Comandare sui più deboli
Facesse na culata (bucato) e ascesse o sole!
Me ne andasse bene una! (grazie a Rossella N.)
G
Guarda e nun 'nciampà 'nnanzi 'a porta d' 'a casa toja.
Non criticare gli altri, pensa a te! Tu non sei migliore degli altri!
Gesue' Carducci accattava 'e cavalle ma 'e venneva pe' ciuccie.
Fare gli affari a perdere.
Giacchino facette 'a legge e Giacchino fui acciso.
(Con riferimento a G.Murat) Fece una legge e con quella stessa legge fu ucciso.
Guajo 'ncomune, mez' allerezza.
Mal comune, mezza gaudio.
Guardate da 'e cavalle 'e stalla.
A volte un 'CALCIO' ti può venire da chi meno te l'aspetti.

I
Iammo 'a ffa 'mbressa.
Facciamo presto, sbrighiamoci!
Iammo 'a franco cu' 'a chiesia.
Non ci costa niente.
Iammo bello, ch' 'abbiate 'nce simmo.
Coraggio, che siamo partiti, abbiamo cominciato.
Iammo cuoncio dicette 'a vitella a 'o voje.
Piano piano, con calma.
Iammuncenne, siente a me, dicette 'a patella a 'u scuoglio.
Si dice ironicamente di due persone l' una più pigra dell'altra.
I' cammino cu' 'a carrozza d' 'o scarpariello.
Io vado a piedi.
I' co' lo mio' tu co' lo tuoio; amico co' tutti, tristo co' nesciuno.
Ognuno viva con quello che possiede, sia amico di tutti, nemico di nessuno.
I' dico ca chiove, ma nun già che delluvia...
Va bene, siamo in un bel pasticcio, ma non c'è addirittura da disperarsi.
Iere facive 'o guappo a mare e mo fai 'o strunzo 'int' 'a spasella.
Ieri ti davi tante arie e ora sei Ii' immobile...
Ieva facenne 'o fesso.
Faceva il buffone.
'I fesse fanno 'a festa e 'i dritte se spassano.
Gli stupidi pagano e gli intelligenti se la spassano a spese loro.
I' magne 'e mele acèvere e a te s'alliano è diente.
Io mi sacrifico e tu ti senti male?
I male guvernate 'i gguverna Dio.
A quelli che sono abbandonati a se stessi pensa Dio.
I' me chiammo Cannavaccio: nun me 'ntrico e nun me 'mpaccio.
Mi faccio i fatti miei.
I' me chiammo cucchie-cucchie: chisti fatti a chi I'accucchie?
Per chi mi hai preso? A chi le racconti queste sciocchezze?
I' me chiammo 'nsalata: si nun si tu, è n'ata.
Non sono proprio tipo da soffrire se mi lasci: mi trovero un'altra ragazza.
I' me chiammo Vicienzo' e a 'i fesse n' 'e dongo audienza.
Forse non mi conoscete bene: io non ho tempo da perdere con gli scemi...
I meglie cunsigli songhe chille ca nun se paveno.
I migliori consigli son quelli che non si pagano (ma quelli... non si apprezzano).
I' me ne scutuleo 'i panne.
Io mi tolgo di mezzo, me ne lavo le mani.
I' me sceto sempe matina.
Mi sveglio sempre di buon mattino.
I' me sparagno e nun me 'mpaccio.
Io non mi impiccio dei fatti altrui e non ne soffro.
I' me sparagne 'a mugliera e l'ate sa fottono.
Il colmo dell'avarizia.
Int' 'a casa d' 'o mpiso nun nummenà chiappe.
Non parlar di corda a casa dell' impiccato (non ricordare un dolore a chi ha sofferto).
Int' 'a n' ora Dio lavora.
Il Signore fa in un'ora quel che non ha fatto per anni.
Int' 'a terra de' cecate chi tene 'n'uocchio è figlio a Dio.
Tutto è relativo.
Int''a vita tutto po' essere, tranne ca l'ommo prèno.
Tutto puo accadere al mondo, tranne che l'uomo s'ingravidi.
Int' 'a vocca chiusa nun traseno mosche.
Meglio tacere che dire stupidagini.
I' nun so' fesso: si faccio 'o fesso, è pe' nun essere fatto fesso.
Non son mica scemo, e se lo sembro è per non esser gabbato.
I' nun te faccio manc' 'o 'llatte 'e furmicula.
Non ti faccio mancare niente, ti procuro tutto cio che vuoi.
I renare s'abbuschene cu' 'a spogne e se ne vanne cu' 'e cate.
I soldi si guadagnano pochi per volta e se ne vanno a fiumi.
I reritte moreno pe' mmane d' 'e fessi.
Talvolta gli uomini intelligenti e coraggiosi sono sopraffatti dagli stupidi.
Irse a piglià 'o palio.
Dove vai cosi' allegro? Credi di andare a prendere un premio?
Irse a spilà' 'e recchie a san Pascale.
Andarsi a sturare le orecchie.
Irsene a calascione.
Andarsene stupidamente.
Irsene cu' 'na mana 'nnanze e 'n'ata arreto.
Andarsene senza guadagnarci niente.
I serviture nun songo autre che ventre.
I servi pensano soltanto a mangiare.
I' so' chillo ca votta 'o carro p' 'a scesa.
Io son quello che manda avanti la baracca.
I' so' de poche parole: bufunchiaie 'o pappavallo.
Sono di poche parole, disse il pappagalIo per prendere in giro chi invece chiacchiera inesauribilmente.
I strunze saglieno sempe 'a galle.
I cattivi riescono sempre a farsi notare.
I' te conosco piro.
Ti conosco bene, ti conosco da quando eri bambino.
I' tengo cinquantacinche 'mmano.
Io ho le carte vincenti, sono sicuro del fatto mio.
I' ve servo a barda e a sella.
Vi servirà per bene...

L
L'aseno pota e Dio fa' l'uva.
Tutto va bene, col volere di Dio.
L'ommo cu 'a parola e 'o voju cu 'e corna.
Bisogna mantenere quanto promesso.
La casa se jancheja sempe 'e maggio, 'o meglio tiempo 'e anno.
E' preferibile riattintare la casa a primavera, con le pulizie di rito.

Là truove a mamma e tata.
E' a casa tua che trovi chi ami e chi ti ama.
L'arraglia d' 'o ciuccio nun arriva n'cielo.
Il raglio dell'asino non può arrivare in cielo. (grazie a Sabine C.)
L'acqua è poca e 'a papera nun galleggia
L'acqua è poca e la papera non galleggia (detto dai commercianti quando gli affari vanno male) (grazie a Ausilia D.L.)
L'albero s'adderezza quanno è piccerillo.
L'albero si raddrizza quando è piccolo. (i bambini vanno educati da piccoli) (grazie a Anna Kochab)

M
Mentre 'o miedeco sturéa, 'o malato se ne more
(Mentre il medico studia, il malato muore
Mazza e panella fanno 'e figlie bell; panella senza mazza fanno 'e figlie pazze
(Bastone e pagnotta rendono i figli belli; pagnotta senza bastone rende i figli pazzi
"Mannaggia 'a pressa", dicette 'a maruzza
"Maledetta la fretta", disse la lumaca
Magna a ggusto tujo e vieste a ggusto 'e ll'ate
Mangia secondo il tuo gusto e vesti secondo il gusto degli altri
Meglio 'o pazzo à casa soja, ca lo savio i casa d'autro.
Meglio un pazzo in casa propria che un saggio in casa d'altri.

Meglio pane e cepolle 'a casa soja, ca galline e cunfiette 'a casa 'e ll'ate.
Meglio essere padrone povero piuttosto che servitore ricco.
Ma che tengo, 'o prèvete a casa?
Ma pensi veramente che io stia così bene in soldi?
Mamma a messa e 'o cane appriesso.
Riferito a chi segue la scia, senza avere un idea propria.

Mannaggia 'a capa toja, alluccava 'o punpo a' purpessa.
Dare la colpa agli altri troppo facilmente.

Mannaggia 'o suricillo e pezza 'nfosa!
Maledizione rivolta.. a nessuno!

Mantennimmoce pulite, ieva dicenna puorco cu 'a capa dint' 'o truogolo.
Riferito a chi predica bene e razzola male.

Maria cuntrariosa, quanno chiove arracqua 'e papere.
Riferito a chi fa sempre le cose contro natura.

Marito e vuoje d' 'o paese tujo.
Variante di "moglie e buoi dei paesi tuoi".
Me canta, comm' 'o gallo, 'a passione.
E' un profeta di sciagure.
Meglio 'nu ciuccio vivo, ca 'nu scinziato muorto!
Meglio un asino vivo, che uno scienziato morto (per il troppo studio N.d.R.) (grazie a Raffaella C.)

N
Nun se fa niente pe' ssenza niente.
Non si fa niente gratis.
'Nu buonu marito fa 'na bona mugliera.
Un buon marito rende buona la moglie.
Nun sputà 'n cielo, ca 'n faccia te torna.
Non sputare in cielo, che ti ricadrà in faccia.
'Ncasa d' 'e sunature viene a fa' 'a serenata?
A casa dei suonatori vieni a fare la serenata?

Nu pazzo pe' casa e na croce pe' chiesa.
Ogni famiglia ha un membro un po' strambo, come ogni chiesa ha una croce.

'Nce capimmo a sische, diceva 'o mierulo 'a mugliera.
Ci si può capire anche a fischi...
Nisciuno è nato 'mparato.
Nessuno è nato istruito.
Nun credere a ommo ca giura, 'a femmena ca chiangne e 'a cavalla ca sura.
Non sono attendibili nè un uomo che giura, nè una donna che piange e nè un cavallo che suda. (grazie a Sabine C.)
'N tiempo 'e tempesta ogni pertuso è puorto.
Nelle tempeste ogni buco è buono per ripararsi. (grazie a Anna Kochab)

Nun è povero chi arrepezza, è povero chi nun tene 'a pezza.
Non è povero chi rammenda, ma chi non ha il materiale per rammendare. (grazie a Anna Kochab)
Nun se fila e nun se tesse ma ste gnommere addo' ne jescene?
N non si lavora a maglia e non si cuce e allora questi gomitoli da dove escono? (se in sta famiglia non lavora nessuno dove prendono i soldi x tanto sfarzo?) (grazie a gitavino)

O
Ogne scarrafone è bello a mamma soja.
Ogni scarafaggio sembra bello alla propria madre.
'O peggio surdo è chillo ca nun vo' sèntere.
Il peggior sordo è quello che non vuole sentire.
'O cunfessore se po' dicere quacche buscìa, o miedeco no.
Al confessore si può dire qualche bugia, al medico no.
'O pesce fète d' 'a capa.
Il pesce puzza dalla testa.

Ogne bella scarpa addeventa scarpone.
Ogni bella scarpa diventa scarpone.
'O geluso more curnuto.
Il geloso muore tradito.
'O pazzo fa 'a festa e 'o savio s' 'a gode.
Il pazzo fa la festa e il saggio se la gode.

'O pesce gruosso se magna 'o piccerillo.
Il pesce grande mangia il piccolo.
'O puorco miettence 'a sciassa, sempe 'a coda 'nce pare.
Anche se vesti il maiale, la coda si vedrà sempre.
'O sparagno nun è maje guadagno.
Il risparmio non è mai guadagno.
Ognuno è ricco 'a casa soja.
Ognuno è Re della propria casa.

Onorame tu 'ncasa, pecché io t'onore 'nchiazza.
Dammi i soldi che mi devi,se vuoi che io ti tratti bene davanti agli altri!

'O patrone songh'io, ma chi cumanna è mia moglie.
Il capo famiglia sono io ma chi comanda è mia moglie!

'O pazzo 'a casa torna.
La "scappatella" prima o poi si conclude con un ritorno a casa.

'O peggio passo è chillo d' 'a porta.
Il momento più brutto è quello in cui ci si chiude la porta alle spalle.

'O peggio trave d' 'a casa è chillo ca schiocca.
Il familiare più insopportabile è quello che non è mai contento di niente e che ha sempre da ridire.
'O purpo se coce 'int all'acqua soja.
Ogni cosa va fatta secondo le regole giuste!

'O vizio d' 'o lupo tanto dura, che pilo po' mutare e no natura.
Il Lupo perde il pelo, ma non il vizio.
'O ciuccio è ferito ma nun è muorto.
Hai vinto la battaglia ma non la guerra.
'O ciuccio è caruto 'ncuollo all'ortolano.
Non solo è caduto l'asino, che è già una grande disgrazia, ma è caduto
addosso all'ortolano, peggio di così non poteva andare. (grazie ad Alessandra M.)
'O cane mozzeca sempe 'o stracciato.
Le disgrazie colpiscono sempre chi è già disgraziato. (grazie a mafra2001)
P
Parlanno do diavulo, spuntajeno 'e ccorna
(Parlando del diavolo, apparvero le corna
Pigliate 'a bona quanno te vene, ca 'a malamente nun manca maje
(Prenditi la buona occasione quando ti capita, perchè la cattiva non manca mai
Porta aperta a chi porta.
Chi arriva con le mani piene è sempre bene accetto in casa mia.

Porta co' tico e magna co' mico.
Porta il cibo con te e mangia con me!
Pure 'e pullece teneno 'a tosse!
Anche le pulci hanno la tosse! (Riferito a chi non è nessuno ma crede di essere un capo)
Putesse, ricesse e facesse ereno tre fessi!
(Con i SE e i MA non si arriva a nulla)
Pe' mare nun ce stanno taverne.
Sul mare non si trovano taverne. (La vita dei pescatori è fatta di duro lavoro, senza svaghi) (grazie a Ausilia D.L.)
Pare 'a nave 'e Francischiello: a poppa cumbattevano e a prora nun 'o sapevano.
Si dice di una cosa scombinata, senza capo, nè coda. (grazie a Anna Kochab)

 

Q
Quann' 'o diavulo t'accarezza, vo' ll' ànema.
Quando il diavolo ti accarezza, desidera la tua anima.
Quanno si' 'a 'ncunia, statte; quanno si' martiello, vatte.
Quando sei incudine, statti; quando sei martello, batti.
Quann' 'o peducchio saglie 'ngloria, perde 'a scienza e 'a memoria.
Quando il pidocchio sale in gloria, perde la ragione e la memoria.
Quann' 'o mellone jesce russo, ognuno ne vo' 'na fella.
Quando il cocomero è rosso, ognuno vuole una fetta.
Quann vott 'o vient 'e terra 'o pesc nun zomp int 'a tiella.
Quando c'è il vento maestrale, il pesce non entra nella padella.
Quanno se magna, se cuntratta cu 'a morte.
Quando si mangia si ha a che fare con la morte.
Quanno nun tiene che jucà, joca coppe.
Quando non sai che fare, affidati al caso. (grazie a Anna Kochab)

 

R
Ringrazià nu puorco pe' na cogliandra.
Ringraziare chi ti ha regalato una cosa perfettamente inutile.

Rispettà 'o cane p' 'o patrone.
Gentilezza di riflesso.
Rutt e pirit so' segne 'e salute
Eruttazioni e peti sono segnali di buona salute (grazie ad Antonio Leonardi)

S
Sparte ricchezza e addeventa puvertà.
Dividi la ricchezza e diventerà povertà.

Se dice 'o peccato, ma no 'o peccatore.
Si dice il peccato, ma non il peccatore.

Se pigliano cchiù mmosche cu 'na goccia 'e mele, ca cu 'na vott' acito.
Si catturano più mosche con una goccia di miele che con una botte di aceto.
Santa Chiara, ropp'arrubbata, facetter 'e porte 'e fierro.
Alla Basilica di Santa Chiara, dopo il saccheggio, misero i portoni di ferro.
Stipa ca truova.
Conserva che troverai.
S'abboffa comm' 'a nu ruospo.
Gonfiarsi tenie un rospo per la rabbia.

Santa Caterina, fenesce 'o tràseto d' 'e galline.
A Santa Caterina non volano più beccacce.

Se 'a nonna mio teneva 'o coso 'a chiammavano 'o nonno.
Se mia nonna aveva il pene la chiamavano il nonno. (Pensare col senno di poi è inutile)
Se 'o nonno mio teneva tre palle faceva 'o flipper.
Se mio nonno aveva 3 testicoli giocava al flipper. (n.d.w.: come sopra)
Se 'o nonno mio nun era morto era vivo ancora!
Se mio nonno non fosse morto ora era ancora vivo. (n.d.w.: come sopra)
T
Tre songo 'e potenti: 'o papa, 'o malamente e chi nun tene niente.
Tre sono i potenti: il papa il criminale e chi non ha nulla.
Tutto 'o lassato è perduto.
Tutto ciò che è lasciato è perso.

Tutto po' essere, fore ca ll'ommo priéno.
Tutto è possibile tranne che l'uomo incinto.
Troppi galli a cantà nun schiara mai juorno.
Troppi persone a comandare non si mettono mai d'accordo.

U
'U cchiù doce d' 'a vita è 'u ddurmi'.
Il sonno è quanto c'è di meglio nella vita.
Uèh! scinne 'a cavallo!
Oh! , non darti tante arie!
Uh ri'! me pare 'o ballo 'e l'urza!
Esclamazione volta a schernire chi si muove o balla con goffaggine.
'U meglio maste è chillo ca porta 'i sorde ' a casa.
Il più bravo artigiano non è quello che sia il più bravo in senso assoluto, ma queIlo che guadagna bene (è inutile star Il a voler far le cose perfette se ci si impiega troppo tempo e non si finisce il lavoro).
'U munno è chilIo ca tiene 'ncape.
La visione del mondo è soggettiva: Ognuno lo vede dal proprio punto di vista
Una ce ne steva bona, e 'a facettero Maronna.
Una sola donna buona e venuta al mondo... la Madonna.
Una cosa nce vo' pe' essere ricco è o nasceta o pasceta o 'na bona 'ncurnatura!
Per esser ricchi ci vuole una di queste tre cose: esserlo di nascita, far soldi durante
tutta la vita, o diventarlo grazie... ai buoni uffici della propria moglie.
Una lanterna è chelIa che fa luce.
Soltanto la fede ci illumina, ci guida.
Una mamma è bbona pe' ciente figlie! Ciente figlie nun so' 'bbuone pe' n 'a mamma.
La mamma è sempre pronta ad aiutare i figli, mentre i figli, anche se sono in molti non trovano il tempo e la volontà di aiutate la mamma).
Una ne fa e ciente ne penza.
Si dice di un individuo vulcanico, oppure di un discolo da una fantasia fertile.
Una pe' vevere e n'ata pe' sciacqua'.
Fare una rimenata a dovere, rimproverare.
Uno figlio, ciente figlie.
Un figlio solo dà le stesse preoccupazioni di cento figli, perché su di lui si cumulano tutto l'affetto e le ansie.
Uno va, una vene: tutt' 'e dduje se vonno bbene.
Si dice di marito e moglie e di innamorati che abbiano trovato un ... accomodamento amichevole.
Uocchie 'a cannela!
Attenzione! Bada a quel che fai!
Uocchie ca nun vede, core ca nun sente.
Lontano dagli occhi, lontano dal cuore.
Uocchie chine e mane vacante.
Si dice di chi vede tante cose belle ma non puo' averle.
Uocchie e maluocchie e furticielle all'uocchie: schiatta la 'mmidia e crepano 'e maluocchie.
Filastrocca contro l'invidia ed il malocchio.
Uocchie 'e pesce, addo' guarda cresce.
Gli occhi di pesce portano bene (o è la solita ... oscenità).
Uommene 'e vino diece 'no carlino; femmene 'e vino ciento 'nu carlino.
Che beva un uomo, poco male, ma che beva una donna è una cosa vergognosa.
Uosso tuosto a scurteca'.
Si dice di un duro, un tipo che non si conunuove facilmente, che non molla.
Uovo 'e n' ora, pane 'e nu juorno, vino 'e n' anno e guagliona 'e quinnece anne.
Le uova devono essere il più fresche possibile, di un'ora, il pane casareccio era migliore il giorno dopo, il vino raggiunge il suo maggior bouquet dopo un anno e la donna a quindici anni.
'U palazzo è auto e 'a signora è sorda.
Si dice quando una donna fa finta di non sentire e si dà arie.
Uppelo e surece 'mmocca.
Taci ... Non far capire niente.
'U rialo 'e Berta 'a nepota: arapette 'a cascia e le dette 'na noce.
Si dice per un regalo di minimo valore, fatto attendere e spasimare come se si fosse trattato di chissà che cosa meravigliosa.
'U tano, 'u tano, 'u rutto porta 'u ssano - dicette 'a vorpe 'nfaccia a 'u lupo.
La furbizia vince la forza (si racconta che la volpe con le sue arti riuscl ad ingannare ed a sfruttare persino il lupo, che per di più era ferito, facendosi portare da lui a cavalcioni).

 

V
Va 'a funtana, ca 'a sete è grossa.
Si dice a persona avida o esosa, insaziabile.
Va appriesso 'a cosa meglio e maje a chella nova.
Ricerca le cose migliori, non le novità.
Va a scava' tartufole 'ncampagna!
Cerca taratufole in giardino (invece di cercarle a mare.
Va' cchiù 'nu buono nomme ca 'na massaria.
Una buona nominata è una ricchezza.
Va' chiano, ca nisciuno te secuta!
Non cortere, che nessuno ti insegue (fai con calma, non c'è fretta).
Va' chiano, ca vaco 'e pressa - dicette Munzignore a 'o cucchiere.
Chi va piano va sano e va lontano.
Va' chiano, mierulo, ca 'a via è petrosa.
La prudenza ed il saper vivere non sono mai sufficienti.
Vaco 'e pressa ... tengo che ffa, ricette 'a maruzza.
Si dice per prendere in gi'ro una persona inefficiente che si da arie di essere molto indaffarata.
Vaco facenne pile pile... 'a fessa d'a matra badessa.
Cosa, ovviainente ... non possibile.
Vaco facenno 'na messa pezzuta.
Vado in giro a chiedere soldi o favori.
Vaco p'aiuto e trovo sgarrupo.
Cerco aiuto e trovo invece difficoltà.
Vaco pe' ... culo e trovo 'nu cazzo.
Vado per trovare una cosa ... e invece chi mi trovo?
Vaco pe' grazia e trovo justizia.
In te pensavo di trovare comprensione e perdono ed ho trovato invece severità e punizioni.
Vaco pe' me fa 'a croce e me ceco l' uocchie.
Anche quando voglio fare una cosa buona combino un guaio.
Va' da 'o patuto e no' da 'a miedeco.
Vai dal malato e non dal medico confinai con chi ha sofferto, in lui potrai trovare comprensione e pietà.
Và ffà 'nculo... 'a mammeta e int' 'a fessa 'e soreta.
Sono ... finezze partenopee che probabilmente esistono anche in aitri dialetti.
Vaiassa, cotena grasse.
Le donne di bassa condizione sociale sono ben pasciute.
Vaie arreto arreto comm' 'o funaro.
Invece di progredire, vai indietro.
Vaie cercanne 'e farfalle sutt'allarco.
Vai perdendo tempo.
Vaie cercanno èvere pe' ciente cavalle.
Si dice di chi accampa pretese non giustificate.
Vaie mettenno campanelle 'ncanna 'a gatta.
Attiri l'attenzione di tutti su qualcosa che era meglio tenessi per te.
Vaie pe' mare, varchetta.
Vai, vai, perditeinpo.
Vaie truvanne guaie cu 'a lanternella.
Vai proprio in cerca d'i guai, te li procuri.
Vaie truvanno miezjuorno a vintiquattore.
Cerchi l'impossibile, non vuoi proprio rassegnarti.
Vale cchiù 'na bella fessa, ca ... ciente cuoppe 'allesse.
E' indubbio che attira molto di più il grembo di una bella fanciulla che cento coppetti di castagne lesse (Io si diceva a chi faceva paragoni inutili).
Vale cchiù 'na bona parola a tiempe debbete ca ciente ducate.
Talvolta una buona parola detta a tempo debito vale più di cento ducati.
Vale cchiù 'na faccia tosta ca 'nu palazzo.
L'impudenza, la sfacciataggine possono rendere più di un palazzo.
Vale cchiù uno a ffa', ca ciente a' cummannà.
Produce di più una persona sola che lavora anziché cento che comandano.
Vale 'na vranca 'e lupine.
Si dice di una cosa di scarsissimo valore commerciale.
Vale tanto 'n' acqua 'e maggio e d' abbrile quanto vale 'nu carro d'oro e chi 'o tira.
La pioggia nel mese di maggio è benefica per la terra.
Vale tant' oro quanto pesa.
Si dice di persona di cui ci si puo' fidare ciecamente, persona di tutto rispetto, di grandi capacità, intelligenza e preparazione.
Va' mena prete a li guaguine!
Se non hai niente di meglio da fate vai a giocare con i gabbiani, non stare a dar fastidio a noi!)
Vanno truvanno a Cristo 'a 'int' 'e lupine.
Vogliono cose impossibili (seccano con cavilli assurdi).
Vantate sacco si nun te scoso.
Si dice di persona vanagloriosa, boriosa, che si vanta senza fondamenta (potrai vantarti finché non ti sgonfio'.
Va' 'o piglia 'Agnane!
Vai a quel paese ...
Va pe' pile e pe' penne.
Si dice di persona molto accorta per i suoi interessi, che non trascura neanche la minima parte di ci'o che gli spetta e pretende, anzi, il rendiconto delle minime cose.
Varca storta viaggia deritto.
Non si pu'o mai dire nella vita: talvolta proprio quei giovani che sembravano promettere male o quei matrimoni che all'inizio sembravano mal riusciti si avvianno bene.
Va tanto 'na 'ntruppecata ca 'na caruta.
Un urtone pu'o e'ssere dannoso quanto una caduta.
Va te spile 'e rrecchie a san Pascale!
Se non ci senti bene vedi che devi fare! (si dice a persona che finge di non sentire).
Vattènne 'mbrellino 'e seta!
Vuoi far la raffinata proprio con me?! Vai, vai.
Vatté' nun me fa' schiatta' 'a vozzola.
Piantala, non farini arrabbiare, mi fai scoppiar dalla rabbia, dal grande urlare.
Vatte 'o fierro quann' 'è cauro!
Batti il ferro quando è caldo (profitta di una promessa prima che venga dimenticata, non perder tempo a far valere i tuoi diritti).
Vedè 'a mala parata.
Vedersela brutta - Conviene filarsela.
Vede' 'a morte cu' l' uocchie.
Crede di essere in punto di morte (pensare di non riuscire a scampare un pericolo).
Vede' e nun tuccà: chesta è cosa da crepa'!
Vedere e non poter toccare le cose che piacciono è davvero un grosso sacrifie.
Vederse pigliate d''e turche
Non sapere che fare - vedersi perduto.
Vene, appizza 'o culo e se ne va 'o munnezzaro.
Lo spazzino viene, fa finta di pulire (si curva un po') e se ne va.
Vene maggio cu' belle entrata: l'uorgio è sicco, 'o grano 'ncerato Maigio coinincia bene.
L'orzo è secco ed il grano ben duro (le cose si avviano bene, abbiaino buone speranze).
Vene una e pava tutto!
Pagherai una volta per tutte!
Vene vierne p' 'e male vestute.
Arriva il freddo per chi non ha di che coprirsi!
Vengo d''o muorto e tu dice ch 'è vivo.
Come fai a dire questo se io sono sicuro del contrario ?
Vennere 'a gatta 'int' 'o sacco.
Vendere una cosa senza che il compratore possa controllarne lo stato.
Ventre chino canta e nun cammisa janca.
Le spese per il sostentamento sono più necessarie di quelle per l'eleganza.
Vettoria sènza sango, nore de capitano.
Vincere senza spargimento di sangue è un onore per il comandante (cercare di averla vinta senza danneggiare gli altri).
Viaggia' comm' 'a 'nu bauglio.
Viaggiare senza divertirsi, senza interessarsi, senza prender parte a nulla, come un peso morto.
Viata chella casa addo' 'nce trase 'na chiereca rasa
Beata quella casa dove entra un sacerdote (la religione è necessaria: oncora più fortunati se il sacerdote è persona di famiglia).
Viato chi se 'nzora e piglia sogra.
Beato chi si sposa ed acquista una suocera.
Vi' che cape 'e casecavalle... té, té.
Guarda un po' che cretino! che ha combinato.
Vi' che cape 'e cazzo m'aggia suppurta'!
Vedi che individuo inutile mi devo sorbire.
Vi' che culo a mandulino ...
Come è bello l'ovale ... rotondo del sedere di una fanciulla.
Vi' che se passa pe tre calle 'e spasse.
Guarda un po' che mi tocca fare per divertirmi un poco!
Vicie', tiene cchiù corna ca nu cato 'e maruzze.
Un cesto pieno di lumache è gremito di piccole corna: il paragone è formidabile.
Vicine 'a chiesia, luntane 'a Dio.
Talvolta chi frequenta molto la chiesa ha sentimenti poco cristiani (puà anche essere interpretato: se si sanno troppe cose sul conto dei preti ci si allontana dalla religione).
Vicino mio, specchiale mio.
I vicini erano anticamente un po' la pietra di paragone a cui si cercava di adeguarsi.
Videla 'mmirala e nun 'a tucca'!
Guardala, ammirala, ma ricordati che questa non si tocca! (ammonimento più o meno scherzoso che puo riguardare una bella donna).
Videte 'o ttuio e nun vede' chello 'e l'autre.
Pensa a cio' che fai e fingi di non vedere ci'o' che fanno gli altri (non esser sernpre pronto a criticare).
Viecchie alliffate: femmene, scappate.
Quando si vedono quei vecchi tutti cleganti e rifiniti vuol dire che hanno ancora delle velleità (son pericolosi! Attenzione, donne!).
Viecchio è chi primme more.
E' vecchio chi muore prima: spesso le persone anziane sopravvivono, mentre i giovani muoiono.
Viestele comme vo', ca sempe fuieno.
Se non c'è la spinta interiore, se una persona non vale di per sé non sarà certo una sfolgorante divisa a trasformarla.
Vieste liccone ca pare barone.
Vestilo bene e sembrerà un signore anche lui.
Vino e maccarune songo 'a cura p' 'e purmune.
Il cibo sano e nutriente è la miglior cura per gli ammalati di polmoni.
Vino 'ncopp' 'a menesta' 'o miedeco d' 'a fenesta.
Quando si beve un buon bicchiere di vino dopo aver mangiato una nutriente minestra, non c'è bisogno del medico.
Vino viecchio e canteniere giuvane.
Il vino deve esser vecchio, il cantiniere deve esser giovane, per le fatiche e gli imprevisti che richiede il suo mestiere.
Vire 'e cammena' reritto' dicette 'o rancio 'a figlia.
Da quale pulpito viene la predica! (chi non ha mai rigato dritto in vita sua, çome potrà riuscire ad insegnarlo agli altri?).
Vittoria senza sango annore 'e capitano.
Una vittoria senza spargimento di sangue è veramente una grande vittoria e un gran merito per chi l'ha ottenuta (cosi' se si riesce ad ottener qualcosa senza nuocere a nessuno).
Vivere annascuso d 'o Pataterno.
E' cosa impossibile (si diceva di chi credeva di poter far qualcosa senza farsene accorgere).
Vivere annascuso d''o Pataterno.
Vivere nascosto dal padreterno - Riferito ai misantropi.
Vizio ' e natura ' nfino a morte dura.
E' difficile cambiare quando si è schiavi di un vizio.
Vo' assiccà ' o mare cu' ' a cucciulella.
Si dice quando si vuol fare una cosa impossibile o quando ci si accinge ad un'impresa con strumenti assolutamente inadeguati.
Voca fora ca è maretto.
Allontaniamoci che qui c'è aria di baruffa (non è il momento buono, squagliamocela).
Vocca chiusa e uocchio apierto nun facette maje nesciuno desierto.
Parlar chiaro ed osservare molto, ecco una saggia massima.
Voce 'e Dio risponne a tiempo.
La voce del Signore risponde in tempo: le grazie del Signore non si fanno attendere.
Voce 'e popolo voce 'e Dio.
Quando una cosa è in bocca a tutti, bisogna pensare che sia vera.
Vo' fa' 'arrusto cu' 'o spito 'e lignamme.
Voler fare una cosa senza gli strumenti adeguati.
Voglio sape' dall'A 'nfi' 'a lo Rummo.
Ora mi devi raccontare tutto, senza nasconderrni nulla.
Vo' ji' , mparaviso cu' 'e zuoccole e cu' 'a cammisa.
Non si puo ottener nulla senza sacrificio: non si puo ottener la ricchezza senz'a lavorar sodo (se si vuole vivere in un ambiente al disopra del proprio bisogna vestirsi come conviene).
Vo' 'o cocco munnato e bbuono.
Vuol essere servito fino in fondo (vuole una cosa senza dover fare il minino sforzo per procurarsela).
Vope, accattane assaje e magnane poche.
Le vope sono dei pesci di basso prezzo ma piuttosto indigesti: conviene quindi farne una buona provvista, in quanto si possono conservare sotto aceto.
Vota e gira 'o cetrulo e và 'nculo a 'o parulano.
Quando qualcosa va male finisce sempre col pagarne le spese chi ne ha meno colpa.
Vota e gira 'o cetrulo e va' 'nculo a 'o perzunale.
Quando qualcosa va male finisce sernpre col pagarne le spese chi ne ha meno colpa, chi l'ha curata rneglio degli altri (come il contadino che ha coltivato... il cetriolo).
Vota e gira, 'o munno è sempe 'o stesso.
Passano i secoli, ma il mondo è sernpre lo stesso.
Vota 'e pisce, ca s'abbruciano...
Fai attenzione a cio che stai facendo, non distrarti...
Vrenna ' e sciuscelle Crusca e carrube.
(maccheroni e carne, il cibo quotidiano, il necessario).
Vruoccule, figlie 'è foglie, 'a semmenta nun po' falli'.
Secondo il serne sarà il frutto: non puoi attenderti diversarnente.
Vuje case ne tenite ? La vostra visita ci ha fatto molto piacere, ma adesso, non vi pare che si sia fatto un po tardi?
Vularria tene' vint'anne...
Ah se avessi vent annl.
Vule' essere acciso 'ncredenza.
Si dice di chi va proprio cercando guai.
Vule' fà asci' 'o serpe 'a dint' 'a maneca 'e lI'ate.
Si dice quando qualcuno, non osando dire personalmente una cosa, cerca di farIa dire ad un altro, per non farsi nemici o per non crearsi grane.
Vulé fà' nu pireto chiù gruosso d' 'o culo.
Voler fare il passo più lungo della gamba.
Vulè girà 'a frittata.
Mischiare le carte.
Vule' paglia pe' ciento cavalle.
Chiedere un risarcimento esagerato, avere delle pretese assurde.
Vule' piscia' e ji' 'ncarrozza.
Non si puo comportarsi da villani se si vive fra le persone per bene (si riferisce ad un famoso aneddoto su Ferdinando di Borbone).
Vummeca' centrelle.
Proferire maledizioni, dir cattiverie (parlare con odio e malignità).
Vuo' bbene all'ommo tujo cu' 'i difiette suje.
Ama il tuo uomo accettandone i difetti.
Vuo' caccia' ' a castagna da' o ffuoco cu' , a granfa' e tl' autre.
Si dice quando qualcuno vuole che un altro faccia per lui un lavoro sgradevole, fastidioso, (o che possa fargli assumere dèlle responsabilità).
Vuo' campa' libbero e beato?
Meglio sulo ca male accumpagnato! Se vuoi vivere libero e beato è preferibile che tu viva da solo.
Vuo' campa' quanto tu vuo' ?
Fatte' a zuppa primma e po' ! Il latte fa bene, il latte conviene.
Vuo' canoscere l'ommo?
Guardalo 'a cera. Lo sguardo dell'uomo, la sua espressione spesso ci dicono molto.
Vuoje spellate maje tirano carre. Gli animali malnutriti e poco curati non rendono, cosi' gli uomini (chi non sta bene in salute non è in condizione di lavorare).
Vuta' 'a capa cumm' 'a 'n'ariatella.
Si dice quando si è pieno di pensieri, di preoccupazioni.
Vuta' fuoglio.
Cambiar discorso.
Vutta ' a pretella e annasconne 'a manella.
Lancia un'idea e poi fa finta di niente (dire una malignità sotto forma di cortesia).
Vutta' 'o carro a scurteca'.
Essere spericolati, usare le cose senza giudizio.
Vutta' 'o carro 'ncopp' 'a scesa.
Tentare il tutto per il tutto aiutare qualcuno.
Vuttarse a mmare cu tutt' 'e panne.
Commettere una grossa sciocchezza (rovinarsi finanziariamente).
Z


Va 'a funtana, ca 'a sete è grossa.

Si dice a persona avida o esosa, insaziabile

Va appriesso 'a cosa meglio e maje a chella nova

Ricerca le cose migliori, non le novità

Va a scava' tartufole 'ncampagna!

Cerca taratufole in giardino (invece di cercarle a mare

Va' cchiù 'nu buono nomme ca 'na massaria

Una buona nominata è una ricchezza

Va' chiano, ca nisciuno te secuta!

Non cortere, che nessuno ti insegue (fai con calma, non c'è fretta)

Va' chiano, ca vaco 'e pressa - dicette Munzignore a 'o cucchiere

Chi va piano va sano e va  lontano

Va' chiano, mierulo, ca 'a via è petrosa

La prudenza ed il saper vivere non sono mai sufficienti

Vaco 'e pressa ... tengo che ffa, ricette 'a maruzza.

Si dice per prendere in gi'ro una persona inefficiente. Che si dia arie di essere molto indaffarata

Vaco facenne pile pile... 'a fessa d'a matra badessa

Cosa, ovviainente ... non possibile

Vaco facenno 'na messa pezzuta

Vado in giro a chiedere soldi o favori

Vaco p'aiuto e trovo sgarrupo

Cerco aiuto e trovo invece difficoltà

 

 

Vaco pe' grazia e trovo justizia

In te pensavo di trovare comprensione e perdono ed ho trovato invece severità e punizioni

Vaco pe' me fa 'a croce e me ceco l' uocchie

Anche quando voglio fare una cosa buona combino un guaio

Va' da 'o patuto e no' da 'a miedeco

Vai dal malato e non dal medico confinai con chi ha sofferto, in lui potrai trovare
comprensione e pietà

Và ffà 'nculo... 'a mammeta e int' 'a fessa 'e soreta.

Sono ... finezze partenopee che probabilmente esistono anche in aitri dialetti

Vaiassa, cotena grasse

Le donne di bassa condizione sociale sono ben pasciute

Vaie arreto arreto comm' 'o funaro

Invece di progredire, vai indietro

Vaie cercanne 'e farfalle sutt'allarco

Vai perdendo tempo

Vaie cercanno èvere pe' ciente cavalle

Si dice di chi accampa pretese non giustificate

Vaie mettenno campanelle 'ncanna 'a gatta

Attiri l'attenzione di tutti su qualcosa che era meglio tenessi per te

Vaie pe' mare, varchetta

Vai, vai, perditeinpo 

Vaie truvanne guaie cu 'a lanternella

Vai proprio in cerca d'i guai, te li procuri

Vaie truvanno miezjuorno a vintiquattore

Cerchi l'impossibile, non vuoi proprio rassegnarti

Vale cchiù 'na bella fessa, ca ... ciente cuoppe 'allesse

E' indubbio che attira molto di più il grembo di una bella fanciulla che cento coppetti di castagne lesse (Io si diceva a chi faceva paragoni inutili)

Vale cchiù 'na bona parola a tiempe debbete ca ciente ducate

Talvolta una buona parola detta a tempo debito val più di cento ducati

Vale cchiù 'na faccia tosta ca 'nu palazzo

L'impudenza, la sfacciataggine possono rendere più di un palazzo

Vale cchiù uno a ffa', ca ciente a' cummannà.

Produce di più una persona sola che' lavora anziché cento che comandano

Vale 'na vranca 'e lupine.

Si dice di una cosa di scarsissimo valore commerciale

Vale tanto 'n' acqua 'e maggio e d' abbrile quanto vale 'nu carro d'oro e chi 'o tira.

La pioggia nel mese di maggio è benefica per la terra

Vale tant' oro quanto pesa.

Si dice di persona di cui ci si puo' fidare ciecamente, persona di tutto rispetto, di grandi capacità, intelligenza e preparazione

Va' mena prete a li guaguine!

Se non hai niente di meglio da fate vai a giocare con i gabbiani, non stare a dar fa- stidio a noi!)

Vanno truvanno a Cristo 'a 'int' 'e lupine.

Vogliono cose impossibili (seccano con cavilli assurdi)

Vantate sacco si nun te scoso

Si dice di persona vanagloriosa, boriosa, che si vanta senza fondamenta (potrai vantarti finché non ti sgonfio'.

Va' 'o piglia 'Agnane!

Vai a quel paese ...

Va pe' pile e pe' penne

Si dice di persona molto accorta per i suoi interessi, che non trascura neanche la minima parte di ci'o che gli spetta e pretende, anzi, il rendiconto delle minime cose

Varca storta viaggia deritto

Non si pu'o mai dire nella vita: talvolta proprio quei giovani che sembravano promettere male o quei matrimoni che all'inizio sembravano mal riusciti si avvianno bene

Va tanto 'na 'ntruppecata ca 'na caduta

Un urtone pu'o e'ssere dannoso quanto una caduta

Va te spile 'e rrecchie a san Pascale! 

Se non ci senti bene vedi che devi fare! (si dice a persona che finge di non sentire)

Vattènne 'mbrellino 'e seta!

Vuoi far la raffinata proprio con me?! Vai, vai

Vatté' nun me fa' schiatta' 'a vozzola

Piantala, non farini arrabbiare, mi fai scoppiar dalla rabbia, dal grande urlare

Vatte 'o fierro quann' 'è cauro!

Batti il ferro quando è caldo (profitta di una promessa prima che venga dimenticata, non perder tempo a far valere i tuoi diritti)

Vedè 'a mala parata 

Vedersela brutta - Conviene filarsela 

Vede' 'a morte cu' l' uocchie

Crede di essere in punto di morte (pensare di non riuscire a scampare un pericolo)

Vede' e nun tuccà: chesta è cosa da crepa'! 

Vedere e non poter toccare le cose che piacciono è davvero un grosso sacrifie

Vederse pigliate d''e turche

Non sapere che fare - vedersi perduto 

Vene, appizza 'o culo e se ne va 'o munnezzaro

Io spazzino viene, fa finta di pulire (si curva un po') e se ne va

Vene maggio cu' belle entrata: l'uorgio è sicco, 'o grano 'ncerato

Maigio coinincia bene. L'orzo è secco ed il grano ben duro (le cose si avviano bene, abbiaino buone speranze)

Vene una e pava tutto!

Pagherai una volta per tutte!

Vene vierne p' 'e male vestute

Arriva il freddo per chi non ha di che coprirsi!

Vengo d''o muorto e tu dice ch 'è vivo 

Come fai a dire questo se io sono sicuro del contrario ?

Vennere 'a gatta 'int' 'o sacco

Vendere una cosa senza che il compratore possa controllarne lo stato

Ventre chino canta e nun cammisa janca

Le spese per il sostentamento sono più necessarie di quelle per l'eleganza

Vettoria sènza sango, nore de capitano.

Vincere senza spargimento di sangue è un onore per il comandante (cercare di averla vinta senza danneggiare gli altri)

Viaggia' comm' 'a 'nu bauglio

Viaggiare senza divertirsi, senza interessarsi, senza prender parte a nulla, come un peso morto

Viata chella casa addo' 'nce trase 'na chiereca rasa

Beata quella casa dove entra un sacerdote (la religione è necessaria: oncora più fortunati se il sacerdote è persona di famiglia)

Viato chi se 'nzora e piglia sogra

Beato chi si sposa ed acquista una suocera

Vi' che cape 'e casecavalle... té, té

Guarda un po' che cretino! che ha combinato

Vi' che cape 'e cazzo m'aggia suppurta'!

Vedi che individuo inutile mi devo sorbire

Vi' che culo a mandulino

... come è bello l'ovale ... rotondo del sedere di una fanciulla

Vi' che se passa pe tre calle 'e spasse.

Guarda un po' che mi tocca fare per divertirmi un poco!

Vicie', tiene cchiù corna ca nu cato 'e maruzze

Un cesto pieno di lumache è gremito di piccole corna: il paragone è formidabile

Vicine 'a chiesia, luntane 'a Dio.

Talvolta chi frequenta molto la chiesa ha sentimenti poco cristiani (puà anche essere interpretato: se si sanno troppe cose sul conto dei preti ci si allontana dalla religione)

Vicino mio, specchiale mio

I vicini erano anticamente un po' la pietra di paragone a cui si cercava di adeguarsi

Videla 'mmirala e nun 'a tucca' ! 

Guardala, ammirala, ma ricordati che questa non si tocca! (ammonimento più o meno scherzoso che puo riguardare una bella donna)

Vide Napule e po' muore 

Vedi Napoli e poi muori

Videte 'o ttuio e nun vede' chello 'e l'autre.

Pensa a cio' che fai e fingi di non vedere ci'o' che fanno gli altri (non esser sernpre pronto a criticare)

Viecchie alliffate: femmene, scappate

Quando si vedono quei vecchi tutti cleganti e rifiniti vuol dire che hanno ancora delle velleità (son pericolosi! Attenzione, donne!)

Viecchio è chi primme more .

E' vecchio chi muore prima: spesso le persone anziane sopravvivono, mentre i giovani muoiono 

Viestele comme vo', ca sempe fuieno.

Se non c'è la spinta interiore, se una persona non vale di per sé non sarà certo una sfolgorante divisa a trasformarla

Vieste liccone ca pare barone

Vestilo bene e sembrerà un signore anche lui 

Vino e maccarune songo 'a cura p' 'e purmune. 

Il cibo sano e nutriente è la miglior cura per gli ammalati di polmoni 

Vino 'ncopp' 'a menesta' 'o miedeco d' 'a fenesta

Quando si beve un buon bicchiere di vino dopo aver mangiato una nutriente minestra, non c'è bisogno del medico 

Vino viecchio e canteniere giuvane

Il vino deve esser vecchio, il cantiniere deve esser giovane, per le fatiche e gli imprevisti che richiede il suo mestiere 

Vire 'e cammena' reritto' dicette 'o rancio 'a figlia.

Da quale pulpito viene la predica! (chi non ha mai rigato dritto in vita sua, çome potrà riuscire ad insegnarlo agli altri?)

Vittoria senza sango annore 'e capitano

Una vittoria senza spargimento di sangue è veramente una grande vittoria e un gran merito per chi l'ha ottenuta (cosi' se si riesce ad ottener qualcosa senza nuocere a nessuno)

Vivere annascuso d 'o Pataterno

E' cosa impossibile (si diceva di chi credeva di poter far qualcosa senza farsene accorgere)

Vivere annascuso d''o Pataterno 

Vivere nascosto dal padreterno - Riferito ai misantropi

Vizio ' e natura ' nfino a morte dura

E' difficile cambiare quando si è schiavi di un vizio 

Vo' assiccà ' o mare cu' ' a cucciulella

Si dice quando si vuol fare una cosa impossibile o quando ci si accinge ad un'impresa con strumenti assolutamente inadeguati 

Voca fora ca è maretto

Allontaniamoci che qui c'è aria di baruffa (non è il momento buono, squagliamocela)

Vocca chiusa e uocchio apierto nun facette maje nesciuno desierto

Parlar chiaro ed osservare molto, ecco una saggia massima

Voce 'e Dio risponne a tiempo.

La voce del Signore risponde in tempo: le grazie del Signore non si fanno attendere

Voce 'e popolo voce 'e Dio. 

Quando una cosa è in bocca a tutti, bisogna pensare che sia vera 

Vo' fa' 'arrusto cu' 'o spito 'e lignamme.

Voler fare una cosa senza gli strumenti adeguati 

Vo' fa' pappa, cacca e nanna.

Si dice di chi non ha yoglia di lavorare e vorrebbe star tutto il giorno beatamente in ozio come un neonato 

Voglio sape' dall'A 'nfi' 'a lo Rummo.

Ora mi devi raccontare tutto, senza nasconderrni nulla

Vo' ji' , mparaviso cu' 'e zuoccole e cu' 'a cammisa.

Non si puo ottener nulla senza sacrificio: non si puo ottener la ricchezza senz'a lavorar sodo (se si vuole vivere in un ambiente al disopra del proprio bisogna vestirsi come conviene) 

Vo' 'o cocco munnato e bbuono

Vuol essere servito fino in fondo (vuole una cosa senza dover fare il minino sforzo per procurarsela) 

Vope, accattane assaje e magnane poche.

Le vope sono dei pesci di basso prezzo ma piuttosto indigesti: conviene quindi farne una buona provvista, in quanto si possono conservare sotto aceto 

Vota e gira 'o cetrulo e và 'nculo a 'o parulano.

Quando qualcosa va male finisce sempre col pagarne le spese chi ne ha meno colpa

Vota e gira 'o cetrulo e va' 'nculo a 'o perzunale

Quando qualcosa va male finisce sernpre col pagarne le spese chi ne ha meno colpa, chi l'ha curata rneglio degli altri (come il contadino che ha coltivato... il cetriolo) 

Vota e gira, 'o munno è sempe 'o stesso. 

Passano i secoli, ma il mondo è sernpre lo stesso 

Vota 'e pisce, ca s'abbruciano... 

Fai attenzione a cio che stai facendo, non distrarti... 

Vrenna ' e sciuscelle 

Crusca e carrube (rnaccheroni e carne, il cibo quotidiano, il necessario) 

Vruoccule, figlie 'è foglie, 'a semmenta nun po' falli'.

Secondo il serne sarà il frutto: non puoi attenderti diversarnente

Vuje case ne tenite ?

La vostra visita ci ha fatto molto piacere, ma adesso, non vi pare che si sia fatto un po tardi?

Vule' essere acciso 'ncredenza

Si dice di chi va proprio cercando guai 

Vule' fà asci' 'o serpe 'a dint' 'a maneca 'e lI'ate

Si dice quando qualcuno, non osando dire personalmente una cosa, cerca di farIa dire ad un altro, per non farsi nemici o per non crearsi grane 

Vule' paglia pe' ciento cavalle

Chiedere un risarcimento esagerato, avere delle pretese assurde

Vule' piscia' e ji' 'ncarrozza.

Non si puo comportarsi da villani se si vive fra le persone per bene (si riferisce ad un famoso aneddoto su Ferdinando di Borbone) 

Vummeca' centrelle. 

Proferire maledizioni, dir cattiverie (parlare con odio e malignità) 

Vuo' caccia' ' a castagna da' o ffuoco cu' , a granfa' e tl' autre

Si dice quando qualcuno vuole che un altro faccia per lui un lavoro sgradevole, fastidioso, (o che possa fargli assumere dèlle responsabilità)

Vuo' campa' libbero e beato? Meglio sulo ca male accumpagnato! 

Se vuoi vivere libero e beato è preferibile che tu viva da solo

Vuo' canoscere l'ommo? Guardalo 'a cera. 

Lo sguardo dell'uomo, la sua espressione spesso ci dicono molto

Vuoje spellate maje tirano carre.

Gli animali malnutriti e poco curati non rendono, cosi' gli uomini (chi non sta bene in salute non è in condizione di lavorare) 

Vuta' 'a capa cumm' 'a 'n'ariatella

Si dice quando si è pieno di pensieri, di preoccupazioni 

Vutta ' a pretella e annasconne 'a manella. 

Lancia un'idea e poi fa finta di niente (dire una malignità sotto forma di cortesia) 

Vutta' 'o carro a scurteca'. 

Essere spericolati, usare le cose senza giudizio 

Vutta' 'o carro 'ncopp' 'a scesa.

Tentare il tutto per il tutto aiutare qualcuno 

Vuttarse a mmare cu tutt' 'e panne. 

Commettere una grossa sciocchezza (rovinarsi finanziariamente)

 

Fonte: http://s06fa7f6c612655d0.jimcontent.com/download/version/1443465748/module/3395776451/name/Proverbi%20Napoletani.doc

Sito web da visitare: http://s06fa7f6c612655d0.jimcontent.com

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Proverbi napoletani

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Proverbi napoletani

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Proverbi napoletani