Bipolarismo

Bipolarismo

 

 

Bipolarismo

BIPOLARISMO E DECOLONIZZAZIONE:
IL NUOVO ORDINE MONDIALE

La costruzione di un nuovo ordine internazionale, sanciva l’esaurirsi del primato europeo e l’emergere delle due “superpotenze” vincitrici, gli Stati Uniti e l’Urss. Tale equilibrio fu chiamato bipolare perché entrambi i suoi protagonisti tesero a trasformare i sistemi di alleanze di cui erano il centro in blocchi economico-politici contrapposti. Lungo l’asse Nord/Sud, vi è un’altra conseguenza della guerra: la decolonizzazione, cioè la liberazione del dominio coloniale di una vastissima area del mondo.
Già prima della fine della guerra, con la conferenza di Yalta in Crimea, si erano accordati circa la spartizione dell’Europa post-bellica, con i sovietici giunti a controllare l’intera Europa orientale e gli alleati quella occidentale. Ma finita la guerra, le divergenze di interessi politico-economici e l’opposizione ideologica fra le potenze vincitrici si manifestarono sino a dare luogo a una contrapposizione che fu chiamata guerra fredda, perché non sfociò mai in scontri diretti, ma fu combattuta con le armi di propaganda o indirettamente in conflitti locali che coinvolgevano aree periferiche del pianeta.
In questo modo, era difficile raggiungere gli obbiettivi posti dalla carta di San Francisco, che dava vita all’Organizzazione delle nazioni unite, in cui si voleva preservare le generazioni future dalla guerra, affermare e difendere ovunque i diritti dell’uomo, favorire il progresso economico e sociale dei popoli.
La Germania, terreno principale di scontro, rimase divisa in due parti, la Repubblica federale tedesca, inserita nel blocco occidentale, e la Repubblica tedesca in quello sovietico. Dal punto di vista militare, i due blocchi si strutturarono in alleanze contrapposte: quello occidentale nella Nato, forza militare integrata sotto il comando americano che univa i paesi occidentali, e quello orientale nel patto di Varsavia, che comprendeva i paesi dell’Europa orientale.
Il predominio degli USA fu affermato con strumenti prevalentemente economici e politici, il senatore McCarthy iniziò un’opera di sistematica denuncia di “spie comuniste”, che si sarebbero infiltrate nella pubblica amministrazione e fu scatenata una “caccia alle streghe” che sconvolse per quattro anni la vita statunitense. Nel periodo del maccartismo si colloca la morte dei coniugi Julies e Rosenberg, ritenuti colpevoli.
Il blocco orientale fu costruito attraverso la sovietizzazione dei paesi che erano stati liberati dall’Armata rossa e che la conferenza di Yalta aveva assegnato all’Urss. A capo di tutti quasti paesi si erano creati regimi a partito unico satelliti dell’Urss, cioè subordinati alle direttivi politiche e agli interessi economici dell’Urss. Fa eccezione, la Jugoslavia, dove il passaggio al regime comunista avvenne in seguito alla liberazione del paese attuata dai partigiani di Tito.Stalin intanto, impose la sua assoluta volontà all’interno del paese. Ogni possibilità di dissenso venne esclusa, anche nei paesi satelliti, nuovi processi furono fatti contro oppositori veri o presunti, concludendosi con condanne alla pena capitale o con deportazioni nei Gulag
La carta politica si trasformò per l’entrata di molti nuovi stati nazionali, con un processo molto rapido.
Gli imperi coloniali  francese e britannico subirono dure sconfitte. Le stesse motivazioni ideali per le quali si era condotta la lotta contro il nazifascismo, la libertà, la democrazia, il,diritto dei popoli all’autodeterminazione vennero invocate dai movimenti nazionalistici per rivendicare l’indipendenza.
Dopo la guerra Usa e Urss assunsero un atteggiamento favorevole allo smantellamento degli imperi coloniali. Gli Stati Uniti vi vedevano una costruzione di un ordine mondiale più moderno, l’Unione Sovietica contava di esercitare la propria influenza nei paesi liberatisi dal dominio coloniale o in lotta per l’indipendenza. La competizione bipolare condizionò il processo di decolonizzazione  perchè entrambe le superpotenze videro nel mondo ex coloniale un terreno di contesa strategica.. L’atteggiamento delle potenze coloniali oscillò fra il tentativo di opporsi con la forza alle rivendicazioni indipendentistiche e il progetto di guidare le colonie all’indipendenza, continuando a mantenere su di esse un predominio di carattere economico attraverso il controllo delle classi dirigenti dei nuovi stati. La Gran Bretagna seguì la seconda via, mentre la Francia e il Portogallo tentarono, senza successo, la prima.
Alcuni paesi intrapresero la guerra di liberazione come presupposto per l’instaurazione di una nuova società di tipo socialista ( Algeria, Angola, Mozambico, Vietnam) altri, come l’India, conseguirono all’indipendenza senza rivoluzionare  gli equilibri sociali e politici al proprio interno.

 

Fonte: http://www.mlbianchi.altervista.org/bipolarismo__lonizzazione.doc

Sito web da visitare: http://www.mlbianchi.altervista.org/

Autore del testo: Visconti F.

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Bipolarismo

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Bipolarismo

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Bipolarismo