Cretesi e Micenei

Cretesi e Micenei

 

 

Cretesi e Micenei

Civiltà cretese e micenea
(ultimi secoli dell'età del bronzo)

  • età di sviluppo culturale, tecnologico ed economico
    • AGRICOLTURA, SCRITTURA, CITTÀ, ORGANIZZAZIONE STATALE
    • USO DEL CAVALLO, NAVIGAZIONE

Civiltà cretese – tre fasi

 

2300 – 1700 a. C.
catastrofe (invasione o terremoto)

1a fase: palaziale – cretese (“minoica” da Minosse); Cnosso, Festo, Mallia

2000

Geroglifico cretese

1750

Scrittura lineare A (geroglifico semplificato)

1700 - 1400

2a fase: neopalaziale

1300

Scrittura lineare B (sillabica)

1400 - 1200

3a fase: micenea

1200

Crollo della civiltà per l'invasione dei Dori o dei “popoli del mare”

  • Talassocrazia (supremazia marittima): dominio nei traffici per mare (poi i Fenici)
    • empori in tutto il Mediterraneo > elevato benessere
    • popolo di mercanti e marinai, intermediario tra Egitto e coste siriane
    • sviluppo demografico-economico (dovuto al surplus alimentare (olio e vino)
    • artigianato (metalli preziosi – oro, rame, avorio)
  • città prive di mura perché non temevano minacce dall'esterno
    • miscuglio di genti (i Greci li definivano Pelasgici o Cari)
  • I FASE: 2300 – 1700 PALAZIALE
    • Divisione del lavoro
    • schiavitù
    • ceramica: vasi, decorazioni geometriche (naturalismo: fiori, conchiglie)
      • stile kamares (dal nome di una grotta sul lato su del monte Ida): stile di decorazione dei vasi
    • metallurgia
    • tecniche di lavorazione delle pietre preziose
    • fine provocata assai probabilmente da un terribile terremoto
  • II FASE 1700 – 1400 NEOPALAZIALE
    • ricostruzione dei palazzi senza fortificazioni: Festo, Cnosso, adornati di propilei)
    • sacrifici umani (per scongiurare l'ira degli dei)
    • scrittura lineare A
    • manifestazioni sportive in occasione di festività religiose (con i tori > mitologia greca)
    • fine provocata da un cataclisma naturale (maremoto, mito di Atlantide)
  • III FASE 1400 – 1200 MICENEA
    • conquista di Creta da parte dei Micenei, provenienti dalla Grecia
    • Scrittura lineare B
    • fine causata da una ribellione o da una guerra (con i micenei del continente) o da una catastrofe
  • Quindi successione di due civiltà: I minoica (pre-greca cretese), II greco-micenea.
  • RELIGIONE
    • feticismo (veniva riconosciuta una presenza divina negli oggetti; sono stati rinvenuti oggetti votivi): alberi, rocce, grotte, manufatti (ascia bipenne, simbolo del potere regio), animali (toro > Minotauro)
      • il divino non era cercato in un tempio ma nella natura
    • miti:
      • della nascita di Zeus in una grotta (Rea, Krònos; Amaltea, monte Agaion o Ditte o Ida) / Coribanti o Cureti / ribellione di Zeus / restituzione degli altri figli: Poseidone (mare), Ades (oltretomba), Zeus (cielo)
      • Minosse e Pasifae > Minotauro > Dedalo e Icaro > Labirinto > Teseo e Arianna (due versioni: suicidio o matrimonio con Dioniso nell'isola di Nasso, dove era stata abbandonata da Teseo)> subordinazione dell'Attica ai cretesi
      • Europa e Zeus > allusione ai rapporti commerciali tra popolazioni asiatiche ed europee
      • Talo (gigante che scagliava massi contro gli stranieri che si avvicinavano all'isola)
      • Vecchio di Creta (testa d'oro, petto d'argento, ventre di rame, gambe di ferro tranne che il piede destra, di terracotta; dal suo corpo sgorgano lacrime che formano le acque  infernali: Acheronte, Stige, Flegetonte, Cocito) (Vedi Dante, Inf. XIV)
    • antropomorfismo (entità divine con forma umana; predominano le figure femminili, simbolo della natura e della fertilità):
      • Dea Madre: dell'amore e della fertilità, signora della vita animale e vegetale – culto antichissimo, comune alle popolazioni di questa età, definita dagli studiosi potnia, “dea veneranda”: Astarte + Adone (Fenici), Cibele + Attis (Asia), Afrodite + Vulcano (Greci) [dea + parèdros, “colui che siede accanto” = figura maschile subordinata > società matriarcale]
      • culti all'aperto
  • ORGANIZZAZIONE POLITICA E SOCIALE
    • I Micenei (Achei per i Greci) si stanziarono nel continente greco all'inizio del II millennio (palazzi di Micene, Pilo, Tirinto)
    • società “feudale”: wanax (sovrano), Lawagèta (capo del,'aristocrazia), Làwos (aristocrazia), composta da heketài (comandanti delle milizie - su carri da guerra - delle coste / orkhài / ), tèreta (sacerdoti); dàmoi (comunità di villaggio poste attorno al palazzo): dàmos (popolo), gerousìa (assemblea degli anziani per le decisioni di interesse pubblico), composta dai basilèis (capi dei gruppi gentilizi); contadini, artigiani (vasai, tessitori, carpentieri navali)
    • assenza della proprietà privata e della schiavitù, ma non della servitù (obbligo di prestare servizi e pagare tributi della massa della popolazione): ogni bene era dello Stato e solo il Wànax, il Lawagètas e sacerdoti potevano possedere appezzamenti di terra (tèmenos)
    • l'amministrazione era nelle mani degli scribi / tavolette d'argilla /: registrazione dei tributi, dei servizi prestati, delle operazioni finanziarie, degli spostamenti delle truppe, delle assegnazioni di terre
  • Archeologi:
    • Heinrich Schliemann > 1876 scavi: rocca di Micene / Tesoro di Atreo / maschera di Agamennone
    • Artur Evans > tre scritture a Creta: geroglifico cretese (2000 – 1650), Lineare A (contorni, 1750), Lineare B (1400-1300)

I MICENEI
Dopo realizzarono delle città fortificate; dal 1400 ca. si espansero conquistando Creta, creando vie commerciali colonie in Asia Minore / guerra di Troia, conquistata intorno al 1250 da una confederazione di principi achei sotto il comando di Agamennone / e stabilendo rapporti commerciali con gli Hittiti.
La civiltà crolla definitivamente nel 1200 a. C. a causa o dei Dori (Spartani) o dei “popoli del mare” o da mutamenti climatici che provocarono carestie e conseguenti rivolte delle popolazini sottomesse.
Tra il 1200 – 800 nel territorio dei Micenei si stabilì una nuova popolazione che fondò le pòleis (città-stato), nelle quali si formarono le basi della civiltà greca e della democrazia.

     Propileo: porticato antistante le porte di un tempio, di un palazzo, di una città

Monte Maiella in Abruzzo

 

Fonte: http://digilander.libero.it/vortenzi/Lezioni/civiltacretesemicenea.doc

Sito web da visitare: http://digilander.libero.it/vortenzi/

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Il testo è di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente i loro testi per finalità illustrative e didattiche. Se siete gli autori del testo e siete interessati a richiedere la rimozione del testo o l'inserimento di altre informazioni inviateci un e-mail dopo le opportune verifiche soddisferemo la vostra richiesta nel più breve tempo possibile.

 

Cretesi e Micenei

 

 

I riassunti , gli appunti i testi contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente con finalità illustrative didattiche, scientifiche, a carattere sociale, civile e culturale a tutti i possibili interessati secondo il concetto del fair use e con l' obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e dell' art. 70 della legge 633/1941 sul diritto d'autore

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Cretesi e Micenei

 

"Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!" Isaac Newton. Essendo impossibile tenere a mente l'enorme quantità di informazioni, l'importante è sapere dove ritrovare l'informazione quando questa serve. U. Eco

www.riassuntini.com dove ritrovare l'informazione quando questa serve

 

Argomenti

Termini d' uso, cookies e privacy

Contatti

Cerca nel sito

 

 

Cretesi e Micenei